Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Non le serbo rancore »
- Sven Herzog -
 
La cerca di Bohemond
Bohemond D'Arlac
"Tu fai parte dei Primi, Bohemond, non dimenticarlo mai."
creato il: 24/01/2012   messaggi totali: 27   commenti totali: 25
65864 visite dal 24/01/2012 (ultima visita il 17/04/2024, 12:12)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 1 di 6
1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6
10 Aprile 518
Mercoledì 29 Marzo 2023

Yara



Sbatto le palpebre e come per incanto ho di nuovo dieci dita. Abbasso lentamente la mano, gli occhi fissi nei tuoi. Sorridi, ora, e sembri compiaciuta dal nostro atteggiamento calmo e controllato a dispetto dell'assurdità della situazione in cui siamo stati precipitati e del muro di inimiciza e di sospetto che ci separa da te: presso Ghaan ci siamo fatti una notevole fama di negoziatori, ormai, che evidentemente stai giudicando ben meritata.

Da Padre Engelhaft mi sarei aspettato la stessa furiosa indignazione che poco fa Colin ha esibito di fronte alla nostra decisione, che certo deve essergli parsa cinica, di ridurre le già misere possibilità di Madre Magdalene pur di preservare quelle di tutti noi. E invece se ne sta qui accanto a me in un silenzio che mi pare quasi di sconfitta. Si è infine rassegnato a non contrastare oltre l'impensabile compromesso a cui questa guerra ci ha costretti? Ha finalmente capito anche lui il senso delle parole di Padre Valon? Non deve essere stato facile per uno come lui, abituato a fare della diffidenza la sua arma più affilata nella lotta agli inganni della Tenebra, trovarsi a dover compiere l'opera dei Primi tra le contraddizioni di questa frontiera...se devo essere onesto con me stesso, le mie mancanze hanno contribuito a rendere ancor più arduo il suo cammino: lo ha sempre turbato (se non inorridito) la facilità con cui mi lascio sviare dalle lusinghe, non importa troppo se luminose od oscure, di questo luogo e di questo tempo in cui riverbera l'eco di altri luoghi e tempi in cui gli uomini si facevano Eroi, impadronendosi del proprio Destino e muovendo guerra al Cielo o all'Inferno invece di rivolgere loro preghiere.

Chi invece pare proprio sul punto di saltarti alla gola è, incredibilmente, Kailah, che di noi è sempre stata la più dolce e la meno bellicosa. Ci raccontò in effetti di come esercitasti le tue arti oscure su di lei quando vi siete incontrate per trattare la liberazione del Sergente Rock: ci disse che eri riuscita a portarglielo via dalla mente...e lo diceva con un orrore profondissimo, quasi le avessi toccato la cosa più cara che avesse. Lo stesso orrore si è dipinto sul suo volto ora che ti ha riconosciuta, e negli occhi della più fidata tra i miei compagni si sono accese scintille di rancore come mai ne avevo viste prima. Mi chiedo quale volto, quale nome dovresti rubarmi per istigare in me la stessa ostilità...magari fosse uno solo. La rivedo affrontare sognante e spensierata il mattino del giorno sacro a Dytros mentre io me ne stavo al tavolo a rimuginare incupito con la pipa in mano, mi torna alle orecchie la sua risata squillante e imbarazzata in risposta agli scherzi di Giada. Si farà bella per Aiden, bastardo fortunato di un Elsenorita, ho pensato. L'avrei rivista più tardi sfoggiare una chioma acconciata in modo festoso sì, ma senza le stravaganze necessarie per calamitare l'attenzione del suo Principe. Aveva assunto invece un'aria più posata e adulta, adatta per qualcuno di gusti più maturi e con poca pazienza per i fronzoli, qualcuno come...ah...

Sven invece resta fedele a se stesso, non lascia trasparire alcuna emozione e se ne resta con la schiena addossata ad una parete della stanza con la solita aria sorniona, apparentemente in posizione di riposo ma pronto ad entrare in guardia se dovesse capitare qualche brutto imprevisto. Che si tratti di una taverna malfamata, di un campo di battaglia o dell'Inferno Ghiacciato, la sua dottrina è sempre quella: fregarsene delle complicazioni, badare al sodo e nell'incertezza lasciare le redini all'istinto. Se siamo usciti vivi da quel carro, se abbiamo avuto la meglio su Grom e Frank prima che Loki e gli altri spauracchi di Muramar mangiassero la foglia, beh, in larga parte è merito suo.

Colin poi...quanto mi fa incazzare quel ragazzo certe volte! E' uno degli uomini più intelligenti che conosco eppure non gli riesce proprio di mettere da parte le sue romanticherie da cerusico, mai, neanche quando rischiano di mandarci tutti al creatore. E non è che non capisca le crudeli necessità della vita del soldato...semplicemente è convinto che non lo riguardino, che al mondo esistano solo lui e i suoi pazienti. Chissà se prima o poi si renderà conto che in plotone sono tutti pazienti, non soltanto quelli messi peggio, e tutti medici, che prevenire una ferita non è meno nobile o importante che sanarla. Se non altro le situazioni inconsuete come quella che stiamo vivendo stuzzicano la sua curiosità di uomo di ingegno. Il suo sguardo indagatore scruta te e le illusioni di cui ci hai circondati, sondando ogni dettaglio che possa aiutarlo a discernere i tuoi tranelli... se stai per tirarci un brutto scherzo sono certo che se ne accorgerà in un lampo.

E infine ci sono io. Se fosse stato per me non saresti mai tornata in libertà: ho cercato in tutti i modi di dissuadere Yara dallo scambiarti con sir Lachdan Jung ma lei proprio non volle darmi retta. Persino Padre Engelhaft, che non si può certo dire tenero coi nemici della Fede, era assai più aperto di me all'idea di rimetterti in circolazione. Insomma, qualche mese fa sarei stato la persona peggiore con cui potevi sperare di spuntare un accordo... ma in questo poco tempo sono successe tante e tali cose che stento a riconoscermi. Il sogno di Yara, quello vero, un passo alla volta è divenuto la Sacra Avanzata che ha travolto Ghaan come un'onda di marea. Non immaginava, però, il prezzo spaventoso che avresti imposto al suo trionfo.



"Questa non è una guerra di Dei, è una guerra di uomini...non dimenticatelo mai."

Mi sforzo come posso di non dimenticarlo mentre ci sveli la natura dell'ordalia a cui hai sottoposto la mia Signora. Ti ascolto molto attentamente mentre racconti di cosa Yara sia stata capace di fare a dispetto dei tuoi tentativi di confonderla e spezzarla, della tenacia con cui ad uno ad uno ha strappato alla crudele legge del tuo incubo quei fantasmi che tu avevi inviato a tormentarla: salvandoli, accogliendoli, radunandoli, armandoli... facendo di essi un popolo disposto a sorreggerla, fiducioso della protezione del suo scudo.

L'ammirazione suggerita dalle tue parole mi sembra sincera, così come credo davvero che tu abbia deciso di aiutarla, ad un certo punto, che in fondo al tuo cuore nero si sia acceso il desiderio di essere anche tu parte di quel popolo, di prenderla sulle tue spalle per sollevarla al cielo, di trovare anche tu un dolce riparo sotto allo Scudo dell'Eroina. In fondo non è questo il significato del rudimentale Abbraccio dell'Angelo che hai voluto porre sulle spalle sue e di Cystal?

