Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Sei decisamente veloce »
- Vodan Thorn -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
135643 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 17/09/2019, 21:55)
26 agosto 517
Domenica 2 Marzo 2008

20 settembre

Stamane ci siamo separati. Le nostre forze, già rese esigue dalla partenza di Julie e Quixote, sono state divise in due gruppi con scopi ed obiettivi molto diversi: portare via gli abitanti delle Parole d'oro, salvare la vita di Lord Anthony. Decisioni importanti, talmente sentite e condivise da tutti da sembrare persino ovvie, logica conseguenza di quanto abbiamo visto in questi pochi giorni di sangue e paura, di vendetta e giustizia...

Giustizia: posso ancora nominare questa parola quando io stessa ho avuto l'ardire di proporre queste decisioni, dimentica dell'umiltà propria di Dytros che dovrebbe contraddistinguere ogni mio pensiero, ogni mia parola? Mi rendo davvero conto dei sacrifici che ho chiesto di compiere, del dolore e della rinuncia connesse alla loro messa in pratica? Ho chiesto a cinquanta persone di abbandonare le proprie case, di dire addio alla terra che diede loro i natali per seguirci in un posto lontano; ho proposto una divisione che teneva conto soltanto di alcuni aspetti, dimenticando la genuinità dei sentimenti di Loic, quegli stessi sentimenti che difesi di fronte a Guelfo meno di due mesi fa nei giardini di mio padre e che oggi lui stesso ha scelto di piegare alle necessità del nostro compito, dimostrandosi degno della più alta stima.

Sono ancora la stessa persona di allora? C'è forse umiltà nel lasciarsi sedurre dal fascino della predestinazione al punto da chiedere agli Dei di onorare i miei sforzi degli stessi risultati conseguiti da una Santa? Al punto di sfidare il Maestro Sconosciuto con la forza della mia fede, arrivando a comprendere il suo medesimo linguaggio e a servirmi delle regole vigenti nel suo mondo?

L'assurdo e disumano contenuto del diario di Lord Wilhelm, il malvagio e incomprensibile segreto che si cela nei meandri del tempio dei Maestri del Vento e nei sotterranei delle segrete della torre del lago ci hanno mostrato che non possiamo sconfiggere questa entità, non ora, non con le nostre sole forze: tutto ciò che possiamo fare è portare via queste persone, aiutandole a ricominciare altrove; questi sono i nostri limiti e tale, di fronte a Dytros, è la nostra umiltà.

Ma poi ripenso all'atroce destino che egli riserva agli Sperduti, l'assurda maledizione che affligge Marielle e prima di lei la ragazza che morì tra le mie braccia: e ripenso al 20 settembre, un giorno che mai avrei pensato avrebbe potuto recarmi così tanta paura. Per questo non posso essere umile, non adesso: il mio compito è quello di proteggere questa gente e il modo migliore per farlo è quello di catturare la sua attenzione, di distrarlo con la mia sfida; se gli Dei lo vorranno, il tempo che sottrarrà a me sarà sufficiente a salvare la vita di Marielle. Per lei, nei miei sogni, sarò Santa Chiara... e che Pyros mi aiuti.
scritto da Solice , 03:00 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
24 agosto 517
Domenica 17 Febbraio 2008

Sete

Sir Enrique Grognard, sir Brian Vowest, sir Philip Mayo, sir Angus Keener, Alfred Rosemberg, Lord Wilhelm Keitel, sir Kilian, Bob DelMontesque e i loro soldati. Non mi avevate preparata a tutto questo, Padre Quart: forse non ce n'è stato il tempo, o forse avete pensato che non sarebbe stato necessario. I fatti vi hanno dato ragione: ho approvato le loro morti e non mi pento di averlo fatto, perché credo di aver agito secondo giustizia. Prima di entrare in questo luogo sapevo di aver sposato la causa dei miei compagni, ma ora so che mi unisce a loro qualcosa di molto diverso: sento il loro punto di vista dentro di me, la loro vendetta, la loro sete. Sento il mio cuore sanguinare dopo aver guardato negli occhi gli Sperduti, dopo aver letto gli scritti di quell'uomo malvagio che mai avrebbe dovuto ricevere il titolo di Signore e sento una fiamma che arde dentro di me, nuova e terribile, alimentata da quello stesso sangue. Quella fiamma oggi ha vinto, saziandosi del sangue dei suoi più acerrimi nemici: ed ha ancora sete.

Ma non le permetterò di consumarmi, questo no: saprò tenerla a bada. Farò del mio meglio per mantenerla in vita, senza per questo deviare dal cammino che gli Dei hanno tracciato per me. Continuerò a svolgere il mio compito nel pieno rispetto della regola di Pyros: porterò queste persone lontano da qui, in un luogo dove potranno ricominciare, mentre i miei compagni porteranno il loro aiuto a Lord Anthony, a sir Steven e a sir Leon...

Sir Leon... sir Steven... riuscirete a farcela? Mi sembra ieri di avervi visto combattere a Beid, ma in quella circostanza non avete dovuto affrontare otto avversari tutti in una volta...

Mi chiedo se... non ricordo più a cosa stavo pensando. La fiamma, la sete... l'acqua del lago. Mi inginocchio a berla a mani giunte, come per pregare: la sento nella bocca... è salata. No, non è il lago... è il mare. Sento i suoi flutti, insieme alla musica melodiosa degli uccelli colorati... Dov'è Pyros, adesso? Pyros è con me, ovunque io vada... Abituati a questa risposta, Maestro Sconosciuto, perché stanotte sarà l'unica che sentirai.

...Zzz...
scritto da Solice , 13:29 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
23 Agosto 517
Domenica 10 Febbraio 2008

Preghiera

A te rendo grazie, Dio della Verità, per aver protetto Eric e Loic nel duro scontro che hanno affrontato contro Lord Wilhelm e il suo campione; a te rendo grazie per aver protetto Nicolas, e con lui gli uomini e le donne che hanno messo la propria vita al servizio di questa battaglia, dalla furia distruttrice scatenata dai loro oscuri e malvagi poteri. E' nel tuo nome che combattiamo e versiamo il nostro sangue, è nella tua fiamma che troviamo la forza di opporci al dominio degli oscuri signori di questa terra flagellata dal male.

A te rivolgo le mie preghiere, Dio del Coraggio, affinché tu possa preservare la vita di un bambino che non ha alcuna colpa, se non quella di essere l'unico strumento rimasto nelle mani di un cavaliere che ha scelto di privarsi del suo stesso onore: per questo ti imploro, ove mai fosse rimasta nel suo cuore una briciola del giuramento che un tempo lo legò a questa terra e alla difesa dei suoi abitanti, di restituirgliene quel tanto che basta per affrontare il suo destino senza farsi scudo di una vita innocente.

