Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Si, la compromessa sposa... »
- Eric Navar -
 
Kailah Morstan
diario di viaggio
Kailah Morstan
 
creato il: 13/01/2012   messaggi totali: 75   commenti totali: 85
104842 visite dal 13/01/2012 (ultima visita il 18/08/2019, 02:52)
ultimi 20 articoli (cambia) · Pagina 1 di 4
1 · 2 · 3 · 4
23 novembre 517
Giovedì 25 Luglio 2019

La casa della Tramontana



William.

Non ho ancora finito di piangere le persone che hai ammazzato. Mi bruciano gli occhi, l'incredulità e la sorpresa di questo risveglio ingiusto mi spezzano il respiro. Speravo di tornare a "casa", ma non c'è più la mia casa, qui alla Rocca di Tramontana. Solo freddo, silenzio, sguardi sospettosi.
Durante l'interminabile viaggio per gli Altipiani delle Tempeste pensavo spesso a chi avrei ritrovato ad Uryen, mi dava coraggio sapere che erano qui, al sicuro. E invece tu mi hai lasciato il deserto.

No, non ho ancora finito di piangere le persone che mi hai strappato. Gli amici, i compagni.
Heinrich, il mio primo amico nell'esercito, il primo volto sorridente, quando tutti ancora mi intimidivano da morire. Charlie, che aveva una cotta per te. Angelica... persino Angelica. E Teegan, la più giovane delle sirene. Vasq, Roy, i migliori. Insieme ai compagni del Terzo Plotone sono riusciti ad abbatterti, ma hanno pagato con la vita il loro coraggio.

William.

Non ho ancora finito di piangere le persone che hai ammazzato... e già inizio a piangere per te.

Kor-Wak

Sento le tue rune mentre sfiori il mio braccio e avverto una sottilissima sensazione di elettricità. Durante un lungo turno di guardia fuori dalla fattoria di Trent. Il lungo turno di guardia a cui penserò sempre, quando penserò a te. Le tue domande stupide, le risate, il segreto che mi hai raccontato.

Kor-Wak

Ed ecco che sono io a posare le dita sulla tua pelle e a pronunciare le rune. I peletti del tuo braccio cambiano verso. Che cosa buffa.
"Lo vedi che non c'è niente di pericoloso?"

Sei un cretino William. Quante volte te l'ho detto?
Non abbastanza, purtroppo.

Non abbastanza.

"Io ti dico, non penso che i miei poteri possano fare casini grossi. Non penso che i miei poteri potranno cambiare il destino mio, tuo, di Annie... o il grande disegno..."

Quanto ti sbagliavi, William. Ho provato a dirtelo, che esistono entità che sono ghiotte dei nostri poteri, che adorano i maghi... dotati, come noi, ma non espertissimi. Entità che non vedono l'ora di fare del male. Ma tu non mi credevi, volevi vederlo coi tuoi occhi. Volevi fare "le tue esperienze".

"Intendo fare le mie esperienze! E intendo pure vantarmene con le ragazze che incontro!"

Cretino, cretino, cretino. Non ce la facevi proprio a prendere le cose sul serio. Tutto uno scherzo, tutto l'occasione per una battuta, una spiritosaggine, una stupidata.

Eravamo amici? Questo mi chiedo. Non lo so. Non lo so se eravamo amici, ma probabilmente io ero la cosa più simile ad un'amica che tu abbia mai avuto qui nell'esercito. Mi hai mostrato i tuoi diari, abbiamo confrontato i sogni ricorrenti e le visioni di quei due esseri del Kahl Valan. Sei tu che mi hai aperto gli occhi sui ricordi modificati dal Demone che possiede Mirai, quando io ancora pensavo fossero risalenti all'infanzia.
Discorsi seri mischiati alle stupidaggini, alle tue fanfaronate sulle donne, ai giochi da ragazzino. Ti divertivi a mettermi in imbarazzo.

"Bisognerebbe capire se tu, Kailah, sei un caso isolato... oppure se è davvero la norma, qui ad Uryen..."
"Vallo a chiedere a tutte quelle che incontri... rimedierai un sacco di occhi neri!"

Ridevo, ma poco dopo è stato Rock a picchiarti davvero, a sangue, quella stessa notte. Si può essere più stupidi di te? Fingersi un Risvegliato fuori dalla fattoria, barcollando nel buio... come niente ti saresti potuto beccare una freccia, fortuna che ti ho riconosciuto.

Un cretino fatto e finito. Che pure mi ha spinta a contraddirmi, nel buio di quelle ore. E' stata la prima e ultima volta. Sono certa che non potrei più farlo senza sentire la tua voce, ormai.

Insomma, eravamo amici o no?

Mentre Rock, quella stessa notte, ti faceva volare da una parte all'altra della stanza, nel fracasso della sedia e del tavolo che si spaccavano, ho chiuso gli occhi. Mi faceva male vedere il Sergente che ti pestava: la sua forza smisurata, una furia che non gli avevo mai visto prima. Sentivo quasi dolore io stessa.

Eravamo amici, William, proprio così.

"Scommetto che ti sto anche un pò simpatico, in barba ai tuoi due migliori amici che non mi possono vedere."
"Certo che mi stai simpatico. Per questo mi interessa che tu non venga posseduto da un demone, tramutato in un mostro, e tu venga abbattuto in modo cruento".

Mioddio.

...

Mioddio, che cosa ho detto.

Il tempo è strano. Sembra lontana un'eternità, quella notte da Trent. Il viaggio a Skogen e per le terre dei morti è come se fosse durato tre anni, e non soltanto poche settimane. Eppure se ci penso, se chiudo gli occhi, siamo ancora lì alla fattoria. Gannor è vivo, Charlie è viva. Tu sei vivo. E fai di tutto per farti detestare, come al solito.
Rock non è ancora prigioniero in mano nemica. Non è ancora andato ad Angvard. Non è ancora successo niente. Ancora c'è modo di impedire che accada il disastro.

Dove ho sbagliato? Me lo sentivo, accidenti, me lo sentivo che sarebbe finita male.
Quando siamo stati a parlare con Mastro Luger... è stato lì che ho sbagliato? E' stato lì che avrei potuto deviare il corso degli eventi?
Luger ha parlato di come le entità demoniache siano in grado di trasformare i nostri ricordi, i nostri sogni. Di pilotare le nostre emozioni.
E di come la cosa migliore da fare sia resistere, non lasciarsi suggestionare. Ma Luger sapeva benissimo che a te non sarebbe bastato. Lo sapevo anche io.

Poi tu sei fuggito in corridoio a piangere. Ti ho visto molte volte ridere. Ma piangere... piangere quella volta soltanto.
In un angoletto buio del corridoio, fuori dalla porta di Luger. Mormoravi: "Io... non voglio... che muoia...".
Mi hai chiesto scusa, poi.

A modo tuo, ci tenevi davvero ad Annie, ne sono sicura. Niente di sdolcinato, niente di quel che immaginava la povera Charlie, quando fantasticava sul tuo amore infelice. Ma sentivi il fascino di Annie, la sua forza, eri attratto da quel che lei, con un autocontrollo eccezionale, riusciva - e riesce ancora - a tenere a bada.
Il Potere Magico che abbiamo dentro ci attira verso Annie. Accanto a lei è un reale piacere lasciarlo fluire: è come se la sua vicinanza lo catalizzasse.

Adesso Annie è agli arresti. Spero che sia per poco e che venga rilasciata in fretta. Ma l'atmosfera, dopo quel che tu hai fatto, è tetra e pesante: credo che qui ad Uryen la sua presenza sarebbe vissuta da molti con un'ostilità difficile da gestire. Per questo Barun ha preferito nasconderla, per evitare insubordinazioni e problemi. Credo che a breve la assegneranno ad incarichi fuori città.

Quasi tutti, qui, hanno visto un solo Innalzato: te, William. Lo capisco che siano diffidenti.

Ed ecco che arriviamo al pugnale di Kalya. Un pugnale brutto, strano, tutto nero. Non mi piace per niente. Spero di non doverlo usare mai.
"Uccidici un Innalzato".

A parte... come se fosse facile. Le ho promesso che farò del mio meglio per riportare sana e salva Giada, quando tornerò oltre il Traunne. Lei è al Castello di Seta, a due passi dalla casa stregata di Mirai: forse uno dei posti peggiori del Granducato. Ma Giada è un'amica, e sono stanca di perdere gli amici. Farò di tutto per salvarla, ma non solo perchè l'ho promesso a Kalya "la Divina".
E farò di tutto per recuperare il Sergente Rock: non soltanto perchè me l'ha ordinato Barun, è ovvio.

Aveva ragione Rock.
Se ti avesse potuto sbattere a calci fuori dalla Rocca di Tramontana, come avrebbe tanto voluto fare, a quest'ora sareste tutti vivi. Tu, William, non saresti riuscito ad entrare nel laboratorio di Luger, e non avresti potuto fare l'immensa stupidaggine che ha ammazzato così tante persone, te compreso.

"Certo che mi stai simpatico. Per questo mi interessa che tu non venga posseduto da un demone, tramutato in un mostro, e tu venga abbattuto in modo cruento".

Posseduto da un demone, tramutato in un mostro. Abbattuto in modo cruento.

Mi chiedo quanto c'era ancora di te, della tua coscienza, nella creatura mostruosa che ha ucciso Heinrich, Charlie e tutti gli altri. Capivi quello che stavi facendo, oppure eri già morto dentro?
"Uno sbaglio a volte ti porta a farne un altro, più grande ancora, per nasconderlo", mi confidasti.

Sarei riuscita a fermarti, se fossi stata ad Uryen in quei giorni? O avresti ucciso anche me?
Non lo saprò mai. Come non potrò mai giudicare la misura reale della tua responsabilità. E' una colpa avere il dono del potere magico... e un cervello stupido come il tuo? Troppo potere nelle mani di un idiota, un disastro totale.

... Non so che pensare. E' impossibile perdonarti per ciò che hai fatto. Ma non riesco nemmeno a odiarti. La compassione supera ogni altro sentimento. Provo solo tanta pena per le vittime... per tutte le vittime di questa terribile vicenda. Compreso te. Vittima del tuo potere, dei tuoi impulsi, della tua curiosa superficialità. E vittima di un'entità demoniaca talmente insidiosa da essere riuscita a trasformarti in un suo strumento di morte.
Chissà, magari io stessa non sarei riuscita a resistere, in altre circostanze.

Adesso però devo cercare di non farmi consumare dall'angoscia o dai dubbi. Devo restare concentrata, tornare oltre il fiume, svolgere il mio incarico con diligenza: recuperare il Sergente Rock, prigioniero dei Ghaanesi; tornare a Skogen e riprendere Giada.

Incredibile: sono appena arrivata a Uryen e già non ne posso più: già non vedo l'ora di andarmene di nuovo.
scritto da Kailah , 09:36 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
2 novembre 517
Lunedì 17 Settembre 2018

La furia della Terra



L'elettricità satura l'aria della notte. Non riesco più a ricordare quando è stata l'ultima volta che ho dormito. O l'ultima volta che ho avuto una visione.
Fulmini squarciano il buio, addensandosi sull'isola avvolta dalla tenebra. Solo per un attimo si scorge il profilo della collina alberata, disegnato dal bagliore livido del lampo. Poi il rombo sotterraneo inizia a crescere, la terra è scossa da un fremore inarrestabile.

"Potrebbe essere Jurmungand?" ipotizza Colin. "Magari ce ne sono più di uno..."

No. Viene dall'isola.
Un altro fulmine per un istante la fa brillare di un innaturale bagliore. Si muove. L'isola si sta muovendo. L'acqua del lago viene risucchiata dalle profondità della collina, la grotta del Santuario crolla su sè stessa.

"Ci siamo" mormora Madre Magdalene con voce spezzata dal pianto.

Ed ecco che un'immensa epifania di Potere Magico si sprigiona dall'Isola. La scarica mi attraversa velocissima, colmandomi di ineffabile angoscia... ed in pochi istanti svanisce, lasciandomi incredula e palpitante.

Fuoco liquido.

Al posto del laghetto verdeggiante, sulle cui sponde soltanto poche ore fa abbiamo affrontato e sconfitto il maledetto Keynes, splende adesso un lago di fuoco che cola in fiammeggianti rivoli lungo i fianchi della collina.

Sembra un fiore che si schiude silenziosamente nella notte nera, mentre torrenti di fiamme scivolano allargandosi verso il fiume. Presto torna il frastuono, si solleva un fumo crepitante quando la lava raggiunge le acque scure del Traunne.

Increduli davanti ad un simile spettacolo, osserviamo tutti a bocca aperta la collina che si spacca, le mille esplosioni, i tremori, le volute irregolari del fumo che sale verso il cielo in burrasca. Gli abitanti di Caaron sono attoniti: quella è la loro casa. Alcuni piangono, ma la maggior parte di loro sono troppo sconvolti, riescono soltanto a fissare con gli occhi sbarrati l'orizzonte.

"Non sento più Claire"
Sembra la voce di Annie, ma non è possibile, solo pochi minuti fa giaceva priva di sensi.... invece eccola, in piedi, sorretta da Colin, la mia amica dalle infinite risorse. Incredibile Annie.
"E i due innalzati di Ghaan? Loro li senti?" le domanda subito Colin.
"Sì, loro sono ancora vivi, anche se non sono in grado di capire dove siano", risponde Annie, mentre con i suoi occhi acutissimi scruta l'orizzonte.

Il Santuario ha venduto cara la pelle, aveva ragione Madre Magdalene. Claire non si è arresa, ha combattuto la sua ultima battaglia, trascinando nelle fiamme innumerevoli orde di Risvegliati.
Mi passa davanti agli occhi il viso asciutto di Ilmar, la consapevolezza nel suo sguardo di essere sul punto di dare la vita per il Santuario, insieme ai suoi uomini. E nonostante sia un nemico, rivedo anche quel soldato di Ghaan sul ponte, che ci ha fatti passare sulla terraferma. "In bocca al lupo", disse. E Bohemond, riconoscendo nei suoi occhi il destino a cui andava incontro, gli ha risposto "vendi cara la pelle".

Vendi cara la pelle.


Quante persone sono morte stanotte? Quante stanno vivendo proprio adesso, in quell'inferno di fiamme e fumo, i loro ultimi terribili attimi di vita? Prego che Kayah li accolga tutti, perdoni i loro peccati, doni loro la pace. Come pure prego che possano trovare pace le innumerevoli anime di tutti quei poveri morti che camminano, animati dal contagio demoniaco. Un tempo anche loro erano persone... spero che il fuoco purificatore di Pyros cancelli le tracce dell'abominio dai loro corpi, e che possano anche loro ritrovare la quiete eterna.