E allora facciamola noi, liberando Yara, questa pace di uomini. Detta pure le tue condizioni.

La prima, personale, mi stupisce. Mi dici del destino di Vesa, dell'ira spaventosa che si è abbattuta su di lui per mia mano, dell'inferno a cui viene sottoposto con crudeltà da una potestà talmente terribile che persino tu la temi. So bene di chi parli, e sulle mie labbra affiora l'ombra di un sorriso: sono proprio in gamba entrambe le mie ragazze, non trovi? Sta bene, intercederò ben volentieri per il Bandito, fin troppo caro gli è costato l'aver orchestrato così efficacemente la sua cruenta messinscena.

La seconda, politica, nessuno di noi è in grado di valutarla... sarà Yara a darle avallo. Che un Ghaan torni sul trono della Baronia sembra una prospettiva promettente per la solidità del nuovo assetto, c'è solo da sperare che la follia e la sete di sangue del diabolico Estov siano state l'eccezione e non la regola tra i membri preminenti di quel casato.

La terza, militare, potevamo ben immaginarla. Prima o poi sarebbe stato inevitabile fare i conti con il famigerato Chad Wilson, braccio armato di Aghvan e corteggiatore di demoni, un uomo di forza e di valore tali da rendere persino i suoi formidabili Innanlzati poco più che reclute imbelli al confronto di un veterano di mille campagne. Un Runihura, come quel tetro Kraighar che braccò come un lupo famelico i miei compagni nel Cariceto di Amedran e che tanta impressione seppe fare al nostro truce Vodan prima di sparire per sempre nelle Tenebre.

Ci proponi un atto di guerra per liberare una volta per tutte il mondo da quello spaventoso guerriero, oppure una sfida, l'ennesima, per dargli la possibilità di uscire di scena alle sue condizioni. Nessuna delle due soluzioni mi sembra appropriata, ma per il momento lo tengo per me. Non sono l'unico chiamato a prendere questa decisione, tutti noi che abbiamo affrontato il tuo incubo per raggiungere Yara abbiamo il medesimo diritto e portiamo lo stesso fardello.

La guerra degli uomini finisce oggi, mi dico, e non si combatterà oltre. Quanto alle sfide...ecco quello che penso.

Nel giorno consacrato a Dytros abbiamo raccolto la sfida mossaci da Chad Wilson secondo una tradizione gradita all'Eterno Avversario: gli Dei e gli Uomini ci sono stati da testimoni mentre ci sottoponevamo al giudizio del Fato ed il responso, netto, ora è sacro per la legge di entrambi. Se Sir Wilson intende ricusare il Fato senza coprirsi di disonore non è a noi che dovrà muovere guerra, ma al Fato stesso.

Esige dunque da noi una nuova prova con cui sperare di sovvertire l'esito di quella precedente? Gliela concederemo, ma questa volta secondo una tradizione gradita all'Inesausto: finito il tempo dei duelli fatali imperniati sull'esaltazione del solo valore personale, proporremo invece un'impresa temeraria che dia a chi vi partecipi l'occasione di misurare il proprio coraggio con quello altrui nel perseguimento di un traguardo folle e impossibile.

Oserà varcare con noi la soglia dell'Abisso per dare l'assalto alla roccaforte dell'Araldo di Valafor, la sorgente del Sangue di cui ha così tanta ammirazione? Accetterà di misurarsi da uomo con le potenze demoniache per rivendicare il dominio che esse pretendono di avere su questa terra, o diserterà la nostra chiamata, accontentandosi più volentieri di prede meno ostiche per saziare il suo appetito di gloria?

Che ci incontri a Valith, se lo desidera. Porti i suoi Innalzati, se ritiene di averne bisogno. Chi mai di noi uscisse vivo dall'Impresa potrà dire di aver saldato ogni conto con il Fato...e aprirne di nuovi, a buon diritto, se mai bramasse ancora soddisfazione.
scritto da Bohemond D'Arlac , 20:49 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
10 Aprile 518
Mercoledì 29 Marzo 2023

Kalya



"Devi essere molto sicura di te se non ti fai scrupoli a mostrare la tua faccia così, proprio a noi."

Incredibile.

Non saprei come altro definire l'esperienza che stiamo vivendo: tutto ciò che i nostri sensi hanno percepito attorno a noi da quando ci siamo destati nudi come vermi nell'oscurità e nel fetore, stipati in mezzo all'orrendo carico di un carro stracolmo di cadaveri, non è che una menzogna.

Guardo la mia mano sinistra e scopro di avere un dito mozzo, un dito che solo pochi momenti fa era lì, incrostato di liquame secco e coronato da un'unghia nera e spezzata al pari dei nove fratelli assieme a cui, poco fa, si è dovuto aprire una via d'uscita attraverso una montagna di corpi senza vita.

Sollevo la mano davanti ai miei occhi increduli finché lo spazio vuoto che separa il medio dal mignolo non incornicia il volto lentigginoso di Mandy Sphere. Osserva guardinga la mia reazione. "Ora hai capito...sono sicura che non farete niente di stupido." Bel gioco di prestigio del cazzo, complimenti.

I due carrettieri che abbiamo soverchiato con la forza della disperazione, la ferita mortale di Madre Magdalene , l'intera Signoria dei Morti con il suo pendio scosceso, la cancellata irta di scheletri, il colossale albero nero, le tombe che biancheggiavano sotto la luce lunare come a Cantor, i sinistri occupanti dediti a indicibili commerci di carne viva e morta...tutti gli orrori a cui sembrava che fossimo riusciti a scampare per un soffio grazie al sangue freddo di tutti, alla mia faccia tosta da Amerita e all'intervento dei due misteriosi cavalieri giunti coi loro giovani aiutanti in nostro soccorso: niente di tutto questo è stato vero, nemmeno il casolare dove Lady Yara (Yara!) ci ha portati in salvo, nemmeno la sua Crystal, più giovane di quella che ora giace accanto a Madre Magdalene, e senza traccia di menomazioni.

L'improvvisa sparizione del mio anulare sinistro è una dimostrazione molto convincente del dominio che Mandy, nostra vecchia conoscenza, può esercitare su questo palcoscenico onirico. Il mio stupore si esaurisce molto rapidamente: questa realtà di sogni ed inganni è per tanti versi simile a quella che Kalya Niad più volte ha allestito per ospitare i nostri conciliaboli.

Già, Mandy, ora ho capito perché sembri così tranquilla in nostra presenza: nulla qui può avere luogo se tu non intendi consentirlo...nulla a parte noi. Ciò che abbiamo compiuto a Ghaan ci ha evidentemente guadagnato la possibilità di farci strada di soppiatto attraverso la ragnatela che, intrecciando come trame i suoi stessi incubi, hai dispiegato attorno a Yara. Ma non siamo comunque una minaccia per te, vero, per quanto ospiti inattesi? In fondo siamo rimasti intrappolati nella tua rete tanto quanto lei.

Allo stesso modo devo essere stato in balia della potestà di Kalya ogni volta che le ho consentito di entrare da padrona nei miei sogni. A differenza di te, però, Kalya non ha mai cercato di ingannarmi sulla sua vera natura, anzi.