Tu più di chiunque altro conosci i miei limiti e le mie debolezze, tu più di chiunque altro sai quanto la mia forza e il mio coraggio siano incomparabilmente inferiori alla santa che qui riposa. Non sono in grado di comprendere i segni che mi stai inviando e che legano il mio arrivo al suo, e so di non essere degna neppure di pronunciare il suo nome: soltanto in una cosa posso eguagliarla, ed è nell'offrirti la mia vita per la salvezza delle persone che vivono grazie al suo sacrificio. Per questo attendo un tuo segno, pronta a eseguire ogni tuo volere: la tua luce potrà guidarmi nelle visioni che turbano le mie notti, la tua voce potrà parlarmi più forte delle voci che risuonano dentro la mia testa.
scritto da Solice , 06:33 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
23 Agosto 517
Venerdì 11 Gennaio 2008

Speranza

Dispersi in questa valle di nebbia biancastra e innaturale, messi a stretto contatto con un orrore che ha del disumano, costretti a volgere le armi contro coloro che dobbiamo salvare prima ancora che contro i nemici che siamo qui per punire: mai come questa volta la prova che gli Dei hanno scelto per noi appare troppo grande, mai come questa volta è forte il desiderio di scappare altrove, rimpiangendo tanto la mia terra natale quanto le scelte che mi hanno portato qui. La paura mi attanaglia, forte e gelida come il morso ancora assetato del mio sangue: lo guardo attraverso lo specchio e vedo il riflesso dei denti di quell'uomo, e ripenso alla sensazione provata in quel momento. La conoscevo già, l'avevo sognata prima che avvenisse. E forse qualcosa di lontanamente simile a quello che provò Rosalie, quando l'essere che chiamava Amon si macchiò dell'empietà bere il suo sangue?

No: questa gente non è responsabile delle proprie azioni, né ha scelto la dannazione asservendo la propria coscienza all'egoismo e al male. Se siamo qui è per salvarli, liberandoli da una condizione che non appartiene loro. Per questo non posso cedere, non adesso: nessuno di noi può.

"Liberami": un'unica parola è riuscita a sfuggire a quella condizione miserabile imposta dai carcerieri di questa valle in cui è colpevolmente assente la luce degli Dei. Ma non è forse sufficiente una piccola fiammella a rischiarare l'oscurità di una notte così buia? Lo sforzo di questa ragazza che giace di fronte a me, il suo desiderio di tornare libera sarà la mia luce, la nostra luce: sia pure nel profondo delle tenebre di questi cunicoli turniani essa splende, forte e vivida: è la fiamma di Pyros, che brucia alimentata da una speranza che riscalda il mio cuore, quantomai vivida e reale.

Ti libererò, sventurata ragazza: troverò il modo di comunicare con te, poiché la tua battaglia è la nostra battaglia: per questo la tua forza sarà la nostra forza, il tuo esempio sarà il nostro esempio: per questo non ti abbandoneremo.

Dama in nero
scritto da Solice , 15:58 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
18 agosto 517
Martedì 11 Dicembre 2007

Cento e undici volte otto

"E' mia opinione che Lady Beart si sia comportata in modo disdicevole..."

Le parole risuonano dentro la mia testa come note di una canzone che ti invade la mente, egoiste e prepotenti al punto di scacciare ogni altro pensiero. Parole dure, accuse gravi che non ho saputo, non ho voluto contenere: non dalla bocca ma dal petto, non dalla gola ma dal cuore: è da lì che è uscito quel suono. Com'era quella filastrocca di Yera? Vediamo...

Cento passi in un minuto
ma se corre è già perduto
senti tutte le sue pene
anche se non t'appartiene.


Negli ultimi giorni ho costretto me stessa a reprimere il bisogno di dire tutta la verità, ad anteporre ad essa la cautela. Ma Yera aveva ragione: il cuore non ti appartiene, ed è lui l'ultimo depositario della verità. Ha cominciato a correre in occasione dell'incontro con sir Steven deRavin, legando la mia mano attorno a una penna e facendole firmare una confessione; ha continuato a correre di fronte alle perplessità di Omar e Peoh, pronunciando le parole che sentiva di dover dire; ed è tornato a correre ieri, in occasione del nostro incontro con l'inquisizione. Credo che quel sacerdote lo sapesse: non è a me che ha dato la parola, ma al mio cuore e ai sentimenti che lo pervadono in conseguenza della morte di Nickel, dell'affronto subito da Julie e delle innumerevoli ingiustizie di questi ultimi giorni.
La filastrocca ha ragione, il cuore non ci appartiene: è un dono prezioso che facciamo, lasciandolo nelle mani di ciò che è più importante per noi. Il mio cuore appartiene alla Verità, a lei ho deciso di donarlo ed è a lei che ritorna correndo ogni singola volta che da essa mi allontano.

"rispetto al ruolo che è sua responsabilità ricoprire..."

"Dovresti vergognarti a giudicarla". Questo direbbe mio padre, sapendo che ho mosso a LEI una critica simile: del resto, chi sono io per giudicarla nel ruolo di figlia? Se fossi davvero meglio di lei, probabilmente non sarei qui. E se fosse per questo che l'ho attaccata, perché mi sento troppo simile a lei? No... so di non esserlo. Ho scelto di portare lontano la mia disubbidienza, e il giorno in cui le mie azioni disonoreranno la mia famiglia sarà quello in cui dirò addio a mio padre e alla mia terra; LEI, invece... l'impronta delle sue mani bagnate di sangue è impressa sullo stendardo stesso di questa Baronia.

"al popolo che è suo dovere proteggere..."

"Il primo dovere di un feudatario è proteggere l'incolumità della sua gente". Il tributo di vite pagate dai cittadini di Laon a partire dall'inizio di questa catena di eventi, la sofferenza provata per la perdita dei propri cari, la paura degli spettri che invadono queste strade mietendo le vittime innocenti che trovano sul proprio cammino: non riesco a immaginare alcun motivo che possa impedire a dei governanti di intervenire in prima persona di fronte a simili calamità... a meno che non ne facciano essi stessi parte. Che gli Dei mi perdonino, poiché malgrado i miei sforzi questo non lo riesco a perdonare.

"ai funzionari il cui lavoro è suo compito rispettare..."

Gli sforzi del Capitano Ratel e dei suoi uomini per contrastare l'operato delle forze oscure sono degni di lode: nel giro di pochi giorni la guardia civica di Laon ha condotto un'irruzione all'interno di un palazzo ebbro di prove, ha catturato tre maghi responsabili di crimini atroci e commerci sacrileghi, messo agli arresti i responsabili della loro successiva uccisione e di quella di molti altri uomini. I loro arresti sono stati requisiti e successivamente eliminati, le loro prove sono state trafugate: persino il loro comandante è stato quasi destituito, nell'estremo tentativo di rendere vano e inutile il loro operato. Analogo trattamento è stato riservato ai cavalieri che hanno rischiato le proprie vite per catturare dei fuggiaschi autori di crimini violenti ed efferati.