Il frastuono confuso dell'esplosione per un attimo assume sembianza di un lamento di donna, mentre le volute di fumo disegnano un volto nel cielo nero.
Madre Magdalene, con voce commossa, racconta la storia del sacrificio di Ilmatar, che si immola nelle fiamme per salvare il suo popolo. Il viso diafano che vediamo nel cielo è il quello di Ilmatar... o di Claire? Da dove ha origine lo spaventoso miracolo a cui stiamo assistendo?

Deglutisco, col cuore stretto dall'angoscia e dallo stupore. Mi allontano qualche passo dalla gente di Caaron e dalla dolce Madre Magdalene, non resisto più a partecipare della loro costernazione, ho bisogno di respirare più liberamente.

Ma ecco, davanti a me c'è qualcuno che con fanciullesco entusiasmo si gode il prodigio: in piedi tra i suoi compagni, il Principe Aiden osserva la furia della natura, l'isola spaccata dalle fiamme, le scariche elettriche, l'incendio e la devastazione. Mi avvicino al suo gruppetto, scambio qualche saluto, incrocio qualche sguardo. Sono tutti entusiasti, eccitati. Felici di essere ancora vivi e di poter assistere a uno spettacolo simile, senza esserne vittima.
Il Principe mi fa spazio accanto a lui, rivolgendomi un grande sorriso: gli brillano gli occhi, tanta l'emozione di quest'avventura straordinaria. Oh, ne avrà tante da raccontare, quando tornerà a casa!

Invidio molto agli Elsenoriti questa leggerezza, il fatalismo spavaldo e ottimista con cui affrontano le più assurde prove che il destino mette loro davanti al cammino. Mi piace come siano liberi dai pensieri e dalla paura, come sappiano prendere la vita come se fosse un enorme gioco meraviglioso, e non la nostra dura realtà.

Chissà.
Magari quando sarò tornata a Uryen, agli Dei piacendo, saprò fare tesoro dell'amicizia con Aiden e i suoi compagni, ed imparerò anche io a vivere con un po' più di leggerezza e di ottimismo. Sto già migliorando.

Il Santuario di Caaron esplode
scritto da Kailah , 14:52 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
30 ottobre 517
Venerdì 1 Giugno 2018

E' un giorno, non una persona....

"E quando li portate, questi morti, al cimitero?"
"Si attende che giunga Samain" risponde Medusele.
"E chi è?"

E CHI È??

Perchè non riesco a smettere di ridere? Lo sai Aiden la prima volta che ho sentito parlare di Semain... la sai che figuraccia ho fatto? Pensavo che fosse una persona....

... sopraffazione di Spiriti in luoghi affollati...
Come dici?
Sopraffazione, sì... mi piace sopraffazione. Evitiamo sopraffazione stando tutti insieme. Affollamento... la sai la storia del crudele Syor, Dio degli Abissi? Ma certo che la so, c'era Sydor che era moooolto permaloso, e se scherzi troppo con le sue navi...

Preferisco decisamente come si festeggia su Ilsanora, raccontami ancora la storia delle isole coi mostri! Non che qui manchino...

Lo sai, beh, c'era questo Kraighar che aveva gli occhi rossi, e poi una Vipera che sussurrava nei miei sogni e non potevo svegliarmi... sì davvero... ho dormito per giorni, sognato per giorni.... si erano tutti preoccupati

ma non era una sensazione così bella, era pauroso.... e ingannevole! E questi segni di guerra? Ti si sono tutti cancellati! Te li metto a posto io, sono brava a disegn...

AHAHAHAH eddai!!!

... mi gira un po' la testa, è così buffo! Anche la cuoca di mia zia preparava una zuppa di funghi... eppure non era così.... AHAHAHAH BASTA TI PREGO BASTA!!!

scherzavo

continua pure!

Notte strana di spiriti e racconti, eppure il tempo scivola verso l'aurora tra il Dormiveglia e questa bellissima... bellissima....

... meravigliosa e incantevole

....... nave volante


oh... bella... che...

... wow

Le sapete organizzare le feste voi els...

....

...

.. eh?

non capisco, che cosa... Judoc... JUDOC? Come ha detto? Ehi.... che sta.... succe......
...dendo?

Aiden si alza di scatto, improvvisamente lucido, io... oddio, aspetta, mi gira la testa. Seguo con lo sguardo la bellissima nave scintillante... mentre il chiarore dell'aurora fa brillare gli schizzi e lo SCHIANTO È

V I O L E N T I S S I M O !!

Salto su, il cuore a mille! Sta succedendo qualcosa di serio, di.... incredibile.
Una nave brulicante di... Risvegliati? Una nave alla deriva?
Non riesco a vedere, non si capisce!

Ci metto qualche istante a realizzare, mentre Aiden e i suoi compagni sembrano tutti sveglissimi e agitati, si affannano per capire che cosa sia successo.
Sven si avvicina il Principe e gli chiede spiegazioni.

"Noi conosce quella nave"

"E' una Dagvat di Northsid"

"Noi andare" e chiama a raccolta i suoi.

È Slaine, poco dopo, a svelarci che probabilmente si tratta della nave di un cugino di Aiden, di cui si erano perse le tracce. Cavoli.

Il ponte di pietra è bloccato... non ci fanno passare, ma al villaggio stanno combattendo. Si sentono grida, e Cinghiale ci richiama all'ordine.
Tutti in locanda, bisogna aspettare.

...aspettare.
Tutti in locanda. Gli Elsenoriti fremono, rischia di finire male. Se non li fanno uscire si ficcheranno nei guai.

A proposito di guai.

"Su quella nave c'è un Innalzato" mi sussurra Annie. "Credo che sia quello del torneo di Trost"
... santo cielo. Ci mancava l'Innalzato.

Finalmente convinco Cinghiale a farci uscire, e con un po' di insistenza acconsente che anche Aiden valichi il ponte di pietra insieme a noi. Al villaggio c'è stato un attacco di Risvegliati, che sono stati sgominati.
Una delle guardie di Caaron però è stato ferito... pover'uomo.

"Dove portati...?" chiede Aiden molto teso. Vuole capire dove siano stati messe le carcasse dei Risvegliati: che uno di loro sia il cugino? Brutta faccenda doverlo riconoscere, non lo invidio.

Ma prima... c'è davanti a noi lo spettacolo della nave incagliata sul ponte... sul mio ponte tutto rovinato.
È davvero spettrale. Dov'è finita la splendida visione scintillante di poche ore fa? Adesso è un relitto, orribile, tristissimo. Le guardie controllano la zona, si respira la tensione. La gente è spaventata.

Stanno gridando con qualcuno al Santuario.

Ehi.... non è Colin quello?

Sto ancora sognando? Altre visioni?

E' proprio Colin, eppure... come è deciso, battagliero. Non sembra lui! Dà ordini alle guardie al di qua del ponte, per il trasporto del ferito.
"Voi tre, aiutatemi a portarlo di là!"

Indica me, Annie e Sven.

Dovremmo.... dovremmo usare il relitto come un precario ponte?

... e va bene. Proviamoci.

Annie e Sven si occupano del ferito, che comunque è in grado di camminare con le sue gambe. Io gli vado dietro, osservando con curiosità il relitto: chissà se è possibile sfruttarlo in qualche modo per migliorare la tenuta del ponte? Potrebbe essere un...

... ehi!

Qualcosa luccica.

Si che si tratta? Sembra un ciondolo, qualcosa di metallico. Forse era del cugino di Aiden! Posso forse...

... mi vedranno....
...
chi se ne importa!

Bes-Ex-Syr

Scappi briccone? No.... eccoti!

Che avete da guardare, voialtri? Stringo il ciondolino in mano e lo ficco in tasca. Scommetto che principe sarà contento di riaverlo.

Samain, che notte STRANA.

Ma le stranezze non sono ancora finite.
Perchè quando finalmente arriviamo davanti a Madre Magdalene... una cosa mi è improvvisamente... comicamente lampante:

Madre Magdalene - Immagine blog
ECCO ... spiegato... perchè la chiamano MADRE.
scritto da Kailah , 18:34 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
23 ottobre 517
Martedì 24 Aprile 2018

il conto



Ho perso il conto dei morti
Avanziamo tra le ombre sgangherate verso il nostro nascondiglio, il magazzino di cui Cul de Sac ci ha dato le chiavi, e cerco di contare le persone che abbiamo ammazzato stanotte. Ma ho la testa leggera - SUCCEDE quando abuso dei miei poteri magici - faccio fatica a concentrarmi: ho paura di dimenticare qualcuno. Ho paura di dimenticare qualcuno che ho ammazzato, o che abbiamo ammazzato, e che adesso giace morto stecchito da qualche parte - in fondo a un pozzo - su un ballatoio - in mezzo all'immondizia in un vicolo buio - nella sua maledetta povera povera casa

Il problema è che vi hanno addestrato da soldati, non da assassini...

Rock... perchè non ci hai addestrati da assassini? Perchè non ci hai insegnato a capire che è normale ammazzare le persone dall'oscurità, è normale sparare una freccia in testa a una vecchia signora alla finestra... è normale martellare una daga nel mento di un disgraziato... è normale, è normale se sei un assassino.
Perchè non siamo assassini? Non siamo bravi assassini? Non ci capisco niente.... non capisco.... Rock, perchè invece che farci strisciare nel fango sui gomiti non ci hai insegnato a soffocare le grida di aiuto di chi deve morire perchè sta nel mezzo, perchè sta solo facendo il suo dovere, ed ha la sfortuna che il suo dovere confligge con il nostro, il nostro dovere
Rock, dove sei? Forgi spade sulle incudini di Angvard, con la forza che a me mancava stanotte, mentre spingevo, e spingevo, e la daga non penetrava abbastanza, non riusciva ad entrare, e lui mi moriva tra le mani con quegli occhi strabuzzati
Non sono abbastanza forte

L'aria di Trost puzza di fumo, di fiamme, di sangue e di cadaveri.

NOI puzziamo di fumo, di fiamme, di sangue e di cadaveri.

C'è il tizio nel vicolo, scrupoloso. E' tornato due volte indietro per controllare che non ci fosse nessuno nascosto tra le ombre e l'immondizia. Poverino, c'eravamo noi.

E poi Buona Fortuna, il mio buon arco. Quando l'hai teso tu... la freccia ha oltrepassato il Traunne intero.

Mira in testa a quella vecchia

Agli ordini, Logan. Agli ordini. Anche io ho teso tanto, tanto, tanto... mentre miravo in testa a quella vecchia alla finestra. Una sagoma in controluce. Solo una sagoma in controluce. Non ho mai assaggiato i tuoi biscotti, vecchina. Non ho mai guardato le tue mani pallide e trasparenti.
Non sei niente, sei una sagoma in controluce. Sei una voce, un pericolo, una minaccia.

Coraggio

La mano di Logan sulla mia spalla. Coraggio.
Coraggio e forza, e spingi forte forte nel collo di quest'uomo. Vent'anni? Trenta? Hai casa? Hai una famiglia? Una moglie, una madre... e il collo è duro, il mento, le ossa e il cervello

il gorgoglio

Dei, il rumore che fa. Perchè Rock non mi hai preparata al gorgoglio che fa un uomo mentre gli scavi nel collo e nel mento e nel cervello con una daga?
E tutto quel sangue. Perchè non mi hai preparata a quel sangue e a quel rumore?

Ma poi c'è quello sulle scale... sto scordando qualcuno? Chi sto dimenticando? Quando sei vicino a una scala devi stare attento perchè è un attimo.... un attimo e cadi di sotto.
Se c'è qualcuno intorno che dice BESEXSIR voli di sotto e nemmeno te ne accorgi... e funziona, diavolo se funziona... funziona

L'odore è la cosa peggiore.
L'odore che fa un uomo mentre la schiena si squaglia nell'acido, si fonde con l'armatura, la stoffa, il metallo.... la colonna vertebrale
Il dolore che senti mentre la schiena si squaglia nell'acido

non conosco quel dolore ma conosco le grida
Perchè non so terminare il dolore in fretta? Non riesco ad ammazzare con un colpo solo, con la spada, con la daga. Sono lenta, sono lenta e la gente soffre.

Mi sa che sono diventata pericolosa.

Il magazzino è freddo gelato, buio.
Entriamo dentro, frastornati mentre la città brucia

nessuno ha voglia di parlare

... oh.

gli Elsenoriti.
Arrivano spavaldi, allegri, soddisfatti per grosso casino che hanno combinato. Ah non c'è proprio dubbio, a fare casino sono maestri.

Non mi hai dato un bacio di addio, sbaglio? Assolutamente no, mi pare.

Ho carbonizzato il corpo di Padre Mansel. Gli ho versato meticolosamente l'ultima fiala di Planem addosso, ho ricoperto quel corpo sfinito dalla tortura, mutilato e denutrito.
Perchè ho la testa così leggera? Perchè non gli ho guardato il volto? Non l'ho guardato. Non ho guardato il volto di Padre Mansel, non ho avuto il coraggio, o semplicemente non ci ho pensato
Un'ultima scintilla strappata dalla mia magia esaurita, quasi doloroso quando è finita, quando non ce n'è più, senti la mente che svanisce con la magia, il cervello, la coscienza... una scintilla, ed il corpo di quel povero Santo è avvampato

Missione compiuta, giusto? Abbiamo le gemme, abbiamo le ultime parole e le preziose informazioni di Padre Mansel. Ne è valsa la pena, non è vero Gannor?

Parlano ancora, parlano di demoni, di mostri, Slaine traduce le strane parole di Judoc.
... un antico Varngiar, creature mostruose dalla forma di insetto che popolavano l'arcipelago 3000 anni fa....

Sono un'accidenti di maga, dovrei ascoltare, dovrebbero interessarmi queste cose di demoni e di mostri e di insetti giganti e di poteri ancestrali e di misteri e possessioni demoniache

... e invece guardo il Principe di spalle e penso che forse c'è solo un modo giusto per far passare questa notte. Un modo stupido, un modo soltanto per spegnere il cervello, per togliermi dalla testa tutto il sangue e i morti e il dolore che ho provocato e la gamba che mi fa male, il taglio, il sangue

un modo soltanto.

"Vieni con me" dico. Lui non si fa pregare.

