Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Statti avvertito! »
- Loic Navar -
 
Voci di Tramontana
Le cronache degli eroi che salveranno il mondo
Annie Volvert
Il soldato che sa scrivere è pregato di aiutare quello che non sa scrivere. Si prega di non riempire la bacheca di messaggi personali o che non siano di pubblica utilità. Non scrivete sugli altri nulla che non vorreste leggere su di voi.
creato il: 23/06/2014   messaggi totali: 18   commenti totali: 66
35548 visite dal 23/06/2014 (ultima visita il 29/03/2020, 14:57)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 1 di 4
1 · 2 · 3 · 4
8 dicembre 517
Domenica 15 Marzo 2020

Mecojoni



8 Dicembre 517

"A parlare di tattiche sono i dilettanti: le guerre le vinci con la logistica".

Vorrei vederlo adesso, il fulmine di guerra che s'è tirato fuori dal culo quella frase del cazzo, mentre arranca nella neve come un coglione insieme a noi alla volta di Angvard: chissà se la penserebbe ancora così. Vogliano gli dei che sia morto, stroncato dalla gotta dopo una vita trascorsa a ingozzarsi di birra e carne di capriolo mentre faceva sgroppare i suoi uomini su e giù per gli altopiani.

Eppure lo stronzo aveva ragione: se c'è una cosa che a Ghaan non si aspettano di certo è che riusciremo a portare una marea di truppe sotto al loro culo a ridosso del giorno cazzo nel momento più freddo dell'anno. Non se lo aspettano per un buon motivo, ovviamente: perché è impossibile. Ed è qui che entrano in gioco Barun, Logan e Ramsey: gli unici tre figli di puttana, tra i tanti che conosco, che riescono a rendere possibile l'impossibile.

Il piano diabolico che hanno congegnato è diviso in tre fasi, una più pazza dell'altra.

La prima: una linea di rifornimenti che collegherà prima Dossler e Angvard, e poi Angvard con la Sacra degli Angeli Protettori... un posto di merda dove nessuno riesce a entrare da anni: nessuno dei nostri, perlomeno. La dimora di Custode, come l'hanno soprannominato i Greyhavenesi. Un posto dove neanche l'aria è più respirabile che loro sperano di ripulire dagli attuali occupanti così da farlo diventare il nostro granaio per l'inverno. Cosa potrebbe mai andare storto?

La seconda: un attacco sferrato tra la Rinascita e l'anno nuovo, nella speranza che per allora la Sacra sarà già nelle nostre mani. Un attacco sferrato su più fronti contemporaneamente: da terra, portato da quelli che prenderanno la Sacra; dal mare, sferrato da un pugno di uomini scelti che cercheranno di sbarcare dietro le linee nemiche con l'unica nave che abbiamo; e poi... e poi Barun solo sa da dove, visto che non ce l'ha ancora detto: presumo che arriverà dall'interno, visto in cosa consiste la fase successiva.

La terza: la rivolta. A quanto pare all'interno di Ghaan si è creata una fazione che ha intenzione di rompere il culo ad Aghvan l'Invitto e sbarazzarsi dell'attuale Signore di Ghaan una volta per tutte. Una prospettiva che a Barun piace parecchio, tanto da essersi spinto fino a disertare pur di tenere in piedi gli accordi presi e il lavoro svolto in questi ultimi mesi. Una possibilità che sembra essersi concretizzata anche grazie al lavoro svolto da Giada Novak a Skogen e a quei ragazzi che hanno dato l'anima per portarla lì, nelle grinfie di quel porco di Zodd e dei suoi scagnozzi. Di questa parte del piano si sa ancora poco, ho idea che i dettagli saranno decisi strada facendo a seconda di come andrà e di chi tra noi riuscirà a sopravvivere fino a quel punto.

La prima fase è quella su cui ci stiamo concentrando in questi giorni: ciascuna squadra ha un ruolo, un piano d'azione ben preciso che viene ripetuto ogni sera, quasi ossessivamente, così da essere preparati agli eventi che ci attendono. Mai come questa volta dovremo muoverci in modo perfettamente coordinato. "Le dita della stessa mano", come dice Barun: nessuno meglio di noi, che lo conosciamo da anni, può comprendere l'efficacia di questo paragone. Se ce la fa lui, non vedo perché non potremmo farcela anche noi: troveremo il modo di brandire la lancia che ci porterà alla vittoria, per tutto il tempo che servirà tenerla alta nel cielo.

A dispetto del freddo, dell'assurdità della missione e delle accuse che penderanno sulla testa di chi è così pazzo da volerci seguire, i nostri ranghi si arricchiscono ogni giorno che passa.

Lo squadrone Vachter di Greyhaven ha disertato in blocco, contravvenendo agli ordini del Granduca; chi pensa che lo abbiano fatto perché Ali si scopa il loro comandante è un coglione: nessuno sarebbe disposto a mettersi contro il suo stesso esercito per una donna, neppure se quella donna è Ali: men che meno i suoi uomini... per non parlare dell'Angelo Nero: quello non lo convince nessuno, se non vuole venire. Tra i soldati che conosco è quello che ha incrociato la spada con il maggior numero di mostri: King, Chief, e Jormungand: magari ha voglia di misurarsi anche con Custode. Meglio così, se c'è uno che voglio avere di fianco quando il boss della Sacra ci piomberà addosso è lui. Ancora ho i brividi se ripenso a quando ho staccato la testa a King con quel cazzo di spadone enorme che si porta dietro... penso che in tutto l'esercito quel tronco d'albero riusciamo a brandirlo giusto io e lui.

Possiamo poi contare sull'aiuto del paladino Ruben Block e delle sue due giovani allieve May e June. A quest'ultima sarò per sempre grato per via del tempo che ha speso con Ali: non solo per i giorni trascorsi a curarle e medicarle la ferita, ma per l'effetto positivo che è riuscita ad avere su di lei. Non so se esiste un modo per sdebitarmi, ma di certo farò di tutto per far tornare a casa sane e salve sia lei che la sua compagna.

Al ponte di Dalian abbiamo trovato un piccolo squadrone ad attenderci, al comando del Capitano Seth Vigil: tra loro c'era addirittura Lady Juliet Dossler, una delle più belle donne che io abbia mai visto in vita mia. Ora capisco perché la votano in così tanti alla Rocca, anche se non è di Uryen! Un autentico schianto che non sfigurerebbe neppure alle Case della Gioia... con rispetto parlando, ovviamente.

Juliet Dossler - Immagine 4

Ali mi ha spiegato che questa bellezza è una parente della Sorella Custode e che un giorno potrebbe diventarlo lei stessa: il fatto che abbia voluto accompagnarci ad Angvard significa che anche Dossler ha deciso di non rispettare la tregua e partecipare a questa impresa: mi auguro che ci abbia mandato i loro soldati migliori e non un semplice contentino per ingraziarsi i favori degli eredi della dinastia Raleigh in caso di vittoria.

Beh, tempo di rimettersi in marcia: non vedo l'ora di arrivare ad Angvard!


9 Dicembre 517


Angvard è davvero un posto di merda, non mi stancherò mai di ripeterlo. Mi spiace per i piccoli Raleigh, che davvero non hanno colpe, ma questo brufolo sul culo dell'altopiano del lampo non ha davvero nessuna attrattiva. Neanche il tempo di entrare in città e veniamo accolti, per così dire, dai volti patibolari di quei pendagli da forca dell'Armata del Corno.

Tra loro, immancabile come una mosca che svolazza sulla merda, scorgo quel coglione di Greg, un personaggio ridicolo che per qualche motivo che ignoro, nonostante il cervello di gallina e i modi da spaccone, riesce sempre a raggirare qualche poveretta; stavolta la sventurata è nientemeno che Ceyen, una ragazza orfana che potrebbe avere qualsiasi uomo del Granducato e invece s'è fatta irretire da questo farabutto. Tu guarda come se la stringe senza alcun riguardo, mentre i suoi scagnozzi ridacchiano tutto intorno a loro: roba da non crederci!

Greg Lorne - Immagine

"Hey, Garruk!" Mi apostrofa sollevando quella che mi pare una caraffa, mentre si stringe addosso quella povera disgraziata come fosse una copertaccia. "Come te la passi, vecchio mio?"

"Ho bisogno di farmi una doccia e una cagata", gli urlo in risposta: "se apri di nuovo la bocca capace che mi risolvi un problema!".

"Anche io sono contento di vederti! Ma quindi riesci ancora a cagare da solo? Perché l'ultima volta che ci siamo visti mi sembrava di averti rotto il culo..."

"Davvero ricordi così? Eppure non mi sembrava di averti colpito così forte".

"Caga tranquillo, Garr: quando vorrai fare un'altra figura di merda davanti ai tuoi soldati sai dove trovarmi".

"Hai detto bene, davanti ai miei soldati: perché è lì che mi troverai, a differenza di quelli come te che si squagliano alla prima carica con la scusa di tirare quei fromboli da froci che non fanno mai un cazzo. Che fai, cerchi una scusa per non venire con noi? Ti accontento subito!"

Faccio un passo verso di lui, ma Ramsey alza un braccio. Capisco immediatamente cosa mi vuole dire: abbiamo Logan Treize con noi, è meglio non dare troppo spettacolo con questi finché non ci saremo sistemati a dovere. In fondo ha ragione, non abbiamo tempo da perdere con questi idioti: dopotutto, vedere la faccia che farà Greg quando si troverà a dover combattere fianco a fianco con Logan sarà persino più divertente di prenderlo a schiaffoni.

Scuoto la testa. "Stronzo di un Elsenorita".

"Elsenorita?" mi domanda Ali, divertita: "pensavo fosse di Feith".

"Elsenor, Feith... che differenza fa? Sempre posti del cazzo sono".

"Ah, quello è poco ma sicuro!"

"Spiegami cosa ci trova Ceyen in un fantacoglione come quello: l'ultima volta che l'ho vista stava con Goron..."

"Con Goron, già... e prima di lui con Marko, con Rico, con Teddy, con Lucien..."

"Appunto! Tutta brava gente: perché rovinarsi la reputazione con quello scopatore di rane, dico io?".

Ali mi lancia un'occhiataccia: "Non dire cazzate, Garr: Ceyen è libera di andare con chi vuole. Gli scorreggioni che si lagnano delle scelte di una donna sono ancora peggio dei palloni gonfiati come Greg".

Scuoto la testa. "Zaveer non avrebbe mai approvato".

"Zaveer è morto: e se fosse vivo avrebbe approvato eccome, altrimenti Ceyen non si sarebbe scopata tutta Bonneberg e gran parte di Angvard. E sai che ti dico? Beata lei! Ha fatto bene, visto che non facciamo altro che rischiare la pelle! E adesso piantala, o ti nomino mio sergente in seconda!"

Ah, già: ancora non mi sono abituato alla promozione di Ali. Del tutto inutile ovviamente, visto che adesso siamo tutti disertori. Un vero peccato: non potrei immaginare un sergente migliore di lei.

L'odore nauseabondo delle canaglie dell'Armata del Corno, dei Kreepar fatti arrosto con le patate da quello spostato di Nestor e delle mille altre porcherie che infestano Angvard non ci impedisce di raggiungere il nostro campo base: l'adunata generale delle truppe al cospetto di Lord David Raleigh è prevista per domani, ma Barun ha fretta di incontrare Yara. Con lui saliamo io, Ali, Ramsey e Logan Treize.



Al terzo livello ci accolgono il tenente Vonner e il nipote del Comandante Athor Alman, che se non ricordo male si chiama Amos o giù di lì: più che il braccio destro di Yara sembra un attendente denutrito, ma suppongo che qui ad Angvard si mangi ancora peggio che alla Rocca di Tramontana. I convenevoli durano poco, Barun ha fretta di togliersi gli stivali ma non intende farlo prima di aver portato i suoi omaggi a quello che da domani sarà il nostro Comandante.

Athos Alman - Immagine

"Yara? Si sta ancora allenando: venite, andiamo da lei". Così dicendo, Atom ci conduce all'interno di un sontuoso mausoleo ornato da bassorilievi scolpiti una vita fa: poco dopo l'ingresso il rimbombo dei nostri passi è coperto da un susseguirsi di lamenti femminili interrotti a più riprese da una voce maschile che riconosco subito e che non preannuncia nulla di buono.

"In piedi".

"Aaaaahhhh-" (rumore di caduta)

"Ancora".

"Kyaaahhhh-" (rumore di caduta)

"Sposta il peso, o cadrai in eterno!"

"Anf..."

"In piedi".

"Anf... anf..."

"In piedi, ho detto. Se sei stanca vattene a dormire, altrimenti tirati su. Sei stanca, principessa?".

"Non sono stanca".

"E allora impegnati. Più forti, più precisi, più rapidi e più efficaci: così devono diventare i tuoi colpi, altrimenti sul campo sarai carne morta".

La scena che si palesa di fronte ai nostri occhi grida vendetta: Lady Yara, con una picca in mano, affronta da sola due avversari che la attaccano in contemporanea. Il che, intendiamoci, potrebbe anche avere un briciolo di senso, se non fosse che gli avversari che la fronteggiano sono Acab e Montaine, due tra i due soldati più forti che l'esercito di Feith abbia mai avuto la fortuna di poter schierare.

Montaine e Yara - Immagine

Mentre i tre lancieri continuano a darsele di santa ragione raggiungiamo un angolo della sala da cui si vede bene lo scontro, dove ci attende un altro gruppetto: tra loro riconosco Brian Sturm, ex-soldato di Uryen poi diventato paladino di Angvard, e Rak Jim, uno dei pochi soldati di Angvard che so per certo valere qualcosa... non a caso, viene da Ammerung; con loro ci sono un anziano vestito di bianco e a una ragazza magra e aggraziata che sembra pure lei una paladina; dal rapido giro di saluti capisco che il nano è un soldato di nome Rak Jim, l'anziano è un consigliere di nome Minar il Bianco e la ragazza si chiama Crystal: a quanto pare, ha un braccio di legno. Scommetto che gliel'ha fabbricato quel conciaossa pervertito di Montaine.

Crystal Kanban

I minuti successivi li passiamo lì in silenzio, rapiti dallo scontro impari che si consuma davanti ai nostri occhi.

"Migliora a vista d'occhio", esclama Brian dopo un pò. "Fino alla settimana scorsa non riusciva neanche a reagire, invece adesso...".

Invece adesso?, penso tra me e me. Intendiamoci, la ragazza è forte e molto combattiva, ma quei due insieme avrebbero la meglio su qualsiasi soldato, persino sull'Angelo Nero di Greyhaven.

"Da quant'è che va avanti questa cosa?" Chiede Barun.

"Circa tre settimane", risponde Amon: "con la lancia se la cava, ma sente il bisogno di perfezionare lo stile".