Dapprima fu sprezzante: mi parlava come una dama che si rivolge ad un postulante importuno, pareva quasi si divertisse ad esibire con sfrontatezza le cupe ombre del suo passato ad Elsenore pur di dissuadermi dal demenziale proposito di stringere con lei un'alleanza personale che mi si è ficcato in testa fin dalla prima volta che Barun ci disse della loro intesa.

Successivamente i suoi modi si son fatti meno caustici, più concilianti, quasi complici...ma guai a mettere apertamente in dubbio i suoi disegni, a muoverle accuse a proposito di Brian, ad suggerire analogie tra lei e l'oscura forza di seduzione a cui mi ero stupidamente esposto presso il Castello di Seta! Avvampava di rabbia allora, e pareva sinceramente ferita dalla mia ipocrisia, dal mio disprezzo, dalla mia sciocca supponenza.

Ho preso una decisione sofferta e quasi certamente folle nell'abbandonarmi fino in fondo a quell'azzardo sconsiderato e, a costo di dover lasciare l'anima sul piatto, ho puntato su di lei con tutto me stesso, senza più riserve né giudizi...ed è a quel punto che abbiamo iniziato a conversare da pari, e con franchezza, di ciò che sta a cuore ad entrambi e di come proteggerlo insieme, invece di combatterci da nemici come vorrebbero gli Dei.

L'ultima volta che ci siamo parlati è stato ad Angvard...la mia Angvard, non la rocca petrosa ed antica come si svela agli occhi dei suoi visitatori, ma il bastione incrollabile rimasto impresso nel cuore mio e di Brian Sturm quando capimmo che quella e solo quella sarebbe mai potuta essere casa nostra.

Nel sogno il salone d'onore del Palazzo e l'immensa aula del Mausoleo degli Antenati parevano fusi insieme: all'ombra dell'imponente altorilievo che ritrae l'Eroe sorretto dal suo popolo mentre si erge a difesa del mondo si stagliava vacante il trono di Yara; attraverso gli ampi finestroni la luce del giorno disegnava sulle antiche lastre del pavimento, ora qui ora là, la mole rapida del wyrm in volo a protezione del più sacro dei luoghi. Sul volto di Kalya Niad ho indovinato timore, forse anche una punta di riverenza, mentre mi esprimeva la sua gratitudine per aver potuto assistere ad un simile meraviglia. Devo supporre che non fu per grazia del Dio (il cui biasimo anzi ancora gravava su di me come un macigno) che la mia volontà poté stabilire che si svolgesse proprio lì, nel luogo a me più caro, il nostro ultimo incontro... ma per un atto di rispetto della stessa Kalya, compiuto liberamente a sugello della nostra amicizia.

Come sempre quando penso a lei mi assale il ricordo dei suoi occhi come stelle in una gelida notte invernale, splendidi e agghiaccianti insieme, puntati su di me nella penombra liquida del suo sancta sanctorum, e per un attimo rimango sospeso tra paura e desiderio, tra vergogna e nostalgia, tra ripulsa e ammirazione, quasi che fossi stato strappato a questo sogno maledetto per precipitarne in uno al tempo stesso più dolce e più oscuro. Eccheccazzo, Bo! Non ti imbambolare come fai sempre quando ti torna in testa quella donna... sei qui per Yara adesso, e ti manca solo un ultimo sforzo per riprendertela.
scritto da Bohemond D'Arlac , 20:17 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
10 Aprile 518
Sabato 4 Marzo 2023

Fides



"Sparisci. Non te lo ripeterò." La Dama Bianca mi guarda col disprezzo che si riserva agli scarafaggi. Alta più di me e pallida come la morte, non ha su di sé neppure un graffio eppure ha il volto e il pettorale della corazza ricoperti di sangue. Gocce scure si rincorrono lungo la lama nera del suo spadone. Terrificante è l'aggettivo giusto per descriverla. Se voglio uscirne devo concentrarmi su cosa dire...su quali corde toccare.

"Non posso. Quest'uomo ha stretto un patto con me e non me andrò finché non lo avrà onorato." Onore e patti, Decus e Fides, se c'è una lingua con cui intendersi con voi di Ghaan, è quella del Khanùn.

Inclina leggermente il capo verso destra, come per studiarmi meglio.

"E cosa ti ha promesso costui?"

"Giustizia, per il delitto che ha commesso." Probabilmente sono le ultime parole che pronuncio. Non saranno memorabili ma quantomeno sono decorose. Forse come Teegan anch'io ho raggiunto lo scopo per cui sono stato messo al mondo e tra un istante sarò fatto in mille pezzi.

Se ne resta così per chissà quanto, con la testa di sbieco. Pallida e nera, imbrattata di sangue com'è mi ricorda un gigantesco avvoltoio che ha appena finito di ingozzarsi.

Tutt'intorno nel frattempo si stanno raccogliendo gli spettatori dei due duelli che hanno avuto luogo in questa piazza. L'intera situazione ha un che di surreale, come se fossimo tutti protagonisti di un colossale spettacolo all'aperto...e sospetto che buona parte di chi ci sta guardando pensi che è proprio così che siano andate le cose.

"Ti propongo un altro patto."

"Cosa hai in mente?"

Lancia uno sguardo sdegnoso alle sue spalle. Ayza si è trascinata un po' a fatica a poca distanza da noi. Appare stravolta, e quel poco di arte medica che mi è rimasta nella zucca dai tempi della ferma punitiva presso Padre Rostand mi dice che dovrebbe essere morta...almeno tre volte.

"Una vita per una vita. La tua compagna per il mio compagno. Che ne dici?" La guardo incredulo. Che ne dico? Dico che se persino per una cosa come te la vita di un compagno può valere più di una vittoria sul nemico allora forse non è così impossibile che questa guerra abbia termine...anche se Crystal non c'è più.

Ad Ayza basta un'occhiata per capire: accetterò la proposta di Nox."P-posso ancora f-farcela!" prova a protestare con un filo di voce. Sembra davvero mortificata per come è andata la sua sfida. Credo di capire cosa sente: quando diventi un Innalzato una sola cosa ti viene promessa in cambio di tutto ciò che ti è stato portato via, e cioè che diventerai invincibile, un dio-in-terra. Quando scopri che non è così, che cosa ti rimane?

Le sorrido. "No, Ayza, abbiamo combattuto abbastanza per questa notte." China il capo, senza più nemmeno la forza di opporsi. Mi rivolgo quindi a Nox: "Affare fatto. E' tutto tuo." Mi faccio da parte e rinfodero Jaegerin.

La Dama Bianca non bada più a noi. Si precipita sul Bandito ancora in piena agonia, lo solleva tra le braccia e insieme spariscono nella notte.

Non mi resta che dissuadere Ayza dal tentare un inseguimento nella migliore delle ipotesi impossibile e nella peggiore suicida. Non è difficile, si rende conto dopo due passi che non potrebbe farne un terzo senza crollare a terra.

"Mi dispiace, so che non avresti voluto che finisse così" provo a consolarla mentre la sorreggo.

"Hai...s-sbagliato. C-ce li avevamo tut..tutti e d-due, l'av-vrei b-battuta, co...come s-sempre l'ho b-battuta." mi rendo conto che riesce a parlare solo facendo sforzi spaventosi, e che sicuramente è arrabbiata più con se stessa che con me.

