Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« In un modo o nell'altro Ash deve rimanere alla rocca, bisogna capire da quale lato delle sbarre »
- Capitano Barun -
 
Myst Cyclopedia

In absentia

[cronaca]
cronaca
Periodo:
dal 07/01/2021
al 22/02/2021
Periodo RPG:
dal 13 febbraio 518
al 27 febbraio 518
Num. sessioni:
6
Diciassettesima avventura della Campagna di Uryen. I compagni, distaccati a Feidelm, ricevono una visita inaspettata e decidono di tornare a Uryen. E' il febbraio 518. Master DarkAngel.

Una visita inaspettata

Espugnato il faro abbandonato dai suoi abominevoli occupanti, i nostri godono il meritato riposo a Feidelm, ospiti della Guardia cittadina.
Ciascuno si dedica alle proprie attività preferite, chi lavorative (Colin che lavora presso la bottega della Speziale), chi devozionali, chi finalmente ricreative. Anche Bohemond, dopo il periodo di allontanamento presso il Monastero di Klarheit, si è riunito ai compagni.
E' il mattino del 13 febbraio quando Engelhaft, che si trova come al solito alla Chiesa del Radioso, sente una presenza che incombe alle sue spalle, ed una manona nodosa gli tocca il braccio. Il Sacerdote mette mano al bastone, si volta di scatto, e si trova davanti un omaccione alto più di due metri, con l'aria da fiero straccione.
Lo sconosciuto sembra riconoscere Engelhaft, e gli fa un cenno.
"Messere, non siete qui per pregare?" domanda il Sacerdote
"Io no, e tu hai appena finito" risponde l'estraneo.
Engelhaft gli mette la punta del bastone sotto la gola: "Esci, quando sono comodo mi troverai"
"Sicuro che valga la pena perdere tempo? Potresti rimpiangere questa scelta, ci ho messo parecchio per trovarti"
Engelhaft insiste che vuole delle presentazioni.
"Puoi chiamarmi Opie, e un tempo prestavo servizio presso lo stesso servizio di armi presso cui ora presti servizio te"
Finalmente Engelhaft decide di ascoltare Opie e lo segue fuori dalla chiesa.
"Mi è stato dato un compito ingrato, devo recuperare un po' di soldati che sono stati mandati in missione fuori da Uryen, per conto di una persona."
"Di cui puoi dire il nome?"
"Voi quanti siete? Dovreste essere 4 o 5... la persona che mi manda non gode di una buona fama quindi, probabilmente, quando ti dirò il suo nome il poco di fiducia che mi hai accordato svanirà: preferisco farlo davanti ai tuoi compagni", risponde Opie.
"Mi manda il sergente maggiore Hador Varkman" dice poi, alle insistenze di Engelhaft, che reagisce ridacchiando con sdegno.
Opie chiede un incontro con tutto il gruppo ed Engelhaft acconsente, suggerendo la taverna "Il Gallo Bianco". Impietosito dall'abbigliamento miserabile dell'uomo, Engelhaft offre la carità, che Opie rifiuta con decisione.

La richiesta di Opie

Quando Engelhaft racconta ai compagni dell'incontro con Opie, sono tutti molto curiosi: conoscono infatti il soggetto, che è il taciturno buttafuori della Capasanta, al Porto di Uryen.
Si affrettano alla taverna per l'appuntamento e aspettano, aspettano... aspettano... ma dell'ospite nessuna traccia.
"Ahia, questo è morto, poveraccio..." si intristisce Engelhaft.
Proprio quando i nostri stanno per andarsene, ecco che barcollando entra nella taverna Opie, con un aspetto ancor più miserabile del mattino: zoppica, barcolla, anche se sembra essersi dato una ripulita.
Si siede, prende il piatto di Kailah e mangia gli avanzi. Engelhaft insiste di ordinare qualcosa ma lui ma lui rifiuta, accontentandosi di quel che è rimasto.
"Se avete a cuore l'esercito di Uryen, penso che sarebbe il caso di rientrare. Mi manda il Sergente Maggiore Varchman: sono successe alcune cose e la Rocca non è gestita nel migliore dei modi, diciamo così. Alcune persone persone a cui non sta bene questa nuova situazione stanno cercando di organizzarsi, ma sono un po' pochi e non è una cosa che si può fare alla luce del sole. Voi siete ancora dei soldati, giusto? Avete disertato? Qual è la vostra assegnazione?"
"Attualmente siamo assegnati a Feidelm" risponde Sven.
Opie parla un po' a fatica, man mano che racconta viene scosso dalla tosse, ha l'affanno. "Dovreste tornare a fare rapporto sulla vostra ultima missione e chiedere all'attuale comandante se c'è, dovete parlare con l'attuale comandante perchè è bene che almeno in una prima fase vi comportiate secondo le sue aspettative. Poi verrete... cough cough..."
"Qua siamo due medici" si offre Engelhaft.
"Sto bene" dice Opie, e ordina una birra.
"Poi una volta lì sarete ricontattati e potrete decidere liberamente cosa fare", dice poi. "Oppure ve ne potreste fregare, ovviamente. Nessuno vi potrà biasimare per questo".
"Ci sono notizie da oltre Traunne?" chiede Kailah.
Ma Opie è partito da parecchio e non conosce novità. "L'ultima cosa che so è che i nostri, insieme all'esercito di Angvard e alla Brigata del Tramonto, hanno dato battaglia al castello che sta in mezzo alle montagne", ma non sa come sia andata.
"Il nuovo comandante è ostile ad Angvard e a tutta questa cosa, lui gestisce le cose in modo molto conservativo, ci sono poche persone alla Rocca e anche l'esercito non è in grado di effettuare le attività di manutenzione del Bulvark, si sono aperte varie crepe, arrivano risvegliati a causa del fiume ghiacciato, e il comandante non la sta gestendo in maniera efficiente."
"Giusto per capire bene la situazione, Varkman che ne pensa dell'iniziativa di Barun?" chiede Bohemond.
"E' solidale" dice Opi. "E' stato lasciato indietro per una ragione".
Basta questo, e subito tutti manifestano l'intenzione di partire appena possibile.
Opi si alza. "Lieto di saperlo, vuol dire che posso depennare i vostri nomi dalla lista"
Solo Engelhaft è poco entusiasta. Vuole prima di tutto parlarne in privato. "Vedremo quello che si potrà fare"
"Se vuoi un consiglio, forse potresti anche restare nella Chiesa, qui a Feidelm. I sacerdoti hanno creato anche troppi casini, su". Sospira Opie, pensando a qualcosa che però non dice.
"Quali casini hanno creato?" chiede Engelhaft indispettito.
"Lo vedrai quando arriverai su"
"Ma a te chi ti ha ridotto così?" chiede Engelhaft.
"Non sono l'unico che è stato interessato di ritrovare i soldati di Uryen, diciamo che c'è chi aveva interesse a richiamarvi in altro modo, ma ci ho pensato io"
"Grazie... e chi è che aveva mandato quegli altri?" chiede Engelhaft.
"Saresti un testimone per la mia incarcerazione, se te lo dicessi"
"Gadman?"
"Può darsi. Non lo so se è stato lui, ma la situazione è sfuggita di mano". Lui si alza e sotto restano tracce evidenti di sangue.
Colin si intromette, preoccupato: "sei sicuro che non hai bisogno di un medico?"
"Non ti posso pagare" dice Opi.
"Non ho bisogno di soldi" dice Colin.
"Non siamo come al porto qui, non si paga." dice Engelhaft.
"Se mi volete curare lo accetto volentieri, ma non ho i soldi per pagare".
L'oste mette a disposizione una stanzetta e i due medici curano la ferita di Opie, una coltellata al petto vecchia di due, tre giorni. Una volta medicato, Opie saluta, ringrazia, e torna alla sua missione personale di recuperare i soldati di Uryen sparsi in giro.

Preparativi per la partenza

Durante quel che resta del pomeriggio, i nostri si dedicano ai saluti. Engelhaft va da Sorella Nadine, Vodan si reca dai fratelli Mikkel e Kit. Ma la sera scende presto, ed è subito ora di tornare dall'affittacamere per la notte, tanto più che le fumose parole di Opie lasciano supporre che ci possa essere qualche malintenzionato sulle tracce del gruppo.
Il giorno successivo, 14 febbraio, è la festa di San Jonas.
Colin si reca a lavorare dalla figlia di Mortimer, che saluta prima della partenza. La giovane gli dà un po' di materiali medici, in particolare adatti a difendere dalle insidie del gelo per il lungo viaggio verso Nord.
Engelhaft si reca a salutare i Sacerdoti alla Chiesa del Radioso, e si intrattiene un po' col povero Tranione, che sembra invecchiato e demoralizzato.
Padre Flachen dice a Engelhaft che è arrivata una missiva rivolta alla chiesa: a breve una delegazione da Surok verrà in visita a Feidelm, guidata da un Prevosto. Ci saranno Paladini e Sacerdoti. Quando Padre Flachen apprende dell'imminente partenza di Engelhaft, si rattrista. Engelhaft allora scrive una lettera a questo Prevosto, gli spiega quel che è successo e lo avvisa che c'è ancora un Prevosto a Uryen, e a Dossler. Engelhaft ha ragione di ritenere che il viaggio da Surok serva anche per raccogliere informazioni sullo stato della Chiesa a Nord, e si augura che il Prevosto decida di proseguire il suo viaggio magari anche fino a Uryen.
Nel corso della giornata Engelhaft parteciperà ad una funzione in onore di San Jonas, nella quale invoca la protezione degli Dei sulla città e saluta la comunità dei fedeli.

