Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Diavolo di sacerdoti, siete tornati con un giorno di ritardo! »
- Capitano Barun -
 
La cerca di Bohemond
Bohemond D'Arlac
"Tu fai parte dei Primi, Bohemond, non dimenticarlo mai."
creato il: 24/01/2012   messaggi totali: 12   commenti totali: 20
13198 visite dal 24/01/2012 (ultima visita il 22/11/2017, 22:28)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 1 di 3
1 · 2 · 3
25 settembre 517
Giovedì 19 Ottobre 2017

Lo spirito del Cacciatore



La battaglia con i Ghaanesi sta per cominciare. Siamo con le spalle al muro: dietro di noi c'è solo il Vecchio Maniero in rovina, arroccato su un dedalo interminabile di scarpate e crepacci che non saremmo mai in grado di attraversare, stanchi e feriti come siamo. Battersi o morire, siamo tutti consapevoli che non c'è altra via.

Scruto l'uomo che sta cercando di aggirarci sul fianco sinistro. Ben piazzato e sorprendentemente agile, si è mosso con grande sicurezza sul crinale prima ed ora nella boscaglia malgrado la poca luce del crepuscolo. Due frecce scoccate da Kailah l'hanno raggiunto al torace, mordendogli di certo le carni, ma lui non sembra curarsene. E' attempato ma ancora vigoroso: il viso severo, segnato dagli anni e dall'inclemenza del Vento del Nord, mi fa pensare agli aspri speroni rocciosi delle Montagne della Follia, alla maligna ostinazione con cui parevano stagliarsi contro il cielo di Ghaan. Le labbra sottili accennano un sorriso di trionfo. Il mio sguardo trova infine i suoi occhi...occhi iniettati di sangue, occhi demoniaci (gli stessi occhi di Annie) in cui chissà da quanto tempo non alberga più alcuna traccia di umanità.

Non ho molte possibilità contro un simile nemico. E' certamente più forte di me, più esperto, più veloce. Inutile tentare di batterlo, prudenza vorrebbe che mi limitassi ad impegnarlo quel tanto che può servire a Logan e a Sven per sbarazzarsi del loro avversario: il pendio su cui ci troviamo mi conferisce un piccolo vantaggio, mi è sufficiente mantenere la posizione, sventare i suoi assalti e tenerlo inchiodato fino all'arrivo dei rinforzi. Se non fosse per il morso di quel dannato ragno, che da giorni non smette di bruciarmi come un ferro rovente piantato tra le costole e mi rende troppo lento, troppo impacciato.

Chi vuoi prendere per il culo, Bohemond, questo scontro può finire in un modo soltanto.

Kailah però ha il tempo di scoccare ancora. Abbiamo litigato di brutto poco fa, ringhiandoci contro accuse ed insulti, sbraitando come vecchi ubriachi: siamo due testardi irriducibili e nella remota ipotesi che i Ghaanesi non ci facciano a pezzi tra un minuto, sono sicuro che di discussioni simili ne avremo ancora a dozzine... ad ogni modo sono contento di saperla ad un passo da me, arco in pugno, incosciente come sempre. La freccia vola rapida e sicura e si pianta di nuovo nel tronco della creatura. Lui fa per ritrarsi meccanicamente, scattando come un hunter (come Annie) e neppure questo colpo pare impensierirlo.

Continua ad avanzare verso di me, lame in pugno, senza fretta. "Siete ancora in tempo per darci quello che è nostro, non deve per forza finire così." dice con voce tranquilla, e continua a sorridere. Qualcosa mi si smuove nelle viscere, i polsi mi cominciano a tremare per la rabbia. Fanculo la prudenza, penso, mentre faccio a mia volta un passo verso di lui e chiudo la distanza che ci separa. Se credi di spaventarmi, Mick Stolz o chi diavolo sei, ti sbagli di grosso. La merda che rivuoi te la farò sudare, a costo di creparci. Fanculo anche alle ferite, fanculo alla fame e alla stanchezza e soprattutto fanculo a te, coglione di un Bohemond, per tutte le stronzate che ti sei fatto ficcare nel cervello dalle baldracche del Castello di Seta. Combatti da Paladino e se serve muori da Paladino, ma per gli Dei, vedi di levare dalla faccia di questo stronzo né morto né vivo quell'insopportabile sorrisetto del cazzo.

Ci fronteggiamo. Tutto il marcio che si annida nel cuore dell'uomo-bestia mi riempie le narici, dandomi i conati, mi sento come se mi avessero infilato la faccia nel carname di Cantor, e anche lui tutto a un tratto non sembra più tanto contento di avermi come avversario. "Mi sembra di conoscerti. Dove ci siamo già visti?" sibila con una smorfia disgustata, le lame snudate e pronte a colpire.