"Se ho prevalso è solo grazie all'arma che Kailah mi ha messo nel pugno. E se lei fosse stata al posto mio sono sicuro che non avrebbe esitato ad accettare questo scambio, neppure per un istante. Non avevo il diritto di decidere diversamente."

Già. Questa vittoria non è stata solo mia...ma se fosse stata Jaegerin e non Teegan a conquistarmela non sarebbe cambiato nulla: la vita di Ayza è una ricompensa che mi ripaga ben più di quanto la certezza della morte dell'assassino di Crystal avrebbe mai potuto fare. In questo sono come Kailah...e, a quanto pare, come Nox.

Riesco a convincerla ad appoggiarsi ad un muro del Sanatorio per aspettare assieme che Kailah ed Engelhaft tornino con la conferma della terribile notizia di cui lei, lo realizzo solo ora, non è ancora al corrente.

"Crystal..." dico ad Ayza mentre lei riprende fiato. "...Ayza...Crystal è morta. Abbiamo fallito. E' andato tutto a puttane."

"S-sei sicuro Bohemond? F-forse ci vedo d-doppio m-ma... non è l-lei... q-quella?"

Mi giro verso il portone e, stento a crederlo, Kailah ed Engelhaft stanno scortando Crystal, sana e salva, verso di noi.

Mentre le corro incontro con gli occhi pieni di lacrime ripenso ad ogni gesto compiuto da Vesa stanotte, ad ogni parola che ha pronunciato, e tutto quello a cui non mi riusciva di trovare un senso diventa adesso finalmente chiaro. Pazzo che non eri altro...allora era questo che volevi!
scritto da Bohemond D'Arlac , 00:41 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
10 Aprile 518
Venerdì 3 Marzo 2023

Teegan



La Voce che ha guidato i miei passi fin qui d'improvviso tace; pochi istanti più tardi la luce diafana che sprigiona dal palmo della mano di Kailah ha come un sussulto e si spegne. L'ultima cosa che riusciamo a vedere con chiarezza prima che la tenebra ci ingoi è la sagoma scura che sta avanzando con passo tranquillo verso di noi lungo il corridoio che porta alle stanze di Crystal.

L'uomo, sempre che di uomo si tratti, cammina lentamente accarezzando la parete alla sua destra, e la sua mano guantata vi lascia impressa una lunga stria bruna, del colore che avrebbe il sangue in questo ultimo attimo di penombra innaturale. La parte sinistra del tronco è avvolta dalla falda di un pesante mantello sotto cui si può indovinare un oggetto voluminoso...un qualche genere di arma, suppongo.

Eccoci di fronte all'origine di tutti i cattivi presentimenti di questo lunghissimo giorno, al frutto avvelenato del diversivo di Nox: siamo arrivati tardi.

Un passo ancora e conquista l'intersezione tra il corridoio da cui stiamo arrivando e un altro, più stretto, che lo attraversa perpendicolarmente, poi tutto diventa nero.

Plik...plik...plik...sento il sangue gocciolare dal guanto del nostro avversario. Prima che i miei occhi si abituino all'oscurità ho come l'impressione di continuare ad intravedere l'immagine del figlio di puttana come se mi si fosse impressa nelle retine. Corporatura non troppo imponente, incappucciato, una maschera stilizzata in foggia di teschio a nascondergli il volto (senza alcuna traccia di innocenza, a differenza di quella sul viso di Ayza a cui mi ero trovato a ripensare poco fa).

Non ho davvero idea chi diamine possa essere...Joad Kempf? Il Cacciatore Senza Nome è incerto. Sì...no. Occhi iniettati di sangue brillano debolmente nelle tenebre. Presto sono l'unica cosa che riesco a scorgere: Innalzato. Chi sei? Sguaino Jaegerin. Non me ne frega un cazzo di chi sei. Mi basta sapere COSA sei, ho proprio qui la cura giusta per quelli come te.

Da qualche parte dietro gli angoli del corridoio trasversale filtra la tenue luce di torce lontane, e ci consente di distinguere almeno i contorni dell'Innalzato che ci sbarra la strada.

Infine parla con tono calmo, sicuro, stranamente solenne. "Sapevo che saresti venuto. Sei colui che ha sconfitto l'Uomo Senza Volto. La tua forza ci è nota: è davvero un onore incontrarti."

"Arriva al punto." gli ringhio contro. Mi sto sforzando come posso di non pensare alle ovvie implicazioni dell'orrenda pantomima che questo mostro ha messo in scena, a cosa mi aspetterà una volta che avrò raggiunto l'alloggio di Crystal dopo averlo fatto a pezzi. Perché ti farò a pezzi, lurido verme, non farti illusioni.

"La Paladina di Dytros ha pronunciato un discorso davvero toccante stasera...peccato che il suo braccio non si sia rivelato all'altezza della sua lingua." dice piano, scostando la falda del mantello e mostrando ciò che stringeva nella sinistra: il braccio di legno di Crystal, anch'esso lordo di sangue. Lo lascia cadere a terra con un tonfo. "Sei venuto per uccidermi, immagino."

Mi cade il mondo addosso. Tutto quello per cui abbiamo lavorato, ogni fatica, ogni rischio, ogni sacrificio vanificato dal complotto assassino di questi maledetti. Nox, La Dama Bianca; Sami, l'Orbo; Teemu, il Mordighiaccio; Jarva, il Nordro; Lael, il Re Muto; Vesa, il Bandito. Questi i nomi dei mastini infernali che Chad Wilson ha sguinzagliato affinché questo giorno di pace e giustizia si mutasse in una tregenda blasfema. Il loro vero disegno deve essere sempre stato uno: tappare la bocca alla sola che avrebbe potuto dare voce all'appello di pace di Yara di fronte al popolo in festa stasera e ai rappresentanti delle Genti di Ghaan un domani. Allora perché mai il richiamo di Dytros mi ha fatto giungere fino a qui con tanta urgenza? Perché potessi contemplare il desolante spettacolo del nostro fallimento? Perché potessi vedere coi miei occhi l'autore di questo scempio? Perché ne facessi giustiza?

Ma cos'è la giustizia, penso, se non l'ultima amara consolazione che resta a un difensore che ha mancato al suo dovere?

"Sono venuto a punirti della nefandezza che hai compiuto questa notte." Parole da Paladino.

"Sai, un tempo anch'io ho intrapreso il sentiero dell'Uomo Senza Volto" ribatte. "Il fato ha però tracciato per me un percorso differente...eppure, nel seguirlo, sono stato comunque condotto qui stanotte, di fronte a te. Era destino che ci affrontassimo."

"Ho abbattuto Joad Kempf ai piedi di Gretel ed ho visto il suo successore strisciare sconfitto sul suolo della Sacra. A te non andrà meglio." Parole da Spaccone adesso...maschero come posso il mio sconforto.

L'Innalzato annuisce. "Preferisci affrontarmi da solo o con i tuoi compagni? A me non fa alcuna differenza."

