Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Volete entrare nelle segrete di Skogen? E io vi faccio entrare nelle segrete di Skogen. »
- Zodd -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
132299 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 26/06/2019, 06:49)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 12 di 19
1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6 · 7 · 8 · 9 · 10 · 11 · 12 · 13 · 14 · 15 · 16 · 17 · 18 · 19
13 maggio 517
Domenica 15 Aprile 2007

Il settimo giorno

Ho dei ricordi piuttosto vaghi e confusi della notte tra il 12 e il 13 maggio: il sonno che mi tormentava da quasi una settimana tornò con violenza ad aggredire le mie membra, costringendomi ad ammettere di essere inadatta a sostenere un turno di guardia. Passai la prima parte della notte a pregare Pyros, ringraziandolo per aver protetto la nostra spedizione e non aver permesso che il crudele presagio formulato dall'individuo noto come Fante di Quadri si avverasse. Nelle mie preghiere però non consideravo che quella notte faceva ancora parte dei sette giorni vaticinati a seguito della mia aggressione: gli eventi che sarebbero occorsi nelle ore successive mi avrebbero costretto a scontrarmi duramente con tale imprecisa approssimazione.

Non ricordo esattamente quando la vidi. Era lì, in piedi a qualche decina di metri di distanza che mi osservava pregare, in silenzio. A prima vista sottostimai la sua altezza, che mi fece pensare inizialmente che potesse trattarsi di una bambina: solo in seguito mi resi conto che era alta più o meno quanto me, e che doveva avere almeno 20 o 25 anni.

Non appena si accorse che l'avevo notata cominciò ad avvicinarsi, lentamente. Rischiarata dalla luce del campo le sorrisi, sorpresa e un pò preoccupata di una simile apparizione nel bel mezzo della notte: cosa ci faceva una bambina, o una ragazza della mia età, nel bel mezzo delle colline da sola? Ma il mio sorriso si tramutò in sgomento quando vidi meglio ciò che stava avanzando, quando riconobbi un viso che avevo incontrato una volta, in passato: un volto che avevo dimenticato, e che i recenti avvenimenti avevano cominciato lentamente a ricondurre alla mia memoria, e che ora completava quell'assurdo e inspiegabile quadro fatto di tante, troppe coincidenze per essere opera di un pennello mosso dal caso.

Kira Klay: questo era il nome con cui ci era stata presentata, circa quattro anni fa. Occhi verdi, capelli neri e lisci come l'ebano. Muta, con lo sguardo spento. Il nostro precettore ci disse che era l'unica superstite di una carovana partita da Sarthe e diretta a Focault, senza fornirci ulteriori dettagli. Il suo nome era stato recuperato da alcuni documenti trovati sul corpo della zia che la accompagnava, scritto sui fogli con cui avrebbe dovuto presentarla all'Abate pregandolo di accettarla come iniziata. Nessuno sapeva se fosse muta dalla nascita o se fosse stato a causa di quanto aveva visto durante l'attacco subito dalla carovana: in assenza dell'abate, che in quei giorni si trovava a Chalard, il priore decise che la sventurata sarebbe stata accolta tra le mura del monastero. Ricordo la pena che provai nei confronti di quella ragazza sfortunata, e la preghiera che noi tutte recitammo quel giorno affinché Pyros potesse offuscare l'esperienza di morte che aveva avuto e alleviare le sofferenze che albergavano nel suo cuore: il giorno che precedette i fatti dell'"uomo di Focault", che provocarono la scomparsa di quella ragazza: una scomparsa che cessò presto di essere tale: un giorno di settembre il decano affidato alla nostra ala ci disse che la luce di Pyros aveva dissolto le tenebre che offuscavano il mistero di quella notte, e da quel momento nessuno ne parlò più. Pochi giorni dopo Valerie venne perdonata per le sue azioni e inviata presso la caserma di Rigel. Da quel giorno io e Rosalie le scrivemmo due lettere, che non ebbero però alcuna risposta.

"Kira?" mormorai, incredula. Ero ancora convinta che fosse muta, mi aspettavo un cenno del capo come risposta: grande fu la mia sorpresa quando la sentii articolare parola.

"Stai dormendo", mi disse piano. La sua voce era strana, sembrava spettrale. "Ti regalerò un sogno che non dimenticherai".

Cosi' dicendo alzò le mani: non verso il cielo, ma tenendole ai lati della sua testa, con il dorso rivolto verso di me. Con orrore vidi che le sue nocche cominciarono a deformarsi e poi a sanguinare, mentre rigide protuberanze cominciavano a farsi largo tra le ossa, tra le carni. Rossi filamenti acuminati si fecero lentamente strada verso l'alto lungo il dorso delle sue mani, provocando un suono simile a quello di ossa frantumate e disegnando rivoli di sangue che percorsero rapidamente gli avambracci per poi perdersi nello spazio vuoto che li separava dal terreno.

Di fronte a me si ergeva qualcosa che per anni mi ero preparata ad affrontare, qualcosa di tremendamente simile a quello che Abel aveva affrontato nel Miestwode con coraggio, al prezzo della vita. Un emissario delle divinità oscure, del Caos Primitivo, del sangue, della sofferenza e del dolore. Ma in questo momento non c'era Abel: c'ero io. Le gambe mi tremavano: dovevo fare qualcosa, ma cosa? Pensare, dovevo pensare. Cosa avrebbe fatto Abel? Di certo lo avrebbe affrontato, con la sua alabarda. Sguainai la spada, puntandogliela contro. "Fermati e arrenditi, in nome di Pyros" gli dissi. Pronunciare quella frase mi diede coraggio. Anche io ero un emissario, non meno di lei.

Un istante dopo aver pronunciato quelle parole capii quanto Malaki avesse ragione. Ero morta. Non vidi neppure gli artigli arrivare, nè la mia spada nè il mio corpo riuscirono a muoversi, colti di sorpresa dalla velocità innaturale di quell'attacco portato ai miei danni. In un attimo era di fronte a me, la mano sulla mia fronte, a spingerla indietro esponendo il collo indifeso alla voracità di quegli artigli. Sentii il freddo che mi penetrava, poi il peso del mio corpo che mi trascinava giù. Ero morta, ma i miei occhi vedevano ancora. La vidi avvicinarsi verso il campo, oltrepassando silenziosamente i primi sacchi a pelo. La vidi avvicinarsi a uno di loro in particolare. No, pensai. Vi prego, Dei, no. No, no, no, no, NOOOOOOOOOOO!

Un grido d'allarme mi svegliò di soprassalto. Balzai in piedi, guardandomi intorno. Eravamo stati attaccati: uno degli uomini di Malaki, Elan di Passorosso, era a terra in un lago di sangue, immobile: l'altro soldato che montava di guardia con lui, il cui nome credo fosse Rob, giaceva anch'esso in terra, muovendosi a fatica: intorno a lui vi erano i cadaveri di due lupi. Al centro del campo si trovava, in piedi, il terzo membro di quel gruppo: Daimar, uno dei paladini che avevano ricevuto l'incarico di accompagnarci. Il suo scudo, illuminato dalla luce della luna, recava impressa una profonda artigliata che solcava, senza cancellarlo, il simbolo della Dea. Al suo fianco si trovava sir Thomas, anche lui con la spada in pugno. Non indossava l'armatura, la sua spalla sinistra sanguinava. La luce di Kayah illuminava la zona, consentendo a tutti quelli che si stavano svegliando di rendersi rapidamente conto della situazione.

Nel giro di pochi minuti fummo in grado di ricostruire gli eventi: il campo era stato attaccato da un branco di lupi: un comportamento ben strano da parte di animali solitamente non aggressivi, specialmente contro un accampamento così numeroso e protetto da due fuochi. In ogni caso, gli animali avevano impegnato duramente Rob e Daimar, mentre Elan era corso a dare l'allarme. Pochi istanti prima che potesse farlo, però, un essere incredibilmente rapido lo aveva colto di sorpresa, colpendolo duramente al collo. Daimar, accortosi del pericolo, era corso verso il centro del campo, seguendo i velocissimi movimenti di quell'essere: lo aveva raggiunto all'altezza del sacco a pelo di sir Thomas, non prima che questi potesse sferrare un colpo su di esso. Immediatamente dopo lo aveva ingaggiato, riuscendo a bloccare con lo scudo una delle sue artigliate. A quel punto, stando alle parole di Daimar, Kayah era intervenuta in suo aiuto: l'essere, illuminato dalla luna, aveva incominciato a muoversi più lentamente, consentendo al paladino di resistere mentre chiamava aiuto e a sir Thomas di raccogliere la spada e di unirsi allo scontro, chiamando anche lui a raccolta i suoi uomini. Immediatamente dopo quegli eventi, un attimo prima che il resto del campo si svegliasse, la creatura era scomparsa senza lasciare traccia. Nel frattempo Rob, rimasto da solo contro i lupi, era riuscito ad avere la meglio su due di loro, riportando però diverse ferite di artigli e morsi, fortunatamente più dolorose che gravi.