"e ai dettami della chiesa che ha promesso di onorare."

Presso il monastero di Foucault vi è un edificio di pietra scura, all'interno del quale erano soliti soggiornare gli individui condannati dalla Chiesa a trascorrere del tempo in preghiera o meditazione: a volte era possibile scorgerli da lontano, ma tutti loro dovevano osservare il divieto di parlare con le Vesti Bianche per timore che potessero corromperne o turbarne l'animo con le loro blasfemie. Sono certa che, se le mie orecchie avessero potuto udirle tutte in una sola notte, nessuna di loro sarebbe stata peggiore della costruzione di un edificio religioso in cui dar luogo a rituali e pratiche oscure, per poi darlo in nolo a stregoni ed alchimisti privi di ogni senso morale come un lenone fa con la sua prostituta.

Padre mio, vi chiedo di perdonarmi ma non è il giudizio che ho espresso che mi spinge a vergogna, bensì l'aver ceduto le mie ginocchia al suolo di fronte a chi, sia pure soltanto con il suo silenzio, ha reso possibile una siffatta empietà.
scritto da Solice Kenson , 03:39 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
16 Agosto 517
Venerdì 16 Novembre 2007

Nicolas

Quando l'ho visto per la prima volta ho subito pensato che potesse essere lui il paladino a cui padre Lorenzo Quart affiderà il difficile compito di colmare il vuoto lasciato da Abel. E' stato veloce a riconoscermi, subito dopo il suo ingresso in locanda: forse Padre Quart gli aveva parlato di me; del resto Abel non era soltanto il punto di riferimento del gruppo ma anche la mia guida spirituale, il Soldato della Fede a cui ero stata affidata e che avevo l'incarico di assistere nel corso delle missioni. Sarà Nicolas la mia guida spirituale, d'ora in poi?

Vorrei conoscere questa risposta: forse dovrei chiederglielo. Abel fu veloce a parlarmi, spiegandomi nel dettaglio come stavano le cose, ma ero una paladina soltanto da pochi giorni: forse ora Padre Quart e Nicolas si aspettano che capisca da sola... o magari aspettano un momento più tranquillo per rivelarlo in modo ufficiale. Si, probabilmente è così: meglio aspettare, allora.

Più ci penso, più mi convinco di questa possibilità: del resto, le due conversazioni avute con lui mi hanno ricordato molto da vicino i due aspetti che caratterizzavano l'animo di Abel.

La prima è avvenuta ieri mattina, quando si è avvicinato per parlarmi poco prima dell'assalto al carro di Pedro Larsac: il suo sguardo interrogativo e sconvolto di fronte alle maschere di stoffa nera mi ha ricordato la frustrazione di Abel di fronte ai misteri della fede che contraddistinguono l'operato della Dea della Luna, e la sua disperata ricerca di una verità rassicurante... Una verità che forse io stessa, secondo il disegno di padre Lorenzo Quart, ho l'impegno di fornire al Paladino al quale vengo affidata.

Soltanto poche ore dopo le parti si sono invertite, a pochi minuti dalla partenza verso la Torre Maxima: in quell'occasione sono stata io a cercarlo e lui a rassicurarmi, in modo molto simile a quanto era solito fare Abel nei momenti in cui gli confessavo di sentirmi inadeguata. E' buffo perché soltanto oggi, dopo i molti avvenimenti passati, riesco ad accorgermi di queste analogie.

Mi chiedo cosa pensino i miei compagni dell'eventualità che lui possa essere il successore di Abel, se saranno disposti ad accettarlo. Forse anche loro si stanno ponendo i miei stessi interrogativi: eppure, da quel che ho potuto vedere, nessuno di loro ha parlato con Nicolas... A parte Loic, questa sera. E' strano... malgrado i miei sforzi, c'è ancora molto che mi sfugge nell'osservare due maschi che discutono. Sia lui che Nicolas erano molto nervosi, e non credo che nessuno abbia realmente cercato di comprendere lo stato d'animo dell'altro. Credo che si possa dire che abbiano litigato... Ma anche Loic e Abel litigavano spesso, nonostante fossero legati da un'amicizia profonda e sincera. Ma ci sono davvero queste analogie, tra Nicolas e Abel? O sto solo cercando di dare un senso a tutto questo per distogliere la mia mente dalla consapevolezza che siamo dei ricercati?

Perché questo sono adesso... una ricercata. Padre mio, potrete mai perdonarmi?

Solice Kenson - Immagine 9
scritto da Solice , 04:39 | permalink | markup wiki | commenti (4)
 
11 Agosto 517
Giovedì 25 Ottobre 2007

Fiducia

Mentre lavo via dalle mie mani il sangue del nostro avversario ferito non posso fare a meno di interrogarmi sulle motivazioni che hanno portato a questa sconcertante e imprevista conclusione. E' vero, conosco Loic meno di Guelfo e degli altri, ma so per certo che non è un violento o un sanguinario: non conosco i motivi che lo abbiano spinto a colpire quest'uomo così duramente e a quanto pare lui stesso sembra restio a volerne parlare, preferendo lasciar pensare a tutti che si sia trattato di un gesto irrazionale, dettato dalla volontà rabbiosa di voler punire un prigioniero fuggiasco; ma non posso accettare una spiegazione simile, che tanto poco si sposa con l'immagine che ho di lui.

L'efferatezza di quella scena, il lago di sangue in cui quel mercenario di origini nordiche giaceva ha avuto l'effetto di togliermi il fiato: cercando di respirare aria, la prima cosa che ho fatto è stata raggiungere con la mano la benda nera che copriva il mio volto, togliendomi la maschera che le circostanze mi avevano costretta ad indossare, tornando ad essere me stessa. Credo di essere stata l'unica, oltre a Nicolas, ad aver sofferto così tanto per aver dovuto indossare quella striscia di stoffa color notte, ma questo non significa che io e lui siamo stati gli unici a compiere un sacrificio: Loic ed Eric, insieme a molti altri, hanno da mesi accettato di seppellire il rancore e la rabbia nei confronti dei nemici colpevoli di aver massacrato i loro cari, anteponendo agli immediati propositi di vendetta la giustizia a lungo termine della Rosa Bianca e, per esteso, della Chiesa.