Non sono in vena di convenevoli, faccio parlare la spada al posto mio. L'acciaio che Stern Rock ha forgiato per me dalle daghe gemelle di Joad Kempf danza nell'aria e in un lampo affonda nella coscia di Mick, prendendolo alla sprovvista. Vediamo se hai ancora voglia di ridere, mostro del cazzo. Lui abbassa gli occhi un istante, stupito per il mio colpo andato a segno. Poi un thunk! sonoro, e una nuova freccia di Kailah gli si pianta nel petto. Il bastardo non si scompone, rinserra la guardia e con tono distratto la ammonisce: "Donna, non disturbare il nostro duello!" Questo le sa incassare, penso, bisogna riconosceglierlo.

Torna a guardarmi dritto negli occhi e il suo ghigno mi sembra un pelo più tirato. Lo incalzo, ma stavolta riesce a deflettere il mio colpo con grande facilità per poi scagliare un contrattacco micidiale. "Ora ti farò un po' male." sussurra, mentre la punta della sua spada mi schizza verso la gola ad una velocità impossibile.

Ho passato buona parte del noviziato ad Achenar a spiare i duelli dei grandi maestri di scherma. Ho combattuto con sbandati e disertori ad Ammerung, rubando il mestiere a confratelli esperti e valorosi. E da quando ho messo piede nel Corno del Tramonto mi sono battuto con ogni genere di nemico, vivo o morto. Bravi Commilitoni, soldati dell'Armata del Corno, Nordri, soldati di Ghaan, Masnadieri, sgherri della Lega del Torto. Ho affrontato Brocchi, Corridori, Cacciatori, Armigeri e Abnormi ancora più terribili. Me la sono dovuta vedere con i kreepar acquatici e con le Locuste dell'Abisso, passando per Scorpioni Spadaccini, Scutigere e ogni sorta di ragno, scarafaggio, vespa o formica gigante. Ho incrociato le spade con Osvald Plank e con tanti altri veterani della Guerra delle Lande, e persino con il leggendario Uomo Senza Volto. A volte ho avuto la meglio, più spesso Colin ed Engelhaft hanno dovuto rattopparmi le budella, ma ogni scontro a cui sono sopravvissuto ha contribuito a rendermi un guerriero più forte, più sicuro, più capace. So che posso batterti, Mick. Avrai pure venduto il culo ai Demoni dell'Inferno Ghiacciato per ottenere la forza di un Risvegliato, ma rendere inoffensivi i mostri come te è diventato il mio pane quotidiano...ti dice male stavolta, perchè nell'uomo che ti sta sbarrando il passo rivive lo spirito del Cacciatore Senza Nome.

Schivo l'affondo senza scompormi e rispondo con un fendente che per poco non trova il bersaglio. "Pensavo peggio", lo provoco, convinto di avere lo scontro in pugno. Lui grugnisce sitizzito.

Poi tutto diventa buio. Lo chiamano Lampo Nero, un prodigio nefasto che si sta manifestando sempre più spesso qui nelle lande: è accaduto in primavera nei pressi dell'eremo di Rocca del Drago, e poi ad Angvard durante la Scazzottata, e ancora non distante dalla Locanda del Puma mentre eravamo alle prese con gli armigeri di Generaal. Allora come oggi, l'Abisso si spalanca malevolo su di noi per sprofondarci nella tenebra. Ci lasciamo scappare un gemito di sconforto, tutti, amici e nemici. Tutti tranne Mick (ed Annie). I suoi occhi avvampano di luce cremisi nell'oscurità, sono gli occhi di un predatore (gli stessi occhi di Annie) pronto a spiccare il balzo.

Te l'ho già detto, Bohemond, chi vuoi prendere per il culo? Sarai pure uno spadaccino migliore di quello che ha attraversato l'Halsbandseel due inverni or sono, ma non sei certo materiale da Khal-Valàn. Un colpo di fortuna nel vallone di Gretel e davvero ti sei convinto di poter tenere testa a questi mostri? Ti sei dimenticato della facilità con cui hanno espugnato la Sacra dei Difensori e di cosa ne è stato dei suoi custodi, tutti Paladini ben più saldi nella Fede di quanto tu possa mai diventare?