Difficoltà burocratiche e organizzative

Organizzare un viaggio verso Nord, in pieno inverno, non è semplicissimo. Tanto più che per uscire dalle mura cittadine è necessario un lasciapassare formale.
Il 15 febbraio, di buon mattino, i nostri si recano alla Caserma, dove ottengono di parlare con il Caporale Jacob, al quale chiedono consiglio.
Questi è interessato, e curioso di conoscere la situazione di Uryen. Parla anche del fatto che pare ci sarà una leva volontaria ben pagata.
"Il lasciapassare per tornare a Uryen ve lo posso far avere io" dice Jacob.
"Ci servirebbe sapere se c'è una carovana militare in partenza. Civili in partenza non ce ne sono in questo periodo" dice Sven.
Jacob si informa. "Ma temo di no, è un momento in cui non abbiamo motivo da Feidelm per recarci a Uryen, stiamo aspettando che si pronunci il Margravio. Però qualcuno che deve andare a Nord forse ve lo posso rimediare, gente che ha bisogno di protezione... potreste fare da scorta e andare su con loro"
"Si, potrebbe essere".
Jacob dice di tornare l'indomani per lasciapassare e informazioni sulla carovana.
Sembra molto contento che il gruppo se ne vada.
Intanto, benchè ci faccia molta attenzione, Vodan si rende conto di non riuscire più a incontrare il vagabondo che nei giorni precedenti aveva sempre ronzato intorno al gruppo.
"Magari è quello che si è accoltellato con Opi" ipotizza Kailah.
Il giorno seguente, 16 febbraio, i nostri tornano dal Caporale Jacob. Lui non c'è, ma ha lasciato un lasciapassare con l'autorizzazione per arrivare a Uryen. Il lasciapassare è strettamente vincolato ad una carovana, identificata da un codice. Il permesso è valido quindi soltanto insieme alla carovana, per il tragitto prefissato.
Chiedendo dove incontrare la carovana in partenza, i nostri vengono indirizzati prima al Nido dei Cinghiali, per chiedere di un certo Spinone, e da lì al Sobborgo di Levante, in uno spiazzo periferico dove vengono allestite le carovane in partenza.

La carovana di Spinone

Senza perdere tempo, i nostri raggiungono la zona indicata. Le attività fervono intorno ad una grande carovana in allestimento. Almeno 4 carri invernali coperti da telo, soldati, tende, carichi piuttosto preziosi (a quanto pare anche armi, scudi, armature), che vengono diligentemente inventariati.
Sven chiede di Spinone, e gli viene indicato un uomo sui 40-50 anni, ben piantato, che si muove intorno alle merci dando ordini a tutti.
Le presentazioni sono veloci, Spinone sente il nome del Caporale Jacob e riflette qualche momento sul dafarsi.
"Io ho già i miei uomini di scorta" dice Spinone, "dove vi metto? Mmm... ci sono due possibilità. O ci seguite pagando il biglietto, se vi va potete accompagnarci e vi faccio pagare qualcosa per il disturbo e in cambio vi posso garantire che ci arriverete. Ma vi servirà comunque un lasciapassare. Ce lo avete?"
"Sì"
Spinone lo vede sfogliandolo e resta stupito. "Guarda qua?" e chiama Ginger, la sua assistente. "Questi ce l'hanno prorpio assegnati", osserva ridacchiando.
"Quindi non dobbiamo pagare?" chiede Sven.
"Opzione unica allora, ci fate da aiutanti... come soldati capirete preferisco incaricare i miei, ma ci fa comodo un aiuto a gestire i nostri carichi. Abbiamo dei beni di pregio che potrebbero beneficiare della vostra presenza"
"Questo va bene, ma non è la stessa cosa?" chiede Sven.
"No, nel senso che i miei soldati si occuperanno della difesa del campo, turni di guardia e così via. Voi invece diciamo che intratterrete i beni di pregio, e farete in modo che abbiamo ciò di cui hanno bisogno, gli terrete compagnia. Venite, ve li presento"

I beni di pregio

Si va verso una delle tende, e ci sono una decina di persone di varia età, tra cui parecchi ragazzini, seduti intorno con dei piatti e dell'acqua, vestiti da straccioni.
"Ecco qua, questo è il carico che verrà con noi a Uryen, nella speranza di poterci ricavare qualcosa. Molti di questi ... bo, vedremo, ma non posso permettermi di lasciarli qua, quindi verranno con noi. Voi potreste aiutarci a far sì che arrivino tutti sani e salvi a Uryen, in particolare questi due (e indica due leggermente meglio piazzati) che si stanno lamentando che hanno un grande raffreddore, ma detto tra noi se lo sono inventato perchè non vogliono venire. Quindi fammi sapere se è vero che stanno male."
"Cosa sono questi, schiavi?" chiede Colin.
"Eh... e secondo te? Certo, persone che hanno un debito da ripagare" dice Spinone.
"Ma anche i ragazzini? chiede Kailah.
"I ragazzini non so a chi mollarli... "
"Sono coi genitori?"
"Diciamo di sì, quelli che ce l'hanno ancora..."
Ed ecco la composizione dei "beni di pregio" di Spinone:
  • Famiglia di tre persone: madre, figlia adolescente e figlio dodicenne
  • Due ragazze, forse sorelle
  • Tre bambini da soli
  • Due uomini che starnnutiscono, uno dei due ha evidentemente la febbre
  • Un uomo ben piazzato, che sta sulle sue
"Dobbiamo per forza andare per aiutare questi poverini" commenta Kailah, impietosita.
Spinone esce dicendo che tra poco arriva il pranzo.
Uno dei bambini dice "Evvai"
"E' buono sto pranzo?" chiede Colin.
"Dipende da cosa hanno lasciato loro" spiega il ragazzino più grande, soddisfatto.
Colin va a vedere gli ammalati. Uno dei due fa un po' scena, l'altro ha davvero la febbre: uno si chiama Pepe, l'più grave è Gima. Gima ha la febbre ma non è ancora troppo grave, solo che non sembra in condizioni di sostenere un viaggio. E' comunque tutta gente fragile e denutrita.
Pepe è un gran chiacchierone e racconta di Spinone, che è un ex capitano di ventura ai tempi della guerra delle lande caduto in disgrazia negli ultimi anni. Engelhaft l'ha sentito nominare, vagamente, come un mercenario.
Pepe continua a raccontare: Spinone sta sempre dalla parte del vincitore nelle guerre, ha la fama di essere un po' un opportunista. Comunque è un bravo combattente, uno in gamba, ma è bravo a sapersi collocare nel posto giusto al momento giusto. Gli piace molto costruire la sua fama di bravo combattente. Adesso gli sono rimasti una decina scarsa di uomini, che saliranno a Uryen, a lui molto fedeli.
"Il suo soprannome spinone è dovuto alla sua armatura con le punte, alla mazza chiodata con le spine, e spine anche sullo scudo. E' noto come cavaliere di spine, anche se tecnicamente non dovrebbe essere cavaliere".
"Voi che ci fate nelle mani di Spinone?"
"Noi avevamo una specie di locanda, un posto dove si mangiava e dormiva, e la cosa ci è un po' sfuggita di mano e abbiamo avuto problemi con le guardie di permessi, licenze e così via, e questa cosa ci ha ricoperto di debiti, non puoi capire, e a un certo punto i debiti sono passati di mano in mano fino a che Spinone non se li è comprati. Spinone ci vorrebbe far arruolare a Uryen"
"Quindi vi ha acquistati e conta di vendervi a Uryen come soldati"
"Alcuni come soldati, come ser Doran (il tizio di spalle). Lui sicuramente come soldato. Poi forse noi soldati, oppure a Lagos per le miniere..."
"Quindi adesso più che un combattente è un mercante di schiavi" dice Colin.
"Fa quel che gli fa guadagnare di più" dice Pepe.
Kailah si informa dei ragazzini, cosa ci voglia fare.
"Secondo me li vuole vendere a delle persone che vogliono avere dei figli, o che li hanno persi... per farli felici"
"Ah beh, niente male" dice Kailah. "E le ragazze?"
"Ha sentito parlare del porto e un mercato fiorente... su quello temo non ci siano dubbi, e penso che le ragazze, che sono diverse, sia la sua principale fonte attesa di reddito. Credo che conosca il gestore di quel bordello".
"Varkman, Hador Varkman" aggiunge Gima.
La madre con figlia e figlioletto più piccolo hanno perso il marito per mano dei Kraighar, racconta sempre Pepe. Lei ha chiesto di non essere separata dai bambnini. SI chiama Greta.
Kailah dice a Engelhaft che bisognerà trovare il modo per aiutare quelle persone. Gima prende per il braccio Engelhaft. "Sai che proposta gli fa a Greta? Se lasci tua figlia al bordello, tu e tuo figlio siete liberi"
SI chiacchiera un po' e poi arriva il rancio, portato dal tizio che stava insieme a Ginger. Ha un bel pentolone e ciascuno porta il suo piattino e se lo fa riempire.
Kailah sente una presenza magica quando lo sconosciuto le passa vicino. Evidentemente anche lui la percepisce, si scambiano uno sguardo di riconoscimento reciproco.
"Come ti chiami?"
"Io sono Belfry. Ti va di riempire le ciotole?" E dice tutti i nomi di tutti:
  • Greta, Elaine e Samon sono la famigliola
  • Alma e Cadence le due sorelle
  • David (Lord David), Miki e Rand sono i tre ragazzini, vengono da Nuova Lagos
  • Pepe e Gima sono i "ristoratori"
  • Doran è il solitario, un guerriero con cicatrice in faccia e sguardo truce

La zuppa è molto annacquata, un brodo di carne con carote maltagliate. Da bravo medico, Colin si preoccupa del fatto che una simile alimentazione non sia sufficiente a sostentare quelle povere persone in un lungo viaggio sotto il freddo: alcuni potrebbero avere a morirne. Si confronta coi compagni sulle possibilità di chiedere cibo migliore per i prigionieri, o di poter aiutare nella preparazione dei pasti in modo da renderli più nutrienti.
Colin va da Spinone e chiede di poter gestire meglio i pasti. "La mia opinione è che debbano avere una dieta migliore"
"Noi gli diamo più o meno quello che ci mangiamo noi, anche se non sempre avanza qualcosa... ma se hai idee per utilizzare al meglio gli ingredienti, ti faccio parlare col ciablellano responsabile della nostra mensa, che è Hyatt, che è pure mezzo speziale conciaossa. Detto tra noi io ci avevo provato a far cucinare i cuochi, ma non è che sono molto bravi... "
"Un'altra cosa, io ho acquistato del materiale utile a curare, per le persone del mio gruppo. Quel che ho a disposizione è per 3-4 malati..."
"Ti ringrazio per quello che potrai fare, l'ho capito subito che sei una persna generosa..."
"Voglio sapere se vi interessa sapere se avete medicamenti per voi o no... e se non ci ammaliamo li usiamo per la merce di pregio. Il gruppo è un gradino sopra al pregio"
"Se mi serve qualcosa per curarli vengo a chiedere a te"
Colin va a parlare con Hyatt.
E' un tizio coi capelli molto corti. "Non ti ci affezionare troppo al materiale di pregio" dice a Colin, che racconta le idee per migliorare il rancio. "Vuoi cucinare te per loro? Sei il benvenuto. Io preparo da mangiare, con quello che ci possiamo permettere..." fa veere le provviste. "L'idea era di fermarci a Dossler... ma ora abbiamo saputo la cosa di Dossler... solo che a Uryen tutta una tirata non ce la facciamo, siamo tanti... è la metà di quello che serve"
"E sarete voi fondamentalmente a togliere da mangiare alla merce di pregio, perchè non vi portate le vostre razioni"
Colin si informa su chi fa gli acquisti. "Cadmor, ma non caccia soldi se non dice ok Belfry"

Voci da Dossler

"E a Dossler? Che è successo?" domanda Colin.
"Non hai sentito? C'è un assedio, è partito l'assedio, sono finite le trattative. Il Duca di Surok sta assediando la Sorella Custode."
"Capito, e per quanto può reggere?"
"Ho visto troppe catapulte per dirti una cifra più grossa di un paio di settimane"
"Interessante, allora vado a vedere se si può far comprare un altro paio di carote"
Colin racconta ai compagni.
"Ci conviene comprare le nostre razioni" suggerisce Colin. Kailah è d'accordo e suggerisce di andare a comprare provviste abbondanti anche da poterne un po' spartire con gli schiavi.
Bohemond è d'accordo.
"Non lo so, questi comunque sono merce con cui questo ci fa i soldi... per me va bene ma cercherei più possibile di ottenere qualcosa da Spinone..." dice Colin, che intende contrattare con Spinone per far aumentare le provviste, e le razioni che verranno date agli schiavi. Intanto Kailah suggerisce di fare scorta di provviste, sia per loro che da condividere, senza dirlo a Spinone, con i poveri prigionieri.