Per Elan di Passorosso non c'era più nulla da fare: una profonda artigliata gli aveva squarciato il lato sinistro del collo, trapassandolo quasi da parte a parte. Nessuno dei soldati fu in grado di spiegarsi quell'assurda ferita, neppure Malaki: da parte mia, non avevo dubbi in proposito. Gli altri paladini rimasero in silenzio, assorti e preoccupati.

La ferita di sir Thomas era piuttosto grave: quasi identica a quella che aveva ucciso Elan, era però penetrata nella spalla, pochi centimetri sotto al punto mortale. Malaki si apprestò a medicarla, chiedendo l'aiuto mio e quello di Jen. L'esperienza pratica di Malaki si rivelò più utile delle conoscenze frutto dei miei studi: di fatto, mi limitai a lavare le bende e a preparare le erbe di cui aveva bisogno.

Sir Thomas era cosciente, ma l'emorragia subita lo rendeva incapace di liberarsi di Malaki, cosa che probabilmente avrebbe voluto. "Dobbiamo prenderla", disse. "E' a piedi, non andrà lontano".

"L'unica cosa che prenderemo sarà la direzione per casa", rispose Malaki. "o il vostro braccio sarà da buttare nel giro di qualche ora. Non ho mai visto un'artigliata così profonda, solo gli Dei sanno che razza di infezioni può portare".

Non appena i feriti furono stabilizzati, Malaki mi disse che avremmo fatto meglio ad abbandonare le colline: tanto Rob quanto sir Thomas avevano bisogno di cure migliori, e una ricerca notturna avrebbe costretto a ulteriori divisioni. Quell'attacco era una prova a vantaggio delle dichiarazioni del prigioniero di Valamer, e il mio compito era di mettere a parte mio padre della faccenda senza correre ulteriori rischi. Ogni ipotesi di dividerci in due o più gruppi andava scartata: per quanto ne sapevamo poteva trattarsi di una trappola, e se dodici persone erano più che sufficienti a garantire la sicurezza dei feriti, la metà o un terzo di loro sarebbe potuta facilmente cadere vittima di un'imboscata. Le sue ragioni erano valide, quindi acconsentii: forte del mio assenso, Malaki mise tutti a parte della decisione: con sir Thomas in quelle condizioni era lui il soldato più alto in grado, e tutti si prepararono a rimettersi in marcia dopo aver recitato una preghiera per Elan, il cui sacrificio aveva protetto tutti noi: la sua salma sarebbe tornata con noi a Beid, dove avrebbe trovato degna sepoltura.

Quando arrivammo a Beid il sole era già alto. Malaki mi consigliò di recarmi immediatamente da mio padre: Jen e gli uomini di sir Thomas avrebbero condotto il capitano e Rob alla chiesa di Reyks, mentre lui avrebbe pensato a occuparsi di Elan e di avvisare la sua famiglia.

Fu in quelle condizioni che tornai a palazzo: gli eventi di quell'ennesima notte insonne mi avevano turbata al punto di farmi quasi dimenticare che quello era il giorno della vigilia. Persone allegre e indaffarate di muovevano veloci intorno a me, in un'atmosfera di festa e di preparativi che sembrava innaturale. Yera, una delle ancelle, mi vide e mi fermò poco dopo l'ingresso.

"Lady Solice", disse sorpresa. "Ma dove eravate? Vi ho cercata per tutta la giornata di ieri! Dovete assolutamente venire con me, dobbiamo provare il vestito! Inoltre... quei capelli, sono un vero disastro! Non potete certo presentarvi in queste condizioni al torneo!".

Il torneo... L'avevo dimenticato. Mio padre aveva organizzato una giostra per gli invitati al ricevimento: nell'ottica del ducato non era certo un evento della massima importanza, ma erano anni che Beid non ne organizzava una: una tradizione che mio padre aveva deciso di ripristinare, a partire dal matrimonio di Ryan.

"Sarò da te tra poco, Yera", le dissi. "Prima devo parlare con mio padre...".

"Oh, lord Kenson non è qui", mi interruppe Yera. "E in ogni caso, non accetto un no come risposta: dovreste guardarvi, siete... siete impresentabile! Dobbiamo lavare quei capelli e poi dovrete farvi una bella dormita. Vi porterò il pranzo io stessa quando vi sarete svegliata! Sarà qualcosa di leggero comunque... visto il banchetto di questa sera! Coraggio, cos'e' quella faccia? Dovete farvi bella! Non vorrete che vostro fratello e sir Thomas vi vedano cosi'!"

Alzai le spalle. Avrei evitato di dirle che sir Thomas non avrebbe certo preso parte al torneo: la voce si sarebbe sparsa comunque, ma Yera sarebbe riuscita a farla arrivare fin quasi a Delos nel giro di poche ore e non ero sicura che fosse la cosa migliore. La guardai: era evidente, non vedeva l'ora di andare al torneo e di godersi i festeggiamenti. Quella che per mio padre era una importante e delicata questione diplomatica, da quasi chiunque altro veniva percepita come una imperdibile occasione per divertirsi, conoscere gente e dimenticare le proprie preoccupazioni tra balli, banchetti e risate.

"D'accordo", dissi sforzandomi di sorridere. "Andiamo a farci belle per la festa".

Per prima cosa, mi fece provare il vestito. Quando lo vidi restai a bocca aperta. "E'... e' bellissimo", dissi.

"Vi piace? E' un regalo di vostro fratello. Lo ha voluto rosso a tutti i costi, in modo che potesse intonarsi ai vostri capelli ricordando i colori di Pyros".

Annuii: era indubbiamente un vestito splendido. Passai quasi un'ora a provarlo e riprovarlo, mentre Yera zompettava intorno a me, annotando gli aggiustamenti necessari come una sarta provetta.

"Vi sta a pennello", disse soddisfatta. "Dobbiamo soltanto accorciarlo un pò".

Dopo il vestito fu la volta dei capelli. Yera aveva in mente qualcosa di molto diverso dalla mia treccia abituale. "Non capisco perché vi costringiate i capelli in questo modo", disse mentre mi pettinava. "State meglio quando li portate sciolti".

"Non sono molto pratici quando si viaggia", dissi. In effetti, avevo incominciato a intrecciarli da quando avevo lasciato il monastero. Ogni tanto li avevo sciolti, ma prima o poi poi finivo sempre con l'intrecciarli di nuovo.

A quel punto, Yera mi chiese dei miei viaggi. Fu molto sorpresa - e incuriosita - quando le dissi che avevo viaggiato con un gruppo di gente cosi' numeroso. Mi tempestò di domande su Abel e sugli altri compagni, il che mi mise a disagio in parte perché potevo raccontarle ben poco, in parte perché cominciavano a mancarmi. Mi chiese chi di loro fosse il più alto, chi il piu' bello, quale mi piacesse di piu' e altre domande che mi aspettavo.

"Ecco fatto", disse quando ebbe finito con la spazzola. "Li ho allisciati per bene: quando vi sveglierete li pettineremo. Ora fatevi una bella dormita, o non sarò in grado di distogliere l'attenzione dalle quelle occhiaie! Penserò io a portarvi il pranzo". Il suo tono non ammetteva rifiuti. In ogni caso, mio padre non sarebbe tornato dalla caccia: lo avrei incontrato direttamente al torneo. Chiusi gli occhi, buttandomi sul letto: prima di addormentarmi, lo sguardo mi cadde sul comodino che avevo visto bruciare in sogno qualche giorno prima. La carta raffigurante il fante di quadri era ancora lì. "Ti prego, Pyros", mormorai. "concedimi la grazia di un sonno senza sogni".

Le mie preghiere furono ascoltate. Quando mi svegliai ero sufficientemente riposata: il mio letto ondeggiava, come una barca mossa dalle onde del mare.

"Presto!", disse Yera, continuando a scuotermi. "Siamo in ritardo!"