Mi preparo a ricevere il colpo di Mick meglio che posso, cieco e disorientato come sono. Lui però esita, e l'incertezza dell'assalto mi lascia il tempo di scartare di un passo e sottrarmi alla sua spada. Un istante ancora e così come era venuto il Lampo Nero svanisce, restituendoci alle ultime luci del giorno. Contro ogni previsione sono ancora vivo.

Riprendo fiato, sollevo la guardia, respingo un altro attacco.


Non è il momento di cedere al dubbio e allo sconforto...ho potuto vedere coi miei occhi dove porta quella strada e non intendo imboccarla nuovamente, non quando sarebbe l'intero plotone a pagare per il mio fallimento. Sono caduto, è vero, ma come Brian e Crystal ho trovato la forza per rimettermi in piedi, sono di nuovo degno del Sacro Scudo che ho imbracciato ai piedi di Gretel.
Dici di avermi già incontrato Mick, ma non ti ricordo tra coloro che difendevano la torre...chi stai rivedendo in me, esattamente? Forse un Difensore dell'Antico Scudo? Eri tra quelli che hanno assalto la Sacra? Sei responsabile della morte di tanti valorosi confratelli e della profanazione dei loro resti? E' per questo che i tuoi attacchi sono così timidi? Hai finalmente capito di essere al cospetto del giudizio inesorabile di Dytros?

Glielo chiedo senza però lasciargli il tempo per rispondere: il dettaglio dei suoi peccati è irrilevante, la sua condanna è già scritta. Contrattacco con tutta la forza che ho in corpo, sollevo la spada ancora, e ancora, senza concedere quartiere, e non mi interrompo neppure quando il suo braccio sinistro vola in terra, la daga ancora serrata nel pugno. Lui resta in piedi, frastornato, urlandomi in faccia tutta la sua rabbia, agitando senza costrutto l'arto che gli resta. Meglio così: sei sul mio banco da macellaio, bello, e ho appena iniziato a lavorarti.

"Ora non sei più tanto sicuro del tuo Padrone", osservo, mentre gli pianto due palmi di lama nelle viscere. Incespica all'indietro, sembra infine cadere, poi trova lo slancio per balzarmi addosso in un ultimo assalto disperato. Non mi lascio sorprendere e quasi gli trancio di netto la gamba destra, ma neppure questo basta a fermarlo: il mostro mi abbranca con le forze che gli restano, il suo grido sempre più stridulo mi trapassa il cranio, e mentre strepita il volto gli si deforma, prende squamarsi e avvizzire. Ora ad un centimetro dalla mia faccia c'è il muso orrendo di un Abnorme.

Non ho visto con i miei occhi la fine dello "Strillone", ma i miei compagni mi hanno detto tutto quel che c'era da sapere. E' così che vuoi avere ragione di me, eh Mick? Non è molto sportivo da parte tua. Mutilazioni o no la creatura è determinata a stritolarmi nella sua morsa e il suo gemito incessante mi impedisce di pensare chiaramente. Provo a scrollarmelo di dosso, ma il bastardo non molla la presa...non credo che mi resti molto tempo. Il cervello poi mi sta andando in pappa: adesso mi sembra di sentire la voce del vecchio Engelhaft, un bisbiglio appena nell'orrendo frastuono di Mick, ma che si fa via via più distinto. Mi spiega che la battaglia è ormai vinta, e che questo è l'ultimo trucco di un nemico che non si rassegna alla sconfitta; mi invita a resistere alla paura; mi ricorda che la vera forza è la calma che dimora nel cuore dei giusti.

Ma soprattutto mi dice "SPINGILO VIA, COGLIONE CHE NON SEI ALTRO! SPINGILO VIA!"

E lo faccio: scaravento Mick lontano da me e corro a ripararmi dietro ad un albero un attimo prima che la bestia esploda in un boato assordante. Frammenti di legno, cuoio e carne bruciata schizzano ovunque. Me ne sto qualche secondo ventre a terra trattenendo a stento il vomito, con la testa che gira e il petto lacerato dal dolore della vecchia ferita. "Pensavo peggio" un cazzo.
scritto da Bohemond D'Arlac , 00:14 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
11 settembre 517
Mercoledì 14 Giugno 2017

Il gioco di Miya



"Adesso facciamo un gioco...vediamo se riesco a farti smettere di pensare."