Spesa al mercato e chiacchiere tra uomini di chiesa

Colin, Sven e Kailah vanno a fare un'abbondante spesa alimentare, e si aggregano anche gli altri. Il posto più adatto è il mercato cittadino.
Engelhaft va a ritirare anche il bastone riparato dal fabbro: sarà pronto l'indomani al mattino presto, in tempo per la partenza.
Con sorpresa i nostri, arrivati al mercato, scoprono che i generi alimentari scarseggiano: chiedendo informazioni, il padrone di una delle bancarelle spiega che le scorte di cibo sono state vendute a basso prezzo, per foraggiare l'esercito di Surok che era andato a combattere a Dossler.
Engelhaft fa un po' di domande, e apprende che l'esercito era composto da vari squadroni, con armi da assedio, capitanato da un Tenente.
"Caro il mio Bo, qua, siccome già altre volte ci siamo trovati in situazioni simili, si richiederà a me e a te una notevole dose di discernimento" dice Engelhaft al suo amico Paladino. "A partire dal dover avere a che fare con Hador Varkman... ci troveremo a combattere contro l'autorità costituita a fianco di alcune schegge impazzite anche dellla Chiesa. Perchè abbiamo avuto notizia che c'è Lady Yara, dei Paladini... probabilmente anche la Sorella Custode di Dossler, che probabilmente è il motivo per cui stanno attaccando Dossler. Noi ci troveremo in grosse difficoltà..."
"Non ho seguito molto l'agone politico locale, ma la mia impressione è che la Sorella Custode approfittava di benefici che esorbitavano dalla normale potestà di un feudatario del Duca... e a un certo punto qualcuno ha detto no, adesso ci riprendiamo tutto..." risponde Bohemond. "Per quel che posso immaginare, oltre confine forse potremo dare una mano ai congiurati, in qualche modo"
"Eh, Bohemond... se guardiamo alla lettera il dettato di Dytros non ci siamo. Ma noi non dobbiamo guardare alla lettera, dobbiamo guardare allo spirito della norma. Sei d'accordo?"
"Ti chiarisco subito questo dubbio. Non riesci a capire quando un'azione sia coerente coi miei giuramenti e quando no. Provo a spiegartelo. Yara è una consorella, più di una consorella, ha una responsabilità anche gerarchicamente superiore alla mia, quindi qualunque azione suggerita da Yara, nei limiti della dottrina della Luce, per me vale più della legge del Granduca".
"Qualora Yara morisse, malauguratamente, tu in che posizione ti troveresti?"
"Io so esattamente cosa vorrebbe che io facessi. Questo, che sia viva o morta, poco cambia" risponde Bohemond.
"Sono pienamente d'accordo con te" dice Engelhaft. "Ma tieni presente che ci sono due Duchi che hanno posizioni diverse dalle nostre. E le possibilità che la Chiesa ci aiuti sono poche, dovremmo stare più possibile nascoste... ma Lady Yara sta cavalcando un Drago nei cieli del Corno del Tramonto. E' bene esserne consapevoli"
Nel frattempo si prosegue la ricerca di generi alimentari, tra botteghe e locande. Purtroppo non c'è modo di racimolare abbastanza provviste, alcuni brutti ceffi se ne approfittano, viene suggerito il contatto di un certo Brett, che vive al Fronte del Porto, che pare che abbia vivande. La parola d'ordine per avvicinarlo è "panzavota".
Kailah propone di chiedere al Caporale Jacob se sia disposto a mettere a disposizione del gruppo un po' di provviste. Ma la sua risposta è negativa, anche all'esercito le vettovaglie sono scarse.
Colin propone di provare al Pesce Lupo, dove magari non sono arrivati i predatori.

Spedizione al Pesce Lupo

Il 17 febbraio il gruppo si mette in viaggio per andare alla locanda "Il Pesce Lupo", che è parecchio distante da Feidelm, al Muraglione Antico. La giornata è fredda ma non nevica.
Il gruppo non trova Skrell ma la moglie Mariatta, alla quale viene chiesto un po' di provviste. Lei fornisce quello che può, sia pure a prezzo un po' elevato.
Il gruppo resta a pranzo qui, un ultimo pranzo come si deve prima del lungo viaggio. Finalmente torna Skrell con un carro carico di sacchi di vettovaglie.
Skrell chiede una mano a portare dentro le provviste, e intanto si parla di affari.
"Mi ha detto mia moglie che volete partire. E' un pessimo periodo per viaggiare, sia per il freddo, sia per la carenza di vivande, sia per la guerra verso Dossler..."
"Volevamo portare qualcosa, nulla di raffinato ma generi che deperiscono poco e che sfamano tanto"
"Conoscete il rafano? C'è un contadino che aveva roba veramente brutta, che non ho acquistato, roba che ha un saporaccio. Dovreste andare lì perchè glie ne sono rimaste parecchie: rafano, orticola... ha un po' di rape... lì potreste trovare abbastanza per fare abbondanti zuppe".
Colin ha il timore che possa essere roba dell'anno prima, per ragioni di maturazione, però sono prodotti che restano commestibili a lungo.
"E' roba commestibile, ma certo non così buona" risopnde Skrell, che dà un po' di consigli su come utilizzare tutti gli ingredienti disponibili. "Devi andare avanti a zuppe... ma per le zuppe vanno bene, e sono brodi che fanno anche bene alla salute".
Il gruppo va dal contadino indicato da Skrell, il quale vende tutto quel che gli era rimasto: un'abbondante fornitura di tuberi vecchiotti ma passabili.
Il gruppo, soddisfatto, torna a Feidelm.

Le salsicce del Salsicciaro

E' il 18 febbraio. Il mattino il gruppo si deve presentare da Spinone per avere notizie sulla partenza. Viene così a sapere che si partirà l'indomani, salvo contrattempi.
Ultimo giorno di provviste, il gruppo pensa di chiedere sia a Disko Troop che al Salsicciaro, e anche dal losco Brett.
Il Salsicciaro accoglie un po' preoccupato il gruppo. "Cerchiamo cibo", dice Colin. "Sto cercando salsicce".
"Io ho capito, mi volete fregare, dite che volete le salsicce, entrate e poi mi fate domande per le vostre cose"
"No, la buona notizia è che ce ne andiamo, e abbiamo bisogno di provviste per un viaggio"
"Dai, parla fuori dalla metafora. Che sono queste provviste, informazioni, uomini, prigionieri..."
"Fammi vedere i soldi e vediamo quanto costa. Non ti faccio entrare, te le passo dalla fessura della porta." Ha una catenella alla porta, forse aggiunta dopo la preceednte irruzione del gruppo.
Sven mostra un po' di soldi.
"Perchè non lo picchiamo e gli rubiamo tutte le salsicce?" sussurra Engelhaft.
La trattativa è molto cauta, il Salsicciaro è sospettoso, alla fine fa entrare solo Colin.
Colin esamina le salsicce, il problema è che sono fresche... e costosissime. Va Sven a trattare per l'acquisto.
"Io sono la cassa, quindi devi trattare con me" dice Sven.
Alla fine si accordano per 1 corona d'oro e 4 d'argento.
"Io ti do due pezzi d'argento a botta, e tu dividi la striscia di salsicce... in sette pezzi. Facciamo un po' alla volta.
Alla fine vengono acquistate, è un bel tesoretto che se ne va in vettovaglie. E una bocciona di vino insaporitore in omaggio.
Disko Troop non è reperibile e il gruppo evita di andare da Brett.

La partenza

E' il mattino del 19 febbraio quando finalmente la carovana di Spinone si mette in viaggio verso Nord.
Il "carico di pregio" occupa due carri dei quattro in totale. I nostri staranno sui loro stessi carri.
Belfri delega al gruppo la cura dei prigionieri. "Assicuratevi che tutti mangino e che non si ammalino. Provvedete alle loro esigenze, anche le più fisiche, e poi magari fateci un po' di conversazione, tenete il loro morale alto".
"Ok"
"L'unico prigioniero che potrebbe dare problemi è Doran. E' un avanzo di galera, disertore e fuggiasco. Pare che nella fuga abbia ferito gravemente una guardia che lo sorvegliava, rubandogli l'identità e l'equipaggiamento. Poi la guardia, sopravvissuta miracolosamente, l'ha denunciato ed è stato catturato a Feidelm. Spinone ci ha parlato, l'ha convinto e lo vuole portare su. Ma visto che parliamo di una persona che uccise quasi il suo carceriere nell'ultimo viaggio in carovana che ha fatto... è giusto che te lo dica. Valutate voi se tenerlo legato o libero come adesso. Ovviamente non dategli armi per nessun motivo."
La strada verso nord è inospitale, e il clima è glaciale. L'avanzata è faticosa e i nostri ingannano il tempo chiacchierando, per quanto possibile, coi prigionieri.
Il bambino che si fa chiamare "Lord" David è come se si facesse chiamare Lord David ispirandosi al giovane Raleigh. Lui e i due amici sono orfanelli, non parenti. David cerca una "Lady Yara", per giocare, ma non trova nessuno. Kailah gli fa un po' di domande sul vero Lord David, se lo conosce. Lui ne è molto appassionato e racconta un po' di mitologie sul suo conto.
Il ragazzino sa anche che il giovane Lord David è promesso sposo alla figlia di Acab: è piuttosto informato.
Quando Kailah gli racconta di averlo conosciuto, lui si entusiasma tantissimo.
Pepe e Gim sopportano la deportazione pazientemente. Le sorelle sono invece molto preoccupate e pessimiste. La famiglia di tre persone stanno per conto loro, piuttosto ritirate. La madre tiene i figli più in disparte possibile, anche se il ragazzino chiaramente si annoia. Allora Kailah, maldestramente (3-3-3), insiste con la mamma perchè consenta a entrambi i figli, il piccolo e la grande, a giocare insieme ai tre orfanelli, facendoli appassionare alla vicenda dei Reileigh. I due si divertono ma la madre si arrabbia, li rimprovera aspramente e vieta loro di continuare.
Partendo presto la mattina, la destinazione è Weizenfeld, il centro abitato più vicino.
Scende la sera e il gruppo arriva ben dopo il tramonto alla locanda "Il ghigno in faccia". L'atmosfera è abbastanza cupa, non c'è quasi nessuno.
Spinone interagisce con il piantone della locanda. Viene allestito un tendone per i carri e la carovana.
A parte i prigionieri e il gruppo, e alcuni degli uomini di Spinone che fanno turni di guardia, gli altri (Spinone e i suoi) dormono in locanda.
La notte è fredda e spiacevolissima, ma passa senza eventi di rilievo.