E' una scelta coraggiosa, il cui valore talvolta è difficile da comprendere per chi, come me, ha ricevuto una formazione consacrata alla ricerca e allo studio dei valori della Fede. Eric e Loic hanno fatto del loro meglio per soffocare il loro rancore per Pedro Larsac, e prima di lui per Rochefort, per il Monaco e i suoi seguaci, per Ethan Mayer e tutti gli avversari che abbiamo affrontato a Laon: nemici che per loro meritavano e meritano di morire, diretti o indiretti colpevoli di azioni efferate contro Abel e contro altri loro compagni, parenti o amici; ma soprattutto responsabili, con le loro azioni, della prigionia e della tortura di Erwin, uno dei migliori esempi della bontà e dell'impegno della Chiesa. I fratelli Navar hanno deciso di prendere il difficile impegno di lottare non soltanto per la Luce, ma anche e soprattutto seguendo le regole della Luce.

Ma come per tutte le cose difficili, il rischio di commettere errori è altissimo: la vista di Pedro Larsac deve aver provocato qualcosa di terribile in Eric e Loic... e di certo trovarsi nel mezzo di un agguato con l'arma in pugno e il volto bendato non è la condizione migliore per resistere al senso di frustrazione e al riflusso di sentimenti negativi che il dover risparmiare un criminale necessariamente comporta. A modo loro, entrambi hanno tentato di resistere a tale impulso: ho visto Eric volgere il martello per colpire con il manico, assicurandosi che un colpo vibrato dal rancore non potesse comunque essere mortale; quanto a Loic, è possibile che abbia fatto in modo di spostare la sua rabbia sul mercenario, colpevole di aver vanificato con il suo tentativo di fuga tutti i suoi tentativi di sopprimere i sentimenti forti.

Se il compito di Padre Quart è quello di guidarci e mostrarci la differenza tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, è possibile che il mio sia quello di comprendere le motivazioni dietro agli inevitabili errori che un simile cammino comporta, nella speranza che questo ci consenta di commetterne sempre meno; il successo della liberazione di Erwin e i nostri traguardi futuri dipenderanno non soltanto dalla forza della Fede ma anche e soprattutto dalla capacità di ritrovarla sempre, qualsiasi cosa accada, nell'animo dei compagni in difficoltà.

Fiducia
scritto da Solice Kenson , 17:00 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
10 agosto 517
Domenica 14 Ottobre 2007

Pensieri

Una volta mio padre mi disse che sir Arthur Lambert veniva chiamato "l'uomo che rende possibile l'impossibile": la frase si riferisce alla capacità innata che aveva per ridare fiducia ai suoi uomini, spronandoli a compiere azioni che sembrano insormontabili. Non ho avuto modo di conoscere il padre di Rosalie nell'esercizio del suo ruolo, ma gli Dei hanno deciso di farmi incontrare un comandante dalle capacità non meno eccezionali: Lorenzo Quart.
E' sorprendente come padre Lorenzo riesca a dare sempre l'impressione di avere tutto sotto controllo anche in situazioni a prima vista disperate e senza via d'uscita: è riuscito nell'impresa di parlare con Erwin partendo da una condizione di svantaggio assoluto, ottenendo in tal modo informazioni cruciali e oltrepassando la rigida sorveglianza allestita da Lord Wilhelm. Sebbene non ci abbia riferito nei dettagli cosa sia successo in quella torre, posso immaginare il sangue freddo e i nervi d'acciaio necessari per non far trapelare alcuna emozione neppure alla vista di un amico fraterno ferito e torturato fin quasi a morte.

(... Ultimamente mi capita di pensare molto a alla conversazione avuta con sir Steven. Non posso negarlo, la sua scelta mi ha spiazzata: non credevo che un cavaliere come lui sarebbe stato disposto a correre un rischio tanto grande, mettendo in pericolo i suoi privilegi e la sua stessa famiglia, per un ideale spiegato per enigmi e frasi incompiute. L'altruismo da lui mostrato nei nostri confronti non ha prezzo, ma se lo avesse sarebbe molto difficile da ripagare; sono felice che padre Quart lo abbia messo al corrente dele notizie raccolte)

Eppure padre Lorenzo non è una persona fredda: lo dimostra il modo che ha di parlare con me e con Nicolas, l'interesse e la partecipazione con cui affronta le discussioni con noi e con i suoi altri compagni: ma sopra ogni altra cosa lo dimostra il sentimento con cui affronta i pericoli e le avversità, il dolore che si legge nei suoi occhi quando le circostanze lo costringono a fare una scelta tanto sofferta quando vitale per la causa in cui crede e a cui è devoto.

(Ogni tanto ripenso anche a Marc deRavin, il fratello minore di sir Steven: cosa farà lui adesso? Temo che verrà inetrrogato dagli uomini di Wilhelm o di uno dei suoi luogotenenti sul campo, come probabilmente quel Vincent Weber di cui ci ha parlato il prigioniero. Spero che sir Steven ci abbia pensato, altrimenti bisognerà avvertirlo al più presto)

Credo che a questo punto Loic mi direbbe che non lo conosco poi così bene, a Lorenzo Quart. E avrebbe ragione: nonostante il mio servizio presso la Torre del Tramonto sia cominciato quasi un anno fa, questa è la mia prima missione con lui; e non ho intenzione di deluderlo, né lui né le persone che ho giurato di proteggere. Il suo esempio, come un forte vento a favore, mi ha spinto ad alzare la voce contro quei tre cavalieri poco fa, a mantenere la calma di fronte al pericolo, ad aspettare il momento giusto per contrattaccare senza farmi prendere dal panico. Questa volta, forse per la prima volta, ho completato un combattimento senza chiudere gli occhi...

... ma in compenso ho pensato bene di chiudere le orecchie.

Paura? Emozione? Non so dirlo con certezza: quello che so per certo è che d'un tratto mi sono trovata nel posto sbagliato, in mezzo alla strada, a rischiare di ostacolarli. Forse il mio cuore batteva talmente forte per l'emozione da coprire il rumore degli zoccoli? Non posso crederlo: eppure, ero lì; né padre Quart né sir Steven mi hanno detto nulla riguardo l'accaduto ma questo rende merito a loro, non certo a me.

(certo che a volte il destino è davvero dispettoso...)

Una cosa è certa, finché padre Quart deciderà di restare con noi non potrò più permettermi simili errori. E quanto alle mie idee o convinzioni in merito alle nostre possibili azioni future, devo sforzarmi di pensare meno alle regole di Foucault e più alla strada indicata dal mio maestro: in fondo nessuno conosce la situazione attuale meglio di padre Quart, e se c'è una persona in grado di rendere possibile l'impossibile quello è lui.
scritto da Solice , 05:21 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
8 agosto 517
Venerdì 28 Settembre 2007

Non ti facevo...