I minuti seguenti furono piuttosto frenetici: Yera mi aiutò a truccarmi, pettinarmi e vestirmi, e io feci lo stesso con lei: anche il suo abito era bellissimo. "Anche questo è opera di suo fratello", mi disse. Ryan aveva fatto davvero di tutto per rendere speciali questi giorni, pensai. Immersa nei pensieri e nelle vicende degli ultimi giorni avevo trascurato fin troppo questo evento: mi ripromisi che avrei fatto tutto il possibile per evitare di portare via da lui l'attenzione che meritava. Era il suo matrimonio, e avevo il dovere di onorarlo con tutta me stessa.

Al termine dei preparativi ci recammo di corsa davanti allo specchio grande: una volta li' ci specchiammo una dopo l'altra, simulando un inchino. I vestiti erano davvero meravigliosi: in quel momento, per un attimo la mia mente si svuotò di tutti i pensieri e il cuore mi si riempì di speranza. Sir Thomas era salvo, il prigioniero di Valamer aveva detto la verità: forse Pyros avrebbe ascoltato le mie preghiere, e Rosalie sarebbe tornata a casa sana e salva. Mio fratello stava per sposarsi... Dovevo essere felice, per lui e per mio padre.

Vedendomi esitare di fronte allo specchio, Yera mi afferrò per un braccio: "coraggio, non vi imbambolate: dobbiamo andare!" esclamò, spingendomi frettolosamente fuori e poi trascinandomi di corsa giù per le scale: prima di raggiungere la carrozza fummo salutate dalle guardie di palazzo, che Yera omaggiò con ampi e calorosi sorrisi stringendosi a me. Poi salimmo in carrozza, dove ci aspettavano i nostri accompagnatori. Salutai nuovamente Yurae e Varal, che avevo lasciato soltanto poche ore prima in compagnia di Jen e Malaki dopo il nostro ritorno a Beid.

Varal cominciò a parlare con Yera, più che felice di conversare con il giovane soldato. "Sir Thomas le manda i suoi saluti", si limitò a dire Yurae, approfittando della sua distrazione. "Ci vorrà del tempo, ma pare che il braccio se la caverà". Annuii, sollevata. La carrozza prese rapidamente velocità, muovendo alla volta del largo pianale dove mio padre aveva fatto allestire lo spazio della giostra.


scritto da Solice , 06:07 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
12 maggio 517
Mercoledì 11 Aprile 2007

Verso il matrimonio

Sir Thomas e i suoi uomini vennero ritrovati la mattina del 12 maggio da uno degli altri gruppi di ricerca. Malaki, Jen ed io fummo messi a parte della lieta novella soltanto quella sera, impegnati come eravamo a seguire le tracce che avevamo trovato nei pressi degli alberi segnati; le impronte tracciavano una pista che riuscimmo a percorrere per molte ore e, prima di perdersi inghiottite dal sottobosco, lasciavano pochi dubbi su quale potesse essere la loro destinazione: quando ci fermammo, incerti sul da farsi, potevamo intravedere la solida e massiccia figura del castello di Adare ergersi maestosa al di sopra delle cime degli alberi.

Soltanto per la seconda volta nella mia vita il mio sguardo si posava sulla più antica fortificazione di Keib: il castello nero, una delle prime roccaforti umane presenti nel ducato. Più volte distrutto e ricostruito nel corso dei secoli buii, era alfine entrato in possesso di una importante famiglia deliota, i Keiros, oltre due secoli fa: gli ultimi proprietari si erano occupati dell'ultima ristrutturazione, rimpiazzando l'antica pietra nanica con quella più scura proveniente dalle cave della zona orientale di Keib e innalzando tanto le torri quanto il maschio centrale. Una serie di scelte che avevano ottenuto l'effetto di rendere quella fortificazione imponente e temibile, trasformando le preziose miniere di argento che circondavano quella zona in un tetro cimitero per i numerosissimi soldati di Beid che morirono ai piedi di quel gigante spietato.

Il castello di Adare mantenne la sua inviolabilità per oltre 200 anni: la sua leggendaria capacità di respingere ogni tipo di attacco fu decisiva durante la guerra del 496-497, dove i migliori reparti dell'esercito del padre di mio padre vennero annientati ai suoi piedi. Mi guardai intorno; molti di questi alberi avevano il fusto grande a sufficienza per aver visto il vano tentativo di ritirata da parte dei pochi superstiti di quello scontro: a nessuno di loro fu concesso di tornare indietro.
Il mio sguardo si posò su Malaki e Jen: gli occhi di entrambi erano fissi su quelle mura nere. Con tutta probabilità erano assorti nei miei stessi pensieri.

"Raccontami la loro storia" chiesi, dopo qualche minuto di silenzio.

Malaki prese la parola. "La maggior parte di loro morì nei pressi delle mura: quegli spalti consentono di scagliare frecce a una grande distanza e l'altezza consente all'arciere di mantenere la traiettoria tesa, capace di perforare qualsiasi armatura. E se il colpo non uccideva subito, non di rado il veleno finiva il lavoro per lui". Malgrado facesse di tutto per trattenersi, potevo sentire l'amarezza e la rabbia presente nelle sue parole. Non aveva preso parte a quella battaglia, ma molte persone a lui vicine avevano perso la vita in quel modo: amici, parenti, compagni d'armi.

Dopo un momento di silenzio, si sforzò di proseguire. "Il dio dei miasmi aveva fatto la sua comparsa qualche mese prima, in occasione del loro primo attacco. Il morso di qualsiasi freccia era mortale, a meno che non venisse trattato nel giro di poche ore: purtroppo non eravamo equipaggiati per una simile evenienza, e subimmo grandi perdite nel corso dei primi scontri. L'avanzata delle truppe di Keib portarono la guerra oltre le colline, a ovest: la loro ondata si infranse contro il castello di Valamer, da dove partì la nostra controffensiva. E fu a quel punto che i nostri nemici decisero di ripiegare: i soldati di Beid vinsero un paio di battaglie marginali sulle colline e quegli effimeri successi li condussero fino a qui, dove incontrarono una morte crudele e spietata, che ci costò la guerra e la perdita di tutti i territori a ovest di Valamer".

"... E la vita di mio nonno", aggiunsi: Malaki si limitò ad annuire. Non avevo mai conosciuto il padre di mio padre, quasi quattro anni mi separavano dalla sua morte. Una morte che era avvenuta a poche centinaia di metri da dove mi trovavo, ai piedi di quella creatura nera la cui gigantesca carcassa giaceva ferita a morte di fronte a me.

"Dove sono sepolti?" chiesi ancora, riprendendo fiato.

"I pochi che ebbero la fortuna di morire tra questi alberi restarono qui: molti di loro vennero recuperati e fu loro data una sepoltura dignitosa nei pressi di Valamer. Purtroppo", aggiunse, "tuo nonno non ebbe questa sorte: perse la vita insieme alla maggior parte dei suoi uomini, nei pressi delle mura".

"E... cosa ne fu, di loro?"

Malaki scosse la testa. "La maggior parte dei corpi venne trasportata verso le cave d'argento. Quella zona è piena di scavi interrotti e spaccature naturali, la maggior parte di loro venne gettata lì".

"E' orribile", pensai.

Malaki annuì. "Per anni Adare fu considerato un posto maledetto dai nostri soldati: un luogo mortalmente pericoloso, infestato dagli spiriti e dalle anime insepolte dei tanti morti di quel giorno. Questa fama portò all'isolamento dei Keiros, la famiglia che viveva al suo interno e che sembra avesse diffuso tra l'esercito di Keib le pratiche sacre al dio dei miasmi..."

"E soltanto nove anni dopo", lo interruppe Jen, "fu causa della loro disfatta". Proseguì nel racconto, raccontando altri eventi di cui ero a conoscenza: il castello di Adare era caduto nel 506 dopo un lungo assedio portato dagli uomini di mio padre: la perdita di quel baluardo costò a Keib la perdita dei territori acquisiti nove anni prima e il lato orientale delle colline Khadan, che comprendeva le cave d'argento. "In tal modo", concluse fieramente, "i morti del 497 tornarono finalmente a riposare in terra di Beid, e fu possibile dar loro degna sepoltura".