"Perfezionare lo stile? Da sola contro due dei combattenti più forti del Ducato? Ha scelto un percorso impegnativo".

Amor annuisce: "E' fatta così".

"Posso vederla? La lancia, dico".

Il consigliere guarda Atmos, quindi fa cenno di sì col capo e ci invita a seguirlo fino a un tavolo di legno poco distante: là sopra, adagiata su un drappo di colore blu intenso, abbiamo modo di osservare quella che forse è l'arma più potente dai tempi dell'età ancestrale.

"Vi piace?" Esclama Rak Jim con gli occhi che brillano di soddisfazione: "l'ho finita pochi giorni fa".

La storia più o meno la sapevo, ma il racconto di Barun non rende giustizia allo spettacolo che mi si para davanti: il "pugnale" indistruttibile che i nostri soldati hanno recuperato a Skogen è stato incastonato all'interno di un solido anello borchiato e quindi inastato sulla cima di un bastone di legno e metallo finemente lavorati. Un lavoro assolutamente perfetto, che restituisce a quell'arma leggendaria l'aspetto semplice e allo stesso tempo solenne che emerge dalle accurate descrizioni del Khal-Valàn.

Cerco di provare a immaginare quanto possa essere emozionato questo nano, chiamato dalla sorte a ripercorrere le orme del leggendario Vainar quando forgiò la lancia di Ilmatar. Cavoli, mi sento emozionato io per lui! Non riesco a trattenermi e glielo chiedo, ricevendo una risposta che mi lascia a bocca aperta.

"In realtà Vainar non ha forgiato Yrakàvin: Il Khal-Valàn dice chiaramente che Ilmatar la porta con sé sin dall'alba dei tempi..."

"Azz, che sfiga" mi sussurra Ali, battendomi la mano sulla spalla: "hai beccato l'unica cosa che quel tipo non ha forgiato in tutti e 90 i runi!". Ben ti sta, Garruk: così impari a parlare dei libri che non hai letto.

Di lì a poco lo scontro impari termina: mentre Montaine aiuta la sua sposa a rialzarsi, dopo averla bastonata per ore, Acab viene a portarci i suoi saluti. Non c'è uno tra noi che non conosce e con cui non abbia incrociato le armi almeno una volta: il mio fianco destro ancora ricorda con dolore l'infausto giorno in cui toccò a me.

"Come va, Marv?"

"Che ti sia ben chiaro", risponde Barun raccogliendo l'invito, "per me resti un figlio di puttana".

"Un figlio di puttana che ti fa comodo, visti gli uomini che ti restano: e poi", aggiunge lanciando un'occhiata sprezzante a Logan, "non sono io il più stronzo degli invitati, a quanto vedo".

"Ma sei l'ultimo arrivato, visto che cavalcavi a fianco del signore di Ghaan fino all'altro ieri".

Acab scoppia a ridere: "la mano te la sei giocata, ma la lingua t'è rimasta tale e quale".

"Anche la mano avrebbe ancora molto da dirti, credimi: ci vuoi parlare? Magari scopriamo che Yara potrebbe avere un maestro migliore".

"Magari un'altra volta. Adesso piantiamola con le vecchie storie e pensiamo a vincere questa guerra".

Le vecchie storie. Acab ha un bel coraggio a chiamarle così: forse le sue ferite si sono richiuse, ma le nostre no: i nostri soldati non combatteranno mai volentieri mai a fianco di quei pendagli da forca della Brigata del Tramonto. Per questo motivo noi andremo da terra, mentre Acab e i suoi si imbarcheranno sulla Disperata per sbarcare direttamente dentro la tana del lupo. Un'impresa grazie alla quale si risparmieranno la riconquista della Sacra, ma che rischia di essere altrettanto suicida: il loro sarà un viaggio di sola andata, ammesso che la Disperata riesca ad attraversare indenne le correnti invernali del Mare del Nord; inoltre, non abbiamo aggiornamenti sui numeri e sulle difese di Ghaan in quella zona. Giada è riuscita a fornirci una quantità incredibile di informazioni, ma non abbiamo sue notizie da tempo: troppo tempo. Spero che sia soltanto la cautela a tenerla silente, altrimenti...

"Garr, noi qui abbiamo finito", mi dice Ramsey: "il capitano e Logan ci raggiungeranno dopo".

Percorriamo a ritroso la strada che abbiamo fatto poco prima: Ram non dice una parola.

"Siamo sicuri che Logan non corra rischi? Quelli lo odiano più di quanto noi disprezziamo loro".

"Sono teste calde, ma non al punto da far saltare il banco per una vendetta: non ad Angvard, non davanti a Yara".

"Magari non qui: ma quando saremo a Ghaan?"

Ramsey mi guarda serio: "ci penseremo quando sia Logan che Acab e i suoi riusciranno ad arrivare a Ghaan".

Annuisco: finalmente una buona notizia.





10 dicembre 517

La grande piazza d'armi di Angvard è probabilmente il luogo più suggestivo della città: una lunga distesa irregolare posta sul punto più alto della collina, che domina i tre livelli della fortezza e si affaccia sull'altopiano. A dispetto del nome, è tutto fuorché uno spiazzo: spianate, terrapieni e piccole colline si alternano lungo tutta la sua superficie, a cui fa da cornice una vista mozzafiato. E' qui che oggi si raduneranno tutte le armate che prenderanno parte alla fase finale di questa guerra. Noi siamo i primi ad arrivare, insieme agli squadroni di Greyhaven e Dossler: ci schieriamo tutti insieme ai piedi di una delle alture, a poca distanza dall'esercito di Angvard.

Qui intorno sono state combattute alcune delle battaglie più importanti della Guerra delle Lande. In una delle ultime c'ero anch'io: quella dove Logan Treize ferì a morte Tyron Raleigh, disarcionandolo dal suo enorme cavallo nero e volgendo la guerra a favore del Duca Bianco.

"Niente male la vista, eh?" esclama Rak Jim, venendo verso di me. "Una vita fa, prima della morte che cammina, l'esercito saliva fin qui ad allenarsi, attraversando a passo di marcia tutta la città. A quei tempi i soldati erano temuti e rispettati: adesso vengono fatti vivere a ridosso del primo livello, per paura che possano portare il morbo dentro le mura.. La gente li evita, come degli appestati. Questa maledizione ha messo tutto sotto sopra: letteralmente".

Annuisco, continuando a guardarmi intorno. Le baracche che oggi ospitano i soldati di Angvard sono a un migliaio di passi sotto di noi, nei pressi delle porte della città. Ricordo lo scontro che combattemmo lì nel marzo dell'anno scorso, quando impedimmo al signore di Ghaan di prendere il potere. Quel giorno capimmo tutti che gli eredi di Tankenborst erano venuti su meglio del padre. In particolare Yara: quella ragazza ha la stessa grinta, testardaggine e convinzione di essere immortale di quel pazzo scatenato del suo vecchio, ma con una libbra di cervello in più. Se Uryen non avesse combattuto quella battaglia adesso non saremmo qui, e non ci sarebbero neppure Acab e gli altri pezzi di merda della Brigata del Tramonto. Eccoli là, intenti a radunarsi di fronte a noi: addirittura salgono insieme a Yara e al suo primo ufficiale, come se questo posto fosse roba lor...

No, un momento: quella non è Yara! Cosa diavolo... Resto interdetto, mentre la donna si avvicina al nostro gruppo, seguita dal fido Amos.

Ceyèn - Immagine 3

"Allora, che ve ne pare?" Esclama la ragazza, brandendo una lancia identica a quella che ho visto ieri. Anche l'armatura e il mantello sono identici, per non parlare dello scudo: pure la spaccatura uguale, gli hanno fatto.

"Sei perfetta!", esclama Ali: "meglio dell'originale!"

Che mi venga un colpo: è Ceyen! Sapevo che il piano prevedeva di schierare una finta Yara alla testa dell'esercito di Angvard, ma non mi aspettavo che avessero scelto lei.

"Non è troppo rischioso?" Chiedo ad Atom, mentre la ragazza riceve i complimenti - meritati - di Logan e Barun.

"Si è offerta lei volontaria, appena ha saputo che stavamo cercando: dice che è nata per questo".

Aggrotto la fronte: "E' nata per morire? No, perché se si presenta così al centro dell'esercito le tireranno addosso pure le picche rompighiaccio. E non penso che quella replica di Scudo dell'Eroe che le vedo al braccio funzioni come quello vero".

"Per quello ci saremo noi a difenderla, no? Noi, e il resto del battaglione che attaccherà da terra".

Ma che cazzo dice questo biondino? L'ha mai visto un campo di battaglia o c'è stato solo nelle storie che gli raccontava lo zio? E poi, devo ancora capire perché dovremmo combattere al fianco di una falsa Yara: dove cazzo deve andare quella vera?

Proprio mentre sono in procinto di palesargli questi miei dubbi, ecco che i miei occhi subiscono ancora una volta l'onta di doversi posare sulla faccia di cazzo di Greg Lorne, sbucato da chissà dove a un metro da noi.

"Garruk, è proprio te che cercavo!".

"Ah si? E dire che sono bello grosso: fatti meno pippe, o finirai per diventare cieco".

Attendo la risposta, ma non arriva.

"Che c'è, Greg? Sei rimasto a secco di stronzate? Perché mi guardi in quel modo?"

Greg fa un cenno verso Ceyen, poi torna a guardare me: "Posso contare su di te?"

Mi gratto la testa: questa è davvero buona! "Cioè, tu vuoi che... io... la tenga d'occhio?"

Annuisce. "Se so che ci pensi tu a lei, mi fai stare più tranquillo".

Eh no, cazzo. Ma come... tra tutti, proprio io?

Faccio per dirgli che no, non è così che si fa, che se ci tiene alla sua donna deve togliersi le mani dal culo e venire pure lui con noi alla Sacra... poi però ricordo il piano: Greg è tra quelli che andrà via mare, nella pancia della ''Disperata'', in un viaggio assurdo che mi fa torcere le budella al solo pensiero. Noi per terra, loro per mare. In questo tripudio di logistica che fa vincere le guerre non è lui a comandare, non è lui a scegliere dove stare: lui è un dilettante della tattica, proprio come me. E adesso che sta per imbarcarsi in quello che potrebbe essere il suo ultimo viaggio, questa testa di cazzo, questo scoparane da strapazzo che non sfigurerebbe appeso all'albero del cimitero di Uryen, è preoccupato per la sorte della sua ragazza, e sta chiedendo a me... A ME... di tenerla d'occhio, di badare a lei. Roba da matti.

Annuisco. "Ci penso io: hai la mia parola".

Greg sorride. "A buon rendere", dice. Poi torna da lei e la prende sotto braccio, il tutto a due metri scarsi da Barun e Logan Treize. Così, come se fosse tutto normale. Aveva ragione Rak Jim: è tutto sotto sopra, ormai.

Non faccio neanche in tempo a riprendermi dalla sorpresa, che l'aria si riempie di un suono gracchiante di uccelli spennati. "Cos'è questo rumore assordante? Hanno finito i Kreepar e stanno cominciando a mangiarsi i corvi vivi?" chiedo ad Ali, che scoppia a ridere. "Si direbbe una cornamusa".

E poi li vediamo: i cazzoni di Elsenor, gli stessi che si presentarono al porto di Uryen la scorsa estate, guidati da quello smargiasso tatuato che chiamano il Principe. Sono in cinque, ma fanno più casino loro di un battaglione di Feidelm. Uno di loro suona un tamburo, la donna soffia dentro a una specie di cornamusa rimediata chissà dove; il Principe ha un braccio legato al collo e trascina un sacco enorme, mentre i due che chiudono il corteo portano a fatica una specie di gigantesca porta. A giudicare dalle ferite che hanno dovrebbbero essere morti, e invece camminano e cantano a squarciagola come se avessero compiuto chissà che impresa.

Aiden Marnach - Immagine 2

La parata incede zoppicando fino a giungere al cospetto della falsa Yara, che ovviamente si guarda bene dallo smentire l'equivoco. Il Principe si inginocchia ai suoi piedi, quindi esclama a gran voce: "Sibh Céile, Muid Cèile!" E così dicendo spalanca il sacco, svuotando a terra il suo contenuto.

Improvvisamente, l'altopiano si ammutolisce: tra lo stupore generale, tutti osserviamo la testa di Chief rotolare ai piedi di Ceyen. Un istante dopo, l'aria esplode in un fragoroso suono di applausi, fischi e urla di giubilo. Il Principe si alza in piedi, sollevando il braccio in segno di vittoria, mentre i suoi uomini depongono lentamente l'immenso scudo di pietra a terra: chissà come cacchio hanno fatto a portarlo fino a qui. Il gruppetto attira in un attimo l'attenzione di tutti: da Barun ad Acab, da Logan a Montaine, dal paladino di Pyros all'Angelo Nero, non c'è un soldato su questo altopiano a cui non sia salita una voglia matta di abbracciare quel grandissimo figlio di puttana tatuato che è andato a prendere a calci in culo il servo di Mirai sotto casa sua.

Me compreso, ovviamente.

"Ma non pensavi che gli Elsenoriti fossero tutti stronzi?" Mi dice Ali, mentre sgomitiamo per farci largo.

"Stai scherzando? Quel Principe è il mio nuovo migliore amico: se non fosse così malconcio avrei voglia di abbracciarlo!" Le parole mi escono da sole, dettate da un entusiasmo che non sento dai tempi della Guerra delle Lande.

Ali scoppia a ridere: "ecco una scena che mi piacerebbe vedere prima di morire!"

La sua risata finisce per contagiare anche me. Questo altopiano, ancora una volta, sta facendo il miracolo: tante spade diverse, che tanti anni di scontri locali avevano reso senza filo, sono pronte per fondersi in una singola arma, puntata verso un nemico comune. Barun lo sapeva, per questo siamo qui: è stato lui a suggerire al giovane Dominus questa adunata. Ma il ragazzo di suggerimenti ne riceverà tanti, e all'inizio sembrano tutti buoni: il merito di riuscire ascoltare sempre quello giusto è interamente suo.

Ed eccolo che arriva, David Raleigh, insieme alla sua scorta personale e ai paladini: anche a lui vengono tributati i doverosi applausi. Le sue imprese non sono spettacolari come quelle dei mattatori Elsenoriti, ma se oggi questa cosa sta avendo luogo lo dobbiamo soprattutto a lui. E lui lo deve a noi.

David Raleigh - Immagine

Il drappello si dirige verso di noi: al centro, protetta dai paladini di Dytros, c'è Madre Magdalene, con il bambino in braccio.

"Pensavo che sarebbe nato il giorno della Rinascita", mormoro ad Ali: "sarebbe stata una bella data simbolica, no?"