Nomi. Luoghi. Altri nomi: i nostri nomi. E poi ancora appunti, annotazioni, idee cancellate perché impraticabili o non abbastanza buone, non abbastanza rapide: e niente altro. Fino a poco fa ero in grado di vedere fili invisibili che collegavano queste parole intrecciarsi tra loro e formare diversi possibili piani d'azione... ma da quando sono tornata a sedermi è come se non ci fossero più. Forse dovrei seguire il consiglio di Padre Lorenzo e andare a riposare: sento che c'è un particolare che mi sfugge, ma è altrettanto chiaro che non riuscirò a trovarlo comunque, questa sera. Sono troppo stanca... o troppo distratta.

Non ti facevo così...

Quella frase continua a tornarmi in mente con una frequenza impressionante. Come mai? In fondo è stato un semplice errore, un fraintendimento del tutto normale in una conversazione di quel tipo: Padre Quart è un uomo d'azione oltre che di intelletto, ed è abituato a parlare con persone come lui: una simile reazione avrebbe anzi dovuto lusingarmi, è forse la prima volta in cui non ha visto in me una bambina quanto piuttosto un combattente alla stregua di Eric, Loic, Quixote o Guelfo... e se davvero è così, forse non mi considera più un'apprendista che ha bisogno di un compagno più esperto di lei a prendere decisioni difficili e importanti.

Non ti facevo così spregiudicata.

Si sbaglia: vorrei che leggesse dentro di me, per capire che l'esperienza di Laon mi ha mostrato cosa significa dover prendere decisioni che non sono in grado di prendere, che non posso prendere: non ancora, non più. Vorrei che leggesse quanto ho bisogno di una figura come Abel che abbia la capacità e il giudizio di compiere scelte che potrebbero costare vite; che sappia dire di no a una bambina bisognosa di aiuto per concentrarsi su un disegno più grande; che possa perdersi per poi ritrovarsi, sprofondare nell'abisso e nel baratro della rinuncia al suo credo per salvare chi sta annegando, per poi avere la forza di tirare su entrambi. Persone che ammiro e rispetto perché capaci di trovare i valori in cui credono anche privandosi di questa veste che indosso, e per questo più meritevoli di me di indossarla... Mentre io so soltanto lavarla, quando la vedo impregnata di sangue che non voglio versare.

Non ti facevo così spregiudicata, mi ha detto.

Non era un insulto né un rimprovero: era un complimento, in tutto e per tutto simile a quelli che mi fa Loic quando mi vede combattere. A volte vogliamo vedere una cosa con una forza tale che finiamo per convincere noi stessi che sia davvero così: Loic vede una guerriera, Guelfo vede una guida, Padre Lorenzo... forse vede se stesso, o un Paladino della sua stessa statura. Si sbaglia, si sbagliano tutti.

Non ti facevo così spregiudicata, mi ha detto sorridendo.

Forse non sono io quello che serve in questo momento a Padre Quart. Il suo sorriso era una speranza che mi sono affrettata a uccidere: la speranza che gli eventi recenti avessero avuto l'effetto di rendermi qualcosa di diverso dall'Adepta Paladina che si presentò tremante e imbarazzata al suo cospetto meno di un anno fa. Non vi mentirò, Padre Quart: quell'Adepta Paladina trema ancora, ora come allora.

Ora so anche perché non vedo più nulla su questo foglio, oltre ai nostri nomi e a quelli dei luoghi e delle persone con cui avremo a che fare a partire da domani: non vedo più il piano perché ora so che non esiste alcun piano che io abbia speranza di portare a termine con successo, magari proprio perché non sono abbastanza spregiudicata.

Ma questo non significa che rinuncerò a combattere: tenterò comunque, anche se non vedo per me alcuna possibilità. Ho prestato un giuramento e intendo mantenerlo ad ogni costo, anche se so di non essere la persona adatta. In fondo, mi resta ancora la fede: alla sua luce affiderò i miei passi, sperando e pregando per il meglio. Ma non posso chiedere a Guelfo o ad altri di accompagnarmi in questo fallimento annunciato, del quale peraltro non conosco i pericoli: è giusto che sappiano che ciò che temono sia un rischio è in realtà più simile una certezza.

Non ti facevo così spregiudicata
scritto da Solice , 07:46 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
7 Agosto 517
Domenica 23 Settembre 2007

Teatro dei Nomadi

Questa sera la mia preghiera è stata solitaria.

Ciascuno di noi ha trovato nell'arco della giornata i tempi e i modi per rendere grazie agli Dei: alcuni hanno scelto di recitare le loro preghiere insieme alla città, nel corso di una o di entrambe le funzioni celebrate da Padre Gabriel in memoria dei defunti; altri, impossibilitati a muoversi, si sono inginocchiati alla base del letto insieme a Ludmilla; altri ancora, raccolti nei loro pensieri, hanno scelto di pregare rivolgendo il loro animo agli Dei e cercando da soli una risposta alle loro domande.

L'arrivo del Paladino Nicolas Long e le notizie da lui comunicate circa Padre Lorenzo Quart ci hanno spinti ad andare a letto presto, rimandando a domani i saluti e gli ultimi preparativi. Nessuno ha sentito il bisogno di celebrare il vespro perché tutti, a loro modo, sentivano di averlo già onorato. E avevano ragione: l'ultima giornata che abbiamo passato a Laon si è svolta come un'unica, lunga preghiera. Canti di raccoglimento, come il lungo funerale mattutino che ha riunito una città intera intorno a chi ha dato la vita per difendere valori di verità e giustizia; canti di pentimento, come la breve funzione celebrata in memoria dei prigionieri defunti che troveranno nel giudizio di Pyros il perdono per le loro azioni o la dannazione eterna; canti di misericordia, come le parole con cui Benton ha ricordato a sé stesso ancora una volta le sue esperienze passate e la sua volontà di affidarsi alla luce degli Dei; canti di speranza, come il sorriso di Nickel alla vista di Codino, come l'arrivo di Nicolas Long e l'imminente incontro con Padre Lorenzo Quart.

"Pregare non significa chiedere": questa frase è l'estrema sintesi dell'insegnamento che ho ricevuto durante il mio primo anno a Foucault: dietro queste parole si nasconde un concetto apparentemente semplice, al punto che lo si insegna in tenera età. Ma non c'è niente di semplice quando la paura ti attanaglia lo stomaco, impedendoti di pensare: perché a quel punto, quando le ginocchia tremanti si piegano fino a toccare il suolo e le mani si stringono a farsi coraggio l'un l'altra mentre la fronte si china a raggiungerle, è difficile astenersi dal chiedere quello che ci serve. Coraggio, Forza d'Animo, Risolutezza, e ancora Speranza, Misericordia, Cessazione del Dolore. Che sia per noi, per i nostri cari o per una città intera, in quel momento dimentichiamo la nostra umiltà e chiediamo a gran voce un segno, un messaggio, un aiuto: a tale scopo vincoliamo il nostro voto, a tale richiesta consacriamo la nostra preghiera. "Pregare significa chiedere", questo fu l'insegnamento del secondo anno. Una frase decisamente più complessa, solo apparentemente antitetica rispetto alla precedente: chiedere a se stessi, impostare la propria vita secondo i valori e i dogmi mostrati dagli Dei. Soltanto questo può liberarci delle nostre paure e aiutarci nella lotta contro i nostri nemici.