Abbandonammo quella zona qualche ora dopo, non senza aver celebrato una funzione in memoria delle innumerevoli vite che si erano spente nel corso degli anni passati. D'altronde, era improbabile che Sir Thomas avesse continuato in quella direzione: gli uomini di guardia al castello di Adare risposero a Malaki di non aver visto nulla di insolito, e di certo non avrebbero potuto non notare tre uomini a cavallo, specie considerando che non avevano alcun motivo per nascondere la loro presenza o le loro insegne. Tanto Malaki quanto Jen storsero il naso quando mi sentirono includere i caduti di Keib nella preghiera: il nostro giudizio nei loro confronti aveva il dovere di arrestarsi al momento della loro morte, e da quel punto in avanti diventava prerogativa degli Dei e loro soltanto.

La sera del 12 ci ritrovammo con gli altri gruppi al centro delle colline, presso il punto d'incontro precedentemente designato. Fu lì che, con mia grande sorpresa, incontrai lo sguardo di sir Thomas.

"Non dovevate correre questo rischio", mi disse scendendo dal suo cavallo e avvicinandosi a me. "Se porto questa spada è anche per far sì che non dobbiate mai salire su queste colline".

"Sono felice di vedere che state bene", risposi. "Avevamo modo di credere che poteste essere in pericolo".

Scosse la testa. "A dire il vero, le nostre spade sono sempre rimaste nel fodero. La nostra non era che una missione di ricognizione per conto di vostro padre: e a questo proposito", aggiunse accennando un inchino, "vi chiedo di consentire a me e ai miei uomini di proseguire con l'incarico che ci è stato assegnato. Abbiamo perso le prime ore dell'alba, ma se gli Dei ci doneranno un'altra giornata di sole potremmo essere di ritorno l'indomani sera, in tempo per il ricevimento di dopodomani".

Il suo sguardo si rabbuiò quando mi vide scuotere la testa. "Non posso farlo", dissi. "Vi chiedo il favore di tornare a palazzo".

"Temo di essere costretto a smentirvi", rispose dopo una breve pausa: "ma mi trovo obbligato a ricordarvi che l'incarico che ho ricevuto proviene direttamente da vostro padre, ed è a lui che rispondo... non a voi".

Non mi lasciai scoraggiare: avevo ascoltato la conversazione tra mio padre e sir Thomas, e sapevo di non infrangere alcun ordine specifico di mio padre. Al contrario, le notizie che erano giunte in mio possesso, se vere, rischiavano di mettere a repentaglio la vita di un soldato che per mio padre sarebbe stato impossibile rimpiazzare. "Ho ricevuto alcune informazioni in base alle quali siete a rischio di un attentato alla vostra vita", risposi restando calma. "Qualcuno che conosce il vostro valore come soldato potrebbe aver deciso di volervi morto, e sappiamo che i nostri nemici non esitano a chiedere ogni sorta di aiuto per raggiungere i loro scopi. Per questo motivo, vi chiedo di essere prudente al punto da tornare a palazzo con tutti noi".

"Non è una decisione che posso prendere", rispose sir Thomas. "Il mio compito non prevede la possibilità di essere scontato nè dalla prudenza nè dalle vostre richieste. Non appena sarò di ritorno prenderò in massima considerazione queste informazioni, ma ora sono costretto a chiedervi il permesso di lasciar proseguire me e i miei uomini". Il suo tono era rispettoso quanto deciso: non lo avrei convinto, non con questo tipo di argomentazioni. Tirai fuori l'incartamento consegnatomi da mio padre il marchese: prima di porgerlo a sir Thomas volsi lo sguardo in direzione di Malaki, che sorrise sotto i baffi, scuotendo la testa.

"Questo", disse il capitano, mentre lo leggeva, "dice che siete incaricata di svolgere le mie mansioni fino al mio ritorno. Il marchese vi ha dato l'autorità di occuparvi del palazzo", aggiunse poi, consegnandomi indietro il foglio, "non di ordinarmi di rientrare".

"E' vero: non posso ordinarvi di rientrare, ma posso svolgere le vostre stesse mansioni. Se davvero volete continuare la perlustrazione, verrò con voi".

"Non credo proprio", esclamò lui. "Non posso certo permetterlo, specialmente dopo quanto mi avete detto: con tutto il rispetto voi non siete un soldato, e queste colline sono pericolose".

"Sono un soldato esattamente quanto voi", risposi prontamente. "E queste colline rischiano di essere più pericolose per voi che per me: non ho l'autorità per ordinarvi di rientrare, ma tanto mio padre quanto la mia chiesa mi danno quella necessaria per impedirvi di affrontare un simile pericolo da solo".

La discussione durò un pò di tempo: il vantaggio di conoscere i dettagli del suo incarico mi consentiva di spingermi al di là di quanto normalmente avrei potuto fare, ed alla fine le mie argomentazioni riuscirono a spuntarla sulla risoluzione di sir Thomas. Il punto più difficile fu sostenere il suo sguardo quando rivelai la fonte delle informazioni che avevo ricevuto: potevo percepire la sua fatica nel mantenere un tono calmo e composto, non appena seppe di essere stato scavalcato.

"E sia", disse alla fine, "torneremo a Beid insieme e ascolteremo le dichiarazioni di questo individuo. Voglio sperare che non abbia abusato del vostro buon cuore, individui del genere non aspettano altro che trovare un animo gentile su cui far leva". Annuii in silenzio, senza dire nulla: piu' tardi mi sarei trovata a riflettere sui molti significati di quella frase.

E fu così che, in quindici persone, decidemmo di accamparci per la notte. La mattina seguente avremmo mosso tutti insieme in direzione di Beid, raggiungendo il palazzo in tempo per i preparativi dell'imminente matrimonio.

Nessuno di noi era preparato al tragico e inspiegabile evento che sarebbe accaduto di li' a poco.

(continua)

scritto da Solice , 04:23 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
12 maggio 517
Giovedì 5 Aprile 2007

Il sesto giorno

La conversazione con Jen era piuttosto stimolante e, a differenza dell'ultima volta, ero io quella con più viaggi sulle spalle e un numero maggiore di cose da raccontare. Certo, se al posto mio ci fosse stata Jen con gli amici di Caen, le cose sarebbero andate molto diversamente: il malvagio Hakon, il razziatore che non si fece scrupolo di depredare un santuario di Pyros, avrebbe avuto una spada in più rivolta verso di sè e la sua armata di vigliacchi. E qualcosa sarebbe cambiato anche nelle profondità del Miestwode: forse lei sarebbe stata capace di difendere Abel... Tuttavia, non era andata così: la sorte aveva deciso di mettere me a ricoprire quel ruolo, ed ogni singola volta le mie ginocchia si erano piegate, incapaci di sorreggermi quel tanto che bastava per adempiere ai miei doveri e difenderli con la spada.

Jen ascoltava i miei racconti in silenzio, mentre cavalcava. A differenza di Malaki, il suo atteggiamento nei miei confronti era spigliato e decisamente diretto.

"Devi ringraziare di essere ancora viva: i Nordri sono guerrieri formidabili, non c'è niente di cui vergognarsi a perdere uno scontro con loro. E poi il loro capo è morto, no?"

Era vero. Hakon il malvagio era morto, il suo corpo orribilmente macerato dall'operato di forze arcane provenienti dalla voce e dai gesti dello stregone che nostro malgrado ci aveva seguito. Stando al racconto di Eric egli aveva pronunciato parole arcane, aggravando a dismisura le già compromesse condizioni di salute del barbaro e provocandone la morte in preda a spasmi di dolore.

Lothar: lo stesso individuo che, pochi giorni prima, aveva salvato dalle fiamme gli occupanti di una casa che non ero riuscita a mettere in salvo. Colui che di lì a poco sarebbe diventato il maestro di Guelfo, colpito dall'efficacia del suo tremendo potere in misura di certo maggiore che non dai miei patetici tentativi di difendere quel sacro suolo. Fino a quel momento, malgrado fossi cosciente dei miei limiti con la spada, ero convinta di poter dare se non altro un segnale, un esempio della forza degli ideali professati dalla mia fede: ma era davvero cosi'?

Non raccontai a Jen i dettagli di quello scontro, così come le tenni nascosto il mio giuramento e l'impegno di servire gli obiettivi della Rosa. Ma non riuscii a tenerle nascosti i dubbi che mi attanagliavano da quando Malaki aveva appoggiato la punta della sua spada sul mio cuore, provocando in me una ferita non meno grave di quanto avrebbe prodotto un affondo portato a piena forza.