Secondo giorno di viaggio


20 febbraio, si prosegue verso l'abitato in ricostruzione di Dieck, che è ancora molto malmesso dopo essere stato attaccato dai Kraighar. E' infatti piuttosto vicino al Cariceto di Amedran.
Anche questa notte è necessario dormire in varie strutture separate, il che allarma Spinone perchè rende difficoltosi i turni di guardia.
Col gruppo dei nostri e i prigionieri resta Taruck, Caporale. A quanto pare sono tutti Caporali tranne Belfri e Ginger, che sono Sergenti.
La seconda parte della notte c'è Merks.
Si dorme al chiuso.

Terzo giorno di viaggio

Il 21 febbraio ecco che si cominciano a intravedere le montagne di Dossler innevate sullo sfondo.
Si nota una presenza notevole di persone, militari, tende, stendardi, accampamenti sulle colline di Dossler.
Ci sono alcune macchine da assedio: è sotto attacco il Priorato, che è un castello fortificato e adatto per resistere a un assedio. Le forze assedianti sono comunque soverchianti.
Il villaggio è tenuto d'occhio dall'esercito nemico: i soldati sorvegliano la strada e il villaggio.
Davanti al villaggio c'è un altro contingente separato. Una pattuglia blocca la carovana per controllarla.
Sono dodici cavalieri ben armati e armaturati. Hanno lo stendardo della Contea di Ostfold.
Vanno a parlare con i cavalieri Spinone e un gruppo dei suoi. Discutono per una ventina di minuti, sorgono probllemi.
Poi torna Spinone e manda Belfri a parlare col gruppo. "Come temevamo ci sarà da perdere un po' di tempo. Dobbiamo seguire questi gentili soldati al luogo dove passeremo la notte e forse anche domani. Per il momento la strada è chiusa. Abbiamo dichiarato quel che trasportiamo. Se avete qualcosa di illegale, il mio consiglio è di approfittare di questi ultimi metri per farlo cadere, perchè verrete rivoltati come dei calzini. Noi chiaramente abbiamo dichiarato che non ci fermiamo a Dossler e che vogliamo solo passare. Non hanno particolari problemi a farci passare, non hanno problemi verso Uryen, quindi prenderemo i primi che devono andare a Dossler e faremo la tappa con loro."

Cosa fare dell'Evocatio Demoniorum

Colin è incerto su cosa fare dell'Evocatio Demoniorum. Engelhaft ritiene che l'unico modo per far passare il testo è di dichiarare di essere un prete e di trasportarlo per ragioni di sicurezza. Engelhaft, Kailah e Bohemond sono del parere che sia meglio distruggerlo. Come fare? Non è semplicissimo, vengono fatte varie ipotesi e alla fine Kailah decide di utilizzare l'incantesimo Fiamma per bruciare il volume in modo rapido. Scende dal carro, si allontana di qualche passo e procede, nel giro di poco il libro è ridotto in cenere.
Torna al carro soddisfatta, ma Belfri le si avvicina. "Tutto ok?"
"Tutto ok, tutto ok. Hai detto di far sparire..."
"Brava, ottima idea" dice Belfri.
Le guardie svolgono una perquisizione del carico, ma sono poco interessati a Colin. Non trovano quello che temono di trovare, sembra che stiano cercando qualcosa di preciso, roba "grossa". Fanno un lavoro comunque abbastanza accurato.
Engelhaft viene riconosciuto in quanto sacerdote di Kayah. Lui riconosce di essere un Sacerdote.
"Sei mai stato al Priorato? Conosci la Sorella Custode?"
"Non l'ho mai incontrata"

Perquisizione e stazionamento nei pressi di Dossler

La carovana viene perquisita in maniera sommaria. Ciò nonostante i più attenti del gruppo notano un certo nervosismo tra i luogotenenti di Spinone. Ad un certo punto Belfri sembra consegnare un pacchettino con aria furtiva ad Alma, la maggiore delle due sorelle prigioniere.
La carovana viene fatta sostare in un campo di transito.
A sera il comandante in capo dell'assedio di Dossler, Samuel Manners, viene a far visita a Spinone, che conosceva da molti anni, anche se ai tempi forse tra i due non correva sangue ottimo. I nostri vengono avvisati di star buoni e non creare problemi, levando dalla vista troppe armi.
La visita del Tenente Comandante è meno problematica di quanto si temesse. Lui si dimostra interessato, cordiale, mangia qualcosa assieme a Spinone e, quando arriva un messo a chiedergli come posizionare il trabucco, se deve sparare sul maschio o sulle torri, Samuel Manners risponde di no, di mirare alle mura esterne e tenere basso. "Dobbiamo spaventarli, mica raderli al suolo".
Il mattino seguente, 22 febbraio, in effetti i nostri assistono al lancio del proiettile del trabucco, sparato da molto lontano: parte un solo colpo che non sembra far troppi danni.
La carovana si muove in mattinata, per stazionare una giornata nel campo di transito situato dove fino a poco tempo prima si trovava l'Ongel,kamp.
L'Ongelkamp sembra deserto, imbiancato di neve.
Kailah va a chiedere alle guardie dove siano finiti tutti gli occupanti dell'Ongelkamp.
"Ah solo gli dei lo sanno, quando siamo arrivati abbiamo trovato le baracche deserte. Conoscendo Dossler, molti li avranno accolti nel villaggio... e si sono fregati da soli, perchè avranno molte bocche da sfamare in più. Qualcuno lo abbiamo trovato morto nelle campagne"
"Sì, questi li riconosci dalla puzza dai vestiti..." dice un altro soldato.
Colin approfitta della giornata per prendersi cura dei prigionieri. Scambia due chiacchiere con Pepe, ancora piuttosto malconcio, e viene a sapere che non tutti i prigionieri ricevono gli stessi trattamenti: le belle ragazze ricevono medicine che agli altri sono negate. Pepe è indispettito per questi favoritismi e Colin concorda che le persone vadano tutte curate allo stesso modo.
Nel corso della giornata si inizia a diffondere la voce che sia in corso un incontro tra Manners e la Sorella Custode, o un suo inviato. Le prospettive sono buone, a quanto riferisce in serata Spinone: "Sembra che questo assedio durerà poco, probabilmente sono arrivati ad un accordo".

Scintilla di magia lungo la strada

Il giorno seguente, 23 febbraio, la carovana ha il permesso di proseguire verso nord nella campagna desolata e coperta di neve.
Ad un certo punto, nel tardo pomeriggio, Kailah avverte un'emissione di Potere Magico, probabilmente proveniente dalla direzione dell'Heirlig, ad Ovest. Poco dopo la carovana si ferma.
I nostri vedono Belfri che parlotta con Spinone in privato, dopodichè Kailah scambia due parole con lo stregone, il quale minimizza.
"Penso che faremo una piccola deviazione, ma non devi preoccuparti, niente di grave".
Effettivamente nel giro di poco la carovana cambia direzione, fino a fermarsi, dopo qualche chilometro, in prossimità di un boschetto. Si stabilisce il campo per la notte.
Ginger affida ai nostri la sorveglianza del campo, insieme a 3 degli uomini di Spinone. Tutti gli altri si preparano ad allontanarsi in modo un po' sospetto verso la macchia di alberi.
"Ragazzi, questo è evidente" dice Bohemond ai compagni, una volta rimasti soli. "Ho soprasseduto sul fatto dei traffici strani... ma arriva un momento in cui diventa inevitabile cagare il cazzo. Vi segnalo questa opportunità di cagare il cazzo a questa gente, a caso, come nelle nostre migliori tradizioni"
"Sono d'accordo Bohemond" dice Kailah.
"L'idea di questo faro magico che attira le carovane di schiavisti... voglio capirci un po' di più", dice Bohemond.
E così, mentre Vodan distrae un po' i tre uomini di Spinone, Kailah e Bohemond vanno a spiare la comitiva diretta alla boscaglia. I nostri vanno senza armature, sperando di esser silenziosi, mentre il gruppo di Spinone si arma e si prepara militarmente.
Dopo un po' Kailah percepisce che Belfri sta lanciando un incantesimo. Al limitare del bosco il gruppo di Spinone accende torce, avanzano in modo tattico, a rastrelliera. Poco dopo si odono rumori di uno scontro.
"Cazzo il sabba!" esclama Bohemond, "li troviamo a cavallo delle scope coi pentoloni..."
I due si affacciano a sbirciare nel boschetto ed assistono a una colluttazione: i sette del gruppo di Spinone stanno malmenando una quindicina di persone male in arnese. Non sembra che ci sia scappato il morto, ma comunque i poveracci vengono bastonati a dovere. Una volta tutti costretti alla resa, Spinone domanda a Belfri chi sia di loro.
I malcapitati sono tutti costretti a inginocchiarsi e Belfri li passa in rassegna uno ad uno, fino a indicare un uomo sui trent'anni coi capelli molto corti. Viene legato e imbavagliato. Gli altri vengono lasciati andare.
Kailah e Bohemond tornano velocemente al campo e poco dopo il gruppo di Spinone torna col prigioniero impacchettato, che viene caricato su un carro e non si vede più.