Miya ce la mette proprio tutta, va detto. Chiudo gli occhi, la lascio fare. Mesi e mesi passati ad ingoiare la merda dei Varchmann, degli Zodd e persino dei Dur-Dur, mesi e mesi a respirare questa sabbia maledetta che ti brucia negli occhi e ti rivolta lo stomaco, mesi e mesi a trascinarmi in una landa infetta, sterile, senza speranza, in cui l'uomo è ormai uno straniero spaurito e su cui dominano mostri di ogni sorta. Un'ora sola in cui non pensare a quanto sia ridicola l'idea di poter fare la differenza in questo inferno...a quanto sia patetico illudersi di poterne uscirne vivi. E' così sbagliato, per un'ora sola, non pensare? Sentire su di me le mani dolci e sfrontate di questa donna? Sono tanto più terribili delle lame, degli artigli, delle chele in agguato là fuori?

Sette anni mi separano dal coglioncello che bazzicava nei postriboli di Achenar...e lo ritrovo qui, nel Castello di Seta, meno cambiato di quanto sperassi. Nel volto di Miya rivedo quello di Layka ...lo sguardo di Kalya, ricordo di aver pensato che fosse nero e scintillante come il mare in tempesta..., quel sorriso complice che ti faceva dimenticare ogni amarezza, ogni paura, e ti metteva in corpo il coraggio di un Dio. Era sfrontata. Era libera. Era in vendita, ma per quante volte la comprassi non sarebbe stata mai tua, e per questo non potevi far altro che tornare da lei, ancora e ancora. Era... era come avere un pugnale piantato nel petto vederla massacrata a quel modo, i denti spezzati, un'occhio fisso e cieco puntato verso di me, l'altro sprofondato nell'orbita, nero di sangue.

Miya continua il suo gioco, la lascio fare. Mi sorprendo a pensare a che faccia avesse Yara, scaraventata sulle rupi dal Nordro trionfante. Immagino la sorpresa nel suo sguardo, lo smarrimento, la consapevolezza di aver fallito come paladino e come comandante...e poi solo cieco dolore. Penso al Nordro. Chissà se i loro occhi si sono incontrati mentre lei cadeva, in quel breve istante di silenzio prima dello schianto e delle grida. Qualcosa mi dice di sì, e che sul volto di lui era impresso lo stesso ghigno compiaciuto che avevo io un anno fa mentre abbattevo la mia lama sul collo di Larissa, incurante delle sue suppliche. Penso a quella Regola che impone ai Paladini di non prendere mai una vita se non in circostanze di pericolo mortale. Penso a come sia stato facile ignorarla, e a come il Dio abbia accettato di buon grado l'olocausto di quella sventurata, regole o non regole. Penso ancora a Yara, a cosa dovrò dirle la prossima volta che ci incontreremo, sempre che sopravviva a questa spedizione. Penso a Mirai che ci aspetta a Trost, a Caaron. Penso ad Annie che vola nella nebbia, dilaniata dall'esplosione. Penso al Wyrm che un attimo dopo si avventa sulla carcassa dell'Abnorme e mi si riempie il petto di rabbia. Te la sei presa comoda, fottuto biscione...grazie per essere venuto a ricordarci quanto siamo piccoli, quanto siamo inutili.

Penso che sarebbe bello lasciarti vincere, Miya, penso che tutto sommato in questi mesi me lo sono guadagnato questo cazzo di diritto. E tutto a un tratto smetto di pensare.
scritto da Bohemond D'Arlac , 00:39 | permalink | markup wiki | commenti (2)
 
30 Maggio 517
Domenica 4 Ottobre 2015

La furia del vento



L'udienza con Sir Logan si è conclusa, e, seppur differendo di alcuni mesi la data del suo ritorno, il Cavaliere di Treize ha acconsentito a riprendere la lotta al nostro fianco. Torneremo dunque ad Uryen per recare al Capitano Barun la notizia dell'ennesimo successo del XXIIIesimo Plotone...e quando sarà il momento gli chiederemo conto della rivelazione che il suo antico commilitone ci ha fatto.

Questa notte un vento gelido e maligno, simile a quello che spira senza sosta sulle Montagne della Follia, ci ha accolto nei pressi della capanna dove Logan Treize si è rintanato per leccarsi le ferite. Temevo che annunciasse la venuta di un servitore dell'oscuro signore di Ghaan, folle di rabbia per l'umiliazione di Gretel e per la morte di Joad Kempf: lo temevo, già, ma sarei stato pronto ad affrontare quella nera forza senza incertezze. E'ancora vivo in me il ricordo dello Scudo dell'Antico Eroe, di come quel sacro legno ha saputo ridare vigore alle mie membra esauste, di come la tempesta di lame dell'Uomo Senza Volto si è abbattuta incessante su di esso per poi acquietarsi, vana e sconfitta.