Leabhra tha

Questa sì che è una risposta. Leabhra tha.

scritto da Kailah , 12:01 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
11 ottobre 517
Venerdì 2 Febbraio 2018

Sangue nell'arena



L'eccitazione cresce scontro dopo scontro. I combattenti si affrontano sulla terra battuta e sanguinolenta dell'arena, tra le acclamazioni della folla.
La burocratica e selvaggia normativa di Trost stabilisce che le sue leggi siano scritte da chiunque riesca a superare questa pazza ordalia. Con le armi, a mani nude, con o senza armatura, tutto è concesso. Primo sangue, ultimo sangue, purché sangue sia.

Odio tutto di questa città, eppure quando i contendenti oltrepassano le grate, testa alta e denti stretti, non posso trattenere un fremito di eccitazione. Belli, forti, spavaldi e condannati al massacro.
Unisco la mia voce al coro di grida che incitano alla violenza, agito le mani, mi godo lo spettacolo.

Il Principe Aiden Marnak, dalle remote lande di Elsenor, affronta il colossale Nordro Rocknor Quattroventi. Svelto di riflessi, l'elsenorita schiva i colpi dell'ascia nordra, saetta intorno al suo avversario e finalmente lo sbilancia e lo sbatte a terra. Grida, acclamazioni, molti si affollano attorno agli allibratori per riscuotere le vincite.

Ed è subito il momento di un altro scontro, tra un soldato di Trost e uno di Ghaan. I due non sono più giovanissimi, ma ancora devono arrivare al fiore degli anni. Combattono in modo preciso, classico, competente. Alla fine, nell'esultanza generale, è il soldato di Trost a prevalere.

Non c'è neanche il tempo di finire di battere le mani che arrivano altri due contendenti, due stranieri. Uno, Omar, viene da Farsund, l'altro si chiama Keynes, o qualcosa del genere, ed ha il volto nascosto da un cappuccio. Di lui si sa solo che viene "da Nord". Mi chiedo cosa ci sia, a Nord di qui. Niente di buono, scommetto.
"Gli organizzatori hanno deciso che combatterete con un pugnale, ma senza armature!"
E via, ecco che i due iniziano a studiarsi, prima lenti, poi scattanti. Il primo ad andare a segno è Omar, che assesta un buon colpo al suo avversario. Ma l'incappucciato non sembra nemmeno accorgersi della ferita subita: i suoi movimenti sono ferini, troppo agili per essere del tutto umani. Sembra un animale, sembra.... sembra Annie.
Incrocio lo sguardo di Bohemond, che annuisce senza bisogno di parlare: il combattente che si cela sotto al mantello è un innalzato. Dà prova delle sue straordinarie capacità pochi istanti dopo, quando aggira d'un balzo Omar e lo accoltella fulmineo sul collo.
Omar cade a terra tra gorgoglii e schizzi di sangue, mentre la sabbia si tinge di rosso. Viene portato via in fretta dagli inservienti.

Un attimo di silenzio, e subito scrosciano gli applausi.
Volevate il sangue, signori? Ecco a voi.
Osservo la fanghiglia rossa e le orme che si trascinano al centro dell'arena. E' tutto così irreale.

Aiden, tocca a te.
Quanto ci metti a sbattere a terra e costringere alla resa il soldato di Trost? E' un gioco da ragazzi per te, principe. Anche se nel farlo vieni colpito forte al torace.
Fa male, eh?
L'incappucciato affronta un povero fabbro di Trost, che viene mandato al tappeto moribondo dopo pochissimi scambi. Almeno è riuscito a storcergli la spalla... peccato che per Keynes sia meno di un graffio.

Prima della finale c'è una breve pausa tecnica, per dare il tempo al pubblico di scommettere sul vincitore e organizzare l'ultimo combattimento.
L'attesa è frenetica, le gradinate sembrano impazzite per l'euforia: dovrei preoccuparmi per Aiden, ma so che nemmeno lui vorrebbe, guerriero combatte fino giorno suo destino, no problema, no preoccupa, direbbe. E allora che spettacolo sia. E che vinca il migliore, cioè lui.

Eccolo.
Eccoli.

Le grate si sollevano e i due guerrieri si fronteggiano dai lati opposti dell'arena. Portano le loro armi e le armature, ma viene loro fatto togliere elmetto e cappuccio. "Così che il pubblico vi possa vedere in faccia mentre combattete".
Una follia, pericoloso e mortale... ma che spettacolo vedere due combattenti fronteggiarsi a volto scoperto!

Il Principe Aiden fa lo spiritoso, il pubblico si lascia andare a una risata liberatoria. Ed ecco che scaglia una freccia sul suo avversario, mentre lui lo carica con spada in pugno.
Quello neanche le sente, le frecce... mi scopro a mormorare, ricordando lo scontro con il vecchio Mikey e quante frecce gli ho tirato senza creargli problemi. Come farà a tirarlo giù?

Quasi subito inizio a rendermi conto dell'assoluta impossibilità dello scontro.
Aiden ha un'eleganza innata, schiva, salta, non rinuncia mai ad attaccare. Audace e spericolato, dà spettacolo con piccoli gesti scaramantici, come quando si graffia con un ciondolo portafortuna. Il pubblico lo adora.
Ma il suo nemico, perché sì, possiamo parlare veramente di nemico, è troppo, immensamente e innaturalmente troppo forte.
Padroneggia i doni del suo sangue di demone con sicurezza, incalza metodicamente il Principe e lo stringe in un angolo, colpendolo ripetutamente.
Aiden incassa bene, un colpo, poi un altro, poi un altro ancora. Troppi.
Stringo i pugni, trattengo il respiro. Conosco il dolore, so quando fa male. So quanto si mozza il fiato quando vieni colpito al torace, ricordo il calore umido del sangue che impregna le vesti e l'armatura. Non è un combattimento, è un massacro.
Guardo verso il gruppo di Elsenoriti, attoniti sugli spalti non distante da noi. Basta, vi prego. Basta.

E finalmente, dopo troppi colpi, e ancora di più, il Principe cade.
Sollievo e delusione, soprattutto sollievo: almeno è finita.

Ma mi sbaglio, non è finita.

Mentre l'Innalzato solleva le braccia verso l'alto, accogliendo gli applausi del pubblico, e il Principe viene trasportato oltre le grate, nei sotterranei, ecco che tantissime guardie con armi lunghe accorrono a circondare il perimetro dell'arena.
Il presentatore dichiara che è giunto il momento della grande sorpresa della giornata. "I deboli di cuore faranno meglio a lasciare gli spalti, per evitare di morire per l'emozione!" dichiara. Le armi del vincitore vengono portate via, mentre il via vai di soldati si fa più intenso.
Guardie, guardie, ancora guardie. Che diavolo sta succedendo?

Finalmente una grata si solleva.
Avanzano lentamente verso la terra battuta dell'arena due sagome. Uno è un soldato di Trost, che trascina per la collottola... un Risvegliato incappucciato. E' un Hunter, una femmina. I suoi lunghi artigli sfiorano il terreno intriso di sangue.
Arrivato al centro, il soldato sfila il cappuccio al Risvegliato, gli tira un calcio e si allontana di buon passo. L'Hunter resta libero al centro dell'arena.

Sono pazzi.
L'arena gremita tace, si sente il respiro nervoso di centinaia di persone immobili. Anche circondato, sotto minaccia di trenta lance, l'Hunter fa paura.
Questo è un assassinio. Non c'è altro modo per chiamarlo. Un Hunter contro un uomo disarmato.
Ma gli organizzatori dell'ordalia hanno fatto male i loro conti. Maledetti, ben gli sta, mormoro tra i denti.
L'Hunter ignora del tutto l'uomo disarmato al centro dell'arena. Si guarda intorno cercando un varco per saltare verso la folla. Per fortuna non lo trova.

La scena è surreale. Keynes è perplesso, non sa neanche lui cosa fare. Il presentatore dei giochi sembra stupito, tutti si aspettavano uno scempio che, a quanto pare, non avverrà. L'Hunter inizia a gridare di frustrazione, o almeno così sembra.
Il suo stridulo lamento, fortissimo, sembra quello di Strillone, ma ancor più ricorda l'urlo della creatura "femmina" che cercavano i soldati di Ghaan nel mezzo dello Sfagneto.
Alla fine l'Innalzato sospira, si avvicina alla barriera e ne scardina un'asse. La spacca, per farla appuntita, e lentamente, con metodo, colpisce più e più volte l'Hunter, finché non riesce ad abbatterlo.

"Bene, sembra a quanto pare che oggi avremo una nuova legge. Auguriamo tanta buona fortuna a questo misterioso avventuriero che ha l'onore di scrivere una nuova pagina della nostra storia"
E la folla defluisce, lentamente.
L'euforia è svanita, l'eccitazione, l'entusiasmo.... lasciano il posto a tante domande, ad una strana inquietudine.

Corriamo dagli Elsenoriti a chiedere notizie del Principe. Anche loro sono frastornati, sanno soltanto che le condizioni del loro capo, per quanto gravi, non sono disperate. Sopravviverà abbastanza da far impazzire Judoc.

Non voglio pensare a cosa sarebbe successo se fosse stato Aiden a vincere lo scontro finale.
Ringrazio gli Dei che non sia andata così, e maledico mille volte questa città, assassina e scellerata.
scritto da Kailah , 11:19 | permalink | markup wiki | commenti (4)
 
6 ottobre 517
Lunedì 11 Dicembre 2017

Amici




No, Gannor.... no.

Gli occhi di Annie non lasciano speranze. Splendono malsani su una maschera nera di sangue e di fango, tra i capelli appiccicosi e i denti bianchi di un ghigno dissennato.

"Non ce l'ho fatta.... ho tentato..."

Emerge barcollando dalla boscaglia, con una torcia spenta in una mano e la spada grondante sangue e umori nerastri nell'altra.
Sola.

Oh Dei...

Il respiro mi si blocca nel petto, il cuore salta un battito. Poi un altro. Poi un... sussulto, un singhiozzo, porto la mano al viso. Gannor. Gannor è perduto.

Annie si trascina qualche altro passo in avanti, subito Colin le corre incontro, a sostenerla. Lei sembra quasi non vederlo, assorta nell'orrore.
"Lasciati pulire.... questi... questi strani tagli?"
Annie non risponde.
"Come te li sei fatti, sono sporchi, fammi pulire, aspetta..."
Bohemond si avvicina. "Lasciala stare, ha bisogno di spazio, adesso".
"Cercate di stare a distanza", fa eco Engelhaft. "State attenti... potrebbe essere pericolosa"
Ma Colin non ascolta e continua a ripulire il sangue che ricopre il suo "Paziente A".

Gannor.
Non ho il coraggio di chiederlo. So già la risposta... oh Dei.... so già la risposta.
C'è mancato un soffio l'altra volta, quando la Colonna ci raggiunse. C'erano quei due soldati di Ghaan, oltre a noi, ed insieme ad Annie il potere dell'altro Innalzato ci ha protetti. Ma c'è mancato un soffio.
Tenevo gli occhi chiusi stretti per non vederli mentre ci camminavano accanto, eppure li sentivo, sentivo il loro odore e il rantolo del falso respiro che li attraversa, i piedi che strascinavano nel loro vagare senza pace. E poi ho sentito Gannor che tossiva, che tratteneva un conato di vomito. A quel punto, d'istinto, ho aperto gli occhi - solo per un attimo! - e li ho visti.
Santi Dei, li ho visti.

Kailah in lacrime dopo la morte di Gannor

Tutto il freddo e il vento di questa notte terribile mi gelano il cuore: fa così freddo che anche le lacrime si ghiacciano e pungono come spilli sul viso. Sento le forze che mi abbandonano, le gambe cedono, ho solo voglia di raggomitolarmi in un angolo e piangere fino al mattino. Ma non è possibile.

"Muoviamoci. Se arriveremo a Trost è tutto merito di Gannor, onoriamo il suo sacrificio e mettiamo il culo dentro a quella città".
Le parole di Logan sembrano venire da lontanissimo. Lui è il primo che pronuncia il nome di Gannor.

Il sacrificio di Gannor.

Lo sapevamo che sarebbe finita così?
E' accaduto così in fretta che non c'è stato neanche il tempo di pensarci. Scacciati i quattro Hunter, eravamo braccati da un'enorme Colonna di Risvegliati... e quando Annie si è offerta di restare indietro con Gannor non abbiamo esitato.
Eppure, come avrebbe fatto Annie, sola con Gannor ferito gravemente, a raggiungere Trost? Se anche fosse riuscita a proteggerlo con il suo potere, se la colonna fosse passata oltre, cosa sarebbe successo?

In verità abbiamo lasciato Gannor indietro, perchè se avessimo provato a tirarcelo appresso la Colonna ci avrebbe raggiunti, e saremmo tutti morti. Il tentativo di Annie di schermarlo agli occhi dei Risvegliati è servito soltanto a fornire un alibi alla nostra fragile coscienza: non lo abbiamo abbandonato lì da solo, ci abbiamo provato.
Lo stesso dilemma che abbiamo avuto con Mag, ma immensamente più doloroso e difficile: non lasciavamo indietro un uomo anziano, conosciuto da poco; lasciavamo indietro uno di noi, un compagno, un amico.

Annie avanza come in sogno, mentre tutti riprendiamo il viaggio verso le luci di Trost. Colin le sta accanto, offre il braccio per sorreggerla, ma lei, sia pure senza guardare, si muove con naturalezza e agilità ferina su questo terreno impervio.

Errore, errore...

Lasciare che Annie vivesse quello che ha appena vissuto è stato un errore. Un errore gravissimo. Santi Dei.... fate che non sia così....
Non abbiamo avuto il coraggio di lasciare da solo Gannor, ma forse così facendo abbiamo perso non soltanto lui, ma anche la nostra Annie. Eppure come avremmo potuto abbandonarlo senza neanche una flebile speranza di salvezza?

Non lo so. Non lo so! Non lo so!

NON LO SO!

N O N
L O
S O ! ! ! !



Lo stato emotivo di Annie è un tesoro troppo fragile per un colpo come questo. La vedo tra le lacrime mentre mi cammina davanti: osservo la sua schiena flessibile, i capelli sporchi, i gesti scattosi. Colin continua a parlarle, ma lei non sembra sentirlo.

Ci siamo allontanate, in questi ultimi tempi. E' sempre più difficile parlarle, è sempre più difficile stare con lei, strapparle una parola, un commento. L'ultimo sorriso glie l'ho strappato a Skogen, appena arrivate, insieme a Giada. Scherzavamo, come ragazze normali.
Ragazze normali. Scherzavamo a proposito di Gannor, dei nostri compagni, ci prendevamo in giro....