"Andiamo, cos'è quella faccia? Sei ancora giovane, hai tutta la vita davanti!", si limitò a dirmi inizialmente, mentre addentava una mela durante una delle nostre pause. Ero talmente immersa nei miei pensieri che mi dimenticai di risponderle... grosso errore. Un torsolo di mela mi colpì sul capo, producendo un rumore simile a una bottiglia di vetro sigillata quando la si apre per la prima volta.

STOC!

La guardai perplessa, non sapendo cosa fare. Perche' lo aveva fatto?

"Visto? Suona a vuoto! Quindi è inutile che fai finta di pensare", disse alzandosi e venendo verso di me, "tanto non ci crede nessuno. La verità è soltanto una, e la sai benissimo. Non sei tagliata per questa vita: vivere all'aperto, cibarsi di bacche, cacciare, pescare, arrangiarsi, tirare di spada contro qualcosa di diverso da un manichino o un istruttore che ti faccia vincere apposta... Questa è la verità. Questo è il mio mondo, ma non il tuo: per te il posto è soltanto uno, l'altare, e dovresti ringraziare il cielo di poter scegliere se stare in piedi dietro di esso o davanti e in ginocchio".

Continuai a guardarla, senza dire una parola: le sue parole facevano male.

"Tra l'altro", continuò portandosi un dito alla fronte, "io fossi in te non ci starei troppo a pensare: tuo padre guarda lontano e non si accorge tu hai già scelto qualcuno di molto, molto vicino. Non è forse cosi'?" disse sorridendo.

Scossi la testa, senza ricambiare il sorriso. "No", risposi costernata, "non è così. E mi ferisce davvero che tu possa crederlo. Credevo che mi volessi bene, che potessi comprendere ciò che sto passando e rispettare le scelte che ho fatto". Possibile che parlasse sul serio? D'un tratto non la riconoscevo più. Guardai Malaki, intento a lavare le scodelle su cui avevamo appena pranzato. Anche lui non batteva ciglio, malgrado avesse quasi certamente sentito tutto.

"Non mi sembra che tu faccia nulla per difenderle o sostenerle: nulla di pratico, almeno. La spada si studia, si impugna, si vive. Tu forse la impugni? No, apri la bocca e parli. La sfoderi forse ogni giorno per allenarti? No, apri i libri e leggi. Tu sei fatta per impugnare la penna, non la spada: è così che hai impostato la tua vita, e anche se sei ancora in tempo per cambiare ti consiglio di chiederti se è quello che realmente vuoi". E cosi' dicendo mi tirò un altro torsolo.

STOC!

"Tu potresti allenarmi", le chiesi dopo un attimo di esitazione. "Potresti..."

"O magari", mi interruppe subito, "posso convincerti a indossare la tunica invece dell'armatura. Potresti servire gli dei senza sanguinare, senza provare vergogna per te e per loro ogni volta che rovini a terra".

Scossi la testa, energicamente: era un discorso che mi era stato ripetuto almeno altre due volte, da entrambi i padri a cui gli Dei mi avevano affidato: tanto il mio genitore quanto padre Jacques a Foucault avevano espresso la loro perplessità di fronte alla scelta che intendevo compiere, ed entrambi avevano finito con l'accettare la mia decisione a intraprendere la strada che maggiormente sentivo. E, malgrado la sensazione di impotenza degli ultimi giorni, quella scelta continuava ad ardere al centro del mio cuore, alimentata da una fiamma tanto ardente e vigorosa da non poter essere spenta da nessuna lacrima.

Prima di rispondere, mi alzai in piedi. "Il mio posto è qui, con voi: con l'armatura, con la spada. Posso scegliere di non sfoderare quest'ultima, e di combattere con altri mezzi, ma non possiedo la facoltà di stabilire la direzione che la mia fede deve intraprendere a seconda delle mie emozioni".

Jen mi guardò per alcuni istanti. Poi sorrise, annuendo con il capo. Guardandola, mi resi conto dello sforzo che dovevano esserle costate le precedenti parole: a suo modo aveva cercato di aiutarmi, come Malaki. Erano molto diversi tra loro, ma l'affetto che provavano nei miei confronti era lo stesso. La ringraziai con lo sguardo, in silenzio: "vorrei davvero che fosse così semplice come lo è per te, Jen", pensai mentre la guardavo.

In seguito non parlammo più di questa cosa. Restammo sulle colline Khadan per quasi 2 giorni, senza trovare alcuna traccia di sir Thomas e dei suoi uomini. Le visioni smisero temporaneamente di tormentarmi, senza però che il mio sonno si decidesse a stabilizzarsi: giorno dopo giorno continuavo ad accumulare stanchezza, e sebbene mi sforzassi di tenerlo nascosto ai miei compagni di viaggio mi era diventato pressoché impossibile compiere qualsiasi azione diversa dallo stare a cavallo e dal mangiare. Al termine del secondo giorno, poco prima dell'imbrunire, Jen si fermò ad osservare la corteccia di un albero con fare preoccupato.

"Guarda qui", disse rivolta al fratello, che si affrettò a confermare la sua impressione. Per quello che potevo vedere, la corteccia non aveva che alcune venature, più che normali su un albero di quell'età e di simili dimensioni.

"Cosa succede?" chiesi, vedendoli preoccupati.

"Cugini", rispose Jen. "Il loro linguaggio degli alberiè cambiato e non sono capace di leggerlo, ma di certo sono stati qui da poco: questi segni sono ancora freschi".

Il linguaggio degli alberi: ero al corrente di questa particolarità dei soldati di Keib, addestrati a marcare il territorio ostile con segni in grado di poter essere riconosciuti dai loro compagni d'armi: successivamente alla guerra del 506, l'alto numero di prigionieri catturati sul campo di battaglia aveva dato alla marca di Beid il vantaggio di poter apprendere tale strumento nel corso degli anni, costringendoli a modificarlo progressivamente.

"Perché utilizzare il linguaggio degli alberi se l'obiettivo è sir Thomas?" chiesi. "Significa forse che sono organizzati in più squadre, come noi?"

"Ne dubito", rispose Malaki. "Una singola pattuglia ha discrete possibilità di eludere le torri di avvistamento, se è poco numerosa e si muove con circospezione: ma molte pattuglie rischiano di commettere molti errori, e uno solo di essi potrebbe mettere a repentaglio la sopravvivenza di tutte".

"E allora, perché..."

"Ci sono varie possibilità", intervenne Jen. "La prima è che abbiano un esploratore davanti a loro, con il compito di segnalare la posizione delle delle nostre vedette al drappello che lo segue a ragionevole distanza".

"E la seconda?" Chiesi: il suo tono di voce era strano, potevo leggere la preoccupazione di entrambi.

Malaki impiegò alcuni minuti per scrutare il terreno che circondava quell'albero: dopo qualche passo si fermò, indicando con la punta dello stivale quella che poteva essere la traccia di un uomo solo.

"La seconda", disse poi, gravemente, "è che non segnalino affatto le sentinelle o le vedette di Beid".

Alzò la testa, incontrando il mio sguardo che lo fissava con aria interrogativa.

"Keib", disse poi, indicando verso est. "Chiunque abbia lasciato quei segni, lo ha fatto per qualcuno diretto in quella direzione".

"Questo potrebbe significare che sir Thomas sta bene!", intervenne Jen, con aria sollevata. "Magari è semplicemente un segnale rivolto ad altre vedette più avanzate".

"O magari", continuò Malaki, "rivolto a qualcuno che abbia motivo di temere le vedette di Keib. Magari su queste colline c'è davvero qualcuno intenzionato a togliere di mezzo sir Thomas", aggiunse poi, tenendo lo sguardo fisso, "ma comincio a pensare che potrebbe avere ben poco a che spartire con i nostri cugini".


scritto da Solice , 03:08 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
11 maggio 517
Martedì 3 Aprile 2007

Il quinto giorno

Il sole era ormai prossimo al tramonto quando Jen decise di fermare il cavallo, indicandoci un avvallamento distante un centinaio di metri dal sentiero che stavamo percorrendo. Non sembrava comodo, ma se non altro avrebbe fornito un riparo abbastanza sicuro.

"C'è anche un torrente da quelle parti" esclamò con un sorriso, notando la mia espressione perplessa. "E' l'ideale, ha tutte le comodità". Così dicendo scese dalla sua cavalcatura con l'intenzione di piantare le tende finché c'era luce. Prima che io e suo fratello potessimo seguirla era già a una ventina di metri.

"Avanti, pelandroni!" disse voltandosi a guardarci.