Ali annuisce: "oppure il 25 marzo, il giorno consacrato ad Harkel".

"Già. E invece è nato due giorni fa: che razza di data è l'8 dicembre? Non significa niente! Bah, tanto a queste coincidenze non ci ho mai creduto. Piuttosto, ma è sicuro portarlo qui appena nato? Non prenderà freddo con questo vento?"

Ali ridacchia: "Ehm... Mi sa che lo scoprirai presto..."

Poi succede l'impensabile. Il drappello si ferma davanti a noi... davanti a ME. E madre Magdalene mi porge il marmocchio, come se niente fosse.

"Avanti, prendilo!"

Scuoto la testa: "no guardate... madamig... sacerdotessa... Io non... Ali, puoi prenderlo tu?" Mi giro verso Ali. Ma dov'è andata? sparita. Volatilizzata. Maledetta!

Magdalene mi sorride. "Mi ha detto che vuole stare insieme a un soldato veramente forte".

... E così me lo ritrovo in braccio, mentre Barun e Acab aiutano la mamma e Lord David ad arrampicarsi sull'altura.

"Accidenti, che scena... Come siete carini!"

La voce di Ali: per un attimo penso che si riferisca a Barun e Acab e mi viene da sghignazzare, poi capisco che sta parlando di me e di Magdalino e la fulmino con lo sguardo.

"...Ma dove ti eri squagliata? sei peggio di Greg!"

Ali mi fa una linguaccia: "Non sono abbastanza forte per tenere un fardello del genere: e poi guardatevi... sembrate fatti apposta! Sicuro di non essere tu il padre?".

"Ma se non so neanche com'è fatto, un bambino... E se lo stringo troppo? Se comincia a piangere?" Il pargolo mi guarda con espressione curiosa: poi, senza nessun motivo, scoppia in lacrime. "Lo sapevo! Che vuoi adesso? Eddai... non fare così: non c'entro niente io! Ammazza quanto sei brutto quando piangi!"

"Ehm... E' una bimba, Garruk!"

"... una bimba? Davvero?"

Ali sorride. "Eh già: te lo ricordi chi dovrebbe essere, no?".

Porca troia... è vero: sto tenendo in braccio Harkel. Cioè... non proprio Harkel: una specie.

Mecojoni.

Mentre il figlio - anzi, la figlia - intona il suo pianto della creazione, la madre viene issata sull'altura. Ma non ha partorito appena 2 giorni fa? Dovrebbe stare a letto. E invece, eccola che apre le braccia e inizia a cantare. Una melodia dolce, ma al tempo stesso intensa e solenne. In un attimo l'altopiano si ammutolisce.

Invocazione ad Harkel



Lord David inizia il suo discorso, mentre tutti gli sguardi si posano su di lui. Si rivolge a Uryen, a Dossler, a Greyhaven, alla Brigata del Corno, ai figli di Ilsanora e a tutti quelli che hanno scelto di essere qui; che si sono rifiutati di ascoltare le trombe di una pace falsa e beffarda, preferendo le note armoniose del canto di Harkel; che hanno battuto in lungo e in largo il Corno del Tramonto e gli Altopiani delle Tempeste per far luce sulla tenebra che ha oppresso questi territori e affrontare i demòni che in essa si nascondono; che hanno recuperato, forgiato e impugnato le armi per combattere il Cataclisma, come i loro antenati del Khal-Valàn; e che, a partire da domani, muoveranno compatte alla volta di Ghaan, attaccando da terra, da mare e da...

In che senso? Non capisco: nessuno capisce. Poi Madre Magdalene solleva le braccia e si protende verso il cielo, continuando a intonare il suo canto rigoglioso. E poi, come in risposta, un'ombra gigantesca ricopre l'altopiano. Gli sguardi di tutti si levano verso l'alto, rivolti verso la sagoma scura che proprio in quel momento si staglia contro il sole. E finalmente lo vediamo.

Maestoso e sublime, tremendo e formidabile. Le ali spalancate, coperte da scaglie di un blu scintillante; gli artigli protesi e affilati come lance, pronti a trafiggere e a ghermire; la bocca irta di zanne, che non tarda a schiudersi in un profondo e spaventoso ruggito.

E sul suo dorso, splendida nella sua scintillante armatura di Dytros, Yara Raleigh, con lo Scudo dell'Eroe sul braccio sinistro e Yrakavin, la lancia sacra di Ilmatar, stretta nel pugno destro.

Tutto l'altopiano resta a bocca aperta mentre il Wyrm sfreccia veloce sopra le nostre teste, come danzando intorno alle note del canto di Madre Magdalene. Poi, di colpo, parte un'apoteosi di applausi e grida.

"Ma come... come... come cazzo..." Chiedo ad Atmos.

"Non male, eh? Le prime uscite erano disastrose, ma adesso comincia a prenderci la mano".

Guardo Ali: anche lei non riesce a staccare gli occhi di dosso al prodigio che svolazza sopra di noi. "Ali, ma tu lo sapevi?"

Lei scuote la testa: "Non ne avevo idea. Cazzo, che storia!". Se anche questa è logistica, il coglionastro che ha coniato quella frase aveva ragione: mezza guerra l'abbiamo vinta prima ancora di partire.

Wyrm - Immagine

La creatura inizia a volteggiare sopra di noi, disegnando cerchi concentrici e facendosi più vicina ad ogni giro: anche vederla scendere è uno spettacolo. Guardo preoccupato Madre Magdalene, pericolosamente vicina all'apertura alare.

"Sa anche atterrare, vero Amos? Non vorrei che questa frugoletta restasse orfana anzitempo".

Sator annuisce: "devi avere fede".

"Si, questo credo di averlo capito".

Dopo un altro paio di volteggi, Yara riesce infine a portare giù la creatura: al momento dell'atterraggio rischia di perdere l'equilibrio. La punta della lancia oscilla pericolosamente, arrivando fin quasi a sfiorare lo scudo dell'Eroe.

"Attenta", le grida Acab: "Non vogliamo farli toccare, ricordi? E' già successo duemila anni fa e il risultato non ci è piaciuto".

Yara annuisce al suo istruttore: appena tocca terra, l'intero altopiano applaude, urla e inneggia al suo nome. La scena è clamorosa, memorabile, indescrivibile a parole: se qualcuno tra i soldati qui presenti non era ancora sufficientemente motivato, adesso non ha più scuse. E' davvero impressionante vedere cosa sta riuscendo a fare questa ragazza: il suo vecchio sarebbe davvero fiero di lei. Che dico, persino Ilmatar sarebbe fiera di lei. E un pò in fondo pure di noialtri, visto che le armi che impugna non le ha certo recuperate Acab.

"Non vorrei proprio essere nei panni di Ghaan", dice Ali, "quando vedranno Yara e Zio Giovanni piombare in testa ai loro innalzati".

Scoppio a ridere: "quella sì che è una scena che mi piacerebbe vedere prima di morire! Pensa quanto si cagheranno sotto..."

"A proposito, Garr: sento uno strano odore. Sbaglio o..."

"Effettivamente... dici che è il Wyrm?"

Ali scuote la testa. "Temo che sia quell'altra creatura miracolosa", aggiunge poi, indicandomi il grembo.

"Oh, merda".

Ali scoppia a ridere: "Già, proprio lei!"

Vabbè... speriamo almeno che porti fortuna.


Garruk Jagger - Immagine 3
scritto da Garruk Jagger , 15:26 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
26 novembre 517
Sabato 11 Gennaio 2020

Piccoli passi



"Non manca molto all'accampamento".

Con un cavallo, forse: o un carro. O una nave. A piedi, con questo freddo e la neve ovunque, è praticamente all'altro capo del mondo.

Abbiamo camminato tutta la notte e il giorno successivo. I pochi raggi di sole che hanno fatto capolino dalle nuvole non sono serviti a molto: com'è che faceva quella canzone?

"L'inferno di ghiaccio arriva strisciando, congela la vita che incontra soffiando"...

Niente, non me la ricordo più: la mia testa funziona sempre peggio e così la mia memoria. Comunque il succo è quello: l'inverno è arrivato col suo mantello bianco di neve e non vuole saperne nulla di chi è così scemo da mettersi a camminare in queste condizioni.



L'inferno di ghiaccio arriva strisciando,
congela la vita che incontra soffiando,
né fuoco né sangue lo posson placare
ma a noi non importa, siam qui per restare




Ali non vuole darlo a vedere, ma è esausta. Lo sento dal respiro, dal battito del cuore. Dal rumore con cui il sangue scorre dentro le sue vene. Da quanto tempo sono in grado di percepire queste cose? Sembra incredibile, eppure è così: in compenso i ricordi vacillano di più ogni giorno che passa. Un'esistenza senza passato e senza futuro, un eterno presente fatto di suoni, odori e paesaggi lontani che mi si parano innanzi di giorno e di notte, a volte persino attraverso le palpebre che mi ostino a sbattere... anche se ormai non serve più.

E io, servo ancora a qualcosa?

"Certo che sì", sembra dirmi la schiena di Ali che dovrebbe essere in procinto di spaccarsi e invece no, sta dritta di fronte a me da chissà quante ore sforzandosi di precedermi ad ogni costo. "A lagnarti in continuazione: a cos'altro, se no?"

Stupida schiena, continua a spolverare il nevischio da terra con quel mantello nero e fatti gli affari tuoi.

"Ali, ma quel mantello ce l'hai sempre avuto?"

"No... è di Roy".

Annuisco. "E l'armatura? Non è quella tua solita..."

"E' quella di Vasq: la mia ce l'ho sotto".

"..."

Roy e Vasq, le ultime due vittime di William. A quanto pare ha scelto di portarseli addosso, accettando l'abbraccio di un ricordo che riscalda e fa male allo stesso tempo. Io detesto farmi abbracciare, eppure una parte di me brama ancora quel calore. E quel dolore.

Di punto in bianco finiamo di girare attorno a una collina e ci troviamo di fronte a un grappolo di luci, disordinatamente disposte intorno alla torre sei.

"Siamo arrivate!" esclama Ali, dosando attentamente gli ultimi scampoli di fiato che le restano.



L'inferno di ghiaccio arriva domani
congela le orecchie, i piedi e le mani
le foglie morenti recide dal ramo
ma a noi non importa, uniti marciamo




Quella che ci attende mentre i nostri passi affamati divorano lo spazio che ci separa da quelle tende è una vista che scalda il cuore: cinquanta, forse cento uomini si preparano a passare la notte all'addiaccio, sulle rive del Traunne; a ridosso del Bulvark, a un urlo di distanza da quel ponte maledetto che non siamo mai riusciti a costruire. Il nostro esercito... o quel che ne resta. La parte che non è riuscita a restarsene coi piedi al caldo nella Rocca di Tramontana, che non ha voluto voltare le spalle al Capitano Barun.

Il mio sguardo rimbalza da una tenda all'altra, felice di poter distinguere dozzine di volti familiari: quel gigante intento ad accendere il fuoco è il tenente Ramsey; intorno a lui riconosco i volti dei compagni del plotone 12. A un tiro di fionda da loro, il tenente Mikhal Savant sta discutendo animatamente con Ayker Madsen, dominus della Chela. Poco più in là il sergente maggiore Radom Ruud, che non penso di aver mai visto fuori dalla Rocca, sta facendo vedere a un paio di soldati come si monta una tenda con questo vento: con loro ci sono anche delle donne e dei bambini... Possibile? E che mi prenda un colpo se quello non è Rodney Balson, lo zio di Gannor... E dietro a lui i plotoni 10 e 11 di Ivan Reiner, e poi ancora il sergente del 18 con Jude Lincoln e Teddy Spaccalegna, e...

Soldati di notte - immagine

"Guardali bene", mi dice Ali. "Tutti quelli che vedi qui sono qui per loro scelta: perché credono in Barun... e in te. Sono pronti a fare una cosa che hanno già fatto tante altre volte, ma che domani assumerà un significato molto diverso".

"Cosa?"

"Un ultimo passo al di là del Traunne".

Annuisco.

Ali starnutisce, poi indica con il volto quella moltitudine operosa di fronte a noi e mi lancia un'occhiata di sfida. "Avanti, Ani: guardali adesso, questi pazzi scatenati, e dimmi se davvero riesci a non provare niente dentro quel muscoletto mezzo risvegliato che ti batte in petto". Ha la voce roca, come quella del sergente Rock.

Guardo quella manciata di tende e soldati e per l'ennesima volta mi viene voglia di prendermi a schiaffi: stavolta di gioia, però, per sincerarmi che non sto sognando. Perché finalmente, dopo tanti giorni di niente, guardando queste persone che si preparano a marciare tutte insieme al di là del Traunne, riesco a sentire qualcosa: sento che...

"Li amo tutti", esclama Ali. Sono le ultime parole che le sentirò pronunciare fino a domani. Non ne servono altre. Amen.



L'inferno di ghiaccio arriva tra poco
col bianco mantello di gelido fuoco
ricopre di neve le spighe di grano
ma a noi non importa, noi non ci pieghiamo




Ali mi indica una direzione e mi fa cenno di andare, poi si allontana: la seguo con lo sguardo, oltre la torre, finché non la vedo raggiungere un gruppo di altre tende sulle quali sventola lo stemma di Greyhaven. Un uomo la accoglie tra le braccia: lei li ama tutti, ma forse ce n'è uno che ricambia più degli altri. E' uno dei soldati dello squadrone Wachter, credo si chiami Van: non provare a farla soffrire, smargiasso d'un Greyhavenese, altrimenti...

Van Falkenrath - Immagine 2

"Annie! Ce l'hai fatta, allora!"

Questa voce me la ricordo: è quella di Ash, il ragazzino pestifero a cui i miei compagni hanno impedito di suicidarsi giocando con i suoi parenti risvegliati. Mi guarda sorridendo, strattonandomi fastidiosamente il mantello. Perché é così contento? Magari perché una volta tanto si trova al cospetto di una creatura più bizzarra di lui.

"Avanti, seguimi: ti porto dai pezzi grossi!"

Il Capitano Barun dev'essere ridotto davvero male se questo marmocchietto è diventato il suo attendente, penso mentre lo seguo all'interno delle tende. Mi chiedo come mai qui vi siano anche donne e bambini: evidentemente c'è chi ha deciso di portarsi la famiglia, o per meglio dire quei pochi affetti che è riuscito in qualche modo a stringere durante questo periodo infernale. Forse temono rappresaglie, visto che in fondo stanno disertando. Chissà...

Anziché portarmi da Barun, il pestifero monello mi fa entrare in una tenda e mi conduce al cospetto di altre vecchie conoscenze: il paladino Ruben Block e le sue due giovani allieve.

"Era tanto che volevo conoscerti, Annie. Voglio che tu sappia che apprezziamo molto lo sforzo che stai facendo: se hai bisogno di qualcosa, forse May e June possono aiutarti".