Alla Torre Undici

L'indomani, 24 febbraio, la carovana riparte tranquillamente. Non nevica ma chi se ne intende capisce che nel giro di qualche ora si scatenerà una tempesta.
La Torre Undici, che domina la strada tra Uryen e Dossler, è diroccata, ma ha un alloggiamento in legno per ospitare i viandanti. I nostri la raggiungono all'imbrunire, quando inizia a nevicare sempre più forte.
Sulla torre sventola lo stemma di Uryen ma, con grande sorpresa della carovana, la bandiera viene ammainata e si scorge un gruppetto di persone che se ne vanno, a cavallo, verso Nord, sfidando la tempesta imminente.
I nostri, stupiti, godono comunque della struttura deserta, riparandosi dalla notte gelida.

Alla Torre Quattro

Giornata di viaggio successiva, 25 febbraio. Nevica ancora ma non più in modo così violento.
La Torre Quattro è molto vicina a Uryen, i nostri la raggiungono nel tardo pomeriggio. Vengono intercettati da un manipolo di una dozzina di soldati del Burgraviato lungo la strada.
Dopo un breve conciliabolo, Spinone riferisce che la carovana sarà scortata dai soldati alla Rocca di Tramontana l'indomani.
Del manipolo di 12 soldati, i nostri non ne riconoscono nessuno: sono molto giovani, comandati da un Caporale. Sono ligi al dovere, seri, professionali.
La notte passa tranquilla alla Torre Quattro.

Arrivo ad Uryen

Il 26 febbraio la carovana raggiunge la Rocca di Tramontana, che è in parte nascosta da impalcature di un cantiere.
E' il momento di salutare Spinone, che manifesta l'intenzione di recarsi al Porto di Uryen. Saluti, ringraziamenti reciprochi, e la carovana si allontana in un clima di eccitazione generale.
Arrivati alla Rocca, il primo che si para davanti ai nostri è lo zio di Gannor. Parla tra i denti, in modo da non attirare attenzioni indesiderate, ma lascia intendere di non essere molto contento dei cambiamenti in atto.
Spiega che sono in corso lavori per modificare sia la disposizione degli interni, sia anche alcune modifiche esterne: vengono utilizzati materiali che prima erano impiegati nel cantiere della Chiesa, che è stato un po' accantonato. "A quanto pare è stato deciso che questo lavoro è più importante..." commenta.
Bohemond chiede notizie di cosa stia accadento oltre il Traunne.
"C'è una guerra che in teoria non doveva continuare, ma che sta continuando" dice lo zio di Gannor. E racconta dell'assalto fino all'impresa gloriosa di riconquista della Sacra, con l'eroico sacrificio del Tenente Ramsey che ha portato nella tomba con sè questo terribile e mostruoso "Custode", scomparso il quale la Sacra è stata riconquistata. "Sono morte molte persone... sarà difficile tenerla..." racconta con ammirazione, "c'è grande attesa per il ritorno dei corpi di alcune persone importanti."
Dice vari nomi di morti, tra cui Brian, che pure ha avuto un ruolo importante nella riconquista. Dalla voce dell'anziano stalliere il racconto si svolge coinvolgente e glorioso.
"Ad Angvard sapranno molto... ma noi la parola Angvard non la possiamo manco pronunciare, sennò si finisce in galera. Occhio a quel che direte a Gadman Sherer, non fate i partigiani."

Rapporto a Gadman Sherer

Ed ecco che è il momento di fare rapporto a Gadman Sherer.
I nostri entrano nella Rocca, dove invece del Sergente Rudd incontrano un neonominato Sergente, Tom Weiss. Ci sono trasformazioni visibili: porte rinforzate che dividono le varie ali della fortezza.
"Da che missione tornate?", domanda Tom Weiss.
"Feidelm" dice Bohemond.
"Aspettate un attimo qui." Prende un librone e annuisce, guardando un po' a caso. "Perfetto, immagino che vorrete conferire con il Tenente Comandante"
E accompagna il gruppo. "Come vedete ci stiamo un po' riorganizzando... abbiamo avuto purtroppo questo importante fenomeno di diserzione, un'onta non da poco che adesso il Comandante sta cercando di riparare, perchè sono state compromesse relazioni con altri feudi, conseguenze anche molto gravi.. anche se non siamo stati sfortunati come il Priorato di Dossler..."
"Ma perchè il Priorato di Dossler è stato attaccato?" chiede Kailah.
"Perchè a differenza di noi, che ci siamo collocati subito in modalità cooperativa di chi ci ha inviato la richiesta, a parte la sfortunata diserzione, il Priorato di Dossler ha ignorato la richiesta e ha continuato a inviare truppe e rifornimenti. So che era stato intimato di interrompere una linea di rifornimenti dal Ponte di Dalian...ma so che adesso sono addivenuti a conclusioni più miti... ci saranno subito delle conseguenze, bisogna essere chiari a scegliere da che parte stare."
Dopo una breve anticamera sulle sedioline un tempo protagoniste di una ben più interminabile attesa, il gruppo vede che esce dalla stanza che un tempo fu di Barun nientemeno che Robyn Macht, senza abiti religiosi, che rivolge un saluto frettoloso e quasi imbarazzato ai nostri e fa per andarsene.
Engelhaft non glie lo permette, fermandola con grande cordialità ma anche un po' di atteggiamento indagatore.
"E' un piacere rivedervi, come state? Io sono appena tornato, mi dovete raccontare tante cose"
"Molte cose sono state fatte, e molte da fare. Ma porto buone notizie, la... la tenuta sia della Chiesa che in generale delle Istituzioni è sopravvissuta agli sconvolgimenti politici che ci sono stati, dobbiamo ricucire molti strappi"
"Padre Valon sta bene?" chiede Engelhaft.
"Non si trova a Uryen in questo momento e Padre Alyster è con lui" dice lei.
"E quindi voi siete l'unica rimasta? Posso poi venirvi a trovare in Chiesa? Devo fare una preghiera, ho saputo che il nostro caro amico, del nostro clero, è venuto meno... e..."
"In questo momento sto soggiornando anche io alla Rocca di Tramontana." Lei sembra in difficoltà, "potete venire a trovarmi nei miei alloggi"
Una volta che Robyn Macht riesce a svicolare dalla conversazione con Engelhaft, i nostri sono accolti nella stanza dove sono scomparse le armi di Barun.
Gadman Sherer subito accoglie cordialmente il gruppo, tra mille sorrisi.
"Com'è Feidelm? Come l'avete trovata?"
"Eh, ha degli aspetti molto positivi..." dice Engelhaft.
"Bella città, ci ho vissuto un paio d'anni... ho molte conoscenze" dice Sherer. Fa un po' di domande amichevoli. E' di buon umore.
I nostri rispondono, raccontano un po' di novità, soddisfano le curiosità del comandante. Si intuisce che ha una posizione di equilibrio tra diverse fazioni a Feidelm, tra Seebans, vecchie nobiltà etc. Lui vorrebbe una rappacificazione generale.
"Non dubito che avrete sentito l'impresa eroica dei nostri ragazzi al di là del Traunne e il mirabile conseguimento di mirabili risultati al confine di Ghaan..." commenta.
"L'abbiamo appreso poco fa, in realtà. A Feidelm non ne era giunta notizia"
Sherer si mostra stupito nell'apprenderlo. Poi si fa serio.
"Comunque non dobbiamo dimenticare che è un'operazione in aperto contrasto con..." e mostra il plico del messo con l'ordine di pace.
"E' importante che gli diate un'occhiata, perchè magari uno pensa che il comandante abbia un margine di discrezionalità... e beh su quel foglio c'è scritto a chiare lettere che non è così, abbiamo una sola strada di fronte a noi che ci è stato detto di seguire... e non posso esimermi... visto che voi appartenevate a un plotone che aveva rapporti con molte persone che hanno disertato... l'esercito sta attraversando una fase di trasformazione e ci andremo ad occupare di cose molto diverse, ci sarà da ricucire e attendere tempi migliori, perchè tutto quel che siete stati mandati a fare fino a oggi sarà sempre meno di nostra competenza, ma competenza di un potere più forte, da Leisburg, che conosce bene la situazione... si occuperanno loro del problema... e ci toglieranno quest apiaga dei morti che camminano entro... la fine di quest'anno. Ho avuto importanti rassicurazioni che il Duca si muoverà in prima persona.Stiamo parlando del Duca Bianco. Voi siete interessati a far parte dell'esercito? Io non ho nulla in contrario, ci saranno anche delle promozioni a breve, io voglio riconoscere il buon lavoro di chi resterà con noi in questo difficile periodo, ma... visto che siete già da diversi anni, se volete affrancarvi dai vostri doveri di soldati e interrompere l'esperienza militare, questo è senza dubbio il momento di farlo, perchè io posso accettare questo tipo di richiesta. Vi chiedo di pensarci. Nel caso in cui voi abbiate altri programmi che potrebbero risultare incompatibili con l'esercito di Uryen è il caso di prendere in considerazione questa possibilità."
Non vuole una risposta subito. "Ci rivediamo tra un paio di giorni, parlatene coi soldati.. pensateci bene. La Rocca è a vostra disposizione, avete 3 giorni di licenza per riprendervi dal viaggio. Poi tornate a trovarmi e ne parliamo".
Kailah chiede notizie dei prigionieri che dovevano essere liberati, tra cui Rock. Ma Gadman Sherer dice che è tutto segreto quel che è successo. "Se decidete di restare nell'Esercito, sarò ben lieto di aggiornarti sugli sviluppi delle nostre unità che non sono rientrate. Sono attive una serie di pratiche per recuperare tutti i nostri prigionieri. Ma queste pratiche sono in gran parte ferme perchè l'interlocutore sa che una parte nutrita delle nostre forze sono ancora in combattimento con lui. Le trattative non sono morte, ma potranno continuare solo quando si riuscirà a dimostrare che Uryen ha una posizione unitaria sulla fine delle ostilità".
Saluti, i nostri escono dalla stanza e incrociano sulle scale Tom Weiss, con accanto Vian Yor, che rivolge un'occhiata eloquente a Kailah. Nei suoi occhi si legge: "dobbiamo parlare con urgenza" e "non ho buone notizie".