Adesso è come se per Annie non ci fosse più spazio per un'amicizia normale. L'unico che riesce ad avvicinarla è Colin, che le sta addosso con inesorabile perseveranza, ed è riuscito a creare con lei uno strano rapporto medico/paziente che a volte mi sembra un po' morboso.
Engelhaft ne ha paura, Bohemond di tanto in tanto cerca di appellarsi al suo spirito marziale per farle coraggio e mantenerla salda nella buona battaglia.

Io ero l'amica normale, quella con cui chiacchierare, in tristezza ed allegria, compagna di stanza e di pettegolezzi per mesi. Adesso quella dimensione sembra essersi annientata, dissolta in tutto l'orrore che stiamo attraversando.
Vorrei correre da lei, abbracciarla, piangere insieme la morte di Gannor. Vorrei stringerla, chiederle di raccontarmi com'è andata e raccogliere il suo sfogo e le sue lacrime.
Vorrei.... vorrei di nuovo la mia amica.... ne ho bisogno!

Gannor è perduto. Poco fa era ancora vivo, sia pure ferito da quel terribile Kroc, speravamo di portarlo a Trost per curarlo. La crudele legge di queste terre dice che se qualcuno è ferito e bisogna fuggire... dev'essere abbandonato. E' troppo crudele!

Gannor, amico mio.
Dopo tanta strada insieme, finiamo per separarci in questo posto orribile, paludi maledette brulicanti di mostri. Eppure ne abbiamo passate, di avventure. Siamo usciti, malconci ma vivi, da tantissimi scontri, dai tempi di Cantor, del Vecchio Mulino di Mastro Tober in poi.
Un anno e mezzo che sembra una vita, gomito a gomito a strisciare nello stesso fango della Rocca di Tramontana, assaliti dagli stessi incubi. Quanto siamo cambiati da allora, da quando ci siamo conosciuti!
Il garzone senza famiglia ha lasciato il posto a un soldato coraggioso, affidabile, forte. Quanto si sono indurite le tue mani, soldato di Uryen.
Dovevamo tornare insieme alla Capasanta, ricordi?
Non è giusto.... no, non è giusto....

Trost, già la odio.
Odio le sue mura grottesche che si iniziano a intravedere all'orizzonte, coperte di fuoco. Odio queste paludi... il vento, il freddo...


scritto da Kailah , 12:58 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
30 settembre 517
Martedì 21 Novembre 2017

Castello di Seta

"Da sola, sì... da sola. Se c'è una cosa che non mi è mancata, in questi giorni, è la compagnia".
Rhea annuisce distratta, so di non essere una cliente interessante: chiedo poco, pago poco, sono poco attratta dalle meraviglie offerte da questo luogo di piacere. Qualche moneta di rame in cambio di una tinozza d'acqua calda, niente di più, niente di meno.
Eppure non so trovare parole sufficienti a descrivere il sollievo che provo mentre immergo il corpo nell'acqua calda, in questa stanza semibuia, chiudo gli occhi... e respiro. Finalmente in pace. Finalmente non devo preoccuparmi di nulla.

Skogen è un ben triste villaggio a guardarlo oggettivamente, ma quando ti trovi disperso nella Terra di Nessuno, al freddo, affamato e sporco all'inverosimile, coi piedi sempre umidi, dolenti, le mani gonfie e l'ansia costante di essere attaccato da Risvegliati o Kreepar, ecco che queste misere poche case diventano la terra promessa, un porto sicuro.
Il porto sicuro che Mag non è riuscito a raggiungere, nonostante tutti i nostri sforzi.



Mag.
Chissà se riuscirò un giorno a ricordarlo per l'uomo che era, con i suoi guizzi di genialità e l'innegabile vena di follia. Il vecchio capellone che ci ha fatto scoprire l'esistenza della Garmanbozia e che ha salvato la vita di tutti noi trovando un rigagnolo d'acqua nei pressi dell'Antico Maniero.

Parlava di sè in terza persona, a tratti si perdeva in ragionamenti sfilacciati, ricordi confusi. Ma altre volte era precisissimo nel riportare nomi e date, fatti importanti: era un buon osservatore, abile a orientarsi e a trovare di che sopravvivere. Gli ultimi mesi della sua vita erano stati un incubo di solitudine e prigionia, circondato dagli spettri barcollanti dei vecchi compaesani trasformati in mostri. Anche la sua compagna, Patty, un brutto giorno è andata perduta.
Avevamo portato un barlume di speranza, quando lo abbiamo liberato dalla cella in cui i soldati di Ghaan lo stavano facendo morire di fame. A Trost aveva amici, forse parenti, sperava di raggiungerli e rifarsi una vita.
E invece.

Chissà se riuscirò a rivedere il suo volto magro, per prima cosa, quando ripenserò a lui. Le mani sottili con le vene a rilievo. Chissà se riuscirò a togliermi di dosso la sensazione spiacevolissima, nauseante, di qualcosa di liquido, tiepido e appiccicoso che mi cola lungo la schiena, penetra il mantello e i miei abiti. Chissà se ricorderò la sua voce, un giorno, e non i rantoli affannati durante quell'ultima, micidiale fuga.
Non ce l'ho fatta a salvarti, Mag.

"Voi sapete che quel vecchio è morto comunque, e sta cagando sangue da tre giorni, vero?"

Parliamo dei sensi di colpa.
Parliamo della paura di morire, mentre quella mandria di Risvegliati ci incalzavano.
Parliamo della speranza che qualcuno dicesse che Dan aveva ragione. Parliamo di come non volessi essere io a dargli ragione. Non io, no. Non io. Anche se lo sapevo, giù in fondo, nell'ombra torbida del mio cuore, laggiù in fondo lo sapevo anche io che Dan stava dicendo il vero.

Voglio dimenticare il sollievo che ho provato quando Logan ha ammesso che era finita, che Mag non ce l'avrebbe fatta. Non ero già più io a trasportarlo, ho resistito solo pochi minuti di quella fuga precipitosa col suo peso sulle spalle. Eppure sapevo che se ci fossimo ostinati a trascinarci dietro Mag saremmo tutti morti. Lo sapevo, volevo piangere, non volevo ammetterlo.
Poi ecco, Logan ingoia l'amarezza e dichiara ciò che ormai è evidente. E, poco prima che l'orda di Risvegliati sopraggiunga, trova il coraggio di dispensare la misericordia che il povero Mag merita, prima dell'inevitabile scempio finale.

Riuscirò a ricordare Mag senza rivedere il suo corpo straziato, fatto a pezzi e sbranato da quell'orda di corpi irrequieti? Riuscirò a vederlo ancor fragile, ma vivo e umano, oppure nel ricordo quel lago di sangue, visceri e brandelli prenderanno per sempre il sopravvento?

Non ho mai visto una morte tanto orribile, un corpo straziato a quel modo. E dire che di morti ne ho visti, da un anno e mezzo a questa parte. Ne ho visti tanti davvero.
La morte fa schifo, puzza. Il sangue viscido, le budella, l'infame contenuto degli intestini e dello stomaco, la bile... non importa quanto siamo belli quando abbiamo ancora la pelle indosso: sotto siamo tutti fatti di una poltiglia schifosa.
Eravamo lì fermi, inorriditi e silenziosi, a contemplare i Risvegliati che spalmavano il povero vecchio Mag sulle rocce, gli uni addosso agli altri, in un banchetto infernale.

Vorrei poterlo dimenticare. Vorrei potermi lavare di dosso i ricordi, non soltanto la sporcizia e il sudore del viaggio.
Chi era che mi diceva che Shasda è la dea dell'oblio? Forse Padre Engelhaft, non ricordo bene. O forse era Bohemond, così preoccupato all'idea che varcassi questa soglia, che entrassi nel Castello di Seta. Capirai, il Castello di Seta, che paura.
Certo, un pochino di oblio mi farebbe piacere, lo ammetto. Vorrei dimenticare tutto quel sangue, i lamenti, l'odore orribile di un uomo malato che mi si disfa letteralmente sulla schiena. La carne strappata, i nervi sottili, i brandelli di vestito, le ossa che scricchiolano. Ho un sacco di cose che vorrei dimenticare.

E invece mi tocca ricordare.


scritto da Kailah , 14:37 | permalink | markup wiki | commenti (2)
 
24 settembre 517
Mercoledì 27 Settembre 2017

Armi magiche



Lo scorso gennaio eravamo sulla sponda occidentale del fiume Traunne, schierati dopo lo scontro con la Bestia del Ponte. L'orribile mostro sprofondava lento tra i ghiacci quando una moltitudine di Risvegliati iniziarono a radunarsi sulla riva orientale.
Era buio, la notte rischiarata soltanto dai nostri fuochi, eppure tra le sagome barcollanti e scomposte riconoscemmo lei, Mirai.
Immobile, silenziosa, la giovane donna con antenne di insetto ci guardava da lontano.
Impotenti la osservavamo, ancora frementi di rabbia per i compagni perduti per mano dei suoi mostri.

"Prestami l'arco"
Senza più elmo, con un sottile rivo di sangue che gli scivola sulla fronte, il Sergente Rock mi guarda e protende la mano.
Afferra il mio arco e lo tende.
Sento scricchiolare il legno, la corda tendersi, e tendersi ancora e ancora. E quando penso che non sia possibile tendere ancora di più, lui tende ancora. Tende ancora. E scaglia.

Colpito alla testa, un Risvegliato cade a terra. Uno degli innumerevoli Risvegliati che affollano la riva orientale del fiume. Una goccia nel mare. Uno di meno.
Il mio arco è un buon arco. Ha un nome, una storia. E' stato impugnato da mani più forti delle mie e ha dimostrato tutto il suo valore.

Siamo bloccati su questa collina, al riparo dell'Antico Maniero. Non distante da qui, su un'altura che gode di ottima visuale sul sentiero, si trova un accampamento di soldati di Ghaan, almeno una dozzina di persone. Troppi, per noi.
Non è facile scegliere quale, tra le tante pessime alternative che abbiamo, sia la meno pericolosa. Siamo stati impegnati in una lunga e accesa discussione, per decidere se sia meglio farci sgominare dai nemici o sbranare dai Kreepar, e ancora non ne siamo venuti a capo.

Le obiezioni di Bohemond alla mia proposta sono tutte sensate e ragionevoli. E' da pazzi dividersi, da pazzi sperare di ingannare i nemici indossando le loro insegne, da pazzi sperare di riuscire con la barella di Mag e tutti i feriti ad arrivare Skogen senza essere inseguiti. Il rischio di essere raggiunti, uccisi o fatti prigionieri, è alto.

Ma vediamo le alternative.
Bohemond suggerisce di sfruttare la copertura offerta dai ragni giganti per sgattaiolare via di notte, nella boscaglia e con meno luci possibile. E' sorprendente come proprio lui, che ha sperimentato sulla sua pelle il terribile morso di una di quelle creature, sia disposto ad affrontare nuovamente una simile minaccia.
Colin propone di cercare una strada alternativa e, qualora ci fosse, percorrerla: aggirando la zona pattugliata dai soldati di Ghaan e sbucando, a quanto dice Logan, nei pressi di Pavnor. Ma Colin a Pavnor l'anno scorso non c'è stato, per questo non si rende conto di che trappola mortale sia quel villaggio infestato dai Risvegliati. Può darsi che se ne siano andati, dice. Certo, può darsi. Ma di solito qui le cose tendono a peggiorare, non a migliorare.

Ammesso che non ci venga qualche idea veramente geniale, siamo stretti tra tre possibilità, più o meno da articolare: vedercela coi soldati nemici, vedercela coi Kreepar, vedercela coi Risvegliati. Tutte e tre molto brutte, nessuna che offra buone possibilità di riuscita. Per questo la scelta è così difficile.

Personalmente, tendo a preferire i nemici umani.
A Ghaan ci sono persone "strane", gente sicuramente orribile, stregoni che fanno esperimenti sui soldati e sui Risvegliati, e chissà quanti altri abominii. Ma c'è anche gente normale, che spera di salvare la pelle fino alla fine di questa guerra. Gente che possiamo combattere, che possiamo ingannare, gente a cui possiamo persino arrenderci.
I Risvegliati, oltre che spaventarmi, mi mettono una tristezza incolmabile: anche in loro riconosco traccia dell'antica umanità, e ne vedo la corruzione, l'orribile degrado. Sono uomini trasformati in mostri, capaci a loro volta di trasformarci in morti che camminano.
Quanto ai Kreepar... sono mostri. Mostri puri e semplici. Senza un'anima, una coscienza, una "malvagità". Sono guidati dall'istinto degli insetti e per loro noi siamo soltanto cibo.
Mi fa una paura dannata l'idea di avanzare al buio in una foresta popolata da ragni giganti, traslucidi come spettri, che ti scivolano sopra dall'altro all'improvviso per inoculare il loro veleno. Quando quel ragno si è lasciato cadere su Gannor sono riuscita a far avvampare la torcia che il mio compagno teneva in mano. Quando è stato il mio turno di essere il suo bersaglio ho infiammato la mia spada, e il solo ardere della luce di Pyros ha tenuto a distanza quella creatura. Il fuoco scaccia questi ragni giganti. La mia spada magica scaccia i ragni giganti. Lo so, sarebbe bastato anche il gambo di uno sgabello rotto... ma mi piace di più pensare di avere una "spada magica". No, non esistono spade magiche in senso stretto. La magia si infonde in un'arma attraverso il lavoro di chi la forgia, il coraggio di chi la impugna, il briciolo di Yoki che serve per farla risplendere.
Facile no? Infiammo la spada e avanziamo di notte tra decine di torce e lanterne per tenere a distanza quei mostri... ma invece il piano di Bohemond prevede di avanzare nella tenebra, quasi alla cieca, per non farci scoprire dai nemici. Al buio, nel bosco, circondati dai ragni giganti.

La domanda che dobbiamo fare a noi stessi è cosa ci faccia un po' meno paura: i soldati di Ghaan, i Risvegliati o i Kreepar? Non è la morte a farci paura, ma quale morte. Personalmente, ho un pochino meno paura dei soldati di Ghaan.