Ruben Bloch - Immagine

Ho capito: è il mio nuovo cane da guardia, quello che dovrà tenermi d'occhio per assicurarsi che non perda il controllo e cerchi di fare fuori tutti come ha fatto William. Lo ringrazio, ma gli dico che non ho bisogno di nulla: sto bene così. Come se avessi accettato. Mi faccio viva io, eh? Eppure, c'è qualcosa in quest'uomo che ispira fiducia. Ha lo sguardo di uno che ne ha viste tante, di cose strane: forse persino più strane di me. E anche le due tipe, in fondo, mi sembrano a posto. Una di loro mi porge una cosa odorosa, una specie di foglia: provo a dare un morso e sento sprigionarsi in bocca un sapore buonissimo che mi ricorda Colin. Quasi non riesco a fermarmi, la divoro nel giro di pochi secondi. Ma cosa diavolo...

"Sono contenta che ti piaccia: ne posso preparare ancora, se ne vuoi".

Oh sì che la voglio: è la prima cosa che mi va di mangiare dai tempi di Trost. Non so neppure cosa sia ma ho un gran bisogno di mangiarne ancora, fino a dimenticare anche il ricordo di quell'orribile notte. Scambio ancora qualche parola con Ruben Bloch: a quanto pare è la persona che, insieme alle sue due allieve e ai loro tortini, avrà il compito di "nutrirmi" e tenermi in vita quel tanto che basta per compiere la mia missione. Già, la mia missione. Che missione?

"Devi parlare con Barun".



L'inferno di ghiaccio arriva stasera
con spada tagliente di vento e bufera
con frecce di pioggia, grandine e neve
ma a noi non importa, la terra ci è lieve




La notizia del ritorno di Ali e del mio arrivo dev'essersi diffusa, quando esco dalla tenda di Ruben Bloch mi osservano in molti. Alcuni vengono timidamente a salutarmi: uno particolarmente scaltro azzarda persino una pacca sulla spalla, neanche avesse fatto una scommessa con gli amici. Anche meno, compagno: anche meno. Non sono William, ma i cinque minuti potrebbero prendere pure a me, quando meno te l'aspett...

"Eccola qua, la nostra innalzata!"

Garruk Jagger, il soldato più forte dell'esercito di Uryen. La sua armatura è una collezione di tutte le onorificenze che è possibile ottenere militando nel nostro esercito: croce del caos, scudo dell'ultimo, artigliere, juggernaut, artiglio di Treize e altre che non ho mai visto prima. Una specie di collana tribale che pende da un lato, fissata chissà come, cattura la mia attenzione.

"Ti piace? E' di Dunc: a lui ha sempre fatto schifo, non l'ha mai messa. Avresti dovuto conoscerlo, piccola: gli saresti piaciuta un sacco".

"..."

"Sai che ti dico, piccola? Vieni con me. Ti faccio vedere una cosa!"

In 2 anni mi avrà rivolto la parola tre volte: ora mi chiama "piccola" e mi vuole far vedere cose. Dove diavolo vorrà portarmi? Ovunque lui voglia, considerando la forza impressionante con cui mi trascina per il braccio: se io sono innalzata, lui che cos'è?

Poi la vedo, e resto a bocca aperta: in effetti ne valeva la pena. "Ma... ma come..."

"Che spettacolo, eh? E per dirlo io, che queste bagnarole non le amo di certo..."



Non è certo la prima volta che vedo la Disperata, ma non pensavo che potesse risalire il Traunne, non fino a qui: occupa praticamente tutto il letto del fiume. Mio padre mi raccontava spesso di come i Nordri riuscissero a navigare in questo modo, ma non pensavo si potesse fare anche in questi mesi dell'anno, con l'acqua già praticamente ghiacciata.

Garruk stende in alto il tronco di quercia che ha al posto del braccio per salutare l'autore di questo prodigio: il tenente di vascello Quorton Kraven ricambia il saluto dal ponte. Di fianco a lui riesco a vedere le figlie, Astor e Meera Wake: altre due ragazze brave con le erbe che sono riuscite a sopravvivere alla furia assassina di Ghaan.

La Disperata - Immagine 2

"In un primo tempo Barun aveva deciso di farti andare con loro, sai? Nella squadra di mare", mi spiega Garruk. "Ma poi ha preferito inserirti nella squadra di terra, con me, Ali e gli altri. E la sai una cosa? Sono contento che abbia cambiato idea".

Lo guardo. Penso ai due amici che ha perduto per colpa di William: due eroi del nostro esercito morti per colpa di quel maledetto idiota. Chissà se, facendo qualcosa di diverso, avrei potuto evitarlo. "Mi dispiace", balbetto: due parole inutili che non significano niente e che riescono solo a farmi vergognare ancora di più.

Garruk Jagger - Immagine 3

"Non preoccuparti, piccola: tu non sei mica come quel cazzone di Will. Si capisce guardandoti negli occhi. Per il momento, pensa soltanto a stare bene... e se qualcuno ti rompe i coglioni lascia fare a me. La sai una cosa? Non vedo l'ora di vederti in azione!".

Che mi venga un colpo se questi maledetti non si sono messi tutti d'accordo per farmi commuovere, accidenti a loro.



L'inferno di ghiaccio è qui tra un istante
gli occhi crudeli di un blu scintillante
chiunque li guardi non può che avvizzire
ma a noi non importa, siam pronti a morire




Finalmente ho modo di parlare con il Capitano Barun, che mi spiega cosa sta succedendo. A quanto pare, il Duca di Feith ha imposto la fine delle ostilità ai feudi del Corno del Tramonto che si erano alleati con Angvard nella guerra contro Ghaan: in conseguenza di questo trattato Angvard resterà completamente isolata, unica forza di opposizione a Ghaan al di là del Traunne. Per questo motivo Barun, insieme a un pugno di fedelissimi, ha deciso di abbandonare il comando della Rocca di Tramontana e disertare dall'esercito di Uryen. Inizialmente intendeva semplicemente oltrepassare il Traunne e andare a combattere ad Angvard, ma nonostante i suoi tentativi di non rovinare la carriera a tanti compagni d'armi il pugno è diventato una raffica di cazzotti; non tantissimi, ma sufficienti per poter abbozzare un piano d'azione.

E che piano.

Marvin Barun - Immagine 2

"Questa, se va bene, sarà l'ultima cazzata che faccio", mi dice a un certo punto.

"... E se non dovesse andare bene?"

Scuote la testa. "Ci sono cose che devono andare bene per forza, Annie. Lo capirai meglio quando avrai la mia età..." poi s'interrompe, mi guarda e solleva un sopracciglio: "...beh, forse non lo saprai mai." e sospira.

Scoppio a ridere: ha ragione Kailah, Barun è il miglior Capitano che potesse capitarci. Gli chiedo di spiegarmi meglio la storia delle squadre di terra e di mare di cui parlava Garruk: "E insomma, quindi colpiremo Ghaan da due punti?"

Barun mi guarda, sorridendo sotto i baffi: "Due? Beh... vedrai".



L'inferno di ghiaccio è alfine arrivato
Le lande deserte e silenti ha lasciato
Dal cielo ruggisce vibrando i suoi strali
Ma a noi non importa, noi siamo immortali




La notte passa in fretta, tra vecchie storie, ricordi e canzoni di guerra. Il freddo si combatte con l'alcol, il cibo e cantando a squarciagola. C'è anche qualcuno che si mette a fare l'amore, forse convinto che sarà l'ultima occasione che avrà in questa vita. A tratti, mio malgrado, i miei sensi innaturalmente aumentati finiscono per portarmi lì, grandemente oltre gli affari miei, a condividere quell'esperienza, immersa nei suoni e negli odori di qualcosa che non ho mai fatto... non quando lo volevo io, almeno. E penso che, dopotutto, non mi mancherà: perché adesso, in queste poche ore che ci separano dall'alba, sto vivendo tutto quello che ho sempre cercato, tutto ciò di cui ho bisogno.

No... non tutto. Mi mancano da morire Colin, Kailah, Bohemond, Engelhaft e Sven, che hanno saputo volermi bene quando non era umanamente possibile farlo. Un amore disumano, il loro, che posso ricambiare solo in un modo altrettanto disumano: assicurandomi che questa missione non fallisca, così che non siano mai costretti o spinti a ripetere ciò che andiamo a fare. Così che possano continuare a vivere per noi. E sì, mi mancano anche Boar e Gannor, che a loro volta hanno dato la vita per consentire a noi di poter fare questo piccolo, grande passo.

E finalmente piango, piango la loro morte, e più lacrime scendono a rigarmi il viso più riesco finalmente a sentirmi viva. Sono viva, Colin! Sono viva.

Poi, improvvisamente, l'alba ci sorprende: e pochi alla volta finiamo per ritrovarci lì: tutti in fila, le mani strette gli uni agli altri. Soldati, donne e bambini, e un pò anche tutte e tre le cose insieme: il sole alle spalle che ci riscalda la schiena, lo sguardo puntato dritto verso ovest, in direzione del Corno del Tramonto che si stende a perdita d'occhio di fronte a noi.

In direzione della Rocca di Tramontana.

"Quella lì non è casa vostra".

La voce rimbomba forte, vibrando nella fresca aria del mattino. Nessuno si volta, neppure i pochissimi che non l'hanno riconosciuta: restano tutti immobili, sull'attenti, lo sguardo fisso di fronte a loro.

"La Rocca di Tramontana, dico. Quella lì non è casa vostra: è solo un mucchio di pietre. Sapete a cosa servono le pietre?"

La domanda cade nel vuoto: nessuno di quelli che sta qui in fila ha la benché minima intenzione di rispondere a Logan di Treize. E di certo nessuno sente il bisogno di insegnargli alcunché su cosa è possibile chiamare casa e cosa no.

"Servono a tenere in vita chi ci sta dentro. Quella rocca, questa torre... Sono soltanto pietre. Le abitiamo, ci fanno comodo, ci riparano dal vento, ma non sono la nostra casa. Lo sapete dov'è, la nostra casa?"

Logan Treize - Immagine 2

Logan cammina lentamente davanti a noi, mostrando qualcosa che ha in mano: qualcosa di grosso. Quando capisco cos'è, un fulmine mi attraversa il corpo, lasciandomi senza fiato.

"Dentro di noi", dice, battendosi il petto.

"Nell'aria che condividiamo", dice poi, indicando le tende e le braci dei falò.

"E nel ricordo di chi non c'è più", dice infine, posando a terra quello che ha in mano, con una cura e una delicatezza che non gli ho mai visto adoperare.

"Tenetelo bene a mente. E adesso mettetevi al lavoro, che abbiamo una guerra da fare".

La fila si scioglie tra applausi e grida di giubilo: c'è persino chi riesce a trovare ancora un pò di voce per intonare qualche canto di battaglia. Mi avvicino in silenzio a Logan, osservando con commozione l'oggetto deposto ai suoi piedi.

"Sono felice di vederti, Annie".

Pianto gli occhi a terra, balbettando. "E'... è...". Oh Dei, non riesco neppure a dirlo: non da così vicino, non quando riesco persino a sentirne l'odore.

"Si, è lei".

"Ma... ma come..."

"Sono tornato a cercarla: mi ci è voluto un pò, ma proprio non mi andava giù di lasciarla lì".

Mi chino a toccarla: sfioro con la mano le cuciture, le piccole modifiche che si era fatto da solo per renderla più efficace contro i risvegliati. Gannor non era un sarto né un armaiolo, ma a forza di veder riparare armature aveva imparato a fare qualcosa anche lui.

"A quanto pare i Risvegliati non l'hanno praticamente toccata: in ogni caso, prima di portarla qui, mi sono sincerato di rimetterla a nuovo e fargli fare qualche piccola modifica: se accetti un consiglio, direi che è migliore di quella che indossi ora".

Annuisco. Sento il bisogno di indossarla, di sentirmi nuovamente avvolta da quell'odore e da quel calore che non è mai stato, e mai sarebbe potuto essere, e in fondo meno male che non è mai stato perché quello che invece è stato vale molto di più. Ma proprio per questo... proprio per questo... proprio per questo. La indosso, e finalmente sento il calore tornare con prepotenza a scorrermi nelle vene: una sensazione meravigliosa, che riscalda al punto da far male.



Alla fine sembra proprio che verrai con noi, Gannor: ce la faremo anche grazie a te.

Gannor Balson - Immagine 2

L'inferno di ghiaccio ha fatto il suo corso
Tra valli e montagne ha sferrato il suo morso
Avanza la notte, che luce non teme
Ma a noi non importa, perché siamo insieme

scritto da Annie Volvert , 06:34 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
25 novembre 517
Venerdì 26 Luglio 2019

Storia di una lunga guerra



Dicono che il Dio dei Nordri sia cieco da un occhio: a quanto pare i nostri non hanno neanche quello, visto come stanno andando le cose ultimamente. Io per fortuna ne ho ancora due, anche se la sorte ce l'ha messa tutta per fare altrimenti. La fortuna nella sfortuna; la parte di mela senza il verme; il bicchiere mezzo p...

Fanculo. Ne ho abbastanza di bicchieri mezzi pieni, ho voglia di farmi una bevuta come si deve. Come quella notte in cui Roy crollò ubriaco sulle assi sgangherate della capasanta e si svegliò in mezzo al Traunne, con un cartello al collo con su scritto... Cosa c'era scritto? Non me lo ricordo più. Vasq se lo ricorderebbe, visto che l'aveva scritto lui; e anche Duncan, visto che fu lui a caricare Roy sulla barchetta di Jebediah e poi a spingerla nel fiume. Sembra una roba di secoli fa, invece è successa solo... secoli fa.

Prima di prendere la torcia dal muro mi fermo un momento a contemplare il fuoco: il riflesso delle fiamme guizza tra le spille e spillette che ricoprono la mia armatura: stelloni, scudetti, croci, e poi lui, lo scudo dell'ultimo, eroica celebrazione del mio fallimento: non mi riesce di tenere un plotone mezzo pieno, figuriamoci un bicchiere.

Queste scale le avrò percorse mille volte: quasi sempre da guardia, in un paio di occasioni da prigioniera. Mai per fare quello che sto per fare oggi. Raggiungo la porta e busso: nessuna risposta. Il tempo di individuare la chiave giusta, girarla nella toppa e muovere un passo, e sono dentro.

La torcia non illumina granché, era lì da troppo tempo e in questo momento non siamo abbastanza per cambiarle quando è ora. Saremo nuovamente abbastanza, prima o poi? Chi lo sa. Tra poco non sarà più un mio problema.

Non distrarti, scema: la cella sembra vuota, ma non sei sola. Tu sei praticamente cieca, lei no.

