Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Senti, ho un problema che mi assilla da un po' di tempo... se uno muore con qualche spicciolo in tasca... insomma... a lui non gli serve più... che si fa in quei casi? »
- Caporale Brad a Padre Engelhaft -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
138871 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 23/11/2019, 00:59)
Scritto il 11/04/2007 · 35 di 91 (mostra altri)
« Precedente · Successivo »
12 maggio 517
Mercoledì 11 Aprile 2007

Verso il matrimonio

Sir Thomas e i suoi uomini vennero ritrovati la mattina del 12 maggio da uno degli altri gruppi di ricerca. Malaki, Jen ed io fummo messi a parte della lieta novella soltanto quella sera, impegnati come eravamo a seguire le tracce che avevamo trovato nei pressi degli alberi segnati; le impronte tracciavano una pista che riuscimmo a percorrere per molte ore e, prima di perdersi inghiottite dal sottobosco, lasciavano pochi dubbi su quale potesse essere la loro destinazione: quando ci fermammo, incerti sul da farsi, potevamo intravedere la solida e massiccia figura del castello di Adare ergersi maestosa al di sopra delle cime degli alberi.

Soltanto per la seconda volta nella mia vita il mio sguardo si posava sulla più antica fortificazione di Keib: il castello nero, una delle prime roccaforti umane presenti nel ducato. Più volte distrutto e ricostruito nel corso dei secoli buii, era alfine entrato in possesso di una importante famiglia deliota, i Keiros, oltre due secoli fa: gli ultimi proprietari si erano occupati dell'ultima ristrutturazione, rimpiazzando l'antica pietra nanica con quella più scura proveniente dalle cave della zona orientale di Keib e innalzando tanto le torri quanto il maschio centrale. Una serie di scelte che avevano ottenuto l'effetto di rendere quella fortificazione imponente e temibile, trasformando le preziose miniere di argento che circondavano quella zona in un tetro cimitero per i numerosissimi soldati di Beid che morirono ai piedi di quel gigante spietato.

Il castello di Adare mantenne la sua inviolabilità per oltre 200 anni: la sua leggendaria capacità di respingere ogni tipo di attacco fu decisiva durante la guerra del 496-497, dove i migliori reparti dell'esercito del padre di mio padre vennero annientati ai suoi piedi. Mi guardai intorno; molti di questi alberi avevano il fusto grande a sufficienza per aver visto il vano tentativo di ritirata da parte dei pochi superstiti di quello scontro: a nessuno di loro fu concesso di tornare indietro.
Il mio sguardo si posò su Malaki e Jen: gli occhi di entrambi erano fissi su quelle mura nere. Con tutta probabilità erano assorti nei miei stessi pensieri.

"Raccontami la loro storia" chiesi, dopo qualche minuto di silenzio.

Malaki prese la parola. "La maggior parte di loro morì nei pressi delle mura: quegli spalti consentono di scagliare frecce a una grande distanza e l'altezza consente all'arciere di mantenere la traiettoria tesa, capace di perforare qualsiasi armatura. E se il colpo non uccideva subito, non di rado il veleno finiva il lavoro per lui". Malgrado facesse di tutto per trattenersi, potevo sentire l'amarezza e la rabbia presente nelle sue parole. Non aveva preso parte a quella battaglia, ma molte persone a lui vicine avevano perso la vita in quel modo: amici, parenti, compagni d'armi.

Dopo un momento di silenzio, si sforzò di proseguire. "Il dio dei miasmi aveva fatto la sua comparsa qualche mese prima, in occasione del loro primo attacco. Il morso di qualsiasi freccia era mortale, a meno che non venisse trattato nel giro di poche ore: purtroppo non eravamo equipaggiati per una simile evenienza, e subimmo grandi perdite nel corso dei primi scontri. L'avanzata delle truppe di Keib portarono la guerra oltre le colline, a ovest: la loro ondata si infranse contro il castello di Valamer, da dove partì la nostra controffensiva. E fu a quel punto che i nostri nemici decisero di ripiegare: i soldati di Beid vinsero un paio di battaglie marginali sulle colline e quegli effimeri successi li condussero fino a qui, dove incontrarono una morte crudele e spietata, che ci costò la guerra e la perdita di tutti i territori a ovest di Valamer".