"Non provocarmi, rospetta" le rispose Malaki, "quando deciderò di muovermi alla svelta non ci capirai niente. E cerca non allontanarti da noi in questo modo, ricorda quello che stiamo facendo".

Jen alzò le spalle, guardandosi intorno: "conosco questo sentiero come le mie tasche: vengo spesso da queste parti quando ho voglia di stare un pò da sola o per allenarmi con la spada o a cavallo, e posso assicurarvi che non ho mai incontrato anima viva".

Probabilmente aveva ragione: la zona ovest delle colline Khadan era saldamente sotto il controllo dei soldati di Beid da diversi anni: inoltre, le torri d'avvistamento costruite dagli uomini di mio padre fornivano una visibilità sufficiente a rendere poco prudente un'avanzata ostile. Eppure, stando a quanto dichiarato dall'uomo-dal-nome-impronunciabile, Rosalie si trovava in un luogo ancora più vicino alla mia città natale: una caverna in cui lui stesso era stato imprigionato, senza peraltro conoscerne l'ubicazione. Lo avevano bendato, cosi' aveva detto.

...

"Come osi pronunciare simili menzogne davanti a un paladino di Pyros? Sir Thomas sarebbe pronto a dare la vita per la sua città e per mio padre!" La voce uscì dalla gola rapida come il vento prima che potessi spogliarla dell'ira che, vincendo per un istante il mio controllo, era riuscita a spillare il suo veleno nelle mie vene.

"A giudicare da questa reazione", commentò l'individuo dietro le sbarre, "qualsiasi monito sarebbe inutile. Non temete milady, non ho intenzione di infrangere un'altra volta il mio giuramento al vostro cospetto: il vostro cavaliere possiede verso la vostra terra una fede forte almeno quanto quella che voi stessa riponete in lui. Ed è proprio per questo, e per le sue abilità di comandante e di uomo d'armi, che hanno deciso di farlo a pezzi. E credetemi se vi dico", aggiunse poi scostandosi i capelli dal collo, "che non è uno scontro che si possa vincere con le armi che quelli come lui e come me siamo soliti impugnare".

Feci per parlare, ma la bocca rifiutò di muoversi, restando semiaperta di fronte alla ferita che l'individuo di fronte a me aveva deciso di mostrarmi attraverso le sbarre. Arretrai, terrorizzata: sebbene non l'avessi mai vista prima, ricordavo fin troppo bene le parole di chi aveva provato a descrivermela; artigli profondi come quelli impressi in quella ferita avevano già incominciato a scavare nel mio passato.

L'uomo di Focault. Il misterioso individuo che tutti avevano sentito e che nessuno aveva visto, che secondo il racconto di Valerie ci aveva protette da un grande pericolo per poi svanire nell'oscurità della notte dopo aver riportato una gravissima ferita al collo. "Pesanti artigliate, come quelle di un enorme lupo: il marchio del Caos Primitivo": queste erano state alcune delle parole della mia amica. La mia mente sapeva che poteva trattarsi di una coincidenza, ma lo sguardo con cui l'individuo dietro le sbarre osservava il mio sgomento sembrava asserire il contrario in modo altrettanto deciso.

"Cosa... cosa significa?" mi limitai a balbettare, confusa e spaventata.

"Che Sir Thomas è il primo della lista", rispose. "Lo toglieranno di mezzo prima del matrimonio, nei giorni in cui Beid sarà troppo occupata a guardare altrove per dar peso alla sua scomparsa... Passeranno alcuni giorni, troppi: poi alla festa seguirà il dolore, ma a quel punto sarà troppo tardi".

Come lava che sgorga fuori dalla bocca di un vulcano quel fiume di parole ardeva senza produrre fuoco, incenerendo l'aria intorno a me senza lasciar intravedere alcuna traccia della luce di Pyros, impedendomi di respirare. Sir Thomas era il primo della lista: chi sarebbe venuto dopo? Mio padre? Mio fratello?

Accortosi delle mie difficoltà ad accettare tale rivelazione, Malaki si affrettò a intervenire. "E sentiamo, genio della lampada", esclamò, "quale plotone di soldati di Keib ha deciso di andare incontro a morte certa volgendo le armi contro sir Thomas e i suoi uomini?"

E fu a quel punto che l'uomo fece per la prima volta quel nome: il Caos Primitivo. Ci parlò di uno strumento di morte, le cui corde erano manovrate dall'immonda divinità il cui nome atroce non è degno di essere pronunciato. Uno strumento giovane e potente, la cui anima corrotta è stata ricompensata con doni tali da renderlo pressoché invincibile. "Nell'istante stesso in cui l'ho affrontata", aggiunse, "ho capito che non possedevo la fede sufficiente per averne ragione. Le omissioni simili a menzogne che ero stato costretto a adoperare per arrivare a lei giustificavano forse il mio fine, ma avevano finito col togliermi l'unica cosa che avrebbe potuto garantirmi la vittoria".

"Questo non mi stupisce affatto", aggiunse Malaki, "considerando il casino che sei riuscito a fare qui da noi".

Dopo quella rivelazione, l'interrogatorio si avviò rapidamente alla sua conclusione: avevo bisogno di molte altre risposte, ma le dichiarazioni sul pericolo corso da sir Thomas e da Beid richiedevano un'immediata conferma o smentita: non c'era tempo da perdere.

Fu con il cuore gonfio di quelle parole gravi che io e Malaki spendemmo le successive due ore scendendo per il ripido sentiero che da Valamer ci avrebbe riportati a Beid: la storia di June e Joan era servita per allontanare temporanemente quella tensione, ma Malaki sapeva che non era certo un rimedio momentaneo quello che avevo intenzione di ottenere quando gli chiesi di aiutarmi a compiere ciò che sentivo di dover fare.

"Fatemi indovinare. Noi due da soli sulle colline Kadhan all'inseguimento di Sir Thomas, per avvertirlo del pericolo imminente e riportarlo a palazzo sano e salvo. Sapete, c'è una cosa che devo proprio insegnarvi sulle favole: hanno il brutto vizio di funzionare molto meglio quando è il cavaliere a salvare la principessa, e non il contrario...".

"Non si tratta di salvarlo, ma di andare in suo aiuto. Non da soli, certo: se facciamo in fretta possiamo organizzare due o tre gruppi e partire domattina all'alba. In ogni caso, io farò parte di uno di loro; che tu lo voglia o no io non sono una principessa, ma una semplice Paladina con il dovere di farlo".

"Con tutto il rispetto", mi rispose scuotendo la testa, "Voi avete soltanto il dovere di avvisare vostro padre: non siete un soldato. Avete molte qualità e coraggio da vendere, ma vi ho osservato quanto basta per sapere che c'è una cosa che non sapete fare".

"Se vi riferite al combattere", lo interruppi, "vi state sbagliando: ho imparato a utilizzare la spada tanto in caserma quanto in seguito, sul camp..."

Ero talmente concentrata a difendere le mie ragioni che non lo sentii neppure arrivare: il fendente sfiorò il mio volto cona rapidità impressionante, quasi invisibile.

"Ed era nel fodero", disse Malaki, con un'espressione grave. Con un rapido movimento del polso cambiò leggermente l'impugnatura della spada, poi si proiettò addosso a me con tutto il suo peso: questa volta riuscii a schivarlo, ma non ad allontanarmi quanto bastava per sottrarmi alla sua presa. La sua mano guantata mi strinse il collo, spingendomi per un paio di metri fino a piantarmi con le spalle contro un albero. Non potevo vederla, ma sentivo la punta della sua spada sfiorarmi appena il petto, all'altezza del cuore.

"Voi avete coraggio e siete molto convincente", disse poi, guardandomi negli occhi: "ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".

Restò per alcuni secondi a guardarmi: poi mi lasciò, volgendomi le spalle. Non gli piaceva vedermi piangere. Ma questa volta le lacrime restarono prigioniere dei miei occhi. Erano tante, troppe per farle uscire ora: le avrei liberate soltanto dopo, da sola.

"Non mi importa", dissi.

"Beh, a me si: non intendo portarvi al macello per sostenere la vostra ostinazione a portare alla cinta uno strumento di morte che riuscite a malapena a sguainare. Organizzeremo quei gruppi, ma voi non verrete con noi: qualcuno deve portare la notizia a vostro padre nel caso in cui non dovessi torn... ehm, trovare Sir Thomas".