Il pensiero di quell'impresa mi ha dato un po' di conforto nelle ore trascorse a fissare il soffitto del tugurio di Logan. Ho vegliato a lungo, sicuro che da un momento all'altro lo stesso spaventoso rombo che accompagnò l'assalto della Bestia del Ponte avrebbe fatto tremare le mura del nostro rifugio.

Poi l'inquietudine deve aver ceduto il campo alla stanchezza, e sono sprofondato nel sonno. Ho sognato il Caporal Maggiore Duncan: si trascinava su per quella mulattiera, claudicante per le ferite eppure fiero e risoluto come prego di saper essere anch'io nel mio ultimo giorno. La tormenta ululava intorno a noi, ostacolandoci il cammino e riempiendoci il volto di polvere acre. Il Picco di Ayles sembrava incombere come un gigante malevolo, e tutti ci sentivamo smarriti, esausti, intrappolati nella morsa della Maledizione di Ghaan che confonde gli intrusi e li conduce alla rovina. Dietro di noi, però, Dunc continuava ad avanzare incurante delle raffiche, facendosi sempre più piccolo, finché la notte non ha ingoiato le sue torce.

Ho aperto gli occhi e mi sono sentito pieno di orgoglio.

Se Lady Yara ha potuto riabbracciare in lacrime lo Scudo, ed in esso ritrovare lo spirito dei confratelli perduti, è solo grazie al sacrificio di quel soldato, al coraggio dei suoi commilitoni, a come tutti insieme abbiamo marciato tra le rupi maledette di Ghaan ridendo della fatica, della sofferenza, del nemico sempre in agguato, degli orrori ancestrali che dalla più remota delle epoche rivendicano su quei luoghi il loro oscuro dominio. La presa di Gretel, per quanto effimera, ha mostrato a tutti che il nero sortilegio di Ghaan può essere infranto, che questa guerra si può e si deve vincere.

Brian Sturm ha trovato ad Angvard il senso della sua vocazione: la Reliquia lo ha chiamato a sé come il pastore fa con il gregge sperduto, rinsaldando quella Fede che lui per primo credeva spezzata per sempre... d'altra parte uno Scudo consacrato a Dytros resta una difesa formidabile, per quanto sia profonda la frattura che lo attraversa. Quanto a me, continuerò a cercare il senso della mia tra compagni d'arme orgogliosi e senza dio, beoni e puttanieri, e però leali, infaticabili, a modo loro eroici.

Entrambi siamo esattamente dove ci vogliono gli Dei...esattamente dove vorremmo essere.
scritto da Bohemond , 15:50 | permalink | markup wiki | commenti (11)
 
22 settembre 516
Sabato 30 Novembre 2013

Non è questo il giorno



Riesco a malapena a tenere gli occhi aperti. Il bagliore del fuoco fa affiorare dal buio lo spettro di Padre Engelhaft, seduto al mio capezzale a mormorare giaculatorie; le orecchie mi ronzano come se avessi un nido di vespe impazzite nel cervello e non riesco distinguere le parole, ma a giudicare dalla sua smorfia contrita sospetto che non stia indirizzando le sue invocazioni a Reyks, Signore della Speranza, quanto piuttosto a Kayah la Consolatrice.

In soldoni, sono fottuto.

Non ho di che lamentarmi. Quando ho giurato a me stesso che avrei fatto di tutto per meritare la cappa purpurea ho messo in conto di non avere vita lunga....certo è triste andarci a rimettere la pelle così, da sicario di quel pagliaccio di Dur-dur. Come posso prendermela con Dytros se a questo giro non è stato dalla mia?

C'è fumo nella stanza, i camini di questo rudere non tirano bene...chi prendo in giro, è la vista che mi sta abbandonando. E' arrivato il giorno, Bohemond, è arrivata l'ora, e l'ultima cosa che ti toccherà vedere è il grugno triste e pallido di Engelhaft.

Se Padre Rostand fosse qui, anche lui mi veglierebbe fino alla fine, come sempre faceva coi feriti più gravi al Sanatorio. Ricordo bene il discorso che faceva ai poveretti per dare loro coraggio: "Riposa, ragazzo, dormici su. Hai preso un brutto colpo, ma stai tranquillo. Ne vedo tanti qui ad Achenar, conciati come te, e sembrano tutti sul punto di rendere l'anima agli Dei, e non faccio a tempo a rimetterli insieme che subito se ne corrono là fuori a farsi sfasciare un'altra volta. Anche per te andrà così, non è questo il tuo giorno."