Al termine della mia preghiera ho spento la lanterna, per poi coricarmi insieme alle mie compagne di stanza. Credo di aver resistito per qualche minuto prima di riaccenderla, illuminando nuovamente le sagome delle mie amiche addormentate: quei minuti passati nel buio più completo mi sono sembrati un'eternità. E' buffo vedere come Nickel riesca a dormire senza problemi: il suo cuore è ancora ferito e scosso, eppure in lei non alberga alcuna paura.

Domani all'alba lasceremo questa città: i quattro giorni che ci lasceremo alle spalle hanno cambiato per sempre la vita di molte persone. Abbiamo portato giustizia ma anche la consapevolezza che il male è subdolo e recidivo, e che le sue spire arrivano a corrompere persino le famiglie più importanti del feudo. Molti degli eventi occorsi in questi quattro giorni resteranno per sempre impressi nella mia memoria: i due colpi inferti prima a Nickel e poi al Monaco, sferrando i quali ho avuto per la prima volta paura della spada che porto; le due ferite ricevute da Jarel, l'una dovuta ai suoi incantesimi, l'altra alle parole volte a giustificarne lo studio; e infine lo sguardo velenoso della figlia del Barone, che mi ricorderà sempre quanto possano rivelarsi intoccabili alcuni dei nostri nemici.

Osservo le ombre danzare sulle pareti, frutto della mia mano che passa davanti alla lanterna: il Teatro dei Nomadi, così lo chiamava Yera. Provo a fare qualcuna delle facce e degli animali che mi faceva sempre prima che mi addormentassi: alcune mi riescono, altre no.

Non vedo l'ora di incontrare nuovamente Lorenzo Quart e di metterlo al corrente dei risultati del nostro lavoro: lui saprà fugare le mie paure e e aiutarci a continuare così, seguendo il cammino tracciato dagli Dei: un solo giorno e potremo parlare con lui.

E' con questo pensiero che spengo la luce, abbandonandomi finalmente all'abbraccio di Kayah.

Ombre Cinesi
scritto da Solice , 08:19 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
4 agosto 517
Sabato 1 Settembre 2007

Duello perso

Un personaggio più inquietante del previsto, capace di metterti a disagio con poche frasi e uno sguardo in grado di scavare a fondo. Nei suoi occhi c'è una rabbia felina, viva e profonda verso tutto quello che sono e rappresento. Gli occhi del nemico, secondi forse solo a quelli di Uther del Miestwode ma non per questo meno spaventosi, meno raggelanti: armi non meno letali dei suoi stessi incantesimi.

"Il fedele di Kayah cede il passo". Le parole di Padre Francesco da Achenar risuonavano nella mia mente mentre le toglievo la sottile fascia di stoffa che le impediva di parlare: ciò che cercavo era una conversazione, non uno scontro verbale. Lei no: un istante dopo mi trovavo già costretta a difendermi, vittima del suo sguardo e dalle sue parole che colpivano veloci e spietate come lame di un coltello affilato, prima in Delos, poi in Greyhaven: parole di odio e disprezzo, forgiate con una voce di acciaio non meno tagliente della lama di falsa luce in precedenza scagliata contro il mio braccio. Il piano era questo, in fondo: cedi il passo; fatti colpire; falla sfogare; fatti giudicare; fatti insultare; fatti calpestare. Pensavo che sarebbe stato più facile: rispondere alle domande anziché farle, farsi deridere, farsi sbeffeggiare... Domande senza senso, la mente che si offusca di fronte allo sguardo accusatorio... Era ancora lei la prigioniera? Non ci ha pensato due volte a prenderselo il passo, per poi colpire a morte l'avversaria rea di averglielo ceduto.

Poi è intervenuto Guelfo: "se non ti dispiace, vorrei chiederti ancora un'ultima cosa". Sono stati gli istanti immediatamente successivi a farmi comprendere il profondo significato delle parole di padre Francesco da Achenar. La recente vittoria l'aveva resa superba e carica d'orgoglio, convincendola di poter colpire una seconda volta una seconda persona, questa volta in modo ancora più difficile, efficace e perverso: non ha resistito alla tentazione di instillare il seme del dubbio nel suo avversario, nel trasformare il disprezzo in sdegno, la rabbia in persuasione, l'odio in seduzione. Guelfo l'ha lasciata fare, accettando di vedere le sue carte come un giocatore esperto, obbligandola a rischiare, a rilanciare con i suoi ideali, le sue conoscenze. Informazioni preziose, che ci consentiranno di riferire particolari di fondamentale importanza all'inquisizione e agli studiosi che la Chiesa deciderà di impiegare per la risoluzione di questo mistero esoterico.

Vittoria, dunque: abbiamo ceduto il passo, ottenendo le informazioni che volevamo. Perché allora mi sento come se avessi perso il mio primo, vero duello? Perché non riesco a pensare ad altro che al suo sguardo di soddisfazione, compiacimento e vittoria nel vedermi muta, impotente e terrorizzata mentre Guelfo le consegnava il foglio dei Labirinti di padre Erwin?

Jarel Delosan - Immagine 1
scritto da Solice , 05:23 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
4 agosto 517
Venerdì 3 Agosto 2007

Le filastrocche di Yera


è il nemico della neve
ma con l'acqua ha vita breve
nella notte la sua danza
tinge d'ombra la tua stanza


Ti ringrazio per aver dato ascolto alle mie preghiere, per come hai salvato Omar dalla magia oscura e hai dato forza alla mia mano e guidato la mia spada contro i nostri avversari. Non c'è giorno in cui rimpianga la mia scelta, non c'è ora in cui tu non sia con me.




non si mangia e non si beve
e indossare non si deve
alla cintola riposa
della mano è fida sposa


...Hai ragione, avrei dovuto tenerla con me. Eppure non ce l'ho fatta... mentirei se ti dicessi che è per colpa della ferita. E' pesante, ma non è al braccio che avverto la fatica. Riuscirò a rimetterla nel suo fodero? Avrò la forza di impugnarla di nuovo?




è il vassallo del dolore
è del fuoco il suo colore
reca vita al nostro cuore
in sua assenza il corpo muore


Non mi era mai capitato di vederne tanto... su di me, sui miei vestiti. Ed è ancora lì che si trova... per me, a causa delle mie azioni. Sapere che non è mio non lo rende meno reale, meno spaventoso. Diana, puoi sentirmi? Ho fatto come mi hai insegnato. Mi insegnerai anche a farlo di nuovo?