Chiacchiere tra soldatesse

La nuova camerata delle soldatesse della Rocca di Tramontana è molto più piccola di quella di un tempo, ospita solo una dozzina di letti, tutti liberi tranne quello di Yor.
Tom Weiss spiega a Kailah che tutta l'ala della Rocca è stata riprogettata, per permmettere "un allargamento degli ambienti di studio, una specie di gabinetto di studio dove sono condotti esperimenti interessanti che hanno bisogno di spazio"
"Di che si tratta?" chiede Kailah.
"E' una cosa grossa, porterà molto lustro al nostro feudo" spiega Tom Weiss, lasciando intendere di non essere autorizzato a rivelare informazioni riservate.
Rimasta sola, Kailah sistema le sue cose nella camerata e poco dopo viene raggiunta dall'amica Vian, che ha l'espressione molto preoccupata.
"Qui la situazione è peggiorata... l'esercito è ridotto, le cose da fare sono tante... abbiamo perso molti ufficiali..."
Vian fa un quadro da cui traspare un problema di organizzazione dei soldati: ne sono arrivati molti, nuovi e fedeli a Gadman Sherer, che lavorano per di più alla Rocca, nel laboratorio. Gli altri sono esclusi da queste attività e impegnati fuori, nelle torri.
Vian esita, poi svela a Kailah le ragioni della sua ansia.
"Io non... io non mi sento molto a mio agio a dormire qua, te ne accorgerai anche stanotte stessa... Di notte si sentono delle urla provenire da quest'ala. Urla umane. A noi ci dicono di non preoccuparci... però io.... sono l'unica donna... pensano di aver costruito muri più spessi, ma io sento abbastanza queste urla. Da sotto non si sente nulla..."
Mostra un punto del corridoio dove si sente parecchio.
"Le urla vengono dal piano di sotto e si sviluppano verso l'alto, come se avessero tolto il pavimento".
"Che genere di urla? Urla maschili, femminili..." chiede Kailah.
"Sono acute, persone giovani secondo me".
"Nella rocca ha cominciato a girare gente che non c'entra con l'esercito, anche alcuni provenienti da Greyhaven, ma non i soldati dello squadrone Wachter, che stanno tutti ad Angvard. E' gente che ha accesso al "laboratorio", che ha un'entrata indipendente, sempre aperta anche di notte. E non collegata con l'interno della Rocca".

Al porto di Uryen

Riunitasi coi compagni, Kailah riferisce quanto appreso da Vian.
"Andiamo al Porto, facciamoci spiegare da Varkman cosa sta succedendo", propone Bohemond.
La comitiva si muove di buon passo, per non rischiare di tardare al coprifuoco delle 9 di sera. Non c'è nessuno sulla via verso il Porto, l'atmosfera è ancora più spettrale del solito.
Arrivati nella zona degli impiccati, che stanno ancora lì appesi, Engelhaft nota un cartello, che spicca tra gli alberi, con su scritto VICTOR ELIGET. Il pensiero gli corre alla traduzione/decrittazione della lettera, mandata da Barun e traslata da Proutzo, che rimetteva in parole comprensibili il diario cifrato di viaggio di John Titor. Lo fa notare ai compagni, che si sorprendono e fanno qualche ipotesi al riguardo.

Le Case della Gioia

Alle Case della Gioia non c'è anima viva. I nostri percorrono la stradina tra gli edifici, fino a quando una figura furtiva si affaccia e, riconosciuti i nostri, li fa entrare. Si tratta di una delle sirene, Zyra. Armata, molto circospetta, guida i nostri tra le stanze labirintiche, fino a un locale in cui, seduta a un tavolo, si trova Laara, un'altra sirena.
"Come potete vedere Kailna non è qui, siamo rimaste noi a tenere aperta la baracca. Solo che ci sono vari problemi, abbiamo perso la nostra protezione e quindi dobbiamo stare molto attente perchè siamo in balia dei capricci dei nostri visitatori"
"Ma Varkman? chiede Bohemond.
"Varkman è praticamente ricercato e quindi è stato costretto a cambiare aria per un po'. Noi dobbiamo resistere fino a quando potrà tornare"
"Beh considerando quel che è successo in città... che i tempi diventino maturi per il suo ritorno è una speranza forse malriposta" dice Bohemond.
"Ma non è detto che non riusciamo a trovare un altro protettore... mi sto occupando di questo" dice Zyra.
Colin chiede delle ragazze della carovana, ma lei non sa nulla. A quanto pare Spinone qui non c'è mai passato.
"Noi purtroppo non abbiamo più informazioni dalla Rocca perchè i soldati che sono rimasti, in cui riponiamo fiducia, non vengono più coinvolti nelle attività rilevanti."
"Visto lo stravolgimento della situazione, abbiamo difficoltà a orientarci. Dovremmo incontrarci urgentemente con Varkman o uno dei suoi" chiede Bohemond.
"Potete provare alla Capasanta" dice lei.
"E invece Kalina che fine ha fatto?"
"Kalina senza Varkman non è al sicuro qui."
"E Mira?" chiede Sven.
"Con Kalina. Dividerci è stato faticoso ma abbiamo preferito fare così".
Bohemond chiede informazioni a Laara sulla frase turniana: VICTOR ELIGET.
Lei è lusingata dalla domanda, fa un racconto preciso: a quanto ne sa quel cartello è stato affisso nella primavera del 515 da un magistrato che era venuto a svolgere un processo che coinvolgeva prigionieri di Elsenor e Nuova Lagos. il magistrato ha disposto per questi prigionieri una condanna esemplare, e ha affisso quel cartello simboleggiando che la sorte di questi prigionieri veniva decisa da chi aveva vinto il confronto: si trattava di pirati saccheggiatori, anche se c'erano testimonianze che non li descrivevano come aggressori ma persone venute a parlamentare, poi coinvolti in uno scontro armato.
Laara aggiunge: "forse mi sbaglio, ma tutte le sentenze emesse sono custodite in un'apposita ala della Rocca di Tramontana, magari lì potete leggere la sentenza completa: se siete ancora soldati probabilmente avete accesso".
Zyra interviene:"prima di chiudervi in biblioteca andatevi a fare una pinta alla Capasanta. Se incontrate dei soldati che non conoscete bene, dite che non avete incontrato nessuno qua, nessuno vi ha aperto".
Il gruppo saluta, ringrazia e va alla Capasanta.

La Capasanta

Fuori dalla Capasanta manca la consueta figura massiccia di Opi. La taverna è aperta, illuminata, ma fa un po' tristezza, non c'è quasi nessuno: solo un gruppetto di soldati nuovi ad uno dei tavoli.
Milo viene incontro al gruppo.
"Dovete bere o dovete mangiare?" domanda, non dando a vedere di aver riconosciuto i suoi vecchi amici.
"Entrambe le cose", risponde Sven.
I nostri aspettano che gli altri avventori si allontanino, poi Milo chiude la baracca.
"Così posso parlà bene con gli amici mia" e si siede. "E insomma? Venite da Feidelm perchè così o perchè Colà?
"Perchè Colà"
"Quindi sta bene il mio amato buttafuori... perchè dall'ultima lettera mi ero un po' preoccupato"
"Abbastanza, diciamo"
"Se vi porto dove vi devo portare non fate in tempo a tornare alle 9 stasera. Meglio se tornate domattina" dice Milo, ma subito ci ripensa. "No, meglio farlo adesso che non ci sta nessuno, vi accompagno poi deciderete voi".
Torna con bende nere e benda tutti, scusandosi. Quindi guida il gruppo in fila indiana attraverso un passaggio che conduce in basso, probabilmente verso il faro. Ci sono scale, serrature, qualcosa che scorre. Il percorso è lungo e tortuoso.
"Quando vi faccio uscire passerete da un lato più semplice", rassicura i nostri.