Se fosse qui...chissà, magari aggiungerebbe "e se il nostro confratello qui avesse letto con maggiore attenzione i trattati di medicina, sarebbe a lui a dirti queste cose, invece di perdere tempo a recitarti il funerale."

Chiudo gli occhi per l'ultima volta, sorridendo.

scritto da Bohemond D'Arlac , 15:07 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
3 settembre 516
Mercoledì 16 Ottobre 2013

Obbedienza

Capisco fin troppo bene la frustrazione di Brian Sturm, perché per molto tempo è stata la mia. La Regola di Dytros impone agli adepti la più assoluta obbedienza agli ordini dei superiori. Anche quando credi che abbiano torto marcio, anche quando dentro di te sai che se farai quel che ti dicono un'ingiustizia andrà impunita, un inerme abbandonato al suo destino, un'innocente invendicata.

Layka fu la mia prima, alla Casa del Sole Nascente, ed era bella da lasciarti senza fiato. Pareva vivere la sua condizione di reietta con orgogliosa, disperata allegria...ed erano giorni in cui non ambivo a miglior compagnia che quella dei reietti e degli scapestrati. Se c'è un debito che mai avrò modo di ripagare abbastanza a Roland Montaine, fu proprio la notte in cui mi regalò le grazie di quella dea bionda dal sorriso impertinente. "La Giustizia è un'amante crudele, caro il mio Bo, e la Fortuna...quella delle puttane è di sicuro la più disonesta, e non vede l'ora di lasciarci a bocca asciutta quando pensiamo di averla conquistata. Molliamo i dadi di questa bettola fetente, e diamocela a gambe con il nostro gruzzolo, ti porto in un posto dove troverai la donna giusta per dimenticare i tuoi guai." Mi ricordo del ragazzino che Roland aveva finito di spennare, un aspirante biscazziere magro come un chiodo, incapace di apparir truce malgrado le cicatrici di un paio di duelli ben in vista sul suo muso ancora imberbe: uno dei tanti bambocci di campagna che vengono ad Achenar a darsi arie da spadaccini, come del resto ero stato io al mio arrivo in città. Ci guardò andar via con aria afflitta, gli occhi vitrei per il troppo vino.

Una lunga corsa nei vicoli e poi...fa quasi male tornare con la mente a quella sera e al profumo di Layka, alla dolcezza dei suoi baci. Solo di recente ho visto una bellezza simile, e lo stesso orgoglio, la stessa sfrontatezza...ma se la gioiosa follia di Layka avvampava come una fiamma, tanto più luminosa quanto più in fretta si consumarono i suoi pochi anni, la luce sfavillante di Kalina è quella di un lago in inverno, e nasconde acque profonde, nere e dense di pericoli mortali.

...ma oltre la riva lo attendeva una gelida lastra, più nera della Notte del Fato, e sotto questa ristagnavano acque torbide, popolate di orrori senza nome...

Molti amarono Layka assai più di quanto non richiedesse la sua professione, ed io tra loro credevo di essere il più appassionato, e che un giorno questo me l'avrebbe vinta per sempre. Mentii per lei, e quando le menzogne non bastarono arrivai persino a farmi ladro, non avendo il denaro per potermi bagnare nel suo splendore quanto il mio cuore desiderava. Qualcuno aveva duellato ed ucciso per lei. Fatalmente qualcuno arrivò ad ucciderla. Si disse che un vecchio sergente della Guardia, tale John Combard, che aveva preso a frequentarla di recente, si fosse offerto di affrancarla a patto che venisse a vivere con lui, e che di fronte ad un rifiuto fosse passato alle minacce, proclamandosi un uomo di mezzi ed influenza, uno che a scontentarlo si finisce molto male. Layka non era tipo da aver paura di qualcosa, e purtroppo aveva una lingua assai tagliente. "Se solo tu fossi la metà dell'uomo che dici di essere, me ne sarei di certo accorta: con te non si sa mai quando hai finito... e ad essere oneste neppure quando hai cominciato!" pare che gli avesse detto, e che poi fosse scoppiata in una risata cristallina delle sue. Quando Jean la Piuma e Tonio Spezzacolli infine irruppero nella stanza, non le era rimasto più un osso intero. Combard continuava a colpirla, i pugni rossi e gonfi, e lo dovettero trascinare via di peso fuori dalla Casa. La cosa andò come doveva andare; le guardie vennero un paio di volte, le testimoni furono sentite, i buttafuori dissero la loro...nessuno fece il nome di John Combard. Un ubriacone che aveva la sfortuna di somigliargli vagamente finì appeso alla forca. Che le puttane si guadagnino da vivere con la lingua, del resto, non è mai stata una novità.