Alle mie spalle ci sono Kailah e il soldato che era con lei, e se non mi inganno dovrebbe averci raggiunti anche Engelhaft. Temo che non saremmo comunque sufficienti, ma che importa? Anche se fossi alla testa dei cento guerrieri più forti di Uryen e Angvard la mia risposta non potrebbe essere che una. "Ce la vediamo io e te." Di nuovo lo Spaccone.

Kailah mi si mette accanto e mi porge qualcosa. "Prendi questo, Bohemond." Un pugnale istoriato dalla lama nera e ricurva... so che cos'è, da dove viene e soprattutto a chi apparteneva. Lascio la presa sullo scudo e lo afferro senza starci troppo a pensare.

"E' un errore, lo sai benissimo" protesta dentro di me il Paladino. "E' l'unica cosa che può ancora dare un senso a questa pagliacciata!" obietta lo Spaccone, impaziente di prendere le redini. "E' un Dono, e come tale noi lo accetteremo. Così fu scritto, così dovrà essere." sentenzia freddamente il Cacciatore.

L'Innalzato non sembra curarsi del gesto di Kailah. "Dove vogliamo condurre il nostro scontro? Qui?" Fa per mettere mano alle spade che porta alla cintura.

Penso. Il corridoio stretto favorisce un combattente agile e senza troppi ingombri. Mi vede ancora con lo scudo imbracciato, con questo assetto sarei in svantaggio e lui lo sa. Quello che non sa è che non sarebbe un problema, che intendo affrontarlo ad armi pari, lama per lama. Il buio è un'altra grana: qui io ci vedo a malapena mentre lui è letteralmente nel suo elemento. No. Non qui...se esiste anche solo una microscopica speranza che Crystal sia ancora viva, è imperativo che Kailah ed Engelhaft possano raggiungerla, e non succederà mai finché questo stronzo ci sbarra il passo. Se solo riuscissi ad attirarlo via, a tenerlo impegnato quel tanto che serve a far entrare i nostri... e poi c'è Ayza, là fuori, anche lei ha bisogno di noi.

"Fuori di qui c'è un altro duello che si sta combattendo alla luce della luna. E' un buon posto: spazi ampi, buona visibilità, potremo entrambi dare il nostro meglio." Duelli al chiaro di luna a due passi dal Sanatorio... proprio come ad Achenar. Chissà cosa ne penserebbe Padre Rostand di quello che mi sto accingendo a fare. "Lo sai." dice gelido il Paladino. "Eppure hai già deciso."

"E' deciso, allora." gli fa inconsapevolmente eco l'Innalzato.

Kailah, ancora al mio fianco, farebbe per avanzare. "Non avrai nulla in contrario se noialtri proseguiamo, quindi."

L'Innalzato scuote il capo. "Mi dispiace. Non posso consentirvi di avanzare oltre." Solleva la spada che impugna nella destra in un gesto che non ammette obiezioni.

Ci prendi per il culo? Il sangue sulla parete, il braccio di legno di Crystal...che cos'è rimasto che non vuoi farci vedere, ancora? Mi stai dicendo che per poter riavere le spoglie della nostra amica dobbiamo prima sottoporci al tuo giudizio, dimostrarti di esserne degni? E' per questo ti sei preso tanto disturbo? Ne ho davvero le palle piene di voialtri Ghaanesi, Nordri, Elsenoriti e soprattutto delle ordalie del cazzo con cui ritenete di poter stabilire pure se uno possa o meno andare a pisciare. Lo Spaccone smania, ma in realtà non ha il coraggio né la forza di aggrapparsi al barlume di speranza che le parole ed il gesto dell'Innalzato potrebbero alimentare.

Le dico all'orecchio che va bene così: dovranno aspettare il momento buono per sgattaiolare dentro. Lei fa un cenno col capo e mi asseconda.

Ci mettiamo un'eternità ad uscire dal Sanatorio. Mi rendo conto di non sapere come ripercorrere il tragitto fatto pochi istanti fa: quei passi non erano i miei, adesso è Kailah a doverci guidare. L'Innalzato chiude la fila per assicurarsi che nessuno provi ad aggirarlo: le circostanze ci impongono di dargli le spalle...follia, sono certo che stia pensando Engelhaft che se lo ritrova proprio dietro, e stavolta non posso dargli torto.

Siamo fuori. Alla nostra sinistra il combattimento tra Ayza e Nox non si è ancora concluso e le due continuano a fronteggiarsi tra gli sguardi attoniti dei presenti. La Dama Sterminatrice continua ad avere l'iniziativa ma è solo un'illusione: anche da qui è chiaro che sia più lenta, più stanca, più incerta di prima, mentre la Dama Bianca appare ancora al picco delle sue capacità... ho paura che anche ad Ayza servirà un miracolo per cavarsela.

Una gatta da pelare alla volta. Mi è stata concessa la scelta del posto e devo approfittarne: mi allontano quel tanto che basta dal Sanatorio da rendere più difficile per l'Innalzato intercettare i miei compagni quando dovranno lanciarsi verso Crystal, in un punto dove la luce lunare non è oscurata dalla mole dell'edificio. "Qui" dico. Il mio avversario si ferma a cinque passi da me e attende in silenzio.



Imbraccio ancora per un istante lo scudo con l'Angelo di Dytros, quello che, per così dire ho, "preso in prestito" a Dan Bucky. E' il giorno sacro al Dio e dovresti essere tu, amico mio, a proteggermi il fianco mentre amministro la Sua giustizia. La fine crudele di Crystal ci ha ricordato però che se tu non sei l'Antico Scudo io non posso dirmi né un Difensore né un Eroe: ora che la missione è irrimediabilmente fallita alla sfida che mi è stata lanciata devo rispondere solo come uomo. Slaccio le fibbie una dopo l'altra, lo deposito con cura sul terreno. Nella mancina ho ancora stretto il pugnale dalla lama nera.

So cosa sei. So da dove vieni. So a chi appartenevi. Kalya Niadh non poteva immaginare che saresti finita nel mio pugno proprio nel giorno sacro al Dio di Brian Sturm, ma sono certo che apprezzerebbe l'ironia della cosa. Forse aveva un nome sulle labbra quando ti ha affidata a Kailah quel giorno, ma lo tenne per sé: a chi importerebbe mai, del resto, del nome di una puttana morta?

Io quel nome non l'ho dimenticato. Si trattava di decidere chi tra le Sirene avremmo dovuto scortare a Skogen affinché svolgesse per l'Esercito di Uryen un compito pericolosissimo e fondamentale per le sorti della guerra. Mi è piaciuto subito il suo piglio. Dritta al sodo, sfacciata, svelta di lingua e di coltello... dei tre voti che avevo a disposizione due andarono a lei, e l'altro a colei che si sarebbe volentieri lanciata in quest'impresa pur di preservare le sue ragazze dall'azzardo a cui Marvin Barun si era messo in testa di esporle. Andò diversamente: i miei compagni la giudicarono troppo intraprendente, la scartarono per il suo stesso bene. Nessuno immaginava che questa decisione che pareva dovesse salvarle la vita avrebbe invece finito per condurla tra gli artigli mostruosi di William Deed.

Era a lei che avresti voluto affidare questa lama, Kalya? Ma non hai fatto in tempo...proprio come me.