"Non mi importa di essere inutile", esclamai con maggior forza. "Mi limiterò a difendermi, evitando i colpi dei miei nemici senza aprire la mia guardia, aspettando il vostro aiuto. E se non vorrete che impugni questa spada, ebbene non la impugnerò, ma in ogni caso mi recherò su quelle colline: il sacerdote con cui ho parlato mi considerava un soldato degli Dei, e ho intenzione di adempiere al mio incarico. Inoltre non ci recheremo lassù per combattere, ma solo per avvisare Sir Thomas e i suoi uomini della minaccia imminente. Quanto alla notizia a mio padre sarò io stessa a dargliela, ma non sarete nè tu nè lui a impedirmi di partecipare".

La giornata proseguì senza sosta: Malaki parlò con alcuni soldati di sua conoscenza mentre io mi recai alla chiesa di Pyros, rivelando le informazioni apprese sulla possibile presenza del Caos Primitivo all'interno delle colline Khadan: come risultato dei miei sforzi, due paladini chiesero e ottennero l'onore di accompagnare i gruppi che Malaki stava organizzando. Il sole era già calato quando ci radunammo per contarci: dodici uomini. Il piano di Malaki prevedeva di battere la zona collinare più vicina a Beid in quattro gruppi da tre alla ricerca di tracce, per poi unirsi in due gruppi da sei prima di addentrarsi nella zona più confinante con Keib: i miei due compagni sarebbero stati Malaki e sua sorella Jen, buona combattente e ottima esploratrice.

La cosa più difficile quel giorno fu convincere mio padre: il nostro colloquio durò diverso tempo, nel corso del quale gli spiegai quanto la mia presenza fosse necessaria. Ad essere minacciate erano le nostre terre, e nè lui nè Ryan avevano modo di allontanarsi in quei giorni tanto importanti quanto delicati. Questo faceva di me l'unica rappresentante della famiglia in grado di prendere parte attiva all'impresa; lo pregai di mantenere l'impegno preso il giorno precedente nel consentirmi di esercitare il mio compito di Paladina. E alla fine, malgrado le forti resistenze, riuscii ad ottenere il suo permesso.

Una volta nelle mie stanze, decisi di liberare la mente e allontanare ogni pensiero che potesse portarmi sogni o visioni: avevo bisogno di recuperare le forze, e per far questo era necessario riempire la mente di volti amici e ricordi felici. Con questo spirito decisi di scrivere una lettera alla mia amica Julie, indirizzandola al luogo dove l'avevo lasciata l'ultima volta. Il pensiero rivolto agli amici di Caen riuscì effettivamente a liberare la mia mente, che quella notte non fu oggetto di sogni o visioni. Ma quella vittoria fu l'ultima che ottenni: il sonno decise ancora una volta di ignorare le mie preghiere, limitandosi a cullarmi per due o tre ore lontane tra loro.

...

Il campo era solido e ben riparato, proprio come aveva detto Jen. La nostra cena fu un pasto frugale a base di pane, frutta e noci: il giorno seguente, tempo permettendo, sarebbe stata la volta della carne. Prima di coricarci per la notte tirammo a sorte per stabilire i turni di guardia. A me toccò il primo. Lo passai in silenzio, osservando a tratti i due fratelli addormentati: sarei riuscita a fare la mia parte per proteggerli, o ero davvero destinatata ad essere un peso? Ripensai alla conversazione avuta con Malaki, alla sua spada puntata sul mio cuore. No, non sarei riuscita a fare la mia parte: non sarei mai riuscita a proteggerli, nè loro nè tantomeno Julie e gli altri amici di Caen; non con la spada che portavo al fianco.

La luna mi guardava, dall'alto: ripensai ad Abel, al modo in cui sapeva infondere sicurezza e fiducia nei momenti in cui tutto sembrava perduto; al ruolo insostituibile che aveva, al vuoto che aveva lasciato e che mai nessun altro sarebbe riuscito a colmare. Mai come in questo momento mi mancavano la sua forza e il suo coraggio. "Perchè, Abel?", mormorai. "Perchè te ne sei andato?"

Questa volta le lacrime non vollero sentire ragioni; misi una mano davanti agli occhi e le lasciai cadere, abbandonandomi lentamente ad esse.


scritto da Solice , 03:40 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
10 maggio 517
Lunedì 2 Aprile 2007

Il quarto giorno (terza parte)

June e Joan erano le due figlie di un ricco mercante che viveva in una piccola città tra i monti Allston. Nonostante fossero molto simili nell'aspetto avevano un carattere molto diverso: June amava la vita mondana, i viaggi e il divertimento, mentre Joan preferiva restare a casa, dedicandosi allo studio e allo svolgimento delle faccende domestiche. Nel corso di uno dei suoi viaggi June conosce un individuo tanto affascinante quanto malvagio che la convince a venire via con lui: riuscito nell'intento, costui tenta di far confessare alla ragazza il luogo dove il padre custodisce i proventi dei suoi commerci, ma la ragazza, accortasi della troppa insistenza, si rifiuta di rivelarlo. Quel rifiuto accende l'ira dell'uomo, che la rinchiude nella sua dimora e le strappa il ciondolo che porta al collo.

Quello stesso giorno, l'individuo si reca alla residenza del padre con l'intento di chiedere un riscatto in oro per la vita dell'ancora ignara ragazza, ma una volta giunto a destinazione si imbatte in Joan: attratto dalla possibilità di rapire anche lei si presenta come un mercante amico del padre, ma la ragazza non gli concede altro che una breve conversazione, declinando cortesemente l'invito di recarsi a passeggio con lui e rendendo di fatto impossibile il rapimento. Furioso per l'ennesimo rifiuto, l'uomo le rivela di aver rapito la sorella mostrandole il ciondolo strappato, dichiarando di volere come riscatto non già l'oro, ma lei stessa.

Dopo qualche attimo di riflessione Joan prende la decisione di accettare, ma soltanto a patto che la sorella venga rilasciata il giorno stesso, e che non sia informata di tale accordo: dà la propria parola che, una volta che questo sarà avvenuto, non avrebbe mancato di mantenere il suo impegno. L'uomo, soddisfatto per aver ottenuto tale impegno, acconsente alla richiesta e libera June, che una volta a casa corre ad abbracciare la sorella convinta che la triste avventura sia finita. Joan ascolta il racconto di June e le dice che non dovrà più preoccuparsi, per poi uscire per sempre dalla porta del suo palazzo per non tornare mai più.

"E poi?" Chiese Malaki, visibilmente insoddisfatto della conclusione.

Lo guardai perplessa: "e poi... non c'è un poi. Finisce cosi', con Joan che si allontana all'orizzonte..."

"Non ci credo", esclamò scuotendo la testa. "Non è certo così che finisce una favola."

"Non è una favola, infatti", risposi sorridendo. "è una leggenda che ha ispirato una serie di canzoni e di ballate, molte delle quali possono essere ascoltate in molte delle locande di Beid e della zona sud di Amer".

"Dopo quello che ho sentito in quelle segrete, non ho intenzione di intristirmi ulteriormente", sentenziò Malaki. "Non esistono leggende che non abbiano almeno un lieto fine, e non riesco a immaginare nessuno migliore di voi a trovarne uno nel caso in cui questa facesse eccezione: quindi, principessa", continuò lanciandomi uno sguardo di divertita severità, "il vostro umile servitore vi chiede di impegnarvi a farlo".

Erano passate quasi due ore da quando avevamo lasciato Valamer. La mia espressione, a seguito della conversazione avuta con l'individuo che fino a poco prima chiamavo Jack e il cui nome richiedeva ora uno sforzo mnemonico non indifferente, non doveva essere delle migliori. Malaki aveva rispettato i miei pensieri per molteplici minuti, per poi rompere il silenzio con l'unica domanda che poteva riuscire nell'intento di distogliermi per qualche tempo dal loro peso.

"Perchè ti chiamava Joan?", aveva detto. E quasi senza accorgermene, nel giro di qualche minuto mi ero già addentrata nella narrazione degli eventi di una delle letture più affascinanti in cui avevo avuto modo di imbattermi nel periodo che precedeva la mia esperienza a Focault.

"Mi avete ingannata", dissi scuotendo la testa e ricambiando lo sguardo arcigno e divertito: "conoscevate già la storia di June e Joan, compreso il suo finale alternativo".

"Ah, no di certo", si affrettò a rispondere il cavaliere. "A dire il vero qualcosa avevo sentito qui e là, ma non avevo mai avuto modo di ammirare il quadro completo. Quanto al finale alternativo", aggiunse, "confesso di preferirlo. Joan muore come un'eroina, ed è di certo un destino migliore che non abbandonarsi alle grinfie di quel bastardo".