Io però volevo giustizia. Ne parlai con gli altri adepti ma nessuno sembrava avere il benché minimo interesse in una torbida storia di bordelli, e anzi, presero a guardarmi con disprezzo per l'intimità con la disgraziata che tradiva la mia concitazione. Aliest in particolare mi accusò apertamente di essere un ipocrita, che nell'incoraggiare Layka a fare merce di se' per la mia soddisfazione non avevo fatto altro, al pari degli altri che l'avevano visitata, che spingerla di un altro passo verso l'inevitabile rovina. "Fattene un'altra, porta anche a quell'infelice l'argento di tuo padre e vedrai che ti saprà servire altrettanto bene, finché campa." Dovettero separarci in quattro.

Fui convocato da Sir Hannibal. Mi lasciò parlare, mi lasciò implorare, infine mi lasciò gridare, se ne rimase immobile e in silenzio. D'un tratto mi fece cenno di sedere. "Sembra solida questa nostra fortezza, non trovi? Mille uomini potrebbero assieparsi nella Gola del Serpente e tentare un assalto, e riusciremmo a respingerli. Eppure, Bohemond, basta un uomo solo per farla cadere." Sorrise senza allegria. "Quando avevo la tua età ero convinto che noi Paladini di Dytros eravamo i supremi custodi della Giustizia, che nulla avrebbe potuto impedirci di punire qualsiasi malefatta. Chi mai avrebbe osato sbarrarci il passo?
E' triste dirlo, ma quando avevo la tua età la mia testa era piena di stronzate...e tu purtroppo sei molto meno sveglio di quanto fossi io."

"Tu pensi di essere l'unico a vedere il mondo per com'è. Pensi che Sir Alec, che io, che il tuo confratello Aliest e tutti gli altri ci siamo bevuti il cervello a forza di recitare salmi. Te ne sbatti della Regola, alla prima occasione ti vai a rintanare in osteria o tra le sottane di qualche baldracca, convinto di averci fatti tutti fessi. Vuoi sapere la verità? Sono stato io a disporre che nessuno ti fermasse. Sei svelto di piede ed hai la faccia tosta di un mercante di Zarak, ma rimani sempre un mocciosetto presuntuoso...il giorno in cui mi lascerò fregare da uno come te grazie al cielo è ancora da venire."

"Ogni volta ho sperato che tu avessi il buon senso di non tornare. E invece niente, puntualmente alla mattina ti rivedo nella piazza d'armi, e mi verrebbe voglia di prenderti a calci nel culo fino a diventare zoppo. Sai perché finora non l'ho fatto?"

Mai avrei immaginato di sentire certi improperi in bocca ad Hannibal, sempre così compunto e solenne. Rimasi di sasso.

"Perchè questa fortezza non rimane in piedi a suon di preghiere, e perché non basta l'aria a riempire i piatti di chi la presidia. Tu per me significhi una cosa sola, vale a dire il sostegno di tuo padre e soprattutto del suo Barone. "

"Non meriti di stare qui più di quanto John Combard sia all'altezza di far parte della Guardia. Siete entrambi impostori, disonorate le vostre insegne, calpestate ogni giorno il giuramento che avete pronunciato di fronte agli Dei. Con che coraggio mi chiedi di amministrare la Giustizia di Dytros, tu che in nulla sei diverso da lui? E se anche volessi, che prove mi porti della colpevolezza di quell'uomo? Chi ha visto ora è cieco, chi ha parlato è rimasto tutto d'un tratto senza voce. Se andassi da Sir Baldas, mi riderebbe in faccia, malgrado lui sia il primo a volersi sbarazzare di quel balordo. Che fare quel punto? Se istruissimo un'indagine per conto nostro ci screditeremmo agli occhi della Guardia Civica, ci accuserebbero di indebita ingerenza, direbbero che siamo mossi dal desiderio di soppiantarli. Tahar Crahe dal canto suo ci andrebbe a nozze...lui e la sua cricca di scalmanati non aspettano altro che un pretesto per dar la caccia alle fratine in ogni vicolo della città, e si vanterebbero pure di combattere
nel nome del nostro povero Dytros, quella sì che sarebbe da ridere."

"Così, un bel mattino, Lord Martin si affaccerebbe sulla Piazza della Torre ed al suo posto troverebbe un campo di battaglia...proprio un bel servizio avremmo fatto a Sua Eccellenza e alla gente di Achenar. E la sai una cosa? Tutto questo casino non servirebbe a niente, non ci sarebbe comunque alcun processo per John Combard, e lui se ne rimarrebbe esattamente dov'è ora. Quanto alla Fortezza Bianca...va da se che finirebbe sepolta sotto una tale montagna di merda che potremmo metterci tutti a scavare per un mese e comunque non ritroveremmo l'ingresso."