Kailah con la spada di fuoco (immagine)
scritto da Kailah , 15:03 | permalink | markup wiki | commenti (3)
 
20 settembre 517
Lunedì 28 Agosto 2017

Funerea campagna

E' calata la sera. Lavoro da molte ore per rinforzare porte e finestre di questa casa, utilizzando tutto il materiale che sono riuscita a trovare: assi di legno, pezzi di mobilio sfasciato, resti di infissi. Razionalmente lo so che è inutile, se l'armata di non-morti che abbiamo visto passare qui vicino deciderà di venirci a bussare, eppure non riesco a restare senza far nulla.
Anche Engelhaft si è dato da fare: ha scoperto un vecchio cerchio protettivo intorno a queste quattro mura, una specie di sigillo di Kayah che dovrebbe impedire al Male di penetrare al suo interno. Si è chiuso in preghiera, ribattendone i segni, con la speranza che possa funzionare ancora e proteggerci questa notte.
Ma Karc è vicino, oltre il fianco della collina. Se dicessi che riesco a sentire la puzza di morto fin qui mi si potrebbe rispondere che è tutta suggestione, quindi non lo dirò, ma il senso di minaccia è fortissimo. Quanti Risvegliati ci saranno, a Karc? Cento? Duecento? Mille? Ventordicimila?
Troppi, poco ma sicuro.
E quel che è peggio, c'è qualcuno che li comanda: non sono una moltitudine di involucri morti e senza più cervello, ma un esercito di soldati che non sentono la fame, il freddo, la paura, il dolore.
Annie ha visto due "persone", in mezzo alla moltitudine di Risvegliati, ne ha percepito la presenza: forse si tratta di individui che, come lei, sono stati in qualche modo trasformati dal contatto con un Demone. Lei "sente" se si avvicinano, un po' come è stato per lo "Strillone", oggi pomeriggio. Chissà se anche loro riescono ad avvertire la presenza di Annie, e a che distanza. I poteri di Annie crescono velocemente, come pure la sua reattività al Potere Magico. Di solito con il Potere Magico funziona così, che chi è in grado di "percepire" può essere a sua volta "percepito".
Pianto qualche altro chiodo, va, e confido che Engelhaft reciti qualche altra preghiera. Male non può fare.



Sono la prima a esserne meravigliata, ma inizio ad orientarmi molto bene in queste terre sciagurate. Tornarci a distanza di un anno mi ha permesso di assimilarne la conformazione. Logan è una guida formidabile, un grande maestro: le sue parole disegnano il paesaggio, svelano le cicatrici della guerra e del tempo, danno un significato alle tracce e ai nomi dei luoghi.
L'antica diga fatta crollare per allagare le campagne e spazzare via i nemici, lo Skogg, le paludi e la zona delle cave dove riposa l'Antico Profeta. Il frutteto contaminato, che soltanto un anno fa ci ha dato di che sopravvivere alla fame, e che adesso è incolto, morente. L'Altare, coi suoi alberi contorti e inginocchiati in preghiera. E poi l'Angelo di Pietra, non molto lontano da qui... nomi che fanno pensare ai popoli antichi che abitavano su questo altopiano, e da cui trapela una religiosità ormai perduta.

C'è una crudele ironia se si pensa che i luoghi di culto più antichi, i sepolcri degli antenati, siano oggi diventati la peggiore delle minacce. I Cairn del Cariceto di Amedran, il Cimitero di Cantor, e chissà quanti altri: questo morbo ha trasformato il rapporto con la morte, con i nostri stessi morti. Al rispetto si è sostituita la paura, la degna sepoltura ha ceduto il passo ad una brutale decapitazione, al riposo nella pace di Kayah ecco che subentra un triste ed eterno vagare nella funerea campagna.
Persino il pudore è stato profanato da questa maledizione. Le carni marcescenti, la puzza di decomposizione, le ossa giallastre che trapelano tra gli squarci della pelle. La decomposizione dei corpi, sorte penosa e umiliante che aspetta tutti dopo la morte, un tempo era nascosta da una decente sepoltura. I morti, avvolti nei sudari, erano deposti nella terra e lì potevano lentamente disfarsi, senza che questo marciume fosse esposto alla luce del sole. Non c'è nudità peggiore di un corpo che si fa carcassa putrida. Un corpo che ha vissuto, ha respirato, che è stato cullato da una madre e amato da una sposa, da uno sposo... un corpo che si svelava soltanto davanti agli occhi benevoli dell'amore, e che altrimenti, pudico, restava avvolto dagli abiti.

Tomba di famiglia - Morstan

Ricordo - con un certo senso di colpa - le rare visite al cimitero dove è sepolta mia madre.
I Morstan hanno una cappella di famiglia, in marmo bianco, decorata con vecchie statue che raffigurano angeli in preghiera. Lì dentro riposano i miei antenati.
C'è un cancelletto che chiude la cappella, con una catena ed un lucchetto di cui mio padre custodisce la chiave. Il marmo è bianco ma il cancello è scuro. Da bambina mi faceva paura il cigolio di quel cancello e mi chiedevo a che scopo chiudere a chiave una tomba di famiglia.
"Ci sono ladri che profanano le tombe alla ricerca di gioielli" mi spiegò Enrik. "Serve a quello il cancello"
"Temevo che fosse per paura che i morti scappassero via..."
"I morti non scappano, ma i morti ricchi a volte indossano gioielli"

Eppure l'idea dei morti prigionieri di quella cappella umida, l'idea di mia madre prigioniera in quella cappella umida, non mi faceva dormire.
Mia madre è rinchiusa lì dentro, immobile, circondata da morti di cento anni prima. Il suo viso bellissimo e morbido poco a poco è rinsecchito, le guance scavate, le labbra si sono ritirate rivelando un ghigno scheletrico. Al posto degli occhi due pozzi neri e marcescenti.
Lei, che in vita possedeva una grazia naturale, sempre attenta a non mostrarsi spettinata, che persino all'ultimo, malata e sofferente, insisteva per indossare le camicie da notte più belle e ricamate... non ha potuto far nulla per evitare il decadimento del suo corpo mortale, la sua trasformazione in un mostro orrendo.
Ma nessuno l'ha vista disfarsi, almeno questo dolore le è stato risparmiato. Il suo corpo è stato chiuso intatto nella tomba e nessuno ha mai potuto profanare il suo pudore. Bella addormentata, indisturbata, nella pace di Kayah.
A noi che le volevamo bene è stata data la consolazione di piangere sulla sua tomba e poterla ricordare per sempre com'era quando se n'è andata.
Quanta crudeltà c'è invece in questi cimilteri che si spalancano, vomitando cadaveri feroci e assassini per le campagne, nei villaggi, tra i familiari in lutto. Non è giusto che il conforto del pianto sia sostituito dalla paura, dal terrore.
Sono passati molti anni ormai, ma non riesco ad immaginare nulla di più doloroso di rivedere mia madre mentre vaga bacollante e scheletrica in mezzo ad altri Risvegliati. Staccarle la testa, bruciarla, abbatterla come un mostro.

Che cosa stiamo diventando?
Una civiltà che combatte i propri morti, che li brucia, che ne ha paura. I cimiteri, non più luoghi di preghiera e di raccoglimento, sono fonti di contagio da cui si propaga questa terribile maledizione.
Chissà quando, chissà dove, moriremo tutti. E se la guerra e la piaga perdureranno, quando verrà il nostro momento, avremo le teste mozzate dal collo, saremo bruciati e abbandonati lontano, senza neanche il conforto di un cipresso o di una pietra con il nostro nome sopra.
Peggio ancora, vagheremo forse noi stessi, nemici dei viventi, terrorizzando chi ancora respira. Avanzeremo tra l'ortica e l'erica, trascinando i piedi, mentre un gemito sibilante farà vibrare il nostro petto svuotato. Mostri, non-morti, l'identità svanita, il corpo sbrindellato, denti e artigli fin troppo affilati.

Insomma, a Karc c'è un cimitero, ma non andremo lì a portare fiori.
Forse nemmeno riusciremo a raggiungere il villaggio, troppo brulicante di mostri che un tempo furono uomini. Le tracce del carretto con gli schiavi di Zodd vanno in quella direzione, ma temo che non ci siano possibilità di salvarli. Staranno brancolando insieme a tutte le altre belve impietose, o al massimo chiusi in qualche gattabuia di Ghaan, in attesa di essere sottoposti ad esperimenti che nemmeno voglio immaginare.
I nostri nemici non hanno rispetto nè per i vivi nè per i morti. Spezzano sigilli, giocano con forze antiche che non possono controllare, trascinati da un delirio di potenza che li abbaglia ed impedisce loro di scorgere il mondo su cui finirebbero per regnare: un mondo di morti, di mostri, di marciume e oscurità.
Non è che il nostro schieramento sia poi così innocente, lo so, ma non è il momento per fare autocritica. E' il momento di inchiodare assi su assi, barricare porte e finestre, pregare che i sigilli di Padre Engelhaft funzionino e che la colonna infame di non-morti risparmi, almeno per questa notte, la "casa che butta giallo".
Al sorgere del sole decideremo che fare.

La casa che butta giallo (immagine)
scritto da Kailah , 22:36 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
15 settembre 517
Lunedì 3 Luglio 2017

Quando dire sì, quando dire no.



Annie apre gli occhi, dopo giorni di sonno profondissimo. Siede sul letto, ancora non sa di trovarsi a Skogen. Ansima, si guarda intorno, poi il suo sguardo incontra il mio. "Ho fatto un sogno", dice.
Il bianco dei suoi occhi, già prima iniettato di sangue, è diventato nero. L'iride, un tempo azzurra, adesso è rossa e sembra brillare debolmente.
"Ti senti bene?"
La mia amica annuisce, si alza in piedi e sgranchisce le gambe. I segni delle ustioni sono quasi scomparsi, trasformati in sottili linee viola che le percorrono il viso. Sono io a restare senza parole, mentre la guardo.
"Ho qualcosa di strano?" domanda, leggendo lo sgomento nel mio volto. Annuisco. "I tuoi occhi... sono diversi"

Il sidro è dolce, alla festa di addio degli Elsenoriti. Ho studiato tutto il giorno, sento gli occhi stanchi e un piacevole torpore. Quando il Principe si avvicina per salutarmi sorrido e gli porgo la mano. "Se tu maga, tu non può non venire nostra isola"
Annuisco, con piacere. Poi ecco lui mi guarda e domanda: "Io volere sapere se tu questa notte volere essere mia principessa".
... mia principessa.
Farfuglio qualche scusa sgrammaticata, ma lui insiste: "Tu innamorato? Tu futuro marito che aspetta casa?". "No", ammetto, "io pensa uomo impossibile". Impossibile... non saprei descriverlo meglio. E a quanto pare per Aiden un "uomo impossibile" non è una ragione sufficiente a rinunciare.


Quando usciamo dal Tempietto di Kayah, al cimitero, Annie trema, per un attimo barcolla. Si allontana di qualche passo dalla cappella, raggiunge il torrente e tossisce sangue nero. Dice che sta bene, che è stato solo un capogiro. Sistema il cappuccio in modo che le nasconda il viso, quindi procediamo verso quello che qui chiamano il tempio della mantide: la casa di Mirai.
Una casa apparentemente innocua, in legno, vicina al Castello di Seta.
Già a una certa distanza avverto la magia che vibra: ad ogni passo verso la casa, la magia reagisce e si espande verso di me, trasmettendo un senso di sicurezzza e piacere.
Dir... Bes...
Le rune si formano sulle mie labbra senza quasi che io me ne renda conto. Intorno alla casetta si materializzano colonne di marmo rosa, tutte scolpite con bassorilievi elaborati. Sulla porta e sulle pareti della casetta appaiono dei glifi luminescenti, di lontano si avverte un vago ronzio, il fremere come di infiniti insetti.
Dovrebbe spaventarmi tutto questo, eppure mi sento accolta, specialmente con Annie accanto.

Aiden è silenziosissimo quando viene a chiamarmi.
Più che un principe sembra un ragazzino che non vede l'ora di fare una gran marachella: usciamo nel coprifuoco di Skogen senza fiatare, trattenendo il riso. Ma dobbiamo fare poca strada, il suo "castello" è una casupola abbandonata vicino a quella in cui siamo ospitati.
E' più che sufficiente per noi.
Per fare una principessa non serve un castello: a quanto pare basta un Principe.
Dimentico in un istante Conrad, che mi voleva soltanto per potersene vantare, ed anche Alyster scompare nel nulla che è. Non dimentico chi non è mai stato, nè mai sarà... eppure riesco a sospingerlo dolcemente in un angolo, lontano dai baci e delle carezze dell'elsenorita. Finalmente capisco il senso di tutto questo affannarsi: Aiden sa essere rispettoso, divertente, senza fisime e senza pretese. So che lui e la sua gente sono pirati molto pericolosi, eppure è da lui, da un pirata di Ilsanora, che imparo una buona volta cosa significa..... .
Domani si ricomincia ad avanzare, soffrire e combattere. Ma adesso esiste soltanto questa notte, bel ricordo di sua isola e mio continente.


La casa mi attrae, il suo richiamo è sempre più intenso.
Ho una voglia fortissima di allungare la mano e sfiorare la colonna che ho davanti, sentire se il marmo così ben scolpito è freddo, se è tiepido, se è reale. Osservo i bassorilievi dall'aria antica, un altro passo e potrei toccarli. Altri pochi passi e potrei raggiungere la maniglia della porta. Aiden c'è riuscito, l'ha provata ad aprire... ma quella porta per lui era chiusa. Qualcosa mi dice che per noi, per me e soprattutto per Annie, quella porta si aprirebbe.

Ma no. Evitiamo.
"Tutto ok Annie?"
La mia migliore amica annuisce: vede anche lei quello che sto vedendo io. Le colonne sommerse nel suo sogno, il richiamo. "Bentornata a casa..." la voce della Mantide.
"Torniamo indietro, dai"
Un passo dopo l'altro, le colonne si fanno diafane e svaniscono, la magia si ritrae verso le mura della casetta, l'aria torna quieta.
"Una trappola, secondo me era una trappola" mormoro ad Annie appena prendiamo fiato. Lei annuisce.

Turbate, torniamo da Engelhaft e dagli altri.
Non è vero che non bisogna mai chiudere gli occhi... ma di certo è importante riaprirli in fretta, appena serve.

Io & Annie (blog)
scritto da Kailah , 14:50 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
11 settembre 517
Sabato 3 Giugno 2017

La lingua dei maghi e la lingua dei furfanti

Judoc. HEL Annie DIR YSH
Così è iniziato il mio dialogo con il druido elsenorita Judoc.
Ieri, mentre eravamo nel canalone sotto la Sacra, l'ho sentito pronunciare rune identiche a quelle che ho studiato io. Così mi sono detta che forse poteva essere un modo per comunicare, una specie di lingua universare tra maghi, sufficiente a esprimere qualche concetto tra persone come noi che vengono da paesi diversi. Ha funzionato.
Certo, non è che con qualche runa si possa fare chissà quali chiacchierate, ma è comunque utile per comunicare direttamente, quando non c'è l'interprete.