Incontro con Varkman

Finalmente i nostri si possono togliere la bendatura agli occhi, per ritrovarsi in un sotterraneo buio, maleodorante. Colin riconosce la tristemente nota puzza di cadaveri in decomposizione.
Lo dice a Milo. "Di là che c'è, la fossa comune?"
"Persone che non si so' fatte i cazzi loro, non fare il loro errore" dice Milo.
"Non è sanissimo tenersele in casa" dice Colin.
"Eh lo so lo so ma i compari di Ork smaltiscono lentamente le scorie. Poi glie lo faccio presente. Ma non è tanto facile. Quando nascondi dei morti e quei morti hanno la fratina dell'esercito del brugraviato in cui stai, diventa difficile disfarsene"
"Mi hanno detto che basta una decina di maiali"
"Ma i maiali non ce li abbiamo in questo momento" dice Milo.
Racconta che queste segrete sono antichissime e furono trovate sotto alla Torre Cinque mentre la stavano costruendo.
Ecco che si arriva ad una stanzetta con un tavolo, con sopra carteggi e mappe: Uryen, il Traune, le Torri.
"Adesso vado a chiamare un po' di gente che non vede l'ora di parlare con voi."
Arrivano Milo, Varkman, Kalina, Mira.
"Vi presento i TRADIZIONALISTI", dice Milo. "Volevo chiamarci i SOVVERSIVI ma uno dei nostri molto autorevole ci ha fatto capire che non era il caso."
"Dice un detto che il nemico del tuo nemico è un tuo amico, e questo è il principio che ci ha portato tutti dentro questa stanza" esordisce Varkman. "Non avete mai conosciuto la baronia di Treize: gli unici che la conoscono e non si trovano al di là del traunne sono presenti in queste segrete, seppure non a questo tavolo"
I nostri sono ansiosi di avere informazioni.
"Vi farò un quadro della situazione" spiega Varkman, "Gadman Sherer sta perparando la sua squadra personale di innalzati. E' entrato in contatto con uno di loro, Deren. Ha contatti con uno dei loschi individui della zona della Lega del Torto, che collaborano con Ghaan e stanno dietro le linee nemiche. Come vi ponete rispetto a questa informazione?"
"Che cazzo ci deve fare Gadman Sherer col suo personale esercito di innalzati? Credo niente di buono" commenta Bohemond.
"E' una fame che sta venendo a molti feudatari e che dobbiamo far passare a calci in bocca prima che sia troppo tardi, perchè quelle bestie senza testa e senza cuore non devono proliferare in questo modo"
Tutti annuiscono.
"Mi sembra inoppugnabile" dice Bohemond.
"Quanti ne ha?" chiede Colin
"Per ora penso nessuno, è un procedimento molto difficile che richiede ingredienti difficili e molta conoscenza. Ma ha gente che gli sta procurando informazioni e ingredienti"
"E' roba costosissima" dice Colin.
"Ma dietro ci sta il feudo, mica è da solo" dice Varkman.
"Dovrà anche importare garmanbozia in grande quantità" dice Colin.
"Ah ma sei un esperto"
Colin dice a Varkman il modo di addestrare gli innalzati da parte di Ghaan.
"Il giorno che comunque ne avrà anche solo uno sarà comunque un brutto giorno" dice Varkman, "perchè sarà un soldato che dovrà morire... e purtroppo quelli che collaborano con lui vestono le nostre stesse insegne"
"Qual è il piano?" chiede Bohemond.
"Il piano è innanzitutto non farsi bere. E' molto facile qua cadere vittima dei metodi repressivi di Gadman Sherer che davanti ti sorride e dietro ti ammazza. Io sono ricercato, abbiamo altre persone che non si trovano qui e prestano servizio nell'eercito, alcuni sicuramente li conoscete, e ci fanno arrivare informazioni. L'obiettivo finale è di fare fuori Sherer. Non c'è altro modo. Dobbiamo fare fuori lui, che è irrecuperabile, e poi smantellare questo laboratorio dentro la Rocca di Tramontana e che usano per i loro nefasti esperimenti. C'è una cosa che mi preoccupa moltissimo riguardo questo obiettivo nostro, rendendolo più doloroso è non dare giustizia a un eroe del nostro territorio. Come forse sapete i nostri al di là del Traunne hanno conquistato un importante obiettivo militare. Sfortunatamente questa operazione è costata la vita di alcuni dei nostri, tra cui il tenente Ramsey. Il corpo del tenente è stato recuperato e sta tornando a casa insieme ad altri corpi dei nostri, con l'obiettivo di farlo seppellire in uno dei nostri cimiteri, ma non andrà così perchè quel corpo fa gola a Gadman Sherer"
"Però questa cosa che io sappia non ha senso, non si può innalzare un morto" dice Bohemond.
"E' quel che credo anche io" dice Varkman, " e ne sono anche contento che voi pure lo pensiate. Il problema è che Gadman Sherer lo pensa"
"Non lo puoi innalzare ma lo puoi... se Ramsey ha potenzialità particolari potrebbe essere risvegliato e poi lo puoi controllare. Potrebbero fare un bell'abnormis con Ramsey" dice Colin.
Kalina annuisce
"Oh mamma mia che cosa orribile" dice Kailah.
"Adesso vi dico cosa vorremmo fare" dice Varkman. "Punto uno, un manipolo di volenterosi che presta ancora servizio nell'esercito che si fa assegnare a una spedizione di un determinato sergente della nostra partita, una missione di copertura ma che a un certo punto si sgancia e va a spazzare merda al di là del traunne. Una volta arrivati lì intercettare la delegazione coi nostri morti, dovrebbero essere due plotoni, uno comandato dai nostri, devo ancora capire da chi, e l'altro da Bruce Halding, cavaliere di Uryen di fiducia di Sherer. Bisogna recuperare i lorocorpi e seppellirli come si deve al di là del Traunne. E nessuno deve tornare a raccontare questa triste storia.
Kailah è preoccupata alla prospettiva di far fuori dei soldati di Uryen innocenti.
"E' quel che succede sempre nelle guerre civili" dice Varkman.
"Chi sta aiutando Sherer a fare l'apprendista negromante?" chiede Bohemond.
"Questo innalzato, Deren..." dice Varkman. I nostri ricordano di averlo incontrato a Varlok a fare il guardiano di un cimitero per conto suo... si era spacciato di amico di Nico, innalzato da Ghaan... una storia poco vera. Annie lo aveva annusato e non aveva l'impronta tipica degli innalzati di Ghaan. Era un soggetto senz'altro molto sospetto, forse innalzato di Mirai.
"Ma è in città questo Deren?"
"Va e viene dal Traunne, che è ghiacciato" dice Varkman. "Noi dobbiamo seppellire Ramsey perchè è un dovere morale. Poi dobbiamo ammazzare Deren, la puttana che sta a Yaku insieme a altri tizi e scambia le informazioni con Gadman Sherer, e poi dobbiamo ammazzare Gadman Sherer.
"Dovremo evitare di essere riconosciuti... "
"Non deve sapere niente Sherer, neanche che questi tornano. Deve sapere che se mette il piede al di là del fiume muore"
"Bisognerebbe prenderli prigionieri" ipotizza Kailah...
Bohemond dice che invece sarebbe più bello far secchi Gadman Shherer al volo, subito."
"Eh ma rischi tantissimo se lo ammazzi sullo scranno che fu di Barun, credi di poter uscire senza falcidiare alcuni amici suoi? E allora come vedi la merda sempre quella è". dice Varkman.
Si sta facendo tardi, è quasi il momento di tornare alla Rocca di Tramontana.
Kailah chiede chi siano i prigionieri nel laboratorio della Rocca.
"Sono per lo più bambini e donne giovani, perchè qualcuno gli ha detto che reggono meglio al trattamento... e poi, più di ogni altra cosa cerca maghi" risponde Varkman.
Kailah racconta della carovana di Spinone e del mago raccattato per strada.
Varkman dice che è possibile che sia stato portato lì, anche perchè la carovana non è passata per il porto.
"Hanno pure gli esperti, Sherer e i suoi. Ha un ospite che viene da Greyhaven..." racconta Varkman.
"Mi pare che si chiamasse Orstein Bach" dice Kalina.
Colin è sorpreso e dice: "lo conosco, era il mio mentore all'unviersità di Greyhaven. Dove alloggia?"
"Nel laboratorio, è il direttore del laboratorio, a quanto ne so" dice Varkman.
"Entro quando vi dobbiamo dare una risposta?" chiede Kailah.
"A giorni dovremo sapere i dettagli della missione di recupero del corpo di Ramsey. Barun avrà certamente mandato indietro il corpo, ignaro del progetto di Gadman Sherer. Bisognerà capire la rotta della carovana, che sarà ben scortata, ci sarà un momento in cui l'esercito presumibilmente di Angvard lo cederà all'esercito di Uryen. Da quel momento in poi bisogna capire la rotta e intercettare il convoglio di ritorno e buttarlo giù. Prendere la salma e non far sapere che è successo." Risponde Varkman. "Io aspetto a momenti il ritorno di una persona di fiducia con le informazioni. Voi vi ripresentate qui e mi dite se siete della partita. Non prima"
Kailah chiede di come comportarsi con Yor, che spiega essere una soldatessa fidata e che ha sentito i lamenti del laboratorio di Sherer.
"Abbiamo bisogno di tutti i buoni compari che possiamo rimediare. Quindi nel momento in cui mi dirai che sei nella partita, sarai anche insignita nell'autorità di reclutare altri e di portarmeli. Assicurati, quando me la porti, che c'è una ragionevole possibilità che si dimostri collaborativa. Fino a quando non mi avrai dato la tua disponibilità, aspetta a parlarle."
"Se posso permettermi, il problema è che stiamo ragionando di un piccolo risultato tattico a fronte di un problema strategico" dice Bohemond. "Ammesso che riusciamo a portare a casa l'operazione di Ramsey... abbiamo evitato l'oltraggio del corpo di un rispettatissimo commilitone... ma stiamo esattamente come prima"
"Io sto parlando di tutto il complesso di operazioni, non solo di quella cosa. Io parlo di tutto il resto. Ma se non hai lo stomaco di affrontare un plotone che deve portare una cosa a Gadman Sherer, allora meglio se ti congedi e te ne vai, visto che Gadman Sherer ti ha dato la possibilità di andarsene. Il che peraltro significa che già adesso non si fida completamente di voi."
"Ci sono risultati per i quali val la pena sporcarsi le mani, e altri per cui vale meno la pena" dice Bohemond.
"Torniamo domani? Dopodomani?" cheide kailah.
"Domani verso quest'ora." suggerisce lui. "Non vi fate seguire, mi raccomando"
Saluti e il gruppo va via.

Ritorno alla Rocca di Tramontana


"Il modo migliore per uscire dal sotterraneo non è dalla Capasanta ma dal Faro", dice Milo che indica la direzione. Il gruppo non è bendato, raggiunge una scala a pioli di ferro incastonati nella pietra.
"Voi salite su e uscite dal faro. Da dentro si apre tranquillamente, è da fuori che non si apre".
Milo spiega come evitare di essere vista dai curiosoni dell'Ongelkamp.
"Ma è ancora abitato l'Ongelkamp?" chiede Kailah.
"Ormai c'è rimasta solo una famiglia, non se la passano molto bene" spiega Milo.
Il gruppo si arrampica fuori dalla torre arrampicandosi per i pioletti ripidi.
Engelhaft dice che l'indomani intende andare a parlare con Robyn Macht e da lì cercherà di accedere agli atti custoditi nella Rocca di Tramontana, per capire il senso della frase turniana VICTOR ELIGET.
I nostri camminano velocemente per arrivare entro il coprifuoco, e nel mentre discutono sul dafarsi.
Nessuno si fida di Gadman Sherer, e il terribile quadro prospettato da Varkman sembra tristemente plausibile.
D'altronde nessuno si fida neanche di Hador Varkman, di cui tutti conoscono i trascorsi più che loschi. E al contempo nessuno se la sentirebbe di cogliere la palla al balzo per andarsene, gettarsi il passato alle spalle e abbandonare Uryen al suo triste destino.
Arrivati in prossimità della Rocca, i nostri notano la carovana di Spinone accampata su un'altura poco distante.

Notte agitata: il sogno di Bohemond

Durante la notte Bohemond sogna Kalina la Divina, sogna di parlarle nella stessa stanza del sotterraneo dell'incontro del pomeriggio, ma i due parlano come se si trovassero da soli.
"Mi fa piacere che sei tornato" dice Kalina.
"Torno con brutte notizie. Hai sentito di Brian? Che ne pensi?"
"Penso che era importante compiere quella missione, sono belle notizie" dice Kalina.
"Mi stupisci" dice Bohemond.
"Credi che volessi che quella Rocca restasse in mano a quelle creature demoniache?"
"No, non lo so. Non so cosa pensi" dice Bohemond
"Io penso che c'è un esercito che sta andando da Giada, che deve arrivare a Giada e riportarcela" dice Kalina.
Parlano brevemente della morte di Brian e della sua scelta di servire Lady Yara e non Kalina. "Ha scelto il suo destino", commenta la Sirena.
"Ma il tempo che abbiamo è poco e non è di questo che voglio parlarti." Guarda Varkman. "Ho sentito ciò che hai detto alla tua compagna poco fa, sul fatto che se in tutta Uryen ci fossero due persone da mettere a morte, Gadman Sherer sarebbe il primo, ma Varkman sarebbe il secondo, e mi trovi abbastanza d'accordo con te. Nessuno di noi è qui per nostra scelta. Il momento dell'utilità di Varkman sta volgendo a termine, tra poco ci libererai. Siamo i suoi occhi e le sue orecchie, ha bisogno di noi."
"Tu lo conosci molto bene. Quali sono le sue mire?" chiede Bohemond.
"Presumo che aspetti che l'esercito di disertori di Uryen torni, con crediti sufficienti per chiedere forse il ripristino del Barone, qualcosa che gli permetta di occupare lo scranno che ha sempre voluto e gli è sempre stato negato, e che fece occupare al suo amico quando ne ebbe la sua possibilità. I suoi obiettivi penso siano Sherer e il Burgravio. In questo penso tu possa considerarlo un valido alleato, in tutto il resto no. La rocca in mano a Varkman non sarebbe un posto accettabile."
"E tu invece che vuoi, esattamente?"
"Libertà per me e per le persone che adesso dipendono da me... e che amo più di me stessa. Voglio che loro possano essere libere, e a quel punto... chissà, potrei girare per il Granducato, dicono che ci siano posti molto belli da visitare".
Kalina gli chiede il permesso di mantenere il contatto per poter parlare ancora, altre notti.
Bohemond ci pensa e ha il sospetto che questo canale di comunicazione sia un potere oscuro delle tenebre. "Temo che avrò a pentirmene, ma voglio credere nella sincerità del tuo intento" dice Bohemond. "Accetto di ricevere i tuoi suggerimenti e sono consapevole che qesto ha un prezzo, per te e per me".
Si sveglia al mattino sentendosi strano, come svuotato dalla presenza divina.