Malgrado il linguaggio da angiporto, non sembrava arrabbiato, solo molto stanco. Si concesse un sospiro e per un attimo distolse lo sguardo da me, poi mi indicò le pareti del suo studio.

"Questa nostre mura sembrano solide, quando in realtà sono fragili come gesso e basterebbe un idiota come te a farle sbriciolare. Non te lo consentirò. Voglio che tu trascorra gli ultimi mesi della tua ferma presso il Sanatorio, il più lontano possibile dai miei occhi. Sarai assegnato alla supervisione di Padre Rostand. Combatte ogni santo giorno con canaglie come te e confido che saprà come tenerti a bada. Fa' pure i tuoi comodi, sbronzati, sputtanati i soldi che ti restano, a nessuno qui importerà, e nemmeno a lui. Ma bada bene a non intralciare il suo lavoro, mai, o quanto è vero Dytros scendo di persona, ti strappo la testa con queste mani e te la caccio su per il culo. Sir Alec è d'accordo con me...fosse stato per lui non avresti mai ricevuto le Nove Benedizioni. Ora vai a raccogliere le tue cose, parti all'alba."

Lei non ebbe mai giustizia, e neppure il misero conforto di una tomba. Fu gettata via come immondizia in una fossa comune. Nel corso delle prime settimane al Sanatorio coltivai ingenui propositi di vendetta, ma come avrebbe mai potuto un ragazzo inesperto come me avere la meglio di una guardia veterana che quasi mai si privava della compagnia dei suoi sgherri? Mi sentivo sciocco e fuori posto, degno compare dello
sbarbatello che Roland aveva ripulito quella notte alla bisca. Di giorno assistevo Rostand, un prete di poche parole, sempre affaccendato a rimettere in sesto feriti ed infermi. Di notte cercavo svago nelle solite taverne, ma non volli più rimetter piede in quella Casa che tanto poco ci aveva messo a rinnegare la mia Layka. Quanto ai Paladini, mi avevano definitivamente lasciato solo, e giurai a me stesso che non avrei mai più avuto niente a che fare con loro...

...ma col tempo finii per mettere un po' di giudizio anch'io.

So che per Brian la faccenda è diversa e assai peggiore. Laddove io non ero che un piantagrane e uno sbandato, Brian stava combattendo la Giusta Battaglia. Non so cosa abbia chiesto, né perché gli sia stato rifiutato, ma immagino che ora lo ripugni l'idea di chiamare confratello chi è rimasto a guardare, chi non ha mosso un dito, quasi che la colpa di costoro ricada così anche su di lui. C'è un peso che nessun Paladino non potrà mai sopportare, ed è la vergogna delle vesti che indossa.

Ho però una speranza, per quanto piccola. Fu molto più facile per me capire, e dover perdonare ciò che torto non fu... ma il sentiero che Brian Sturm deve percorrere è lo stesso che ho calcato anch'io. La Chiesa è una fortezza solo in apparenza impenetrabile, minacciata su ogni lato dall'arroganza, dall'avidità, dalla meschinità degli uomini. Essa è come una nave, squassata dal mare delle umane miserie che in ogni momento minaccia di ingoiarla. A noialtri marinai tocca bestemmiare e dar di remo, ma grande è anche il sacrificio di chi sta al timone, di chi ogni giorno si cruccia a mantenere la rotta tra i cavalloni, di chi ogni notte deve scegliere se soccorrere i naufraghi tra i flutti o far scampare il misero scafo alla furia della tempesta; se esso si spezzasse, nessuno potrebbe più essere salvato.

Brian deve capirlo...è la Chiesa ad avere bisogno di lui, non il contrario. Noi Paladini di Dytros non pratichiamo l'Obbedienza perché certi dell'infallibilità di chi ci guida, né ci interessa; sta al Dio giudicare le mancanze di ciascuno, sia egli soldato o comandante. Noi pratichiamo l'Obbedienza per essere degni delle vesti che portiamo: è' con l'Obbedienza, infatti, che conquistiamo l'Umiltà, poiché solo chi è umile può riconoscere la Verità, e solo chi cammina nella Verità può amministrare la Giustizia degli Dei.
scritto da Bohemond D'Arlac , 00:17 | permalink | markup wiki | commenti (3)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 1 di 3
1 · 2 · 3