Milo sta ancora aspettando quelle sette corone
Ed ecco invece il mio esordio con Zodd. Un'altra lingua in codice, frasi che di per sè hanno poco senso e che solo chi ha la chiave può interpretare: un vecchio credito legato a chissà quale storiaccia passata, grazie al quale siamo riusciti ad ammorbidire il capo di Skogen.
A modo suo, Zodd è un galantuomo. Io l'ho sempre sostenuto, sin dall'altra volta che siamo stati qui, ed anche oggi non sono stata smentita. Appellarmi a lui, anche a costo di rendermi un po' ridicola, ha risparmiato a me e a Mangusta (per non parlare di Annie) l'offesa di venire denudate pubblicamente, con la scusa del controllo di eventuali ferite prodotte da Risvegliati. Con Giada non ho fatto in tempo, sono stata presa alla sprovvista, ma spero che la mia amica non me ne voglia: tra l'altro non c'è stato più modo di parlarle, si è messa subito al lavoro per far credere a Zodd che sarà lui a farla finire al Castello di Seta. Brava, coraggiosa Giada.

Abbiamo il problema Logan. Sarà sottoposto a una specie di ordalia dopodichè, se sopravviverà, dovrà compiere una missione per conto di Zodd, nella quale potremo aiutarlo. Infine si sarà conquistato la benevolenza del nostro ospite.
Ho grande fiducia in Logan e spero che riesca a superare la prova: purtroppo in questa prima fase potremo fare pochissimo per aiutarlo, se non pregare per lui. Già domani sapremo di che si tratta, speriamo non sia una missione impossibile... ma confido che Zodd non voglia sprecare un uomo come Logan: gli conviene di più tenerselo vivo e sfruttarlo in una missione in cui magari non vuole rischiare i suoi soldati.

Se riusciamo a tenerci buono Zodd, avremo un alleato nell'indagare il Culto della Mantide.
C'è un'altra lingua infatti, qui a Skogen, che non conosciamo: la lingua delle maledette streghe preistoriche, la lingua di Mirai. Ha lasciato un cartello, inciso su un legno antichissimo, con uno strano scarabocchio sopra. Engelhaft dice che è roba vecchia legata ai culti della tenebra. Mirai ha casa qui a Skogen e il pensiero di poterla esplorare non mi dà pace: magari lì dentro potremo trovare la chiave per decifrare quel che le è accaduto.... e quel che ha fatto alla nostra Annie.

Non ce lo dimentichiamo, è stata Mirai a ridurre Annie a questo modo.
Ho visto la pancia di Annie, insieme a Judoc. Accidenti, non va proprio bene, fa paura: ha due buchi, in basso, che sembrano narici, e delle striature violacee che la percorrono tutta...
La povera Annie è miracolosamente ancora viva, dopo il gran botto di ieri, e a quanto dicono i nostri medici le ustioni si stanno rimarginando molto più in fretta del normale. Un po' ci contavo, devo ammettere.... EX HEL dice Judoc: si cura da sola.
Ormai dorme da più di 24 ore, respira debolmente, non sembra soffrire. Erano settimane che non dormiva davvero, ma era sempre in uno stato vigile, anche la notte. Chissà se sta sognando, chissà cosa può sognare una persona nelle sue condizioni.

Ah, ma Mirai deve pagare con gli interessi per quel che le ha fatto, non ci sono santi. Deve pagare. E non importa se "poverina" è posseduta da chissà quale Demone Shanti preistorico o che ne so io: Mirai era già un'odiosa egocentrica viziata da persona normale, non le sarà parso vero di diventare un mostro e poter soddisfare i suoi capricci con antichi immensi poteri.
Il Culto della Mantide... tsè. Ma chi crede di essere: la mantide non è altro che un grosso insettaccio scarafaggioso, e come tale andrà schiacciato sotto al nostro stivale.

Mirai strega preistorica (blog)
scritto da Kailah , 05:15 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
10 settembre 517
Domenica 14 Maggio 2017

Gli ultimi giorni normali



"Non so se sei pazza o coraggiosa, Annie, però mi piaci".

Mi pare di sentirlo ora, Boar. Pazza o coraggiosa, Annie, pazza o coraggiosa... però mi piaci.
Lei se ne va senza fiatare, lui ci rimane un po' così. "S'è offesa? Voglio dire... era un complimento..."

Holov, un anno fa.

Brian scoppia a ridere. "Lo sai cosa significa Boar, in elfico?".
In disparte, poi, Boar mi chiede consiglio su come comportarsi con Annie. "Troppi mesi buttati a fare il soldato... non ci so più fare con le ragazze... penserà che sono uno scemo, o che ce l'ho con lei..."
"Prova a parlarle quando sarete da soli", gli dico io.

Non potevo sapere che quel momento non sarebbe mai più arrivato.

Di lì a poco Annie viene risucchiata nell'assurdo massacro di Holov, di lei si perde ogni traccia. Come di Mirai, d'altronde. Annie scompare, Boar inghiotte il dolore e continua a combattere insieme a noi.

Fino a quella notte.

Ho già visto un'ustione spaventosa come quella che devasta oggi il volto di Annie. L'ho vista molto bene, perchè sono stata io a provocarla.
Ho versato una fialetta di Planem sulla gamba del mio amico, là dove un Risvegliato l'aveva morso, e morso, e morso ancora. Ho versato il Planem, ho aspettato che si spargesse sulla ferita... ed ho pronunciato le rune.

La gamba di Boar è avvampata. E' indescrivibile la puzza che si sprigiona da una gamba avvolta di Planem. La fiammata è stata veloce, ho fatto il possibile per circoscriverla e cauterizzare solo dove necessario, e Boar ha stretto i denti: che dolore terribile deve aver provato. Un dolore inutile, un vano tentativo di evitare l'inevitabile.
Alla fine mi ha persino ringraziato, prima di allontanarsi con il Sergente Mikhall verso il buio.

Gli ultimi giorni normali sono stati ad Holov, poco più di un anno fa.
D'accordo, c'era già la guerra, i Risvegliati, i soldati di Ghaan e i primi Kreepar. C'era Mirai, ma era ancora in bilico tra rimanere umana e abbandonarsi del tutto all'entità demoniaca che in seguito l'ha risucchiata.
Non era un mondo facile, ma era un mondo che credevamo di riuscire a comprendere.

Poi Annie viene fatta prigioniera, Boar muore, Brian prende i voti da Paladino. Mirai gioca con i miei ricordi, confondendoli e creandone di nuovi, di mai accaduti.

Infine torna Annie, liberata in uno scambio di prigionieri, e diventa davvero difficile trovare un senso a tutto.
Annie viene accolta in maniera tutt'altro che festosa. Molti sospettano di lei, il suo aspetto strano suscita preoccupazione, i sintomi sempre più gravi di una mutazione in atto appassionano i medici e allontanano gran parte dei commilitoni.

"Sangue di Demone", ecco l'ultima teoria: Annie sarebbe contaminata dal sangue di un demone. Cosa questo significhi è difficile a dirlo, ma l'espressione è altisonante e mette paura. Anche Judoc, questa specie di mago druido elsenorita, insiste a parlare di Sangue di Demone.

Mi tolgo l'elmo, ho bisogno di respirare.

Sul metallo è visibile il graffio lasciato dall'artiglio dell'Hunter. C'è mancato poco. Quella creatura velocissima è saltata sul carretto e mi ha attaccato, me la sono trovata davanti senza quasi accorgermene. I miei compagni erano occupati coi ventordici Risvegliati che arrivavano da dietro, con gli altri da davanti, con gli altri due Hunter dal fianco. Il Principe Elsenorita mi ha dato una mano, o meglio, ha staccato una mano all'Hunter, rendendolo un avversario più gestibile. Dovrò ringraziarlo.

Ma adesso è occupato, sta di vedetta con le due scimitarre in mano, sorveglia la nebbia insieme ai compagni. Fa bene: in qualsiasi momento potrebbe saltarci addosso qualche altro mostro. Che strano tipo. Sentendosi osservato si volta, mi vede e fa un gesto che vorrebbe forse essere rassicurante. Anche lui però sembra turbato.

Abbiamo visto un Wyrm.

Ci è passato sopra a tanto così, raggiante nel suo blu vivace, immenso, con ali così ampie da lambire i fianchi del fossato. Una creatura meravigliosa uscita dalle leggende. Questi non sono più giorni normali: viviamo nel Khal Valàn, ormai.

Non esistono più giorni normali.

Alzo gli occhi verso la striscia di cielo che indica la strada, una linea azzurra tra la nebbia velenosa a sinistra e la roccia aspra a destra. L'ombra del ponte di pietra ci sovrasta, spezza l'azzurro, promette che non è ancora finita.

Colin ed Engelhaft si affaccendano intorno al corpo esanime di Annie. Ha il viso sfigurato dall'esplosione, parte della mandibola è scarnificata, tra i brandelli di pelle sembra quasi che si possa intravedere l'osso. I capelli sono bruciati, il collo devastato. Ha gli occhi chiusi, respira appena.
Eppure Annie è speciale, se 'c'è qualcuno in grado di sopravvivere a tutto questo è lei.

"Non so se sei pazza o coraggiosa, Annie, però mi piaci". Potrei dirlo anche io.

Il Sangue di Demone può trasformare il suo corpo, renderlo più forte, può iniettare i suoi occhi di sangue e frastagliarle l'iride, può darle la capacità di vedere al buio e attraverso la nebbia velenosa. Il corpo di Annie sta mutando, ma la mente e il cuore sono sempre quelle di una caparbia ragazza di Mar, la mia amica pazza e coraggiosa. Annie, che si imbarazza se parliamo di ragazzi, che fa l'offesa così facilmente e pensa di tanto in tanto a Moffy, nella sua stanzetta di Uryen.

"Che fai, Kailah, rimettiti l'elmo".

Logan lo dice quasi con dolcezza. In piedi, alle mie spalle, scruta verso la nebbia che trasuda dalla fortezza dei Paladini Risvegliati. Nell'innaturale silenzio il suo respiro è regolare. Devo mettere l'elmo, restare all'erta.

Annie ha abbattuto l'Abnormis e il Wyrm ha spazzato via ventordici Risvegliati e passa, ma siamo ancora a pochi metri dalla nebbia dove si è nascosto lo Strillone con chissà quante altre creature mostruose che non vedono l'ora di saltarci addosso. E siamo bloccati qui, con Annie in queste condizioni non è possibile muoversi, dobbiamo fare quadrato intorno a lei e ai medici che cercano di salvarla.

Infilo l'elmo, che scivola sui capelli. La treccia si impiglia nel laccio, la libero: è più corta adesso, più leggera, grazie a Giada.
"Perchè non ti fai pettinare anche tu? Diamo una sistemata a quei capelli, Annie"
Ma Giada adesso è rannicchiata a terra, abbraccia le ginocchia con le braccia, non l'ho mai vista così fragile. Era a un passo da me, a un passo da quell'Hunter.
"Non ci penso nemmeno!". Annie rideva, scontrosa e divertita. "Dai, prova almeno a scioglierli...."

Giorni normali.... torneranno giorni normali?
Allaccio la fibbia dell'elmo, controllo che stia ben salda sotto la mascella. La luce diminuisce, non vedo più il cielo sopra di me, il mondo si riduce ad una striscia grigia tra due pareti di metallo.

L'ombra del ponte è ancora davanti a noi. Annie a terra combatte per la vita. E tutto intorno mostri.

Wyrm (Zio Giovanni) - immagine
scritto da Kailah , 21:57 | permalink | markup wiki | commenti (5)
 
3 settembre 517
Lunedì 10 Aprile 2017

Buoni propositi



Settembre è il mese dei buoni propositi.
Le giornate si fanno brevi, il sole è basso sull'orizzonte e il vento del nord sta diventando freddo. Si respira tra le persone un senso di inquietudine, l'urgenza di trovare in fretta un riparo, di accumulare provviste per i mesi di fame a venire.
L'inverno non è mai semplice, qui a Nord: ma da quando c'è stata la guerra, con la devastazione delle campagne e l'invasione di Kreepar e Risvegliati, sopravvivere è diventato una sfida.

Ed è proprio adesso che noi partiamo verso Nord.
Siamo stati rallentati da molti imprevisti, alcuni negativi e altri che si sono rivelati utili per il bene di queste terre. Prima le molte ferite subite nello scontro con Generaal e i suoi compagni, poi la spedizione ad Angvard sulle tracce di Deanor Flagg... non si può dire che siamo stati con le mani in mano. Fatto sta che a quest'ora dovevamo già essere sulla via del ritorno, mentre stiamo ancora alle porte di Angvard, in partenza.

Non ci aspetta un viaggio facile, tanto più che andiamo incontro all'autunno. Rischiamo di rimanere bloccati dalla neve in queste terre inospitali, e di poter scendere verso Uryen chissà, forse soltanto in primavera.

La buona notizia è che non avrò di che annoiarmi, nelle lunghe serate invernali.
Norman mi ha dato i suoi appunti, e soprattutto un mare di informazioni e di materiale su cui esercitarmi: i maghi lo chiamano Telecinesi, in pratica è il potere di muovere gli oggetti... e le persone, con la forza del pensiero. "Pensavo che saresti tornata volando"... ancora ricordo le parole di Mastro Luger, quando mi rimproverava per la scarsa intraprendenza che avevo dimostrato. E non aveva torto: certamente fino a pochi giorni fa tutto mi si poteva dire, meno che io fossi intraprendente.

Stavolta devo mettermi sotto, studiare sul serio. Questo incantesimo è stato frutto di uno scambio costoso, abbiamo dato molto perchè io avessi l'opportunità di apprenderlo. Adesso non posso permettermi di battere la fiacca, non sarebbe proprio giusto. Anche se sarò stanca, anche se le giornate di viaggio mi sfiniranno e avrò solo voglia di acciambellarmi tra le coperte e dormire.... devo studiare.

Studiare, studiare, studiare.
Colin ci va a nozze, lui adora studiare... per fortuna ha promesso di assistermi e darmi una mano: in sostanza dovrà farmi da carceriere, costringermi inchiodata alla sedia quando io vorrei far tutto fuochè quello!
Ma no, in realtà non è così. Devo essere onesta.
Stavolta anche io sono animata da buona volontà: è la prima volta che studio qualcosa che mi piace sul serio.
L'incantesimo che mi insegnò Magnus, che pure mi è valso tanti bei soprannomi, mi è sempre risultato ostico, anche perchè non sono portata per la scuola dell'Evocazione. Quanto agli incantesimi di Mastro Luger.... interessanti ma teorici, astratti. Buoni per diventare forse un giorno una decente studiosa: ma io non sono una Maga da biblioteca, e non lo sarò mai.