Mi cade addosso dal soffitto, come un ragno. La torcia mi viene strappata dalla mano sinistra e rotola a terra; la destra scatta istintivamente sull'elsa di Ametista, ma morde il vuoto. Poco dopo la sento sulla schiena, la punta che mi viene spinta contro e penso che tutto sommato potrei pure starci, che in fondo forse è l'ultima occasione di poter morire qui, a casa mia: e invece no, resta lì, incagliata tra una vertebra e l'altra.

"Cosa vuoi?"

"Ciao Ani", esclamo. "Come va?".

"Ti ho sentita fin da quando eri sulle scale". Il fiato delle sue parole che mi arriva sul collo, freddo come il Vento del Nord.

"Mi hai sentita? Dai passi?"

"Dall'odore".

"Ma se mi sono appena lavata...".

"Per il tuo naso, forse: per il mio puzzi come una scrofa".

"Non mi sembra una cosa carina da dire".

"Neanche rinchiudermi qua dentro è stato carino".

"Hai ragione. Ma bisognava farlo, dopo quello che è successo".

Silenzio.

"Così penseranno che sono uguale a lui".

"... o magari lo abbiamo fatto per darti modo di provare che non è cosi".

"... o magari pensate tutti che sia così".

"Ti sbagli".

"... Magari lo pensi pure tu".

"Ti sbagli".

"Magari lo dici solo perché hai una spada tra le scapole".

"Se tu fossi come lui mi avresti già sbranata. E poi, da quando in qua te ne frega qualcosa di quello che pensano gli altri?".

Silenzio. Aspetto che sia lei a parlare: ha tutte le ragioni per volersi sfogare.

"...Ti hanno mandata a uccidermi, Ali?"

"Sciocchezze. Se avessi voluto ucciderti, non avrei bussato: e saresti già morta".

"Forse un tempo: ora non più".

Eh no: quando è troppo è troppo. Mi getto in avanti di scatto, poi mi giro e le sferro un calcio sulle mani, tra le dita e l'elsa: la spada sfugge alla sua presa e sbatte sul muro della cella, quindi ricade in terra, in mezzo a noi. Restiamo entrambe a guardarla, in silenzio, per un pò.

"Visto? Sei più forte di prima, ma devi ancora mangiarne di panini prima di...". Mi interrompo: non ricordo se può ancora mangiarli, i panini.

"Come hai..."

"E' un trucchetto che mi ha insegnato Ramsey: arriverà il giorno in cui saprai farlo anche tu".

Annie guarda me, poi la spada, quindi volge lo sguardo verso la porta aperta. "Ma hai abbandonato l'ingresso: se ne avessi voglia, ora potrei scappare".

Annuisco. "E' quello che spero: sono venuta apposta".

Annie mi osserva. Nel buio pressoché totale che ci circonda l'unica cosa che riesco a distinguere sono i suoi occhi, rossi come braci: lei invece ci vede benissimo. Al punto da capire che sto dicendo la verità.

"Vuoi che io venga con te...".

"Si".

"Vi serve un innalzato e sono l'unico che avete".

"Mi servi tu".

"Perché sono innalzata: altrimenti non saresti neppure qui".

"Oh, quanti cazzi, Ani. Sei in prigione perché sei un'innalzata, ti voglio con me perché sei un'innalzata, penseranno che sei come lui perché sei un'innalzata... Lo sai che ti dico? Hai rotto i coglioni. Il mondo non gira attorno a te e al tuo innalzamento. Sei un soldato, o l'hai dimenticato?".

"Sono stata sospesa".

"Ti sto reintegrando adesso".

"Perché ti servo".

"Sai com'è, funziona così: quando un soldato serve, lo chiamano; quando non serve, non lo chiamano".

"Vi faccio schifo. Vi faccio paura".

Scuoto la testa. "Né l'uno né l'altra".

"Barun non..."

"Barun ha puntato su di te dal primo momento. Ti ha mandata in missione appena ha capito che non eri contagiosa, sfidando il parere contrario di molti. Era convinto che ce l'avresti fatta quando non ci credevi neppure tu, quando stracciavi i coglioni a tutti ogni giorno dicendo che saresti morta l'indomani".

"Barun neanche sapeva che esistevo, a momenti".

"Ti ha reinserita nell'esercito due settimane dopo il tuo ritorno da Ghaan".

"Voleva togliermi dal servizio attivo".

"Ti ha mandato contro la bestia del ponte".

"Mi ha messa in quarantena...".

"Ti ha dato una casa a dieci metri dalla Rocca! Sono stata più in quarantena io quando avevo i pidocchi".

"... Perché vi servivo!"

"... Esatto! E ci servi ancora! Per questo sono qui. E non per i poteri, ma per il fatto che li controlli. Cosa vuoi, Ani? Che ti apprezzino per quello che eri e non per il fatto che ora sei così? Se la pensi in questo modo sei tu che ti fai schifo, sei tu a metterti in quarantena da sola. A me non frega nulla del colore dei tuoi occhi, che non hai fame, o che i risvegliati non ti mordono: il mio compito è far sì che quelle schifezze non mordano nessuno, e se ti importa ancora qualcosa dello stendardo che porti e all'armatura che indossi dovrebbe importare anche a te, e dovresti agire di conseguenza".

I due puntini rossi cominciano ad assumere una forma più naturale: piano piano, comincio a distinguere il suo volto. E' sempre lei, è sempre Annie. In barba alla prigione, a Ghaan, a Mirai, e all'anima de li mortacci loro.

"... Anche a lui hai detto le stesse cose?"

Mi mordo il labbro. Devo restare calma. "Ci abbiamo provato". La voce mi esce rotta, uno spezzatino di sillabe. "Abbiamo fatto del nostro meglio: non ci siamo riusciti".

"Cosa ti fa pensare che con me sarà diverso?"

"Perché ti conosco da una vita, e so che ce la metterai tutta".

"Stronzate, Ali: non mi conosci, non sai niente di me. non mi hai mai considerata: per te ero la figlia incapace di un cliente di tuo padre, il capo della locanda".

"Abbiamo giocato insieme per anni".

"Tu decidevi tutto, io seguivo: anzi, eseguivo".

"Ero più grande! Che diamine, volevi comandare tu?"

"Sono entrata nell'esercito perché c'eri tu".

Scuoto la testa. "Non è così: sei entrata perché ti piaceva quello che facevo, quello che si faceva qui, e volevi farlo anche tu".

Silenzio. C'è ancora qualcosa che vuole dirmi, ma le serve tempo.

"Tutte le volte che mi hanno messa in mezzo... tu non mi hai mai difesa".

"Se lo avessi fatto sarebbe stato molto peggio. Lo sai come si dice qui, no? Ciascuno deve imparare a pulirsi il culo con le mani sue".

"Quando Varchmann mi ha presa di mira, tu non hai alzato un dito".

"Sei uscita da quella cella dopo tre giorni".

"Non mi hai difesa".

"Sei uscita dopo tre giorni!".

Mi guarda: "Adesso mi dirai che è stato grazie a te...".

Sorrido. "No, testona: è stato grazie a te. E' così che funziona, è così che deve funzionare: hai fatto tutto da sola e non devi ringraziare proprio nessuno, perché ti sei pulita il culo con le mani tue. Quella spada, quell'armatura, te le sei meritate. La verità è che sei un bravo soldato, Annie: lo sei sempre stata. Quindi vanne fiera, smettila di piangerti addosso, e...".

"..."

"... e vieni con me. Adesso".

"Dove?"

"Al di là del Traunne. Alla Fortezza dei Difensori. A Ghaan".

"A Ghaan? Ma è inverno! E' un viaggio suicida, adesso..."

"Ma non sei tu quella che non sente il freddo?"

"Io si, ma tu..."

"Non preoccuparti per noi: è proprio perché non se lo aspettano che andiamo adesso!" Ok, detta così è una mezza cazzata, ma tanto tra poco le dirò tutto. Indico la porta aperta: "allora, ci stai?"

Resta ferma, fissandomi con quelle due torce rosse che ha al posto degli occhi. "... Mi vuoi soltanto perché i tuoi compagni sono morti quasi tutti".

"..." Respiro. Mi mordo le labbra.

"Scusami. Non volevo".

"Anche io sono entrata nel terzo plotone perché erano morti tutti. Per la precisione, erano morti tutti i fratelli del mio plotone precedente. Hai visto le loro tombe, no?".

"Scusami".

Annuisco. "Scuse accettate. E comunque... non siamo morti tutti: tanti soldati ancora qui. Io sono ancora qui, e ti assicuro che per me questa guerra è appena cominciata".

"..."

"E tu, Ani? Sei viva o sei morta, sotto quelle occhiaie e quelle vene viola? Perché se ti senti morta io non ho problemi a lasciarti qua, o a farti uscire da quella porta e lasciarti libera di andare dove ti pare. Per me te la sei guadagnata, la libertà. Ma se invece ti senti viva, per me dovresti smettere di frignare e venire via con me finché ancora possiamo, perché io sto andando a prendere a calci nel culo tutti, ma proprio tutti... anche quelli che ti hanno fatto quello che ti hanno fatto."

Annie mi guarda, poi guarda la porta, quindi torna a guardarmi: "in che senso, finché ancora possiamo? Non è Barun a mandarti?"

Scuoto la testa. "Sai cosa ho fatto, prima di venire qui? Ho svuotato un secchio che stava da giorni sotto al culo del messo Ducale che è venuto a consegnare a Barun il testo dell'armistizio con Ghaan. In questo momento stanno parlando..."

"... Vuol dire che tra poche ore non ci sarà più la guerra?"

"Vuol dire che tra poche ore non ci sarà più Barun al comando della Rocca".

"...che dici..."

"E' così: fidati di me. Adesso non ho tempo di spiegarti, lo capirai da sola quando saremo fuori di qui".

"Quindi... mi stai facendo fuggire..."

"Si. E' la prima evasione che organizzo qui dentro. Come sto andando? Pensavo che sarebbe stato semplice, ma il prigioniero non collabora".

"Ma cosi daranno la colpa a me..."

"... A entrambe, direi".

"Quando torneremo, sarò degradata. Mi butteranno fuori".

"Ti hanno già buttata fuori, no? Semmai sono io che mi sto fottendo la carriera!"

"Penseranno che sono come lui..."

"No. Perché non ammazzerai nessuno. Uhm... Non al di quà del Traunne, almeno".

"Non appena sapranno che sono scappata, non mi perdoneranno mai: non potrò tornare piu".

Alzo le spalle. "Ammesso che qualcuno di noi torni. Hai capito cosa andiamo a fare, no?".

[...]



L'aria della notte è fredda da morire. Almeno per la mia faccia, visto che Annie non sembra curarsene. Non dice una parola da quando abbiamo lasciato la Rocca. A cosa starà pensando? E' appena tornata da un viaggio in cui ha vissuto le pene dell'inferno e io la sto riportando lì. Sono una pessima amica, oltre che un pessimo sergente... Del resto, se l'avessi lasciata in quella cella, non so proprio cosa sir Gadman Scherer avrebbe potuto fare di lei. E' da quando sta nell'esercito che entra ed esce da una prigione, adesso basta.

"Ali?"

Mi fermo e mi giro a guardarla: "dimmi".

"Tu sarai con me? Quando morirò?"

"Sempre".

"... se non muori prima..."

Sorrido. "Impossibile".

Annie ricambia il sorriso: il primo che le vedo fare da non so quanto tempo.

Ci rimettiamo in marcia, non manca molto all'accampamento: con un pò di fortuna, tra poco la neve coprirà le nostre tracce.

"Senti, Ani, ma..."

"Si?"

"Davvero puzzo come una scrofa?"

"Beh... un pò si...".

"Ma anche adesso? Con questo vento freddo e la mantella pesante addosso?"

"Beh..."

"Va bene, ho capito: come non detto".

"Ma comun-"

"Basta, d'accordo? Non voglio saperlo. Non parliamone più".

Abbiamo rotto il ghiaccio, proprio ora che sta per nevicare.

Passi nella neve - Immagine

scritto da Ali Shark , 06:00 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
23 ottobre 517
Domenica 29 Aprile 2018

Inutilmente freddo





Ci siamo.

Ricambio il segnale accendendo la lanterna, poi guardo Annie: dobbiamo andare, le dico, mettendole la chiave nel palmo della mano. La prima cosa da fare è aprire quella porta al primo piano. Il cuore mi batte forte: ho percorso questi corridoi ad ogni ora del giorno e della notte, ma mai come adesso sento gli occhi di tutti puntati addosso a me. Matt mi saluta con un cenno, senza sollevare gli occhi dalla sua scrivania. "La porto a prendere un pò d'aria", dico con un filo di voce. Un istante dopo mi viene da chiedermi perché l'ho fatto: lavoro qui, non ho bisogno di giustificare ogni mio passo. Sono tesa, troppo tesa. Per mia fortuna Matt si limita ad annuire distrattamente. Subito dopo di lui incrociamo Judith, intenta a trascinare una botte piena d'acqua nella stanza dell'Innalzato di Ghaan: la aiutiamo a fare gli ultimi metri, guadagnandoci un sorriso di gratitudine.

Passiamo per la piccola stanza che conduce all'aperto, quindi percorriamo il porticato tenendoci per mano: nessuno in vista. In lontananza si sentono dei corni e un eco di voci concitate. Guardo Annie, che mi annuisce: sembra che i suoi compagni siano riusciti a creare il diversivo. Potrebbe essere il motivo per cui non c'è il soldato che solitamente monta di guardia qui... meno male: una persona in meno che rischierà di non vedere l'alba. Raggiungo la porta e la apro: è andata. Adesso non ci resta che tornare sui nostri passi e spegnere la lanterna prima di andare.




Le frasi trafelate pronunciate a poche centinaia di metri da noi mi raggiungono a stento, rese incolori e inodori dal forte vento che spira in senso contrario. C'è una rissa... no, un incendio. Anzi, forse ci sono entrambe le cose. Sembra che gli Elsenoriti ci si siano messi d'impegno. In compenso, sento benissimo la porta che si apre di fronte a noi, la stessa da cui siamo uscite qualche minuto fa. "Abbiamo visite", dico sottovoce.

"Chi va là?"

Ireena si blocca come una statua di ghiaccio. Non è abituata a queste situazioni... i battiti del suo cuore rimbombano nelle mie orecchie come un tamburo. Le stringo la mano, ma lei non risponde. La luce di una lanterna illumina le nostre sagome. Sento le ginocchia che si flettono, pronte a scattare. Non sono armata, quindi dovrò usare le mani... O i piedi. O i denti. Fai un altro passo... uno solo.

"Ireena? Piccola, che ci fai qui fuori con questo freddo?"

"Thedor... sto... stiamo... prendendo un pò d'aria..."