"... E la vita di mio nonno", aggiunsi: Malaki si limitò ad annuire. Non avevo mai conosciuto il padre di mio padre, quasi quattro anni mi separavano dalla sua morte. Una morte che era avvenuta a poche centinaia di metri da dove mi trovavo, ai piedi di quella creatura nera la cui gigantesca carcassa giaceva ferita a morte di fronte a me.

"Dove sono sepolti?" chiesi ancora, riprendendo fiato.

"I pochi che ebbero la fortuna di morire tra questi alberi restarono qui: molti di loro vennero recuperati e fu loro data una sepoltura dignitosa nei pressi di Valamer. Purtroppo", aggiunse, "tuo nonno non ebbe questa sorte: perse la vita insieme alla maggior parte dei suoi uomini, nei pressi delle mura".

"E... cosa ne fu, di loro?"

Malaki scosse la testa. "La maggior parte dei corpi venne trasportata verso le cave d'argento. Quella zona è piena di scavi interrotti e spaccature naturali, la maggior parte di loro venne gettata lì".

"E' orribile", pensai.

Malaki annuì. "Per anni Adare fu considerato un posto maledetto dai nostri soldati: un luogo mortalmente pericoloso, infestato dagli spiriti e dalle anime insepolte dei tanti morti di quel giorno. Questa fama portò all'isolamento dei Keiros, la famiglia che viveva al suo interno e che sembra avesse diffuso tra l'esercito di Keib le pratiche sacre al dio dei miasmi..."

"E soltanto nove anni dopo", lo interruppe Jen, "fu causa della loro disfatta". Proseguì nel racconto, raccontando altri eventi di cui ero a conoscenza: il castello di Adare era caduto nel 506 dopo un lungo assedio portato dagli uomini di mio padre: la perdita di quel baluardo costò a Keib la perdita dei territori acquisiti nove anni prima e il lato orientale delle colline Khadan, che comprendeva le cave d'argento. "In tal modo", concluse fieramente, "i morti del 497 tornarono finalmente a riposare in terra di Beid, e fu possibile dar loro degna sepoltura".

Abbandonammo quella zona qualche ora dopo, non senza aver celebrato una funzione in memoria delle innumerevoli vite che si erano spente nel corso degli anni passati. D'altronde, era improbabile che Sir Thomas avesse continuato in quella direzione: gli uomini di guardia al castello di Adare risposero a Malaki di non aver visto nulla di insolito, e di certo non avrebbero potuto non notare tre uomini a cavallo, specie considerando che non avevano alcun motivo per nascondere la loro presenza o le loro insegne. Tanto Malaki quanto Jen storsero il naso quando mi sentirono includere i caduti di Keib nella preghiera: il nostro giudizio nei loro confronti aveva il dovere di arrestarsi al momento della loro morte, e da quel punto in avanti diventava prerogativa degli Dei e loro soltanto.

La sera del 12 ci ritrovammo con gli altri gruppi al centro delle colline, presso il punto d'incontro precedentemente designato. Fu lì che, con mia grande sorpresa, incontrai lo sguardo di sir Thomas.

"Non dovevate correre questo rischio", mi disse scendendo dal suo cavallo e avvicinandosi a me. "Se porto questa spada è anche per far sì che non dobbiate mai salire su queste colline".

"Sono felice di vedere che state bene", risposi. "Avevamo modo di credere che poteste essere in pericolo".

Scosse la testa. "A dire il vero, le nostre spade sono sempre rimaste nel fodero. La nostra non era che una missione di ricognizione per conto di vostro padre: e a questo proposito", aggiunse accennando un inchino, "vi chiedo di consentire a me e ai miei uomini di proseguire con l'incarico che ci è stato assegnato. Abbiamo perso le prime ore dell'alba, ma se gli Dei ci doneranno un'altra giornata di sole potremmo essere di ritorno l'indomani sera, in tempo per il ricevimento di dopodomani".

Il suo sguardo si rabbuiò quando mi vide scuotere la testa. "Non posso farlo", dissi. "Vi chiedo il favore di tornare a palazzo".

