Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Occhio quando si mettono le chiappe sulle latrine, perchè stanno esattamente lì sotto »
- Bohemond D'Arlac -
 
Julie la Piattola
Julie Modane
 
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 139   commenti totali: 110
147195 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 22/09/2019, 11:14)
27 settembre 517
Venerdì 9 Maggio 2008

Bambini insieme.

... mi chiedo se sia la realtà, la cosa più importante.

O se contino di più i ricordi e i sogni, o i sogni dei ricordi che vorremmo.

Desiree e Loic si conoscono da una vita, sono stati bambini insieme. Compagni di giochi nell'infanzia, stretti nello stesso dolore, uniti nella ricerca di giustizia, insieme nella vendetta... Che cosa ci può essere di più forte, di più totale? Una vita accanto, un legame indissolubile.

Cosa rimane adesso di tutto questo? E' possibile che un tale legame si sia spezzato?

Forse solo nella fantasia possiamo ritrovare le nostre vere origini, e qualcosa che non si spezzerà mai.

Julie Modane - Immagine 11 (fango)
scritto da Julie , 11:26 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
17 settembre 517
Domenica 20 Aprile 2008

Sulle rovine e in fondo al tunnel...

Sulle rovine...

Che bello. Il vento di Craon tra questi sassi sconnessi, le erbacce, la distesa immensa di rovine sotto di noi. Guarda che meraviglia, mi viene voglia di arrampicarmi ancora, più in alto più in cima.... non è bellissimo?
Levati l'elmo, senti il vento, chiudi gli occhi.

che ridere

... bel turno di guardia.... lo so, e sono felice che Guelfo sia più amico che stratega. Questo vento fresco spazza via tutte le fragilità di ieri notte, e mi sento forte e sicura.

no non faccio la scema sul bordo, no
no ti preoccupare!


Quel bagliore lontano sono i nostri nemici? No, non lo vedo più neanche io, ma sono loro, chi altri? Chissà a che pensano... ciao ciao!

Ma soprattutto, chissà che passa per la mente di Eric. Abbiamo visto tante rovine in questi mesi di avventure. Posti incredibili, tesori inauditi come sotto il vecchio cimitero di Rigel... ma non l'avevo mai visto interessato a questo tipo di cose. E ora invece sembra veramente in fissa con questa città abbandonata, con i ruderi, con i "pulsanti"...
Non mi dispiace che questo turno di guardia splendido, diurno e panoramico, duri più a lungo del previsto. Mi chiedo però che cosa stia cercando veramente mio cugino. Sembra che nasconda qualcosa... come sono curiosa!

mmm... continua ad esplorare... non tornare proprio adesso...



In fondo al tunnel...

Che buio. La torcia che tengo in mano disegna le vostre ombre nella galleria. Lunghe lunghe ombre... "Avanti i feriti!"
Lucius e Karen aprono la fila. Lei è stata ferita ieri sera, lui pochi minuti fa, nemmeno si è fatto medicare, per non "perdere tempo".
E' proprio spericolato. Altro che fare la scema sul bordo di quattro ruderi... lui sì che non ha paura, correndo a testa bassa addosso ai balestrieri, infischiandosene di fare il puntaspilli.
Ma Pyros è dalla sua, per fortuna. E anche lontano dalla luce non c'è da avere paura.

mi basta allungare la mano per sfiorarti la schiena

Non c'è da avere paura, non ho paura.
Chissà quanto continuano queste gallerie, e dove sbucheremo... sono curiosa e divertita, incosciente. E' bello sentirsi così!


scritto da Julie , 21:13 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
8 settembre 517
Martedì 18 Marzo 2008

Grandi speranze e cattivi presentimenti

Stazione di posta del Buon Risveglio, 8 settembre 517

Stanotte ho sognato lingue di fuoco. Che cosa ci vedi? Calore, passione, paura, morte. Metro di paragone. Speranza. Ma quella speranza strana che è costruita sul dolore. Quella speranza che spaventa.
Non mi piace questa atmosfera, la pioggia, i mercenari... Non piace nemmeno a me. E non cerco nemmeno il sollievo di uno sguardo amico, non è quello di cui ho bisogno adesso. Ho bisogno di pensare. Pensare... a che pensi? A che stai pensando?
Sto pensando alla strada che abbiamo davanti.
La strada di pietre e di terra, dai margini fangosi, quella che tra poche ore percorreremo. Ma anche ad un'altra strada, quella lunga, quella "vera". La mia strada, così sorprendente da farmi perdere il senso delle proporzioni.

È l'alba, non si sente più lo scrosciare della pioggia. Bernard sarà contento: se tutto va bene stasera raggiungeremo Chalard.
Li sento dormire oltre il paravento. Silenziosi, quieti. Due Paladini per scortare me... sembra incredibile. Due Paladini, due persone in gamba, coraggiosi, uomini di Fede.
Io so dar vita a pezzi di stoffa colorati e far ridere i bambini. Non sai fare solo questo, Julie.
Sulla fortezza ci arrampicheremo insieme, in una sola fiamma, in una sola speranza. Una sola vita, e tantissime, tutte insieme.
Certe cose bisogna dirle in piedi.
No, no... quietamente. Tienimi la mano mentre saremo tra le fiamme. Tu che sai toccare il fuoco senza bruciarti. Tienimi la mano mentre brucerò.




scritto da Julie , 23:36 | permalink | markup wiki | commenti (0)