Notte agitata: grida e magia

Al momento di mettersi a letto, Vian è molto felice che ci sia Kailah con lei nella camerata, aveva un po' paura di dormire tutta sola. Kailah è piuttosto curiosa di sentire le grida, aspetta un po' ma tutto tace. E finalmente si addormenta.
Sogna di trovarsi in una locanda a Dossler, ai tempi del primo viaggio coi suoi compagni e la carovana di Melkor. L'atmosfera è normale, tranquilla, quando a un tratto si sente un urlo mostruoso e acuto, che sembrerebbe quello di un rettile, e si diffonde una musica spettrale e paurosissima. Una scarica violentissima di Potere Magico si sprigiona improvvisamente. Kailah si guarda intorno ma è tutto nero, come coperto da una sostanza scura.
La giovane si sveglia terrorizzata, non sa se l'urlo sia stato reale o soltanto un sogno. Certamente però è stato compiuto un incantesimo molto potente e molto vicino, un'impronta magica mai sentita prima.
Vian dorme tranquillamente, il che lascerebbe pensare che l'urlo fosse solo nel sogno. Kailah appoggia l'orecchio al muro e prova ad origliare, gli sembra di sentire un dialogo in lontananza tra un uomo e una donna, ma è impossibile distinguere le parole.

Anche Sven in mezzo alla notte sente vibrare il braccialetto, con forza e intensità mai viste, si sente quasi strattonare per il polso. Si sveglia, confuso, e si accorge che il braccialetto è caldo, quasi scotta. Il fenomeno stranissimo dura pochi secondo e poi svanisce, lasciando Sven molto stupito.

Le attività del 27 febbraio

Il 27 febbraio i nostri sono in licenza e possono dedicarsi a quel che preferiscono.
A colazione, in disparte, sia Kailah che Sven raccontano ai compagni dell'esperienza magica della notte.
"Senti Colin, ma il tuo maestro era pure mago?" chiede Kailah.
"Sì" conferma lui.

Colin cerca di incontrare il suo vecchio maestro

Colin prova a contattare il suo vecchio maestro, ma non è facile. Gira un po' per la Rocca, e dopo un po' individua l'entrata sul retro, abbastanza grande da far passare anche dei carretti. Intorno c'è animazione, molte casse ordinate con scritto sopra quel che contengono: alcuni carichi sono "cataplasmi" o "macchinari alchemici". Oltre ad un po' di guardie, ci sono degli inservienti che si occupano personalmente del trasporto dei materiali.
Colin riconosce, tra le guardie, una sua conoscenza, e va a parlarci.
Chiacchierano un po' del più e del meno, del cibo di scarsa qualità e di quello migliore che viene portato al laboratorio. Colin sbircia un po' le etichette, gli sembra che siano organizzate in uno stile ordinato che gli ricorda molto il suo maestro Orsten Back.
"Posso darci un'occhiata?" chiede al suo vecchio commilitone.
"Purtroppo no, le toccano solo quelli con la cinta nera", e indica i facchini specializzati.
"Ti dice qualcosa il nome di Orsten Back?" gli chiede Colin. L'altro si fa serio e dice che non è autorizzato a parlarne.
Colin va allora dai facchini con la cintura nera, che però lo mandano via scortesemente.
Colin torna dentro la Rocca e saluta Tom e il Caporale Brad che stanno chiacchierando. Scambio cordiale di saluti, e Colin va subito al punto.
"Senti, ho visto bei pacchetti sul retro..." Brad annuisce e ride. "Eh sì, bella roba quella"
"Ho riconosciuto simboli che mi ricordano il mio maestro di Greyhaven, Osten Bach"
Tom annuisce e controlla un registro e conferma. "Sìsì, Bach. Se lo vuoi salutare...."
"Volenteri, è possibie salutarlo?"
"Complicato perchè ci stanno livelli di accesso, devi chiedere a Ser Gadman..."
"Ma che lo devo disturbare per una sciocchezza simile?"
Brad: "Ma ti pare che vai a disturbare Sherer... aspetti che deve magna', esce e ci parli..."
Tom: "quello non esce mai"
Colin "allora scusate, scrivo un bigliettino per lui, e glie lo fate avere...."
L'idea piace a Tom. Colin scrive un bigliettino semplice.
"Guarda glie lo porto tra un paio d'ore" dice Tom.

Sven alle Case della Gioia

Sven vuole provare a contattare Mira, e va al porto, accompagnato da Vodan. E' tutto come il giorno prima, deserto.
A un certo punto si affaccia Zyra. Sven le chiede subito di Mira.
"Siete stati alla Capasanta?" chiede.
"Più o meno. In realtà ... non c'è stato modo di parlare da soli..." dice Sven.
"Varkman le tiene lì per sicurezza e anche perchè sente di non avere più il controllo...non è più il padrone del porto. A breve verrà nominato un nuovo sergente maggiore responsable per il porto. Qui purtroppo Mira non ci può tornare." Però poi si fa seguire nella stanza dove sta Laara: propongono a Sven di portare a Mira una lettera da parte loro, in modo che Mira possa leggerla senza che Varkman ne capisca il contenuto.
"Tu ci dici cosa vorresti dirle, e noi lo inseriamo nella lettera in modo tale che lei capisca, e che invece Varkman, casomai leggesse anche lui, non possa capire"
Sven è d'accordo, molto contento e ringrazia.

Kailah da Spinone

Kailah si reca alla carovana di Spinone, con l'intenzione di parlare con il mago Belfry. Lo trova insieme ai compagni, con Spinone, che stanno ripulendo delle pentole.
"Come va, come procedono le trattative?" chiede Kailah a Spinone.
"Tutto bene anche se volevo ripartire... ma la trattativa va per le lunghe: prima dicono un prezzo, poi un altro..." dice Spinone.
"Poi proseguite per Lagos?"
"No, mi piacerebbe sbrigarmi e piazzare tutti qui, e tornare verso sud appena possibile" risponde Spinone, che poi manifesta apprezzamento per il gruppo di Kailah.
"Il giorno che vi licenziano, o vi licenziate, se vi va di far parte di questa compagnia di ventura... " propone Spinone, "ci farebbe piacere avere gente in gamba come voi".
Kailah ringrazia per l'offerta, poi si rivolge a Belfry, che sta lì vicino.
"Ma tu stanotte non hai sentito una cosa strana?" gli domanda.
"Miseriaccia... volevo morì... sono quasi cascato dal letto, uno schiccherone dalla Rocca, ho pensato che eri te, ma non era lo stesso... odore diciamo. Ci devono avere una bella santabarbara lì dentro, di maghi."
"Ma pensi fossero più d'uno?"
"No ma sai, se c'è un mago forte, ce ne serve un altro che lo gestisca..."
"Da fuori si è visto qualcosa?" chiede Kailah.
"L'hanno fatta tutta dentro le mura..." Belfry è chiaramente rimasto colpito e preoccupato, da quel che ha percepito.
"Tanto noi tra due giorni ce ne andiamo, mi dispiace per te ci rimani" dice ridendo Spinone.
"Questo posto lo vedo molto rischioso" dice Belfri, "non è un caso che le case non costano niente..."
Kailah fa un po' di domande sui prigionieri.
"Abbiamo ceduto alla Rocca alcune persone, il mago, la madre col figlio e la figlia, le due sorelle e il mercenario" spiega Spinone. "Sugli altri siamo in trattativa, i tre ragazzini e i due cuochi".
"Ma che se ne dovrebbero fare alla Rocca con 3 ragazzini?" chiede la ragazza, inquieta.
"Ci salvano il mondo, stanno cercando la cura per il morbo. Hanno cure da sperimentare", dichiara Spinone, facendosi serio.
"Ma per sperimentare la cura devi avere la malattia. Quindi avranno dei Risvegliati dentro?" chiede Kailah.
"Mica saranno pazzi... onestamente non lo so..."
Kailah sospira.
"E altri compratori non li trovate, almeno per i ragazzini?"
"E a chi li vendi? Che ci fai con 3 ragazzini..."
"A voi quanto vi hanno offerto?"
"Una moneta d'oro l'uno, stiamo cercando di arrivare a 1.3"
"E se trovassi... altri finanziatori? Per evitare che i ragazzini finiscano... lì dentro..."
"Sai bene che se vogliono fare i loro esperimenti, ne troveranno altri... se non saranno loro..." dice serio Spinone.
"Non li possiamo salvare tutti, ma mi piacerebbe salvare questi" dice Kailah.
"Ti do due giorni, se li do a te mi sta bene una moneta d'oro ciascuno. Per due giorni li tengo qui, poi dovrò cederli".
Si stringono la mano.
Kailah torna dai compagni a riferire.

Bohemond e le catene di comando alla Rocca


Bohemond resta alla Rocca e cerca di capire "chi comanda", come funzionano i ruoli e quanti sono i soldati fidati di Gadman Scherer rispetto agli altri. Si rende conto che sono circa una metà degli effettivi e nessuno di loro ha ruoli da ufficiale: sono per lo più soldati scelti, caporali e sergenti, ai quali a volte sono affidate responsabilità che, a cose normali, spetterebbero ad un tenente. Sono in generale molto pochi, la Rocca è sottopopolata. Ci sono circa 50 effettivi per volta, una trentina fedeli a Scherer.
Creata il 19/01/2021 da Annika (2234 voci inserite). Ultima modifica il 23/02/2021.
245 visite dal 19/01/2021, 20:32 (ultima visita il 26/02/2021, 06:11) - ID univoco: 4418 [copia negli appunti]
[Genera PDF]