Ho bisogno di imparare a fare cose semplici, immediate, ho bisogno di usare il Potere per riempirci catapulte, per ammazzare i mostri. Non avrò mai le braccia forti di Rock, nè il coraggio folle e spavaldo di Vodan. Non avrò mai la spensierata determinazione di Sven nè la Fede incrollabile di Engelhaft e Bohemond. Non avrò i terribili poteri di Annie: non so vedere al buio e sento il dolore come chiunque altro.
Ho bisogno della magia per combattere questa guerra, per sopravvivere e tenere in vita i miei compagni. Devo usare la magia perchè è un'arma che gli Dei mi hanno affidato, ed è mia responsabilità imparare a dominarla al meglio.

L'estate è finita e con essa sono svanite molte illusioni.
E' il momento di mettere in letargo il cuore, abbandonare i desideri più naturali e umani che io abbia mai provato. E' il momento di stringermi addosso l'armatura e non abbandonarla mai, nè di giorno, nè durante i sogni della notte. Le mie labbra sono fatte per pronunciare rune, non per sospirare.

Bes-Ex-Syr

Deve diventare naturale come dire "buon giorno" al mattino. Tre sillabe che dovrò fare mie, che mi serviranno per smuovere le montagne. Ho promesso a Colin che lo farò volare ed intendo mantenere la mia parola. Colin volerà, e così anche io. Sarà più semplice gettare il cuore oltre l'ostacolo, quando i miei piedi non saranno più inchiodati al suolo, su questa terra malata.

L'autunno ci corre incontro e noi lo affrontiamo a testa bassa. Gli Altopiani delle Tempeste, forse il posto più inospitale al mondo, si preparano ad accoglierci con i loro venti sferzanti di sabbia e di gelo: pochi villaggi isolati e incattiviti sono tutto ciò che possiamo sperare di trovare. Il Culto della Mantide si diffonde tra questa gente disperata, mentre la Sacra dei Paladini annega nella sua nebbia impenetrabile e velenosa.

Non è tempo per la speranza. Dobbiamo avanzare con coraggio, stringere i denti, combattere la nostra battaglia. Guai a fermarsi, guai ad abbassare la guardia. Guai a chiudere gli occhi. Siamo il muro che difende queste terre sfortunate, lo scudo a protezione di chi fatica ogni giorno per sopravvivere, per dare il pane alla propria famiglia. Non apparteniamo più a noi stessi. La guerra dà un senso alle nostre vite, ci unisce... e nello stesso tempo ci strappa via gli uni agli altri, prova a confonderci alimentando illusioni, ci distrae col canto delle sirene, ma poi ci delude.
Eppure noi siamo più forti di tutto questo.

Il sentiero che abbiamo davanti è insidioso. Ci aspettano il vento freddo, le giornate sempre più corte e buie, i Risvegliati e i Kreepar e i soldati nemici con tutte le loro trappole. Se non avessi paura sarei completamente pazza. Ho paura, ed il peso del mio zaino non è soltanto il peso del mio equipaggiamento. Le cinghie vecchie chissà su quali spalle si sono aggrappate, prima di finire a me. Le spalle di un morto, con ogni probabilità. Come morto è Terenz Lost, che si unisce alla lunga lista dei compagni caduti nel corso di questi mesi.
Ho paura, ma sento anche un grande coraggio bruciare in fondo al mio cuore. Perchè sono consapevole che ciò che facciamo è importante, cambia il destino di tante persone. Anche se siamo in pochi, possiamo portare la luce nell'oscurità. Saremo un esempio di perseverenza, là dove sembra che il destino sia già segnato. Sempre svegli, senza chiudere gli occhi. Uniti, leali.
Noi soldati di Uryen sanguiniamo ma non arretriamo. Avanziamo con le fosse scavate, la prudenza morta e sepolta... finchè potremo ritrovarci alla Capasanta a cantare a squarciagola, nel grido liberatorio dei vincitori.

Gli Dei ci aiuteranno, non ci tireremo indietro.
scritto da Kailah , 14:11 | permalink | markup wiki | commenti (4)
 
30 agosto 517
Lunedì 27 Marzo 2017

Il Caporale coraggioso



Il Caporale Terenz Lost è morto.

Ricordo bene il nostro primo incontro, quando il suo leggero strabismo rendeva difficile interpretare i comandi che ci dava: non sapevamo mai bene da che parte guardasse, come se il suo occhio ci girasse intorno, confondendoci.

Terenz era esperto nell'arte del confondere.
Quando poco a poco abbiamo imparato a conoscerlo e a stimarlo, abbiamo capito che il suo sguardo imperscrutabile era l'arma che usava contro il nemico: inganni, trappole, corni dalla diversa fattura che echeggiano in modo da sembrare lontani, e poi vicini, e poi di nuovo lontani.

Terenz Lost era bravo a confondere i nemici, ma soprattutto una virtù non gli mancava: l'audacia.

Quando attaccammo la fattoria di Corcazzo, eravamo tutti preoccupati: la tattica spericolata di Terenz ci sembrava troppo rischiosa. Eppure la storia gli ha dato ragione.
"Non esitate, colpite con coraggio. Questo è il nostro lavoro, e lo faremo", così ci disse prima di assaltare i disertori. Aveva delle tattiche militari che non ho visto utilizzare a nessun altro. La conta dei passi per avanzare distanziati, il gioco degli echi, l'avanzata spavalda sotto il tiro delle frecce nemiche, le tagliole... e soprattutto l'attacco frontale.
Sempre, nell'audacia, aveva riguardo e premura per i suoi commilitoni. Ricordo le parole paterne che rivolse a Colin, mentre avanzavamo verso la fattoria: "Colin, fa un bel respiro, ti senti più tranquillo.... lo capisco, sei teso.... ti devi abituare".
Incurante delle ferite, non era mai disposto a retrocedere davanti al nemico. Mentre attaccavamo la fattoria, lui fu colpito. Ma mentre gli offrivo il mio aiuto per raggiungere un riparo, lui mi ha ordinato di sparare attraverso una finestra aperta, di non dare tregua ai nostri avversari.

Rimpiangeremo tantissimo Terenz Lost.

Rimpiangeremo anche il suo modo spavaldo e personalissimo di interpretare gli ordini che riceveva.
Ai tempi della fattoria di Corcazzo, quando secondo gli ordini che avevamo ci saremmo dovuti ritirare con la coda tra le gambe, lui disse che il disertore aveva "fatto i conti senza l'oste", e durante la notte abbiamo assaltato la fattoria e ricondotto a ragione Cork e i suoi uomini.
Stavolta... impossibilitato a catturare vivo Deanor Flagg, Terenz Lost ha giustamente scelto di ucciderlo. Non era disposto a lasciar andare via indisturbato un simile nemico.

Terenz ha abbattuto Deanor Flagg e subito, senza un briciolo di esitazione, è corso in aiuto di Colin e Annie, che fronteggiavano uno spaventoso Armiger armato di alabarda.
Le sue ultime parole riassumono tutta la sua vita, il suo coraggio e la grande determinazione: "Colin, Annie, allontanatevi, lo tengo io questo. Mettetevi in salvo".

Come rendere onore alla memoria di un simile combattente?
Dobbiamo fare tesoro dell'esperienza fatta nelle occasioni in cui abbiamo avuto il privilegio di combattere al suo fianco: coraggio, decisione e fantasia.
Sono certa che Dytros in persona è venuto ad aprire la porta del suo Paradiso a Terenz Lost, e che da adesso in poi il suo spirito guerriero ci accompagnerà dall'alto, vegliando su di noi.


scritto da Kailah , 14:12 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
30 agosto 517
Domenica 19 Marzo 2017

Dammi un solo motivo...

Ti prego Flagg, dammi un solo motivo, un solo pretesto per farti ammazzare.
Per una volta, l'ultima volta, fa una cosa buona nella tua vita dannata: fatti togliere di mezzo senza tante storie.
Che non ti venga in mente di arrenderti, di attaccarti ai fantomatici poteri di quel sassaccio che stringi in mano, che non ti venga in mente di suggestionarci con le tue chiacchiere.

Non sei un mago, questo è chiaro. Mi chiedo chi altri possa darti i poteri che hai dimostrato di avere. Divinità oscure? Demoni antichi? I soliti "Antecessori" del cavolo che piacciono tanto a Colin?
Chiunque sia, non è certamente nessuno di buono e il mondo ci guadagnerà tantissimo se riusciremo a farti fuori.

L'assurda idea di Lady Yara di scambiarti (forse) con un grosso Paladino che (forse) si trova prigioniero a Ghaan e che (forse) non è stato trasformato in una marionetta del nemico e che (forse) i Ghaanesi sarebbero disposti a scambiare con te.... mi sembra delirio puro.

Anche Alman la pensa così, tant'è che ha informato in segreto Acab perchè venga a darci supporto. Alman, chi altri potrebbe essere stato? Acab ci ha tenuto a usare l'espressione: "un tipo fortissimo che ti ammazza in due secondi", le stesse parole che abbiamo usato con Alman.
Allora io dico... suoniamolo questo corno, e facciamola finita.

Oltre a Flagg, abbiamo davanti l'assassino del cugino di Crystal, un uomo che ha ammazzato un ragazzzino a sangue freddo, ed una giovane donna che ci scombina un po' le idee, ma che in qualche modo innaturale ha assunto le sembianze di Luka. E vorremmo liberare questa gente?

D'accordo, noi ubbidiamo agli ordini. E gli ordini sono di prenderne almeno uno vivo. Per questo spero tanto che questi bastardi ci diano un buon motivo per farsi ammazzare, perchè altrimenti dovremo portarli ad Angvard e lasciare che spargano ancora il loro veleno.

Vada come vada, quando questa faccenda sarà risolta intendo parlare con Sven, perchè ho bisogno del suo parere: ho intenzione di chiedere a Norman di insegnarmi a utilizzare la magia in combattimento, per uccidere: voglio sentire cosa domanda in cambio e, se non è incompatibile con i miei obblighi militari, mi accorderò con lui.
Lo stesso Luger mi ha incoraggiata ad essere più intraprendente, e ci ha dato del materiale che potrebbe essere scambiato.

Ritengo che sia mio dovere imparare a usare in modo offensivo il dono di Kayah: un dovere verso i miei compagni, che così potrò aiutare in modo più efficace, e un dovere verso me stessa, che non posso più far finta di essere una soldatessa normale.
Voglio sentire cosa ne pensa Sven, che è a capo del nostro gruppetto, per non rischiare di commettere involontariamente qualche infrazione alle regole dell'esercito. Ma credo che saprà consigliarmi bene: Sven è un uomo di buon senso, pragmatico quel che serve. E d'altronde gli ho appena risolto il problema del bauletto!

Ma una cosa per volta. Adesso dobbiamo mettere nel sacco questi tre delinquenti, vivi o morti.
scritto da Kailah , 11:12 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
15 agosto 517
Martedì 6 Dicembre 2016

La notte che mi ha aperto gli occhi



Benvenute a bordo, cicatrici.
La bambola dalla pelle di porcellana non esiste più da tempo: accomodatevi, decorate pure questo corpo con il ricordo di nuove avventure.

Ho trascinato il mio corpo in posti peggiori di questo, giù nel Cairn maledetto, tra paludi infestate di Croc, l'ho quasi assiderato nella Terra di Nessuno, ho giocato col fuoco e viaggiato su instabili barchette che solcavano il mare gelido dei Nordri. Ho affrontato la Bestia del Ponte, mi sono fatta franare la volta del cimitero di Cantor sulla testa. Ma mai, mai ho visto la morte così da vicino come nella notte del 13 agosto. Una notte stranissima che sembrava ribellarsi al Pyros a cui era dedicata. Una notte nera, resistente ad ogni raggio di luce.

Ho visto la morte in faccia mentre la spada bastardissima di Generaal mi piombava addosso con precisione e violenza devastante. Un colpo micidiale. Quasi non ho fatto in tempo ad avere paura.
Poi lo scudo di Logan Treize si è frapposto tra me e la morte, è andato in frantumi al mio posto ed ha arrestato l'attacco formidabile dell'Armiger.

Parata di Logan Treize (blog)

Così eccomi qua. In un letto, tra bende e cuscini e stropicciata come un rametto di ortica... ma viva. Alla faccia sua, di Generaal. Alla faccia di quell'altro mostro armato di ascia che ha quasi spedito all'altro mondo me, Gannor ed Engelhaft. Noi siamo vivi e voi siete morti. Morti e ri-morti.

Il coraggio, che cosa stupenda.
Il coraggio di John Titor che si è infilato il codice segreto nelle mutande ed è fuggito nella notte tra i Risvegliati pur di non consegnarsi al nemico. La buona stella dei cuori impavidi lo ha portato fino a noi, gli ha permesso di coronare il suo desiderio, la sua missione: il messaggio cifrato è tornato nelle mani dei suoi compagni, ha miracolosamente raggiunto i suoi destinatari.

Buona stella dei cuori impavidi (blog)

John Titor ha vissuto un orrore lungo e logorante, nell'inverno di Osterch, ha visto cadere le speranze una ad una... e ciò nonostante, all'ultimo, al momento di scegliere, è rimasto fedele alla missione. Il suo coraggio è stato premiato, missione compiuta.
Un giorno scriveranno ballate su di lui.

Un giorno scriveranno ballate su tutti noi, accidenti. Su tutti quanti noi. Sui compagni caduti e su chi tra noi riuscirà a vedere l'alba di un nuovo giorno, in un mondo finalmente libero da tutti questi orrori e da questa assurda guerra tra persone.

Logan Treize di coraggio ne ha da vendere, anzi da regalare. Grazie al suo coraggio sto qui al caldo tra le coperte, e non a marcire sotto terra. Fulmineo, fortissimo. Non ha esitato un istante, nessuna paura mentre scendeva nella buca e stringeva i denti, sostenendo la violenza del colpo di Generaal. Lo scudo si è distrutto, lui non si è mosso.
Ho conosciuto solo due membri della famiglia Treize, e sono uno più eccezionale dell'altro. Padre Valon, lo zio di Logan, è un uomo anziano ma che ancora brucia di fede, passione e coraggio. Il corpo poco a poco lo sta abbandonando, ma l'anima è talmente ardente che vi si avvinghia con ogni determinazione: non molla, non può mollare, ha troppe cose ancora da fare in questa vita.