E così a questo strumento che doveva essere di protezione non è rimasto che diventare un'arma di cieca vendetta...e poiché non ti sarebbe mai stata concessa l'occasione di portarla a compimento di persona l'hai messa nella nostre mani: una lettera impregnata di veleno, vergata con la rabbia impotente di chi non potrà mai pretendere risarcimento per ciò che ha perduto, che sto per consegnare per tuo conto ad un destinatario scelto dal Fato.

Anche se tutto è andato in malora ci resta quindi ancora una ragione, tutta nostra, per affrontare lo scontro che ci attende. Presenteremo al nostro avversario il conto non solo per ciò che ha osato fare a Crystal, ma anche per tutti gli altri crimini commessi dagli animali come lui. Su di te, sulla mia Layka, su tutte le innocenti di questa terra. Sarà questa la nostra giustizia oggi, Teegan.

L'etichetta dell'Accademia della Spada di Achenar vorrebbe un'ultima formalità prima che la tenzone possa avere inizio. "Voglio sapere il tuo nome prima di ammazzarti." farebbe per dire lo Spaccone. Un duello d'onore è una questione intimamente personale. Conoscere il nome di chi ucciderai o di chi ti darà la morte, misurarne il valore e con esso il proprio...non è forse questo il sugo dell'intera faccenda?

Il Cacciatore però lo zittisce. "Conosciamo già il suo nome. Ha due occhi di sangue e di fiamma. Non è certo un Re e la parola non gli manca. Non è il gelo del Nord che lo ha generato, ma questa terra. E' stato messo alla prova. Rifiutato. Scacciato. Non è che un Bandito che non può più mostrare il proprio volto.

Ora che so chi sei, Vesa, possiamo davvero cominciare. Faccio un passo in avanti, Jaegerin nella destra, Teegan nella sinistra, entrambe assetate del suo sangue nero.

Il Bandito sembra sorpreso della mia scelta d'armi. Se ha capito di che cosa siano capaci queste mie due sorelle d'acciaio giunte da luoghi e da tempi remoti per battersi al mio fianco, non dà a vederlo. Fissa invece lo scudo con l'Angelo deposto dietro di me, abbandonato sotto la luna come un orfano.

"Qual'è il tuo obiettivo, stanotte?" mi chiede. E' ancora mortalmente serio, sembra che la questione sia davvero importante per lui. Non capisco dove vuole arrivare, e non mi importa.

"Punirti per il crimine che hai commesso, te l'ho detto." Per quello, e per migliaia di altri perpetrati da uomini di cui neppure conosci il nome.

"A te la prima mossa, allora."

Non me lo faccio ripetere.

Gli piombo addosso con tutta la furia che ho in corpo. I miei attacchi sono rapidi, insidiosi, incessanti. Vesa è spiazzato, lo costringo ad arretrare e a chiudere la guardia per non restare trafitto da Jaegerin. Bene. Tieni gli occhi su di me, Bandito...finché ce li avrai aperti.

Al margine del mio campo visivo scorgo finalmente Kailah ed Engelhaft che, approfittando della distrazione che ho fornito loro, sgusciano indisturbati nel portale del Sanatorio. E' un errore perdere di vista il mio avversario però, e lo pago: Vesa con l'agilità di un gatto scarta di lato e balza all'indietro, sottaendosi dal mio assalto. Ho perso il mio vantaggio, dannazione.

"Te lo ripeto. Qual'è il tuo obiettivo, stanotte?" L'Innalzato mi apostrofa come un insegnate severo fa ad uno scolaro che non presta attenzione.

"Fare ciò che il Dio mi chiede." rispondo. Sto mentendo a lui o a me stesso? Non è forse il Dio che mi ha richiamato a te giusto in tempo per vederti uscire dalle stanze di Crystal con addosso i segni inequivocabili del delitto appena compiuto?

Vesa appare insoddisfatto. Torna in guardia senza aggiungere altro, ed io con lui. Lo scontro riprende.

Mi faccio nuovamente sotto ma stavolta è pronto a ricevermi. Para senza difficoltà un fendente di Jaegerin e contrattacca velocissimo con la daga, non me la pianta nello stomaco per un soffio. Rispondo subito ma di nuovo il mio colpo viene deviato senza fatica, stavolta dalla sua spada. Direi che siamo di pari forze...e che quindi non si sta impegnando davvero, non come potrebbe uno della sua schiatta. Ho affrontato Mick Stoltz e Keynes delle Schiere, e ho visto coi miei occhi la natura dei loro movimenti mutare mano a mano che si vedevano costretti a far ricorso alle loro capacità demoniache. Non ti sto dando abbastanza filo da torcere, eh Vesa? Stai giocando anche tu con me come Nox con Ayza proprio qui accanto?

Arretra nuovamente di un passo. E' la seconda volta che mi concede quartiere...perché?

"Sei molto forte, Ora so che meritavi i risultati che hai conseguito sul campo. Te lo chiedo ancora una volta... quale è il tuo obiettivo? Cosa vuoi dimostrare, stanotte? Brami vendetta per la tua consorella?"

"Perché ti interessa tanto?" gli rispondo esasperato.

Fisso la maschera da teschio che gli nasconde il volto. C'è qualcosa di malinconico in questo uomo, qualcosa mi ricorda proprio Keynes delle Schiere dell'Antico Duca. "Non vorrebbe essere qui, eppure è qui. Per adempiere al suo Dovere. Perché noi adempiamo al nostro" commenta il Cacciatore. "Vendetta?" chiede lo Spaccone. "Giustizia", lo corregge il Paladino.

"Perché ho sentito un discorso poco fa e voglio vedere se ciò che è stato promesso è vero....voglio vederla questa giustizia che porterai, che porterete. Voglio sentirla sulla pelle, adesso. Me la mostrerai? SEI IN GRADO DI FARLO?" mi chiede stavolta e, forse perché distorta dalla maschera, la sua voce pare al tempo stesso crescere ed incrinarsi. La sua non è soltanto una domanda: è al tempo stesso un comando e un'implorazione.

"E' mia volontà fare ciò che devo...ciò che il Dio mi chiede, a costo della vita." Il Paladino, lo Spaccone e il Cacciatore stavolta rispondono all'unisono. Nessuno dei tre ha la certezza di possedere la forza necessaria per superare questa prova, ma tutti condividono la determinazione di combattere fino alla morte... stanotte non siamo disposti a sopravvivere nella sconfitta.

"E allora FALLO, a costo della vita!" ruggisce.

Sappiamo entrambi che questo assalto sarà l'ultimo. Mi lancio su di lui, lame snundate, giocandomi il tutto per tutto. Jaegerin apre la via puntando alle viscere, ma si tratta di un tranello: Teegan è pronta ad affondargli tra le costole se Vesa proverà ad intercettare la mia spada con l'unica manovra che un corpo umano può compiere...questo è un attacco che non lascia scampo. Vesa il Bandito però non è più un essere umano, e con una torsione impossibile piega il busto sulla sinistra come una marionetta, con un CRAK! di vertebre che si incrinano sotto la pressione mostruosa dei suoi muscoli. Jaegerin è fuori bersaglio ormai...Teegan balena davanti ai suoi occhi prima andare anch'essa a vuoto. Era il mio colpo migliore, maledizione! Se neanche questo basta, sono spacciato.

Ho il tempo di riprendere una posizione di guardia prima che il suo contrattacco si abbatta su di me, e quando incrocio il suo sguardo mi sembra di notare qualcosa di diverso in lui.