Thedor si avvicina cordiale, come se fosse il nostro migliore amico. Come se fosse nostro padre. Non è così. Percepisco come la vede da come il suo sangue scorre nelle sue vene, dall'odore che prende ad emanare quando è davanti a noi, che sovrasta persino il freddo pungente. Impulsi da bestia tenuti a freno da un cervello pensante e rispetto per le regole. Niente di nuovo: è una condizione comune a molti, compresa me.

Alza la lanterna e mi guarda: lascio che mi veda bene, del resto ce l'ho scritto in faccia che sono malata.

"Dovreste rientrare, a quanto sembra non sarà una notte tranquilla".

Ireena mormora un'altra mezza frase, quindi annuisce. E' proprio quello che intendiamo fare. Ovviamente Thedor non ha idea di dove ci toccherà andare poco dopo, in questa parte dell'edificio lo sappiamo soltanto io, Ireena e il soldato del Camerlengo che ci sta aspettando all'ingresso.

"Avvisa i nostri che c'è un soldato", le dico sottovoce non appena siamo di nuovo in stanza. Da togliere di mezzo, penso tra me e me. Poi prendo la spada e mi preparo per andare.




I gradini di legno che portano al seminterrato scricchiolano sotto i nostri passi. Il soldato del Camerlengo ci precede, tenendo la lanterna sollevata sopra la sua testa: lo conosco bene, si chiama Renstor: un tempo era di guardia all'ingresso, ma da qualche tempo lo incontro soltanto nelle rare occasioni in cui mi trovo a percorrere le segrete.

Scendiamo ancora, accompagnate soltanto dalle nostre gigantesche ombre che si stagliano sulle pannellature alla nostra destra.

Un secondo soldato ci aspetta in cima alle scale di pietra: questo non lo conosco affatto, ma non sembra un Innalzato... anche dalla reazione di Annie.

"Benvenute". Si inchina rispettosamente, quindi ci indica le scale: noi scenderemo per prime, lui ci seguirà.




L'ambiente intorno a noi cambia rapidamente: sotto i nostri piedi, sulle pareti e sul soffitto, i rivestimenti in legno cedono il passo alla nuda pietra. L'aria si riempie di odori molto diversi da quelli dell'ospedale: muffa, umido, escrementi, topi, sudore. La mia mente si fissa per un istante su un pianto sommesso e disperato che si consuma all'interno di una delle celle, coperto da più intensi lamenti di dolore: Ireena non può sentirlo, ma di certo è ben consapevole dell'atmosfera sinistra che permea questi corridoi.

"Non fate caso alle urla", esclama il soldato ostentando noncuranza. Passo dopo passo, diventano sempre più assordanti. Ireena mi si affianca, stringendomi il braccio. Non è la prima volta che mette piede qui dentro, ma non si tratta di una cosa a cui una come lei si può abituare. Le prendo la mano e la stringo tra le mie: è caldissima... No. è fredda, invece. Sono io ad essere gelida. Il freddo dell'inverno si attacca alla mia pelle senza che nulla vada a scacciarlo, proprio come accade ai cadaveri o ai Risvegliati. Volevo far forza a Ireena, ma è invece il suo calore a confortare me.

Alcuni dei prigionieri che giacciono in queste segrete esaleranno presto l'ultimo respiro, lasciati all'addiaccio e a nutrirsi di topi, ragni e scarafaggi fino alla fine. Altri vengono tenuti in vita con acqua e pane raffermo per chissà quale immonda crudeltà. I miei sensi raccolgono pazientemente tutte queste informazioni, scavando nei recessi delle loro celle mentre ci avviciniamo a colui che ci porterà alla nostra meta. Di colpo, lo avverto. E' al termine di questo lunghissimo corridoio, al di là di questa cappa di disperazione.

"Lady Ireena, è sempre un piacere ricevervi". L'inchino che le rivolge non è minimamente sentito: eccone un altro che si crede una divinità e che ha preso a trattare tutti come insetti. Peccato che l'insetto sia lui. Il pensiero mi balena in testa all'improvviso e per poco non mi scappa una risata. Ma quando si rivolge a me, capisco subito che c'è poco da ridere.

"Metti queste".

Osservo in silenzio quegli strani lucchetti che mi porge: uno per mano, uniti da una catena che non potrei spezzare neppure facendo ricorso a tutte le mie energie da bacarozzone parlante. Scuoto la testa. Non esiste. A quel punto è lui a scoppiare a ridere. "Pensi davvero che farei avvicinare una come te al Maestro della Curia senza prendere le dovute precauzioni?"

Affronto il suo sguardo, poi indico Ireena: "lei mi ha parlato di un incontro, non di catene: se il Camerlengo vuole parlare con me, dovrà correre il rischio".

E poi ci sei tu apposta, no?




"Questa ragazza è venuta qui di sua spontanea volontà, e io le ho promesso che avrei garantito per la sua incolumità. Le catene sono per i prigionieri, noi siamo state invitate". Il suono della mia voce rimbomba tra le mura di pietra. Faccio un passo in avanti, mettendomi tra Annie e Gant. Coraggio, Ireena: i suoi occhi rossi non devono farti paura: è una vittima come tutti gli altri, anche se fa di tutto per non pensarci, anche se si rifiuta di accettarlo. Non è facile: non con lui. Ma so... sento che Padre Mansell è qui, da qualche parte. Posso sentire la sua forza, il coraggio che vuole infondere al mio cuore.

"Tu sei stata invitata. Di lei non sappiamo niente". Il suo braccio scaraventa con forza le catene ai piedi di Annie. "Ti dò dieci secondi, poi te le metto io".

Annie resta immobile. Questa cosa non l'avevamo prevista. Devo pensare: devo farmi venire in mente qualcosa, altrimenti...

"Gant, che modi sono questi? Non vedi che le stai spaventando?"

La voce, accompagnata da un suono di passi, è quella di Hans Vale. Il Camerlengo emerge dall'oscurità con la tranquillità di chi sa di non correre alcun pericolo.




"E così, tu sei Annie: non hai idea di quanto io abbia sentito parlare di te".

E così, questo è il Camerlengo. Non so perché, ma mi ricorda il mio compagno Engelhaft: tuttavia, sono certa che l'aspetto cordiale e i modi affabili nascondano in realtà una indole viscida e meschina. Avrà almeno 50 anni. I suoi occhi sgranati brillano, compiaciuti e minacciosi, alla luce delle torce.

Si avvicina me, osservandomi con apparente ammirazione e curiosità. I suoi occhi mi infastidiscono quasi quanto le manette, brillano come se stessero guardando un cavallo.

"Sei un capolavoro: sei perfetta", sentenzia alla fine. Ne dubito. Si china a raccogliere le catene. "Queste non servono, suvvia: non vedi che sono brave ragazze?". Poi si gira, dandomi le spalle... Ho ancora la spada alla cintura. Il pensiero mi balena forte: devo farlo adesso. Poi me la vedrò con il cane da guardia, dando a Ireena la possibilità di scappare. Avrò bisogno di abbandonarmi un bel pò, ma ne vale la pena.

Proprio nell'istante in cui inizio a lasciare il braccio di Gant mi circonda la vita, stringendomi a lui. "Da questa parte". Le dita della sua mano si chiudono sull'elsa della mia spada. "Questa non te la tolgo", aggiunge poi, con un sussurro molto vicino al mio orecchio, "ma tu non la toccare". Le parole scandite dalla sua voce profonda mi entrano nell'orecchio come macigni e mi arrivano dritte nel cervello provocandomi un fastidio senza pari. Il Camerlengo sfugge al tiro della mia lama e ci precede lungo le scale da cui è venuto, che conducono a una porta aperta: Ireena è al suo fianco, tenuta rispettosamente per il braccio.

L'ambiente in cui entriamo è molto più caldo: le pareti sono in gran parte coperte di stoffa, così come la porta che viene chiusa alle nostre spalle. L'odore di sterco e topi svanisce, coperto da un effluvio di incenso che mi impedisce di sentire altro.

Gant torna a parlarmi all'orecchio. "Benvenuta", mi sussurra. Il tono della sua voce non mi piace per niente. Sento il suo fiato sul collo, freddo come il mio, e sento che...

... Freddo come il mio.

Inutilmente freddo.




E poi, improvvisamente, capisco. Capisco tutto. Capisco perché Giada, perché il Castello di Seta, perché... perché siamo qui. Ireena.

E'... è peggio di quanto pensassimo. Ed è doppiamente mostruoso se penso che a Uryen lo sapevamo fin dall'inizio. Barun, poi Logan, magari, oppure il gruppo di Greyhaven... O forse... forse noi tutti avremmo potuto saperlo fin dall'inizio, e abbiamo semplicemente preferito non pensarci, chiudere la mente, nascondere l'evidenza dietro un castello di sassi... di seta.

Soprattutto io, più di chiunque altro.

Devo giocarmela bene. Devo scegliere il momento giusto e non sarà facile: non devo farmi mettere quelle catene. Ma soprattutto non devo fargli capire che ho capito, sono certa che non aspetta altro. Come faccio? Come faccio? Non sono capace...

Mi porto le mani alla vita e slaccio la cintura che regge la spada. "Questa non mi serve, giusto?" Gant annuisce soddisfatto. Forse non sono in grado di non fargli capire che ho capito, ma posso fargli credere che ne ho bisogno. Che questa empietà che hanno architettato serve anche a me, proprio come a lui. In fondo... In fondo è quasi vero. E poi, un istante prima... o nel peggiore dei casi, durante... potrò cogliere il momento giusto per agire.

"Scommetto che hai un'altra arma", mi dice.

Annuisco: mi chino ad estrarre il pugnale dallo stivale, quindi glielo porgo. Quando sarà il momento, lo farò a mani nude.

Il Camerlengo e Ireena raggiungono una porta, che lui apre con un corposo e pesante mazzo di chiavi che porta appeso alla cintura: chissà se una di quelle apre la porta della cella di Padre Mansell. Ireena mi guarda interrogativa: non ha ancora capito. Lui ci fa cenno di entrare, quindi mi guarda con occhi da pazzo... Perché solo un pazzo potrebbe avere una brama del genere. Un pazzo, o una persona che sa molte cose... ad esempio, di non correre alcun rischio.

"Sono venuta per parlare della Mantide", esclamo un attimo prima di entrare. "Ci sono delle cose che devo sapere".

"Oh, ne parleremo", risponde lui con un sorriso. "Eccome, se ne parleremo".

Poi entro, e improvvisamente vengo avvolta da un odore che ero appena riuscita a dimenticare, un odore che neppure il muro di incenso che questo figlio di puttana ha eretto riesce più a nascondere alle mie narici. Al mio cervello.

E capisco che siamo fottute.




scritto da Annie , 05:29 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
16 Settembre 517
Mercoledì 6 Settembre 2017

Come tempesta d'estate



16 Settembre, ore 02.24

[...]

"Ram, che facciamo?" La voce di Garruk esce come un rantolo: era un bel pò che non lo vedevo così provato da uno scontro.

"Continuiamo così, non diamogli tregua: non può tenere questo ritmo a lungo!".

Lo spero davvero: combattere in queste condizioni è estenuante. Se solo non fosse così dannatamente veloce, le poche volte che riusciamo a vederlo... Maledizione, se almeno la gamba non mi facesse così male. Dai Ali, non puoi mollare ora: ci sarà tempo dopo per riposarti, adesso hai una testa da staccare.

[...]




13 Settembre 517, ore 20:15

Quello che è accaduto stasera ha dell'incredibile: se non avessi assistito in prima persona, con i miei occhi, dubito che ci avrei mai creduto... ma andiamo con ordine.

La partenza di Giada ha avuto un forte impatto sull'umore di tutte noi: nessuna affronta l'argomento in modo diretto, ma è evidente che la tensione si fa più forte ogni giorno che passa. Non siamo abituate a non ricevere notizie fresche dal fronte, ma stavolta è diverso: il silenzio è totale, come se il plotone fosse svanito nel nulla, inghiottito dalle spire del vento sabbioso che soffia con forza al di là del Traunne.

Ciascuna di noi vive la cosa in modo diverso. Mira si sfoga mordendosi le nocche: lo fa per brevi istanti, quando nessuno la guarda, facendo ben attenzione a non andare troppo a fondo; l'ultima cosa che vuole è un ricordo duraturo del suo nervosismo. Al di là di questa comprensibile reazione emotiva è la più misurata di tutte noi: conosce abbastanza bene Sven Herzog, il soldato più anziano e più capace del gruppo, e ha buone ragioni per fidarsi di lui; ci ha più volte ripetuto che Giada è in buone mani, così come lo sarebbe stata chiunque di noi. Non stento a crederlo... sembravano brave persone.

Zyra reagisce tirando di spada: non riesce a capacitarsi che non abbiano scelto lei. In realtà, con il carattere che si ritrova, sarebbe stata la meno adatta... Lei fu l'unica a contestare la scelta di offrirsi tutte come volontarie: voleva che facessimo un passo indietro, ce l'ha messa tutta per sacrificarsi al posto nostro. Quando fu il momento, arrivò persino a contestare Kalina per averci fatto quel discorso che ci ha così tanto motivate.

Kalina... la nostra guida, la nostra protettrice. Posso solo immaginare quanto questo silenzio possa essere doloroso per lei, eppure dal suo viso perfetto non traspare nulla: la sua tempesta di tensioni, rimorsi e rimpianti ruggisce nel nulla che riesce a creare dentro di lei, lo stesso che le consente di non sentire il dolore fisico e celare qualsiasi emozione. Ma persino lei non è onnipotente: la sua preoccupazione per Giada traspare più di quanto vorrebbe. Mi chiedo se si sia pentita di averci motivate a quel modo, il giorno in cui i soldati vennero a reclutarci: di averci detto che quella missione era fondamentale, che non soltanto il suo esito ma la vita stessa di quegli uomini era nelle nostre mani, nelle mani della sirena che avrebbero scelto. Conoscendola, so per certo che avrebbe davvero essere lei: eppure ha scelto di non imporsi, confidando nelle capacità di scelta di quel gruppo di uomini e donne e condannandosi a questa interminabile attesa. In queste ultime settimane si è dedicata ad assistere il Caporal Maggiore Ali Shark, che ha concluso la sua convalescenza alla fine di agosto: l'ho vista persino scambiare qualche parola con una paladina di Pyros, June Vogel. Un rischio notevole, per una come lei. Ma Kalina è fatta così, non ha paura di nulla: più il pericolo è grande, più crescono le sue capacità.