è il respiro che si arresta
è la fine di una festa
è un rintocco di campane
sono lacrime ormai vane


I nostri cuori battono ancora nonostante le gravi ferite ricevute: è la conferma che gli Dei sono con noi e sostengono le nostre azioni. Questa vicenda ha tracciato per noi un cammino sottile, circondato da un manto di tenebra oscura; il nostro compito è trovare la luce che ci consenta di non smarrire la via, di restare saldi ai principi della vita e della verità, gli unici che ci consentiranno di giungere integri alla nostra meta.




nella buona e mala sorte
nella vita e nella morte
una volta pronunciata
dovrà essere onorata


Non ho ancora conosciuto Lara, ma di certo l'amore che la legava a Benton era sincero: un amore cieco e forse per questo più forte della paura e del sospetto, in grado di ricondurre ogni cosa alla fiducia nei confronti di colui che si è scelto di amare. Un sentimento troppo intenso per essere troncato da un uomo che ha trovato, sia pure nella disperazione desolata nei confronti dell'ignoto, il coraggio di anteporre il bene della propria amata al proprio. Quell'amore esiste ancora, ne sono certa: prego gli Dei che possano liberare Benton dalla sua maledizione per consentirgli di ritrovarlo con il cuore al sicuro da ogni paura.




occhi vispi e sguardo mite
quattro zampe e nove vite
entra ed esce senza scopo
mangia il pesce e caccia il topo


Pyros l'ha salvata dalle tenebre e dalla morte, io ho il compito di portare la luce sulla sua strada. Colei che ha consegnato suo padre alle guardie, portandole via la sua famiglia: questo è quello che sono, così mi vedono i suoi occhi. Potrai mai perdonarmi, Nickel? Aspetterò in silenzio quel momento. Fino ad allora resterò al tuo fianco, e che gli Dei mi aiutino a darti una parte di ciò che ti ho tolto.




è nel cuore che si annida
tra i lamenti, tra le grida
ti conquista lentamente
prima il corpo e poi la mente


E' buio. Sento il respiro di Julie: forse sta dormendo, forse non può sentire il mio cuore respirare, non può vedere il mio corpo tremare. Ho tanta paura, vorrei essere piu' forte. Papà, Rosalie, Ryan, Karl, Yera, Malaki, Jen... Mi mancate, tutti quanti. Dove siete? Perché non mi rispondete? Aiuto... Aiutatemi.

scritto da Solice , 03:27 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
3 agosto 517
Mercoledì 25 Luglio 2007

Fallimenti critici

Cosa mi succede? Sono distratta, imprecisa, maldestra: i miei errori hanno rischiato di mettere in pericolo i miei compagni e di vanificare la cattura dell'unica persona in grado di consentire alla nostra missione di proseguire. Ho dato un ramo in faccia a Julie attirando l'attenzione su tutti noi, poi l'ho fatta rimanere indietro a fare la guardia a un cavallo lasciandola in balia di non uno, ma due stregoni. Per colpa mia ci hanno individuato, per colpa mia hanno preso quel cavallo: Quixote si è fatto male, Eric si è trovato solo contro due fuggiaschi: ciononostante è riuscito a catturarli, poi Guelfo è riuscito a farli parlare, mentre io sono riuscita soltanto a far innervosire uno di loro.

Osservo in silenzio i miei compagni, mentre mangiamo insieme alle guardie che stanno rischiando la loro posizione per aiutarci: li ascolto, mentre discutono dell'operazione dell'indomani. Sono coraggiosi, forti, capaci. Come Jen, come Abel... Come Loic, che se fosse con noi in questo momento lotterebbe per prendere la parola, per incitarci con il suo coraggio e la sua risolutezza.

Io no, io non lo sono: terrorizzata, questo è quello che sono. Forse dalla responsabilità che sento di avere con Nickel, dalla paura di non poterle essere di alcun aiuto... o forse da quel sogno che ho fatto.

Era soltanto un brutto sogno.
Era soltanto un brutto sogno.
Era soltanto un brutto sogno.
Era soltanto un brutto sogno.
Era soltanto un brutto sogno.
Era soltanto un brutto sogno.

Guelfo ha ragione.

Non posso, non devo permettere a questa cosa di impressionarmi ulteriormente, non devo concedere altro spazio alla paura. Tra poco, prima di addormentarci, pregheremo insieme gli Dei: ed è ancora una volta a te, Pyros, che mi rivolgo questa notte: scaccia dal mio cuore la paura, rendimi degna di indossare anche solo per un giorno i colori e il simbolo che ti appartengono affinché abbia il coraggio e la forza per essere quello che tutti si aspettano, quello che tutti si meritano, quello che ahimé, a quanto pare, ancora non sono.

scritto da Solice , 04:18 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
3 agosto 517
Venerdì 20 Luglio 2007

Danze macabre

"Così tanti balli da concedere e così poco tempo". Una delle frasi preferite di mia sorella; difficile non farla tornare alla mente, in situazioni come questa. D'altronde, non sarebbe impresa da poco trovare una metafora migliore per descrivere quanto è successo nel corso di questa lunga notte priva di luna. Ora dopo ora abbiamo danzato, dapprima alla cieca, poi a tentoni: e dopo il primo ballo abbiamo continuato a muoverci, danzando ancora e poi ancora fino all'alba, facendo adeguare il tempo e lo spazio alla nostra musica, al nostro passo veloce.

Non credo che mio padre e i miei fratelli se ne siano mai accorti, ma Rosalie è sempre stata una ballerina migliore di me. Io me la cavavo: un piede avanti all'altro, svolgevo diligentemene il compito che avevo. Lei era diversa: quando io ubbidivo, lei improvvisava; quando io levitavo, lei volava. "Osserva il quadrato", le dicevano sempre. "Io non vedo nessun quadrato", rispondeva lei ridendo, per poi spiccare il volo. Avevi ragione, Rosalie... Forse non c'è nessun quadrato, non c'è mai stato. Di certo, se c'era, non l'ho visto: non stasera.

Danzare a volte può essere spaventoso: ricordo la paura che si impadroniva di me ad ogni passo veloce, terrorizzata com'ero all'idea di poter inavvertitamente pestare i piedi del mio accompagnatore... Al punto che, quando capitava il contrario, mi sentivo addirittura sollevata. Questa notte non è stato così: quando i nostri nemici hanno colpito, il mio cuore si è riempito di dolore e di paura. Paura di morire, paura di perdere le persone a cui tengo... paura di essere costretta a rispondere allo stesso modo, facendo mio quel medesimo idioma fatto di tenebre e morte. Credo che lo stesso valga per i miei compagni: la nostra danza, protrattasi fino all'alba, è stato il modo di rispondere a quella paura, di dare un senso alle sofferenze e ai sacrifici che hanno patito alcune delle persone che amiamo, e altre che stiamo imparando ad amare.