Sebbene la maschera gli nasconda completamente il viso, i suoi occhi inumani tradiscono un terrore talmente profondo e primitivo da farmi esitare un momento. Ha capito, finalmente, la natura di Teegan, e sa, come una bestia messa nell'angolo e costretta a combattere per la vita, che non può più permettersi di risparmiare le forze. Il tempo delle prove da superare e degli esami da impartire è finito: uno di noi dovrà morire, ora. Una tempesta di lame si scatena su di me, affondi e fendenti forsennati che tengo a malapena a bada dando fondo alle forze che mi restano...tra un attimo mi farà a brandelli.

Proprio quando mi sto rassegnando a rendere l'anima agli Dei arriva il colpo di fortuna che mi salva la pelle. Un tentativo di contrattacco senza nessuna prospettiva di successo, lanciato solo per guadagnare qualche secondo di tregua prima dell'inevitabile, riesce a trovare una breccia nella guardia del Bandito. Non avrò un'altra possibilità: sposto in avanti tutto il peso del corpo per finirgli addosso, il forte della lama di Jaegerin tra sua gola e la mia, il gomito destro piantato sotto la sua ascella a bloccargli il braccio. Preso in controtempo, Vesa non riesce ad arretrare abbastanza in fretta e soprattutto si ritrova il mio muso ringhiante ad ostruirgli la visuale: in una frazione di secondo gli pianto Teegan nella coscia con un colpo più adatto ad una rissa da postribolo che ad una sfida solenne, e la lama affonda nella carne con straordinaria facilità. La fanciulla di cui porta il nome certo approverebbe l'astuzia di questo diversivo da borseggiatore.

D'istinto faccio come mi insegnò Layka alla Casa del Sole Nascente in un pigro pomeriggio di dodici anni fa, uno degli ultimi che passammo insieme. "Alla coscia, qui. No! Non fare lo scemo adesso, è importante...ti potrebbe salvare la vita un giorno. Ecco, guarda: è proprio qui, dove passa l'arteria. Devi essere veloce come un lampo...e quando la lama è arrivata all'osso, torcila con tutta la forza che hai." "E poi?" "E poi te la devi dare a gambe, che quello strillerà come un'aquila per i pochi minuti che gli restano, le guardie arriveranno in un baleno e non vorrai certo essere lì quando ti trovano."

Giro la lama fin quasi a strapparmi il polso, e quella si frantuma letteralmente nella ferita; in mano mi ritrovo la sola impugnatura. Il Cacciatore non ha dubbi: "Ormai ha adempiuto allo scopo per cui è stata forgiata." La nostra giustizia, Teegan, è finalmente servita.

Vesa, a terra adesso, si abbandona ad un grido terrificante e stridulo che non accenna a placarsi e che lascia immaginare la proporzione indicibile del dolore che sta provando. Mi si accappona la pelle a vederlo contorcersi così sul terreno, in preda alle convulsioni, senza più neppure un briciolo del contegno ieratico che aveva tenuto durante il nostro scontro.

Faccio un passo indietro riponendo ciò che resta di Teegan nella cintura. Agguanto rapidamente lo scudo e lo imbraccio alla meglio senza mai perdere di vista il mio avversario. Precauzione inutile: le urla e gli spasmi del Bandito non accennano a placarsi. Mi assale un sorprendente sentimento di pena per questo disgraziato inerme che sta morendo la peggiore delle morti davanti ai miei occhi.

Bello scherzo ti ha fatto il Destino eh, Vesa? Lo stai pagando a caro prezzo l'onore di avermi incontrato. Ti dovrei impartire la misericordia che si deve ai moribondi al termine di una battaglia: hai sofferto abbastanza in questo mondo, della tua colpa renderai conto agli Dei.

Un urlo rabbioso di donna si confonde con gli strepiti dell'Innalzato. "NON OSARE DARMI LE SPALLE O TE NE PENTIRAI!"

E poi, improvvisamente, mi ricordo. Ayza! Guardo in direzione del loro scontro e vedo Nox, la Dama Bianca, attraversare lo spiazzo del Sanatorio a larghi balzi, attirata dal lamento disperato del compagno. Molto più indietro, la nostra Dama Sterminatrice è ancora in piedi, ma da qui non saprei dire in che condizioni.

"E poi te la devi dare a gambe..." era un buon consiglio il tuo, ma oggi non posso cedere il campo, non con tutto quello che è successo. Mi preparo ad affrontarla. Teegan è andata ormai, ma Jaegerin resta un'arma ugualmente formidabile contro questi avversari: una carta da giocare ce l'ho ancora.
scritto da Bohemond D'Arlac , 23:50 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
10 Aprile 518
Giovedì 2 Marzo 2023

Ayza



A pochi passi dai resti di un carro sfondato Ayza sta fronteggiando una figure femminile allampanata (deve essere alta almeno quanto lei) e cinta di nero. Pallida come un osso alla luce della luna, la sua misteriosa avversaria brandisce senza apparente sforzo una lunga e pesante spada dalla lama brunita neanche fosse un fuscello. Come l'Angelo Nero, penso con un brivido. Sicuramente è un'Innalzata...forse è la fantomatica Nox, la Dama Bianca di cui proprio lei poche ore fa ci ha parlato. Nessuno tra i passanti che si sono attardati a fare da spettatori a questa tenzone ha davvero idea di che cosa stia guardando.

Ayza le gira intorno mantenendo la distanza, gli occhi fissi nei suoi. Non riesco a dire se sia ferita, ma di certo è sporca di sangue e la sua armatura sembra lacerata in più punti. L'altra la lascia fare e si limita a seguirne i movimenti con la nera punta dello spadone impugnato nella guardia che ad Achenar dicono "della picca" ed a Ammerung "Longorn". Un simile attendismo dovrebbe suggerire che la teme: è pressoché impossibile superare la guardia della picca senza finire impalati, e chi tentasse di attaccare direttamente la lama nemica si troverebbe esposto ad un micidiale contrattacco. Al tempo stesso, però, uno spadaccino che adotti questa guardia sta lasciando l'intera iniziativa dello scontro al suo avversario, e rinuncia a pressarlo in alcun modo.

Ayza continua a muoversi lentamente, poi, come se fiutasse un sentore di debolezza scarta e schizza come un proiettile sulla sua preda evitando lo spadone con una torsione del tutto innaturale del busto, avvicinandosi quel tanto che serve per averla a tiro delle sue lame. Ti dice male, Nox...hai di fronte la Dama Sterminatrice. Quella è una manovra che non lascia scampo, l'ho già vista quando ancora annoveravo Ayza tra i peggiori dei nostri nemici. Era l'ultimo giorno di Samhain, quello in cui Caaron bruciò.