Poi, stasera, è successa una cosa molto strana. Poco dopo il tramonto, a una manciata di minuti dalla consueta apertura della capasanta. Io e Teegan stavamo piegando alcune lenzuola quando abbiamo sentito chiamare. Era un soldato di Uryen, uno dei tanti che viene spesso a cercare conforto qui: il suo nome è William, William Deed. Lo so perché ho una buona memoria, faccio del mio meglio per ricordare i nomi degli ospiti con cui abbiamo a che fare. Nel suo caso era ancora più semplice, visto che il suo nome era stato citato spesso negli ultimi giorni come protagonista di alterne prodezze al di qua e al di là del fiume.

La maggior parte dei soldati che viene qui finisce per affezionarsi a una di noi, nella maggior parte dei casi la prima che prova... o che trova. Lui no, è uno di quelli che ha voluto provare tutto, e stasera era venuto a pretendere l'unica che non aveva ancora potuto avere. Gridava a gran voce il suo nome, affermando di avere dell'oro e di voler entrare nella stanza dell'oro. Di lì a poco eravamo tutte affacciate, cercando di capire le sue intenzioni. Poco dopo è uscita Zyra, brandendo la spada per il fodero e intimandogli di tacere. Era prevedibile: della stanza non si deve parlare, lo sanno tutti. Specialmente con una paladina di Pyros che vive nei paraggi.

Il soldato si è avvicinato a Zyra e, con forza e velocità pazzesche, l'ha colpita con uno schiaffo, sbattendola al suolo. Poi l'ha bloccata con lo stivale, schiacciandola a terra e continuando a chiamare Kalina a gran voce. Ho l'oro. Voglio entrare nella stanza. Mostrati e non le farò nulla, altrimenti... A quel punto Teegan è corsa via, diretta verso l'uscita del retro, pensando che fosse meglio andare a chiamare Varchmann. La situazione è rimasta ferma per una manciata di secondi, quindi Kalina è uscita. Ha cominciato a parlare con il soldato, riuscendo a calmarlo e a convincerlo a liberare Zyra. Poi gli ha chiesto di seguirla, prendendolo per mano e portandolo verso una delle porte. Verso la stanza.

A questo punto, sono certa che vi chiederete dove si trovi la cosa strana nel mio racconto. Non si tratta del primo soldato o avventore che picchia e minaccia una di noi: prima o poi è successo a tutte, Kalina compresa. Siamo sopravvissute a una guerra, se c'è una cosa che abbiamo imparato a fare è incassare. La cosa strana è quello che è accaduto dopo. Eravamo tutte certe che Kalina avrebbe raccontato tutto a Varchmann e che la vicenda si sarebbe conclusa come di consueto: una gamba rotta, un dito mozzato, o magari qualche settimana di "distaccamento speciale" al porto... Invece no, niente di tutto questo. Eravamo presenti tutte quando Kalina ha detto a Varchmann che era tutto a posto, che non era successo niente. E mentre lo diceva, con tono fermo e rassicurante, il suo sguardo non lasciava dubbi su cosa bisognasse fare: non una parola, nessuna di noi.

Varchmann non sembrava convinto. Dava l'impressione di essere molto contrariato del fatto che suo cugino Ork non avesse visto nulla, nonostante si trovasse di pattuglia proprio lungo la strada che porta alle case: il soldato William doveva essergli passato proprio sotto il naso. Quando si è allontanato, Kalina ci ha spiegato il motivo di questa sua decisione. Ci ha raccontato che quel soldato, William non è normale: che rappresenta un serio pericolo per tutte noi. Infine ha allentato la fascia di seta che le stringe la veste alla vita, e ci ha mostrato quello che le aveva fatto. "Non vi preoccupate", ha aggiunto, vedendo i nostri sguardi esterrefatti: "guarirà presto". A quel punto Zyra non si è potuta trattenere e le ha chiesto come mai abbia rifiutato l'aiuto di Varchmann. Kalina le ha risposto che con quelle persone non bisogna cercare lo scontro finché non si è certi di poter prevalere. Non ero pronta, ha quindi aggiunto prima di congedarsi: la prossima volta lo sarò. Prima di lasciarci si è fatta promettere di stargli alla larga e che, nell'improbabile caso di un suo ritorno, saremmo corse a chiamarla senza indugi.

Lo abbiamo promesso tutte, anche se Teegan mi è parsa un pò risentita: è normale, lei è qui da poco... non conosce ancora Kalina bene come noi. Dal canto mio non ho dubbi: se c'è una persona che può gestire al meglio questa situazione è senza dubbio lei.

Laara Vintemberg - Immagine

- Laara Vintemberg -



16 Settembre, ore 02.27

[...]

"Ma siete sicuri che sia uno, si? Perché io ne vedo sempre di più..."

"Lo stregone ha detto che quello vero è uno: tutto sta a trovarlo".

Facile a dirsi, il problema è che non si vede un cazzo. "Quelli finti non fanno ombra", urlo mentre tiro un fendente all'ennesimo simulacro. Il problema è che le ombre le facciamo noialtri, poi con questa luce ridicola c'è poco da capire.

"Ce l'ho io!" urla Roy, subito dopo averlo colpito al piede con la lancia. Garr è troppo lontano, ma io e Ram siamo a due passi. Un attimo dopo lo attacchiamo in tre: Roy finta un secondo colpo e assesta una spallata, Ramsey punta a intralciargli le gambe; a me spetta il compito più gratificante. Impugno Ametista con entrambe le mani e la sollevo in alto: aspetto che si copra la testa e poi la spingo giù, disegnando un rapido cerchio che si conclude con un montante dal basso. Per la testa c'è tempo, adesso è la tua zampa che voglio!

Il colpo va a segno: vorrei avere il tempo di contemplare maggiormente quell'artiglio mozzato che intravedo appena, ma se non mi tolgo subito di mezzo finisce male.

"Tre contro uno e non riuscite a stenderlo?" Ruggisce Garruk, correndo verso di noi. Non fa in tempo: in un attimo lo stronzo è addosso a Roy, conficcandogli l'artiglio ancora sano appena sotto al braccio sinistro. Ha una velocità pazzesca, irreale. Roy urla di dolore, come se l'anima gli venisse strappata dal corpo: poi crolla al suolo, proprio come gli altri. Maledizione! Aveva già preso un colpo prima, proprio lì. Lo stronzo deve averlo fatto apposta... non avrà mica centrato il giunto?

Roy rotola a terra, privo di sensi: non resta che sperare che questa testa di cazzo non sia contagiosa, altrimenti domani ci risveglieremo tutti.

[...]






14 Settembre, ore 17:41

"Davvero te l'ha fatto quando..."

Quando faccio cenno di si col capo, Astor scuote la testa. "E tu non gliene hai dette subito quattro? Guarda che non è mica uno scherzo..."

"Dai, è solo un morso..." Mi vergogno quasi, a minimizzare la cosa: probabilmente non dovrei, ma davvero lì per lì non mi era sembrato niente di che.

"Un morso! E ti pare normale? Guarda che se non ti fai rispettare tu, loro non ti rispetteranno mai..."

"Ahia!" Doloredoloredolore... Ma che c'è in quella boccetta, acido al peperoncino?

"Tiè, guarda che roba: non mi stupisce che sia un avanzo di galera!" Astor contempla le mie ferite per qualche secondo, quindi riprende a medicarmi, intingendo nuovamente il pennello in quell'ampolla piena di tintura giallastra.

"Ahia..."

"Ma smettila, che adesso non ti ho neanche toccata. Scommetto che quando quello ti prendeva a sberle non fiatavi neppure..."

"Beh, a dire il vero..."

Rido, poi ride anche lei. Astor mi sta davvero simpatica, avrei voluto conoscerla prima: è qui in infermeria soltanto da qualche settimana, ma ha già conquistato tutti i soldati. E' la figlia del tenente di vascello Kraven e, a quanto ho capito, fa parte del suo equipaggio. Dicono che parli anche la lingua degli Elsenoriti... Mentre continua a curarmi parliamo del più e del meno: mi chiede se ho notizie di Angelica, la nostra cuoca tuttofare, e io colgo l'occasione per spiegarle la mia teoria: una fuga d'amore con Heinrich, la sua guardia del corpo personale. Ridiamo ancora. Chissà se è fidanzata, chissà se c'è qualcuno che le piace. Non siamo ancora abbastanza in confidenza per farle questo tipo di domande... meglio aspettare: nel frattempo direi che è il caso di capire se sono fidanzata io, oppure se si è trattata di... com'è che si dice in questi casi? una botta e via?

Bah, e dire che fino a due giorni fa non mi piaceva per niente. Poi, verso la fine di quella festa... boh, che ne so. Fatto sta che ci ho pensato per tutta la notte: poi il giorno dopo, proprio quando ero riuscita a togliermelo per bene dalla testa, mi si avvicina ancora. Cominciamo a parlare in mezzo agli allenamenti, poi mi guarda in modo strano, e prima di salutarmi, a fine giornata, mi indica nuovamente la casetta di Ann... ehm, la casetta in cui alloggia. "Ti aspetto".

Ma che cavolo vuol dire, ti aspetto? Che frase è? E soprattutto, perché ci sono andata? Non sono davvero il tipo di ragazza che si imbarca in questo tipo di storie frettolose e... Beh, fatto sta che ci sono andata: a momenti neanche ho fatto in tempo a bussare: mi ha letteralmente trascinata dentro, con una forza pazzesca e una frenesia da togliere il fiato. Quello che è successo dopo, beh... So solo che non mi era mai capitato niente di simile! Sarà durato una, forse due ore: alla fine siamo dovuti scappare via di corsa, altrimenti se ne sarebbero accorti tutti! E' stato così... intenso, che quasi non mi sono accorta di tutti questi segni che evidentemente mi ha fatto. Eppure, nonostante tutto, fanno un male cane! Questa notte ho dormito malissimo, nonostante il bel ricordo e le interessanti prospettive. Per non parlare degli allenamenti di oggi... ho stretto i denti per tutto il tempo! E adesso eccomi qui, che non aspetto altro che uscire da questa stanzetta che odora di olio disinfettante per...

... per capire come funziona adesso, suppongo. Oggi William non s'è visto: il sergente ha detto che aveva da fare con il terzo plotone, ma secondo me non era la verità. Ho paura che possa avere avuto una giornata no, come quelle che aveva Annie... O magari è colpa mia che... No, Charlie, ma che vai a pensare? Il mondo non gira mica tutto intorno a te! Vedrai che quello che è successo ieri non c'entra niente. Adesso la cosa migliore da fare è farsi almeno un'oretta di riposo e poi, magari, vedere se si fa trovare a cena. Non diventare petulante: fatti desiderare.

Tuttavia, le gambe non sembrano essere molto d'accordo: si muovono da sole, verso quella che era la stanzetta di Annie, come se non sopportassero l'idea di farmi sprecare l'occasione di rendermi ridicola prima di cena. E va bene, mi arrendo: farò come dite voi!

Il minuscolo vialetto che porta alla casetta è deserto. Al tempo stesso, è talmente vicino alla Rocca che quasi certamente qualcuno mi vedrà: pensaci bene, Charlie, davvero vuoi farti ridere dietro da tutto l'esercito di Uryen? Non ti è bastata la volta in cui ti sei offerta di organizzare Mister Tramontano? Bah, problemi loro: come diceva la mia saggia nonna, chi non ti sopporta oggi non ti sopporterà mai, quindi tanto vale fregarsene. Il che, peraltro, è in aperto contrasto con la mia rivalutazione di William... Insomma, comunque la si guardi resto una cretina.

"William?" Chiamo a bassa voce, una volta raggiunta la porta. Nessuna risposta. Provo a bussare... niente. Gli scuri alle finestre sono tirati, sembra proprio che non ci sia nessuno. Poi mi ricordo che ce n'è uno con il gancetto rotto: ci ho fatto caso ieri, quando ero... insomma, quando ero dentro. Mi ero fissata a guardare la luce che filtrava. Charlene, so perfettamente a cosa stai pensando, ed è davvero una pessima idea! Lo so, nonna... ma non è colpa mia: le braccia si muovono da sole! e poi, William potrebbe stare male come Annie, magari ha bisogno di aiuto... Ma chi vuoi prendere in giro: vuoi solo curiosare, ficcare il naso, magari farti trovare dentro... Si, ok, sono colpevole, penso mentre applico una serie di spinte strategiche finché lo scuro non si convince ad aprirsi.

CRASH!

Il rumore improvviso mi fa sobbalzare... poi, con orrore, realizzo quello che è successo. Cacchio... la piantina! Me ne sono totalmente dimenticata! Stupida, stupida Charlie!

E vabbè, ormai è fatta: in men che non si dica, sono dentro, tra cocci e mucchietti di terriccio. Devo assolutamente provare a ricomporla in qualche modo, prima di andarmene...

Mi guardo intorno: e così qui è dove vivono gli Angeli di Uryen: è almeno la terza volta che ci sono stata ma così, da sola e di sera, fa tutto un'altro effetto. Una scrivania, due sedie, un baule, un letto... e adesso un vaso rotto. Nel baule ci sono i vestiti di William, mentre la roba di Annie è stata spostata in una specie di mucchietto in un angolo. Ieri sera non ci avevo fatto proprio caso, ma sembra che William l'abbia riposta molto accuratamente. Mi chiedo dove sia Moffy, visto che Annie lo aveva lasciato qui. Forse sotto il letto? Mi chino a guardare e, in effetti, vedo che c'è un pò di roba pure lì: vestiti appallottolati, si direbbe. Li prendo, ma di Moffy nessuna traccia. I vestiti sono femminili: altra roba di Annie, suppongo... un completo che non penso di averle mai visto addosso, decisamente più carino e femminile di qualsiasi altro abito che mette di solito. Nel piegarlo, capisco perché: è sporco di sangue in più punti. Poverina... Chissà che cosa deve aver passato, nelle tante notti solitarie che ha trascorso qui. Mentre lo ripongo, quasi mi uccido inciampando sul vaso rotto... No, non sul vaso, bensì sulla trave di legno che dev'essere saltata a seguito della sua caduta. Cavoli, Charlie, stai qui dentro da tre minuti e l'hai quasi demolita, questa casa.

Poi vedo che sotto alla trave c'è qualcosa. Altri vestiti, a quanto pare. In pessime condizioni, si direbbe... e poi...

No.

Sento il sangue ghiacciarsi nelle vene, mentre osservo le tracce scure che quei brandelli di stoffa umidicci lasciano sulle mie mani. Fuori ormai fa quasi buio, ma mi sembra proprio...

Cazzo!

Improvvisamente ricordo dove ho già visto quel vestito: non è di Annie, porca puttana!

Ho bisogno di luce: devo controllare, devo esserne sicura. Mi alzo, getto a terra gli stracci insanguinati e mi precipito verso la lanterna sulla scrivania. Quando la accendo, e torno a osservare la zona intorno alla trave, mi sento morire.

No... oh Dèi, no...

Poi, con uno scatto, la porta si apre dietro di me.