"Temo di essere costretto a smentirvi", rispose dopo una breve pausa: "ma mi trovo obbligato a ricordarvi che l'incarico che ho ricevuto proviene direttamente da vostro padre, ed è a lui che rispondo... non a voi".

Non mi lasciai scoraggiare: avevo ascoltato la conversazione tra mio padre e sir Thomas, e sapevo di non infrangere alcun ordine specifico di mio padre. Al contrario, le notizie che erano giunte in mio possesso, se vere, rischiavano di mettere a repentaglio la vita di un soldato che per mio padre sarebbe stato impossibile rimpiazzare. "Ho ricevuto alcune informazioni in base alle quali siete a rischio di un attentato alla vostra vita", risposi restando calma. "Qualcuno che conosce il vostro valore come soldato potrebbe aver deciso di volervi morto, e sappiamo che i nostri nemici non esitano a chiedere ogni sorta di aiuto per raggiungere i loro scopi. Per questo motivo, vi chiedo di essere prudente al punto da tornare a palazzo con tutti noi".

"Non è una decisione che posso prendere", rispose sir Thomas. "Il mio compito non prevede la possibilità di essere scontato nè dalla prudenza nè dalle vostre richieste. Non appena sarò di ritorno prenderò in massima considerazione queste informazioni, ma ora sono costretto a chiedervi il permesso di lasciar proseguire me e i miei uomini". Il suo tono era rispettoso quanto deciso: non lo avrei convinto, non con questo tipo di argomentazioni. Tirai fuori l'incartamento consegnatomi da mio padre il marchese: prima di porgerlo a sir Thomas volsi lo sguardo in direzione di Malaki, che sorrise sotto i baffi, scuotendo la testa.

"Questo", disse il capitano, mentre lo leggeva, "dice che siete incaricata di svolgere le mie mansioni fino al mio ritorno. Il marchese vi ha dato l'autorità di occuparvi del palazzo", aggiunse poi, consegnandomi indietro il foglio, "non di ordinarmi di rientrare".

"E' vero: non posso ordinarvi di rientrare, ma posso svolgere le vostre stesse mansioni. Se davvero volete continuare la perlustrazione, verrò con voi".

"Non credo proprio", esclamò lui. "Non posso certo permetterlo, specialmente dopo quanto mi avete detto: con tutto il rispetto voi non siete un soldato, e queste colline sono pericolose".

"Sono un soldato esattamente quanto voi", risposi prontamente. "E queste colline rischiano di essere più pericolose per voi che per me: non ho l'autorità per ordinarvi di rientrare, ma tanto mio padre quanto la mia chiesa mi danno quella necessaria per impedirvi di affrontare un simile pericolo da solo".

La discussione durò un pò di tempo: il vantaggio di conoscere i dettagli del suo incarico mi consentiva di spingermi al di là di quanto normalmente avrei potuto fare, ed alla fine le mie argomentazioni riuscirono a spuntarla sulla risoluzione di sir Thomas. Il punto più difficile fu sostenere il suo sguardo quando rivelai la fonte delle informazioni che avevo ricevuto: potevo percepire la sua fatica nel mantenere un tono calmo e composto, non appena seppe di essere stato scavalcato.

"E sia", disse alla fine, "torneremo a Beid insieme e ascolteremo le dichiarazioni di questo individuo. Voglio sperare che non abbia abusato del vostro buon cuore, individui del genere non aspettano altro che trovare un animo gentile su cui far leva". Annuii in silenzio, senza dire nulla: piu' tardi mi sarei trovata a riflettere sui molti significati di quella frase.

E fu così che, in quindici persone, decidemmo di accamparci per la notte. La mattina seguente avremmo mosso tutti insieme in direzione di Beid, raggiungendo il palazzo in tempo per i preparativi dell'imminente matrimonio.

Nessuno di noi era preparato al tragico e inspiegabile evento che sarebbe accaduto di li' a poco.

(continua)

scritto da Solice , 04:23 | permalink | markup wiki | commenti (0)
Scritto il 11/04/2007 · 35 di 91 (mostra altri)
« Precedente · Successivo »