Eppure... Eppure c'è qualcosa che stiamo trascurando. Una presenza sinistra e impalpabile, che permea le mura di quell'abitazione in cui siamo riusciti così rapidamente a entrare... Forse troppo rapidamente. Qualcosa che è riuscito a imprimere una traccia nel mio inconscio, suscitandomi l'incubo orribile di questa notte. Un incubo malato, malvagio, freddo... Macabro. Una visione sbagliata e fuorviante, che potrebbe togliere molte delle speranze faticosamente guadagnate nel corso di questa notte e orientare le nostre indagini nella direzione sbagliata: per quanto ne so potrebbe essere uno stratagemma dei nostri nemici, magari di quello spaventoso evocatore dagli occhi di ghiaccio. Ma potrebbe anche trattarsi di un avvertimento concreto su qualcosa di terribile che siamo sul punto di risvegliare, e che rischia di divorarci. O forse è soltanto frutto della mia immaginazione, irrimediabilmente influenzata dagli arcani simboli presenti all'interno dei libri che ho sfogliato soltanto poche ore fa?

E se fosse davvero colpa mia? Prego gli Dei di sbagliarmi, ma... Se avessi davvero commesso un passo falso in quella casa, risvegliando qualcosa di terribile e di mostruoso che i miei occhi inesperti non sono riusciti a scorgere in mezzo a tutti quei libri così diversi, così... sbagliati? E se così fosse, come ho potuto essere cosi' incosciente? Ho passato le ultime settimane a tradurre un testo volto a spiegare i pericoli di un atteggiamento tanto superficiale di fronte a simili misteri, per posare poi il mio sguardo su glifi sconosciuti, incurante del rischio che un'azione così sconsiderata avrebbe comportato?

"Così tanti balli da concedere e così poco tempo". Devo capire qual è la cosa giusta da fare, ma devo farlo in fretta per non deludere le persone che hanno riposto in me la loro fiducia. E più di ogni altra cosa devo prendermi cura di Nickel, dimostrando di saper tenere fede all'impegno preso di fronte a suo padre.

Padre Quart saprebbe la cosa giusta da fare, Abel saprebbe la cosa giusta da fare: Pyros ha accolto le nostre preghiere, ora spetta a noi dimostrare di saper cogliere i frutti del suo operato.

scritto da Solice , 05:32 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
3 agosto 517
Giovedì 12 Luglio 2007

Preghiera

Rivolgo a te le mie preghiere Pyros, affinché tu possa vegliare sul mio amico Loic: concedi a Desiree di guarire le sue ferite e intercedi presso il Dio della Misericordia affinché possa curare il suo corpo e lenire il suo dolore. Concedi a lui la grazia di restare con le persone che ama e a noi, che impotenti ci stringiamo al tuo cospetto, il dono di non dover rinunciare al suo esempio, al suo coraggio e al suo valore.

Rivolgo a te le mie preghiere Pyros affinché tu possa consentire alla sua ascia di tornare a levarsi verso il cielo, per difendere i valori in cui crede e gli ideali che ha deciso di sposare, gli stessi che splendono sotto la tua luce: concedi al suo braccio di impugnarla ancora, e intercedi presso il Dio della Giustizia affinché gli dia la forza necessaria a sostenere il peso e le difficoltà delle sue scelte nobili e difficili.

Rivolgo a te le mie preghiere Pyros, affinché tu possa cancellare ogni traccia di rancore o di risentimento dai cuori di coloro che l'oscurità della notte ha convinto o costretto a darsi battaglia: rischiara i nostri animi dalle tenebre e intercedi presso la Dea della Luna affinché possa indicarci la via anche quando non c'è modo di vederla, anche quando i Misteri di cui è madre ci sembrano oscuri e inesplicabili.

Rivolgo a te le mie preghiere Pyros affinché tu possa concedermi la forza di perdonare il padre di colei che hai scelto di affidare alle mie cure: scaccia dal mio animo i cattivi pensieri nei confronti di chi non ha saputo o non ha potuto essere per lei ciò che meritava, darle ciò che io ho avuto e che tutti noi dovremmo avere, fornirle le risposte che io ho ricevuto e che tutti noi dovremmo ricevere. Donami parte del tuo coraggio e riempi il mio cuore di amore, perché sarà soltanto così che potrò vincere le sue paure e assisterla nel doloroso e difficile compito che la aspetta. Dona a lui parte della tua saggezza, in modo che possa comprendere l'importanza della decisione che lo implorerò di prendere e il peso che avrà per la vita e l'avvenire di una figlia che non è troppo tardi per imparare ad amare, e concedi a lei la grazia di poter ricominciare nel tuo nome, lontana dall'odio, dal rancore e dalla sofferenza. Donale la forza per vivere onorando i tuoi valori e dalle il coraggio per potersi fidare ancora, se non di me, di altre persone disposte a volerle bene.
scritto da Solice , 04:46 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
3 agosto 517
Sabato 7 Luglio 2007

Notte senza luna

Dodici anni, forse tredici. I suoi grandi occhi chiari ci scrutano guardinghi e spaventati, illuminati dal bagliore innaturale sprigionato dal corpo di Guelfo: quando incrociano i miei, mi chiedo se non possano leggere in me la stessa cosa. La punta della mia spada è a pochi centimetri dal suo petto: spero che nessuno si accorga del tremolio che la percorre, seguendo i movimenti del mio braccio. Il pericolo è finito, i miei compagni sono arrivati in tempo per salvarmi dalle ombre spaventose di una notte priva della luce di Kayah. Perché allora il mio cuore è ancora cosi' pieno di paura?

Sia io che lei abbiamo combattuto, rivolgendo le nostre armi l'una contro l'altra: le tenebre hanno nascosto i nostri volti e con loro il peso delle nostre azioni, ma gli Dei sono intervenuti a proteggere entrambe: Pyros ha impedito al suo dardo di colpirmi e poi, ripetutamente, al mio braccio di farle del male: la sua divina misericordia ha protetto la vita e l'integrità di entrambe, lasciandoci il compito di portare avanti il suo giudizio. Quale che sia la spiegazione che ha portato questa bambina a imbracciare una balestra sarà mio dovere trovarla, nella speranza di indirizzare quel giudizio sui veri responsabili delle sue azioni.

"Consegna il tuo destino nelle mani di Pyros e non ti sarà fatto alcun male". Mentre pronuncio le parole che mi hanno insegnato per intimare la resa rifletto sul loro reale significato. Nessun destino merita di essere scritto in cosi' tenera età: non sarò io a scriverlo, nè le persone malvagie che l'hanno ingannata o costretta a fare ciò che ha fatto. E mentre le recito, ho un pò meno paura.
scritto da Solice , 19:01 | permalink | markup wiki | commenti (2)