"Che significa?" domando, con voce tremante. Non serve girarmi, so benissimo chi è.

"Stà calma", mi sento rispondere. "Non è come pensi".

"E com'è, allora? Perché hai..."

"Siediti e ti spiego. Mi fai spiegare, almeno?". La sua voce è calma, impassibile... completamente diversa da quella di ieri.

"Non posso... Devo.. devo andare, adesso". Le parole mi escono a caso, dettate dalla paura per quello che ho appena visto. Non posso restare qui: devo dirlo a qualcuno.

"Siediti, ho detto..." La sua voce è cambiata ancora: ha un tono suadente, accondiscendente. Forse è davvero come dice, forse dovrei ascoltarlo. Eppure non c'è un'oncia del mio corpo che non mi spinga a correre il più lontano possibile da questa stanza.

"No, no... NO!" Faccio per uscire, ma lui mi blocca la porta. Mi giro verso la finestra e lui, con un balzo fulmineo, mi è alle spalle. Provo a urlare, ma lui mi tappa la bocca. E' fortissimo, maledizione... Pensa, Charlie, pensa: cosa farebbe Ali? Mi viene in mente quello che ho in mano, poi lo sguardo mi cade sulle tende che ondeggiano proprio davanti a me: posso farcela. Colpisco il mio oppressore con il gomito con tutta la forza che ho, poi approfitto di quell'istante per lanciare la lanterna. Avanti, avanti... Il vetro si frantuma in mille pezzi, mentre l'olio infiammato lambisce la stoffa. Ce l'ho fatta, penso. Ce l'ho fatt...

Bes-Vas, replica lui, subito prima di tornare a ghermirmi: e di colpo tutto si spegne.

"Perché?" domando invano, mentre una coltre di tenebra si chiude intorno a me.



- Charlotte Zwein -



16 settembre, ore 2:32

[...]

"Ti ho preso, stronzo!" Garruk esulta, mentre la sua ascia trancia la gamba del nostro avversario all'altezza del ginocchio. Ancora una volta, la medesima scena si ripete su tutti i simulacri che ancora ci circondano: assistere a un tale prodigio alla luce della luna fa un effetto strano... sembra davvero di essere in un racconto del Khal-Valàn.

Il nemico urla di dolore, un rantolo strozzato che non ha più nulla di umano. Poi, ancora una volta, spicca il volo, portandosi dietro buona parte delle sue illusioni. Sorrido: era proprio quello che stavamo aspettando. Vasq scocca la freccia che stava tenendo in serbo sopra all'unica macchia d'ombra sparata al suolo dalla luna, colpendolo in pieno all'altezza del collo: un secondo urlo, stavolta molto più acuto, riempie la notte.

Come sempre, non abbiamo tempo di esultare. "Attento, Vasq!" Urla Ram, mentre si getta a copertura del nostro compagno mentre due sagome scure saltano fuori dall'oscurità della foresta. Grandissimo figlio di una gran troia, ci tiri addosso persino i Risvegliati! Ram riesce a prenderne uno, ma l'altro è più veloce: assisto impotente mentre Vasq viene sbattuto a terra, tentando invano di sguainare la spada.

"ANTAAAAAAR!!" Grido a squarciagola, mentre corro all'impazzata verso il mio compagno. Un grido inutile, visto che siamo già tutti qua: Roy è in una pozza di sangue, i soldati che ci siamo portati sono a terra, l'Angelo Nero e gli altri eroi di Greyhaven si stanno facendo le seghe chissà dove e come al solito tocca a noi. Colpisco l'Hunter con gli occhi iniettati di sangue, brandendo Ametista come se fosse una clava: mentre i frammenti della sua testa di cazzo mi rimbalzano sull'armatura penso a quegli incapaci dei soldati di Angvard e merdecani dell'Armata del Corno che giuravano e spergiuravano che nessuno poteva controllare i Risvegliati, vorrei che venissero qui ora a toccare con mano quello che stiamo vivendo noi.

Vasq è ancora al tappeto. "Stai bene?" Grido nella sua direzione, mentre torno in direzione dell'ospite d'onore. Lo vedo rialzarsi con la coda dell'occhio: meno male, a quanto pare sono arrivata in tempo.

"Dove sta il pipistrello?" Chiedo a Ram e a Garruk, intenti a scrutare il cielo.

"Lo vuoi sapere davvero?" Mi risponde lui, puntando l'ascia da una parte.

"Oh, cazzo..."

[...]




15 settembre, ore 19:21

"Penso che lo stregone abbia ragione: non può essere andato lontano, le tracce sono ancora fresche".

A quanto pare sono tornato ad essere "lo stregone". Fino ad oggi il terzo plotone si limitava a chiamarmi così soltanto in mia assenza: un segno di rispetto, malgrado tutto, per gli obiettivi e i traguardi faticosamente raggiunti insieme. Temo ahimé che le tristi e sanguinose vicende recenti abbiano incrinato irrimediabilmente il nostro rapporto. Non che mi senta di dar loro torto, intendiamoci: riconosco che è ben difficile immaginare un diverso responsabile degli ultimi eventi occorsi... a parte il loro autore, naturalmente. Tra i tanti errori che ho commesso vi è stato quello di sottostimare grandemente il contributo che avrebbe avuto lo Yoki a tutti i livelli: mi aspettavo una versione molto più forte, selvaggia e incontrollabile di Annie, ma questo livello di perversione e squilibrio mentale era al di là di ogni possibile previsione.

Poche ore fa, seguendo le sue tracce, abbiamo trovato il "cimitero" dove William ha sepolto tutte le sue vittime: Angelica Beidenn, Henrich Koch, Charlotte Zwein, una prostituta delle Case della Gioia di nome Teegan Kay, più i due uomini di fiducia del Burgravio incaricati di sorvegliarlo a vista. Tutti uccisi negli ultimi 3 o 4 giorni, nel silenzio più assoluto, con una perizia nell'esecuzione degna dell'Uomo senza Volto di Ghaan. La follia dev'essersi insinuata nella sua mente durante la sua prima e ultima prova sul campo, probabilmente per colpa di un abuso reiterato dei suoi poteri, ancora troppo acerbi: si è sopravvalutato oltre ogni possibile limite, dimostrando di non avere alcun autocontrollo. A nulla è valso avvertirlo, farlo parlare con l'Angelo Nero, affidarlo alle cure di soldati esperti: era un inguaribile inetto, e tale è rimasto fino al momento di perdere totalmente alla sua umanità. La verità è che non mi aspettavo che sarebbe successo così presto: persino io non avevo idea che avrebbe fatto l'esatto opposto di tutto quello che gli è stato detto, che sarebbe diventato un simile pazzo assassino. O forse, ed è la cosa che più mi addolora, dentro di me sapevo... e avevo comunque bisogno di misurare le profondità di questa follia.

La maggior parte dei cadaveri è stata parzialmente divorata. Quelli di sesso femminile, a quanto mi è stato riferito, sono stati anche oggetto di violenza: è probabile che William, ormai preda dei suoi incubi e deliri, abbia provato a placare l'appetito insaziabile che sentiva in ogni possibile modo che gli è venuto in mente. Chissà cosa pensava, quando prendeva quelle vite... Chissà se la sua mente era ancora sua, se pure irrimediabilmente compromessa, ovvero sotto il controllo di chissà quale influsso ancestrale.

Temo che non lo sapremo mai: parte dello squadrone dei Predatori del Tenente Ramsey sta per mettersi sulle sue tracce con l'ordine e l'intenzione di farlo a pezzi. Barun vorrebbe impiegare altri uomini, ma non ha intenzione di tollerare l'idea che possa fuggire: sfortunatamente, l'intero squadrone di Greyhaven si trova attualmente presso la zona di Cantor. Quanto a me, ho chiesto invano di poter andare: se anche fossi in grado di tenere il passo dei loro cavalli, Ramsey non mi vorrebbe mai insieme a loro. L'unica cosa che mi hanno concesso di fare è stata fornire a Vasq un piccolo aiuto, nella speranza che possa servire a qualcosa: avrei voluto fare molto di più, ma la realtà è che stavolta ho davvero fatto troppo.

Luger - Immagine

- Luger -



16 settembre, ore 02:33

[...]

"Secondo voi sono vere? O è la solita presa per il culo da stregone?"

Scuoto la testa: non ne ho proprio idea. Certo è che da questa distanza, alla luce della luna sembrano reali.

"Torna qui, Deedo! Voglio giocare con te!" Temo che urla di Garruk non serviranno a molto, se non ad attirare qualche altro Risvegliato: non sembra che il nostro amico abbia intenzione di tornare qui.

"Se non altro non sembra in grado di spostarsi lateralmente", commenta Ram.

E' così: va solo su e giù, come quando non aveva quelle ali ridicole. Forse sono davvero finte, un'illusione come quasi tutte le altre cose che ci ha tirato addosso nelle ultime ore. Purtroppo, quella specie di artigli che hanno preso il posto degli arti e con cui ha squartato i nostri compagni sono fin troppo veri. Figlio di puttana, te la sei presa persino con le donne innocenti e con le ragazzine. Non ti bastava vomitare ogni giorno nel piatto che ti nutriva, hai dovuto persino uccidere chi te lo preparava. Non esiste al mondo che ti faremo volare via da qui, dovessi venire a prenderti io stessa.

Mi guardo intorno, approfittando di questa pausa irreale: quattro soldati di Uryen, gli unici ancora in piedi, che osservano una specie di tafano umanoide che libra a non meno di trenta metri d'altezza. La zona intorno a noi sembra tranquilla, adesso: forse non ha più Risvegliati da chiamare. Forse, dopo tutto il potere che ha speso e i danni che ha preso, anche lui è giunto al limite. Sempre che ce l'abbia, un limite. Che gran stronzo. Se soltanto quel giorno in cui l'ho riempito di botte non mi fossi fermata... Ma non è il momento di recriminare: è tempo di distruzione.

Ram guarda Vasq, chiedendogli se è pronto: Vasq annuisce. Entrambi tendono l'arco e cominciano a prendere la mira. "Inizio io", dice Ram. Scocca una freccia, poi un'altra, poi un'altra ancora: il mostro continua a fare fare su e giù, fluttuando nell'aria. Vasq resta in silenzio, studiando le pause, i cambi di traiettoria e di velocità. Ancora un'altra, dice: cerca di prenderlo al bersaglio grosso. Ram scocca ancora, Deedo va su. Ancora una. La freccia parte, Deedo va giù. Ancora una... Poi, subito dopo Ram, scocca anche lui: un proiettile enorme, lunghissimo, che tutto sembra tranne che una freccia. Ecco perché ha dovuto cambiare arco. La saetta si innalza verso il cielo, quindi si incendia a mezz'aria: trattengo il fiato. Il tafano cerca di evitarla in tutti i modi, ma neppure lui può alterare le forze che governano il suo stesso volo. Il dardo lo trafigge a mezz'aria, colpendolo in pieno petto: poi, un istante dopo, esplode.

Lo spettacolo è notevole, ma nessuno di noi ha davvero voglia di esultare: è ben altro, quello che ci va di fare. Osserviamo pazienti di vedere dove cade, poi ci incamminiamo a passo svelto verso il luogo dell'atterraggio. Contempliamo con tacita soddisfazione il corpo bruciacchiato che si alza lentamente.

La frase di Ram è tombale: "Non posso sopportare di vedergli addosso la nostra armatura". Garruk non se lo fa certo dire due volte: prima lo colpisce bene sulla gamba sana, così da assicurarsi che non gli venga in mente di zompettare via: poi su entrambe le braccia, tanto per evitare che possa nuocere. Quindi procede.

A guardarlo così, non fa certo paura: un povero mentecatto tremante e nudo come un verme. Questa è l'immagine di te che voglio imprimere nella mia memoria, William. Il resto non tarda ad avere luogo: nessuno di noi ha voglia di rischiare che si rigeneri, che ricorra a qualche stregoneria o che cacci l'ennesimo urlo per chiamare aiuto. Lo facciamo a pezzi metodicamente, fino a quando neppure Garruk riesce a trovare più nulla di buono da tagliare.

"Dite che lo stregone ci resterà male? Non sarà facile studiarlo, così..."

"Adesso ci piscio sopra, così se gli viene in mente di farlo mi diverto pure io".

Osservo il rituale, senza particolare emozione. Ram e Vasq si allontanano. Raccolgo una torcia da terra. Siamo stanchi morti, ma dobbiamo recuperare i nostri compagni: per ogni secondo che perdiamo c'è il rischio che qualche brocco fuori zona pensi bene di affondare i denti nel collo di uno dei nostri compagni privi di sensi.

Poi vedo qualcosa che proprio non mi piace. "Ram, c'è qualche problema?" Nessuna risposta. Perché vi state zitti? Avvicino la torcia al collo di Vasq e lo vedo, definito e inequivocabile: con quello degli Antar non ti puoi proprio sbagliare. L'orrore pazzesco e assoluto.

No, no...

Non so cosa dire, ho le lacrime agli occhi. Non sono arrivata in tempo. Non sono...

"Ali, non è colpa tua...".

Certo! Certo che è colpa mia. Tutta questa maledettissima storia è colpa mia. Ce l'ho avuto davanti al naso per quindici giorni e non mi sono accorta di nulla, l'ho visto che faceva lo stronzo con Charlie e non ho fatto niente, e poi come cazzo ti viene di metterti a tirare con l'arco da solo con le spalle agli alberi, Vasq! Come ti permetti di farti mordere così, come una fottuta recluta a due metri da noi.... Ti odio, mi stai sul cazzo, questa non me la dovevi fare. Lui mi stringe forte, poi mi ricorda che abbiamo ancora tanto da fare. Altri soldati da mettere in salvo, per non far sì che possa diventare troppo tardi anche per loro. "Và da Roy", mi dice. "Non perdiamocelo di nuovo".

Annuisco. Ma è proprio lì, a pochi passi, che mi attende l'ennesimo incubo. Ram è chino su di lui, le ginocchia affondate nel sangue, la mano serrata a pugno che preme contro la ferita al collo, come a volergli tenergli dentro l'anima a forza.

"Portami una torcia, Garr".

"È inutile, Ram. È..."

"Portami una cazzo di torcia!"

L'esclamazione di Ram è seguita da un tuono, che prelude alle prime gocce di pioggia. Mentre costringo i miei piedi ad avanzare verso gli altri miei compagni mi viene da pensare che forse stavolta le cazzate sono state tante e tali da far rammaricare qualcuno persino lassù.

Una cosa è certa, dopo stanotte non saremo più gli stessi.



- Ali Shark -
scritto da AA. VV. , 15:37 | permalink | markup wiki | commenti (0)
ultimi 5 articoli (cambia) · Pagina 1 di 4
1 · 2 · 3 · 4