In effetti, la leggenda di June e Joan possedeva più di un finale, frutto di una serie più o meno vasta di aggiunte e tradizioni differenti. La maggior parte dei cantastorie di Beid era solita aggiungere alcune strofe al finale originario: Joan avrebbe assunto del veleno subito prima di prestare fede al suo accordo; l'uomo malvagio lo avrebbe scoperto al momento di condurla all'interno della sua abitazione, vedendo la ragazza sbiancare e cadere in terra priva di vita. Respinto per la terza volta, il rapitore avrebbe quindi commesso il suo ultimo errore recandosi nuovamente al palazzo delle due sorelle, deciso ad ucciderle entrambe e finendo così preda delle guardie cittadine avvisate da June: e sono proprio le sue parole rotte dal pianto, mentre stringe tra le braccia il corpo senza vita della sorella, a costituire l'epilogo di questa versione dei fatti.

"Ecco, cosi' va molto meglio", esclamò raggiante Malaki non appena sentì il secondo finale. "Mantiene la sua tragicità e mi fa dormire sonni tranquilli: non voglio immaginare una ragazza come Joan viva e nelle mani di quell'individuo spregevole! Non la pensate così anche voi, principessa?"

"No", risposi con decisione. Malaki mi guardò, aspettandosi una motivazione.

Feci del mio meglio per non deluderlo. "La Joan della seconda versione prende la decisione di suicidarsi: un gesto che può essere visto da noi come coraggioso e in alcune circostanze persino nobile, ma che non è di certo tale agli occhi degli Dei. Coloro che ci hanno donato la vita sono gli unici ad avere il potere di togliercela, ed è alla loro benevolenza che dobbiamo trovare la forza di affidarci persino quando tutto sembra perduto: il suicidio indica il rifiuto di volerlo fare, chiudendosi ad ogni speranza, ad ogni fiducia che possano liberarci dalla nostra disperazione. No, la Joan di quel finale non mi fa certo dormire sonni tranquilli... E lo stesso dovrebbe valere anche per voi."

Malaki non disse nulla, limitandosi a riflettere su quanto avevo detto. "Non ci avevo pensato", disse dopo alcuni minuti. "Tuttavia, questo non depone certo a vostro favore: vi ho chiesto un finale migliore, e me ne avete fornito uno che ora so essere persino peggiore del primo".

"E' vero", dissi sorridendo. "Mi dispiace. Come posso rimediare?"

"Ne voglio uno che faccia dormire sonni tranquilli, tanto a me quanto a voi. Accettate la sfida?"

"Quanto tempo ho?" chiesi, divertita da quell'insolita richiesta.

"Il tempo di tornare a palazzo".

"Se riesco nell'intento, promettete di aiutarmi a compiere quello che devo?"

Malaki a quel punto si fermò, guardandomi con aria improvvisamente seria. Era una richiesta difficile, un impegno che non valeva certo quanto il finale di una leggenda.

L'individuo in precedenza noto come Jack aveva dichiarato di chiamarsi Netjerikhet Zauemia Ruinethot: tre parole che costituiscono allo stesso tempo, stando a quanto ci ha raccontato, un nome e un titolo nobiliare, secondo le usanze di un'antica civiltà presente in alcune zone di Amer fin dai secoli dimenticati, prima che la luce rischiarasse le tenebre in cui brancolava la popolazione di Greyhaven. Sempre stando alle sue dichiarazioni, tale nome non appartiene originariamente a lui bensì ad un individuo vissuto oltre 200 anni fa: uno stregone che, insieme ad altri come lui, compiva degli studi in contrasto con la tradizione magica esistente. Tali studi non hanno mai raggiunto gli occhi di un sacerdote che potesse giudicarli poiché l'intera scuola è stata spazzata via da una famiglia nobiliare ansiosa di mostrarsi solerte ed efficace di fronte all'inquisizione al punto da imporre il proprio giudizio a quello del suo stesso tribunale.
Questo atto efferato ha di fatto provocato una reazione da parte di quegli uomini, emotiva quanto la persecuzione subita e satura del medesimo rancore. Per mezzo di un potente incantesimo lanciato dal loro maestro, gli spiriti di quegli uomini hanno potuto scegliere di restare sul piano materiale legando la loro essenza a quella di un certo numero di artefatti dall'aspetto di comuni carte da gioco. Da quel momento in poi la loro storia è fonte d'ispirazione e stimolo per la ricerca per un ristretto numero di individui, venuti a contatto con queste carte nel corso dei decenni e decise a continuare tale ricerca: uomini che in origine condividevano il medesimo fine ma che nel corso dei decenni hanno incominciato a dividersi in misura sempre maggiore, in parte inginocchiandosi di fronte alla Luce di Pyros, in parte rifuggendola per timore, rabbia o vigliaccheria.

"Se sei uno stregone, perché sei ancora in gabbia?" gli aveva chiesto a quel punto Malaki.

Ma a quanto pare, Netjerikhet Zauemia Ruinethot non era affatto un praticante di magia. La sua stirpe ha un legame di sangue con uno dei discepoli di tale scuola, e che ha deciso di portare avanti questa battaglia nonostante i suoi membri non possiedano più da decenni alcuna capacità magica: e fu proprio suo padre, stando alle sue parole, ad averlo chiamato con lo stesso nome che fu del suo antenato, per prepararlo a quella che secondo lui sarebbe stata "l'ultima battaglia". L'ultima, perché determinati fatti occorsi durante la guerra tra Beid e Keib intrapresa nel 506 avevano avuto l'effetto di accelerare in un modo o nell'altro l'epilogo della vicenda.

Quelle parole non mi aiutavano affatto: non erano antiche ricerche magiche o dubbie interpretazioni di avvenimenti remoti ad interessarmi in quel momento quanto informazioni su Rosalie: null'altro mi importava, neppure i sogni che mi tormentavano da quando avevo preso in mano quella carta che sembrava così innocua. "E' tutto collegato", fu la risposta alle mie richieste. Stando alle sue parole, tanto io quanto Rosalie possediamo le caratteristiche per prendere parte a questa battaglia. E lo stesso vale per altre persone, molte delle quali lui stesso afferma di non conoscere e che con tutta probabilità io per prima conosco meglio di lui.

"Ma in ogni caso ne conosci alcune", gli dissi a quel punto. "Di chi stai parlando?".

"Se te lo dicessi, Joan" mi rispose, "potresti voler correre da loro. E credimi, sarebbe l'ultima cosa da fare, specialmente con me dietro queste sbarre".

"E cosa dovrei fare, allora?"

"Devi essere prudente: evitare di correre rischi, di recarti in posti aperti o vulnerabili. E avvisare i vostri comandanti di un possibile attacco imminente da parte della baronia di Keib. Se avete degli esploratori, mandateli sulle colline a est: confermeranno quello che vi sto dicendo.".

Quella notizia mi fece gelare il sangue: senza bisogno di esploratori, le informazioni che avevo erano tristemente compatibili con quella rivelazione. Tuttavia, questa coincidenza non provava nulla, non da sola.

"Non ho modo di verificare una sola parola di ciò che hai detto", replicai di rimando. "Speri forse che quanto mi hai rivelato sarà sufficiente per farti uscire?"

"C'e' qualcosa che puoi verificare senza muoverti dal tuo palazzo, Joan: quanto al resto", aggiunse, rivolgendosi questa volta a Malaki: "di quanti uomini si compone la sua scorta?"

"Dipende", intervenne Malaki. "Per il momento uno, a cui si spaccheranno le nocche contro la tua faccia la prossima volta che la chiamerai con un nome diverso dal suo".

"Posso organizzare una spedizione", dissi: "di quanti uomini avrò bisogno?"

"Piu sono meglio è: l'importante è che sir Thomas Keen non sia tra questi".

Quell'affermazione mi sorprese: "Perché non dovrei? E' l'uomo più fidato agli ordini di mio padre, oltre che una delle migliori lame di Beid!"

"Questo", disse l'uomo dietro le sbarre, "è esattamente il motivo per cui non è salutare averlo vicino".

(continua)


scritto da Solice , 03:48 | permalink | markup wiki | commenti (0)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 12 di 19
1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6 · 7 · 8 · 9 · 10 · 11 · 12 · 13 · 14 · 15 · 16 · 17 · 18 · 19