Avevamo saputo di lei da Ireena di Trost che ce ne aveva parlato con aria sognante, quasi ne fosse infatuata: la più forte Innalzata di Ghaan a parere della giovane erborista, e anche di nobile spirito... ci avrebbe certamente aiutati a liberare Padre Mansel dalle grinfie dello Ierofante se solo non fosse stata fuori città. All'epoca aveva appena cominciato ad affacciarsi in noi il sospetto (per merito di Ardee prima e di Dan Bucky poi) che non tutti i Ghaanesi dovessero essere per forza considerati alla stregua del tenente Manuel Raven, ma non eravamo certo inclini a far loro aperture di credito...tanto meno se Innalzati. E così quando riuscimmo con le nostre sole forze a raggiungere Padre Mansel nelle segrete del Nosocomio e a raccogliere le sue ultime cruciali parole, fu bello sapere che non avremmo dovuto attribuire neppure una briciola di merito a quella diavolessa ghaanese, immacolata o meno che fosse.

L'avremmo incrociata giorni dopo nel Borgo ai piedi del Santuario di Caaron: camminava tra i suoi a capo scoperto, la chioma bionda al vento e una maschera da spettro di Samhain disegnata col cerone sul volto. Sotto labbra nere di trucco e carboncino si riusciva ad indovinare il sorriso genuino della bimba che finalmente si unisce ad una festa attesa tutto l'anno. L'apocalisse è su di noi e per questa stronza è Carnevale, pensai con rabbia.

Più tardi in quel giorno fatale riuscii a vederla in azione.

Avevamo appena tolto di mezzo Keynes battendoci come leoni e rischiando di perdere per sempre Annie. Non potevamo certo dirci vincitori: il guerriero perduto di Feith era comunque riuscito a lanciare il suo richiamo ed i morti irrequieti, innumerevoli, avevano risposto. Sulle pietre del Dislivello già si stavano attestando i primi imponenti Armiger dalla corazza ammaccata e incrostata di alghe, avanguardia di decine di altri Risvegliati che il Traunne aveva preso a vomitare sul suolo del Santuario...e delle centinaia, forse migliaia, che si stavano ammassando sull'altra sponda, tutti con il medesimo ghigno da incubo impresso sul volto, prima di lanciarsi tra le acque del fiume per unirsi all'assalto. Dopo esserci aperti una via tra i mostri di cui ormai brulicava l'isola ed aver lasciato Annie alle cure di Madre Magdalene, ci avventurammo su un costone roccioso per tentare di recuperare gli abitanti del Borgo e a trarli in salvo nella Grotta Sacra.

Proprio sotto di noi Ayza e due dei suoi stavano tenendo a bada uno di quegli orrori corazzati. Tutti noi pensavamo che i fini di costoro fossero doppi, che la spedizione di Ghaan in soccorso del Santuario nascondesse mire nefande almeno quanto quelle di chi aveva scatenato sull'isola la furia della Morte-che-Cammina. Ricordo fin troppo bene la sensazione di inferiorità che mi assalì mentre osservavo quanto i suoi movimenti fossero veloci, precisi, aggraziati, efficienti. Danzava attorno all'Armiger con quella sua ridicola maschera dipinta sulla faccia e sembrava farsi beffe di attacchi da cui un comune mortale non sarebbe mai riuscito a difendersi, lasciando che l'inerzia degli stessi colpi portati dal Risvegliato lo sbilanciasse a poco a poco per poi farlo crollare a terra con un singolo assalto fulmineo. Padre Valon ha torto, pensai. Questa NON è una guerra di uomini ma una guerra di demoni, di mostri: la guerra di Mirai, delle Bestie ciclopiche degli antichi cimiteri, di Jormungand, di Navél Vaarden, di Ayza. In un simile spettacolo a noialtri era riservata tutt'al più la parte degli insetti, cosine insignificanti che sciamano terrorizzate tra i piedi dei giganti nella speranza di non farsi schiacciare mentre questi si impadroniscono del mondo.

Mesi dopo la rincontrammo a Beneden con Kzhar e Darkan. Insieme a loro avremmo dato il via al difficile cammino di pace che ci ha portati fin qui: ci raccontarono del progetto, condiviso dallo stesso Dan Bucky, di detronizzare Estov Ghaan, reo di aver assecondato troppo a lungo i commerci demoniaci di Aghvan l'Invitto e di aver messo così a rischio l'esistenza stessa della Baronia. Ci mostrarono la testa di Manuel Raven a riprova della veridicità dei loro propositi di insubordinazione e stringemmo i primi accordi che avrebbero spianato la strada alla riconquista della Sacra. Continuo a pensare che c'è una parte di questa storia che non quadra, che quel giorno non ci fu detto davvero tutto ciò che era accaduto tra le fila dei Custodi del Sangue... quale che fosse questo ultimo segreto, non ha impedito a Lady Yara di portare i suoi fino a Ghaan, e finora tanto mi è bastato.

Infine arrivò il momento in cui la battaglia ci battezzò come compagni, e che momento fu! Dopo aver dato fondo a tutto il coraggio e all'astuzia di cui eravamo capaci riuscimmo ad abbattere insieme il guardiano ancestrale che Mirai aveva posto nella torre di Honder a monito per chi fosse tanto stupido da opporsi al suo crescente dominio. In quel frangente Ayza si batté generosamente e a costo di ferite terribili: cominciai a pensarla come una dei nostri al di là del colore della sua uniforme, una Annie più saggia e più centrata...finalmente capivo cosa ci trovasse Ireena in lei. E' stato un sollievo vederla tre giorni fa tra coloro che sono venuti nella terra-di-nessuno per prenderci in consegna alla nostra liberazione, alle spalle di Annie e a fianco del Sergente Rock.

I ricordi mi hanno imbambolato, ho perso la cognizione del tempo...che diavolo sta succedendo? L'affondo di Ayza che, ne ero sicuro, avrebbe posto fine al duello viene sventato da un movimento di Nox tanto rapido da ingannare gli occhi. Nello sgomento di chi sta assistendo a questo scontro adesso la Dama Bianca è quattro passi indietro, quasi fosse svanita e riapparsa come uno spettro, lo spadone sempre proiettato verso Ayza nella guardia della picca. Gocce di sangue scivolano sulla lama nera e sulla guancia della mia amica fiorisce un taglio che prima non c'era. Nox aggiusta la presa, mantenendo la guardia con la sola destra. Accarezza il filo insanguinato con l'indice della sinistra che da candido diventa vermiglio, sorride senza gioia mentre se lo porta alla bocca. "Attaccala adesso, dannazione!" mormoro, ma Ayza rimane immobile, il torace che si solleva e si abbassa affannosamente. Ha paura. HO paura.

"I rossi frutti tra le ossa di una mano
E nell'altra nere nubi lampi e tuoni"


Mentre l'angoscia che mi ha accompagnato tutto il giorno si rapprende nella tetra cantilena di Samhain, capisco che Nox non la teme affatto...sta solo giocando con lei.

Dobbiamo aiutarla ma non c'è tempo. Come accadde a Brian Sturm sull'orlo del vallone ai piedi di Gretel, è come se un richiamo irresistibile mi avesse invaso la mente. Il Sanatorio. Devo andare. ORA.

"Kaylah, con me, al Sanatorio. E' solo un diversivo!" le dico, recitando battute di un copione che mi viene suggerito parola per parola.

E poi una corsa a perdifiato nell'oscurità a malapena rischiarata dalla magia della mia compagna, di scala in scala, di corridoio in corridio... finché tutto non diventa buio.
scritto da Bohemond D'Arlac , 18:41 | permalink | markup wiki | commenti (0)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 1 di 6
1 · 2 · 3 · 4 · 5 · 6