La missione di Valon Treize (blog)

E poi c'è Logan, il "vecchio dell'Alpe", tornato dall'esilio per guidarci in questa missione rischiosissima, un Tenente, un mezzo Barone o poco meno, eppure sa leggere i segni che fanno i minatori, indossa una brigantina così ammaccata che da sola, con tutte le sue cuciture, i segni e i simboli, racconta tante di quelle storie che ci sarebbe da stare notti e notti intere ad ascoltare. Logan mi ha salvato la vita, senza tanti fronzoli.

Benvenuto Logan, accomodati anche tu nel pezzo di cuore che ospita tutti quelli che mi hanno salvato la vita, da quando sono entrata nell'esercito fino a oggi. Logan, credimi: sei in ottima compagnia.

Il più difficile dopo Barun (blog)


Il più difficile dopo Barun, lontano da qui, ancora non lo sa. Ma questa notte mi ha aperto gli occhi, non vivremo per sempre. Nessuna delle tre strade sarà la mia... ma una strada ci sarà, poco ma sicuro. Ci sono tanti tipi di coraggio diversi: coraggio è arrampicarsi sui detriti per tirare una boccetta di vetro addosso a un mostro o alzare lo scudo contro un colpo imparabile, ma coraggio è anche guardare negli occhi e dire di sì.

Chiudetevi in fretta, ferite. Lasciate i vostri solchi a ricordo di questa notte memorabile, segni lunghi e disordinati sulla pelle. La pelle è la nostra armatura, le cicatrici sono le nostre medaglie. Forse non è molto femminile avere il corpo ricoperto di segni, morsi, tagli e abrasioni... ma questa è la strada che ho scelto, questa sono io. Tornerò presto in piedi, come nuova. Qualche sgarro addosso e nuove esperienze sulle spalle.

Come nuova (blog)

Abbiamo una guerra da combattere, una missione da svolgere. Andremo a fare fesso Zodd, a riprenderci l'Acqua Santa di Engelhaft e dare a Giada l'opportunità di conquistarsi eterna riconoscenza e rispetto in tutto l'esercito. Perchè anche il suo campo di battaglia richiede coraggio, spirito d'iniziativa, abnegazione. Guai a chi si permette di disprezzare chi ha il fegato di infilarsi nella tana di Zodd per carpire informazioni militari. Guai a lui.

Forza Gannor, forza Engelhaft. Tiratevi su, rimettetevi in piedi. Dobbiamo tornare tutti insieme, più forti di quando siamo partiti. Siamo soltanto all'inizio.


scritto da Kailah , 14:36 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
13 agosto 517
Mercoledì 23 Novembre 2016

La festa di Pyros



A dividerci da Generaal e dal suo Plotone di morti è in questo momento solo qualche decina di metri in linea d'aria.
Hanno trovato rifugio nelle gallerie scavate sul fianco della collina, vecchie cave abbandonate: chissà se sono inattive già da prima della guerra, o se i minatori sono morti tutti. In ogni caso i tunnel per noi sono trappole letali: i Risvegliati avrebbero ogni vantaggio, noi soltanto difficoltà.

Generaal e i suoi Armigeri sono Risvegliati molto particolari. Combattono con le armi, indossano armature, sanno coordinarsi tra loro e sfruttare le opportunità offerte dal terreno, dalla sorpresa, dal buio. In poche parole, sono intelligenti. Sono intelligenti al punto che, oltre ad eliminarli, sarebbe importante cercare di capire anche da dove siano sbucati fuori, come mai invece di diventare stupidi brocchi si siano evoluti in modo tanto efficiente.
Magari qualcuno li ha messi lì con uno scopo? Magari ne pilota le azioni? Magari stanno proteggendo qualcosa? È fin troppo facile pensare a Mirai.

L'ingegno, che è l'arma migliore che abbiamo contro i Risvegliati normali, contro Generaal e il suo Plotone non basta. Nonostante sappiamo dove siano nascosti e da dove usciranno, non siamo in condizione di sfruttare queste informazioni più di tanto, ma siamo comunque costretti ad affrontarli in campo aperto, di notte.

Colin, sopravvalutando le mie capacità magiche, aveva proposto di chiudere la ritirata nelle gallerie a Generaal e ai suoi con un muro di fiamme. Sarebbe bello avere simili poteri, ma senza sufficiente combustibile non sarei in grado di alimentare alte fiamme per più di pochi momenti, senza contare che avrei bisogno di essere troppo vicina per controllare il fuoco, in una zona malsicura e scoscesa.

L'idea però mi piaceva. Sappiamo che i Risvegliati temono il fuoco, persino gli Abnormis se ne mostrano intimiditi.
Sicuramente al momento dello scontro dovremo accendere dei fuochi. Ma siccome c'è ancora qualche ora di tempo... secondo me sarebbe uno spreco limitarci a raccogliere un po' di legna ed affilare le armi.

Generaal e i suoi sono Risvegliati intelligenti... ma sono pur sempre morti che camminano.
Sono morti che camminano in armatura, oltretutto, il che rende più difficile abbatterli, ma li rallenta, proprio come rallenta noi, o forse di più.

Per questa ragione... guardiamoci intorno, sfruttiamo quel che abbiamo. Siamo in una cava abbandonata, ci saranno pure vecchi attrezzi ancora in parte utilizzabili, materiale di riporto, legname.
Sappiamo dove Generaal e i suoi dovranno passare, scegliamo un buon punto per attirarli, per affrontarli, e prepariamoci il terreno.

Alla casetta con Pjotr e suo cognato i nostri semplici stratagemmi si sono rivelati piuttosto utili: non sufficienti, perchè al dunque è con la violenza che si risolvono queste faccende... ma comunque ci hanno permesso di affrontare i nemici in condizioni meno svantaggiate.

Ecco qualche proposta, da sottoporre al vaglio della fattibilità e del parere dei compagni.

1. buche: se grossomodo sappiamo dove dovremo scontrarci con Generaal e i suoi allegri commilitoni, potremmo scavare un paio di buche non troppo profonde, coprendole con qualche sterpaglia. Mettendoci immediatamente dopo le buche, possiamo sperare che qualcuno dei mostri ci finisca dentro e si sbilanci. Non saranno trappole vere e proprie, ma anche una fossa di mezzo metro può essere un ostacolo per un non-morto in armatura.

2. detriti: una cava è per definizione ricca di detriti, pietre, materiale vario abbandonato. Non penso sia impossibile utilizzarlo per creare una qualche barriera, sfruttando strettoie che - sappiamo - Generaal e i suoi dovranno percorrere. Il sentiero è sottile, se riuscissimo a fargli franare addosso qualcosa, o tagliargli la ritirata una volta che sono passati, non sarebbe male.

3. materiale infiammabile: ok, non posso creare un muro di fuoco, peccato. Ma se rovesciassimo qualcosa di infiammabile sui Risvegliati, quello sarei in grado di farlo avvampare, attaccandolo anche ai resti di vestiti e di stoffa che devono portare addosso. Perchè non credo che siano risvegliati nudi in armatura, no. L'olio di qualche lanterna? Non vorrei ricorrere al Planem perchè temo che avremo incontri peggiori di Generaal e dei suoi, nel corso di questo viaggio, tuttavia se le cose si mettessero molto male potrei impiegare qualcosa: ne ho 5 fiale, in fondo, per non parlare degli altri oggetti speciali... più sperimentali. Tanto più che oggi è il giorno della festa di Pyros... sarebbe un buon modo per festeggiarlo, dare fuoco a qualche mostro.

Queste sono solo ipotesi, che non ha la pretesa di essere risolutiva: al dunque saranno le armi dei miei compagni, e per quel che posso, anche le mie, a risolvere lo scontro, non questi trucchetti. Ma se riusciamo anche solo a guadagnare qualche vantaggio, penso che valga la pena tentare.

Anche perchè l'alternativa è il solito spericolato attacco frontale... che contro mostri forti, corazzati, armati, numerosi e insensibili al dolore non mi sembra la via migliore.

Che ne pensate?


scritto da Kailah , 14:30 | permalink | markup wiki | commenti (3)
 
8 agosto 517
Martedì 11 Ottobre 2016

Spada di Fuoco



SBAM! SBAM! SBAM!

Forgia 05 (blog)

SBAM! SBAM! SBAM!

Il martello cala sulla lama arroventata... una, due, dieci volte... e ancora, ancora. La spada si forgia nel caldo e nel sudore, nell'aria soffocante di una bottega scura.

... reggerà le fiamme?

Il fuoco sembra molto caldo, a giudicare da come si è annerita la lama. L'impugnatura si può migliorare. Ma soprattutto sono io... che posso migliorare.
Devo avere una presa più salda, un braccio più forte. Devo resistere alla fatica, al peso, alla paura di muovere così vicino al viso una fiamma viva. Chissà se rischio di bruciarmi, quando la lama infuocata mi sfiora i capelli o i vestiti.

La spada reggerà le fiamme. Chissà io.

Forgia 01 (blog)

"Spada di Fuoco", così mi chiama Daryl Jens. E' difficile mischiare simpatia e sospetto, sfiducia e necessità di combattere fianco a fianco, di rischiare la pelle insieme. Non riesco proprio a capire cosa abbia spinto Daryl a scegliere l'ignobile strada del tradimento: denaro? Possibile che sia per denaro? Oppure per che altro?

Il tradimento di Daryl è di una gravità tale che non si può confondere per semplice manipolazione: non vale la scusa dell'ignoranza, della scarsa consapevolezza di cosa stesse facendo. Daryl trattava direttamente con l'Uomo senza Volto, con lui ha concordato l'assassinio di un ragazzino.

Forgia 04 (blog)

... incredibile.

Incredibile quasi quanto l'idea che potesse essere Crystal stessa a tradire. Per lei almeno ci sarebbe stato l'alibi della prigionia, di un fantomatico lavaggio del cervello subito a Ghaan.
Ma Daryl? Perchè? Perchè diavolo ha deciso di tradire, di associarsi a qualcuno che lo rassicura dicendo "i risvegliati non saranno un problema"!
Mi mette i brividi.
Ha rischiato il tutto per tutto... per una causa palesemente maligna. A che scopo? Cosa gli mancava nell'esercito di Angvard? E no, non ci credo che la risposta giusta sia "la paga".

SBAM! SBAM! SBAM!

Forgia 02 (blog)

Queste sono terre complicate, ci sono rivalità antiche, che si passano di generazione in generazione. Magari esistono motivi remoti, legati a chissà quali torti subiti in passato, chi lo sa. Eppure mi addolora moltissimo quel che è accaduto.
Abbiamo fatto il nostro dovere, ma nel farlo siamo stati costretti a tenere i piedi in due scarpe. E' finita bene, nonostante il pesante tributo di sangue che abbiamo pagato... che soprattutto Crystal ha pagato.

E poi c'è il Sergente Nico. Era un amico, un compagno, era il Sergente di Crystal: ferito in battaglia insieme a lei, fatto prigioniero insieme a lei. Daryl ha insinuato con un tono detestabile che fosse anche il suo amante. E se pure fosse?
Certamente il tono della lettera mostrava come qualsiasi sentimento, anche fosse esistito in passato, era svanito insieme a quel macabro segno rosso che gli hanno tracciato sulla fronte.
Il segno rosso di un uomo spacciato... o forse di un uomo condannato a qualcosa di peggio della morte.

Povera Crystal. Quante perdite, quanto dolore.

SBAM! SBAM! SBAM!

Forgia 03 (blog)

Un colpo dopo l'altro, la lama si forgia, diventa più potente, più spietata. Anche le persone, se riescono a non spezzarsi, si induriscono sotto i colpi del destino. Prego per Crystal, che riesca a superare tutto questo dolore.

scritto da Kailah , 13:24 | permalink | markup wiki | commenti (8)
 
28 luglio 517
Martedì 14 Giugno 2016

Vecchia conoscenza

A parte lo spavento, che sorpresa!

Il "mio" Kreepar è tornato a cercarmi, lo stesso che avevo circondato di un'Aura di Magia l'anno scorso ad Alma Mater.
Sarà un caso, ma si è lanciato proprio sulla mia mano sinistra, in quel momento avvolta dalla Luce.
Poi mi ha sbattuta in terra ed ha puntato a trafiggermi il ventre... ma è meglio non pensare ad Annie e Mirai, inutile suggestionarsi.

Dopo avermi ferita, strappato l'armatura e spaventata a morte, ha evitato un paio di attacchi di Bohemond è si è dileguato, scomparendo nella notte col suo baluginio violetto.

Adesso non è il momento per fermarsi a riflettere, vista l'urgenza che abbiamo di liberare quei poveracci barricati nel fienile diroccato, e poi col mal di testa che mi perseguita faccio anche fatica a concentrarmi. Ma quel che è successo è ben strano, lascia intendere che la Magia sia qualcosa di molto più complicato e imprevedibile di quel che ci si aspetterebbe: un incantesimo innocuo, utile solo ad illuminare un oggetto, ha creato un legame tra me e il bersaglio, invertendo i nostri ruoli di cacciatore e di preda. Chissà come è successo!

Alien Sparkle - Immagine
scritto da Kailah , 12:52 | permalink | markup wiki | commenti (1)
 
19 luglio 517
Lunedì 23 Maggio 2016

La ragione

Credo di avere capito per quale motivo il Capitano Barun ci ha ordinato di incontrare il vecchio Proutzo, giù nelle segrete.
Non è per vedere "come ci ridurremmo se venissimo fatti prigionieri" dai soldati di Ghaan. Del resto, avendo Annie con noi, siamo fin troppo preparati in materia. Glie lo possiamo chiedere a lei, senza scomodare Proutzo.
Non è nemmeno per invitarci alla prudenza, a non farci catturare, a stare attenti nelle pericolose terre oltre il Traunne.

Il Capitano Barun ci ha spediti da Proutzo per farci vedere che fine si fa se si fanno discorsi pericolosi in giro.

Il morbo dei Risvegliati? Abbiamo causato noi l'epidemia, tirando focolai di infezione oltre le mura di Feith. I Ghaanesi della Valle delle Acque Amare? Brave persone, in fondo, gente ragionevole. Gli Dei li proteggono, i Risvegliati non se li mangiano....

Stiamo per farci un giro oltre il Traunne in compagnia di Logan Treize,
E' stato lui il primo a "metterci strane idee in testa", a svelarci un po' di altarini.
Il Capitano ci sta dicendo che possiamo svolgere la nostra missione con lui oltre il fiume, ma quando torneremo a Uryen dovremo evitare categoricamente di fare discorsi sediziosi o sovversivi.... altrimenti finiremo a far compagnia al buon vecchio Proutzo.
scritto da Kailah , 14:42 | permalink | markup wiki | commenti (3)
ultimi 20 articoli (cambia) · Pagina 1 di 4
1 · 2 · 3 · 4