Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Perchè se una muore abbiamo l'altra. Se muoiono in due siamo delle seghe e non meritiamo di tornare »
- Kain Werber -
 
Myst Cyclopedia

Risveglio Funesto

Locuzione utilizzata per identificare il risveglio di una entità ancestrale all'interno di un corpo ospite dotato di caratteristiche tali da rendere possibile la manifestazione parziale o totale dei suoi poteri. A differenza da altre tipologie di risveglio, come il risveglio parziale o l' abbandono, il risveglio funesto indica i casi in cui le condizioni fisiche e mentali del corpo ospite sono compromesse al punto da alterare in modo permanente la sua coscienza e rendere irreversibile il processo di trasformazione.

Queste manifestazioni vengono comunemente definite Araldi dell'entità che li possiede o con la quale si identificano.

Etimologia e Traduzioni

Il risveglio funesto era noto come anglad bloden presso i Popoli Antichi e funeral bloom nella Lingua degli Elfi: entrambe le varianti sono traducibili come Funesta Fioritura. L'aggettivo funesto viene utilizzato per sottolineare le conseguenze permanenti di questo risveglio, che provocano la morte del corpo ospite ovvero la dissoluzione della sua coscienza originaria.

Esempi e casi noti di Araldi

Il risveglio funesto è una drammatica costante nel Continente di Sarakon: questo un elenco di alcuni casi che potrebbero essersi verificati negli ultimi decenni stando alle informazioni raccolte nel corso delle varie campagne di gioco.
Queste manifestazioni vengono comunemente definite Araldi dell'entità che li possiede o con la quale si identificano.

Araldi degradati

In alcuni casi particolarmente eclatanti il risveglio funesto priva il corpo ospite di gran parte delle fattezze umane, pur preservandone gran parte delle caratteristiche intellettive: le vittime di questi episodi (Sal, King, Chief, Custode, William Deed dopo la mutazione, et al.), molti dei quali sono ancora oggetto di studio stante la mancanza di informazioni in merito alle loro origini, vengono comunemente definite Araldi degradati (o mancati, o decaduti, a seconda dei casi), in quanto considerate degenerazioni dello stadio precedente.

Analogie e differenze con i Risvegliati

Le creature colpite dal morbo dei Risvegliati (noto anche come Morte che Cammina), in particolare le varianti abnormis più evolute, possono presentare alcune analogie con le vittime del risveglio funesto: in entrambi casi, infatti, una sorta di agente parassita entra in contatto con un corpo ospite dando vita a un processo di mutazione irreversibile. Tuttavia, le due condizioni presentano le seguenti differenze sostanziali:
  • Il risveglio funesto è uno dei possibili risultati di una mutazione provocata dal Sangue degli Antecessori, mentre il morbo dei risvegliati è causato da un organismo parassitoide noto come Saad, che si suppone essersi sviluppato all'interno del suddetto sangue.
  • Il risveglio funesto è una condizione di simbiosi tra l'ospite e il Sangue degli Antecessori (seppur degradata rispetto alla simbiosi "controllata" tipica degli innalzati), a differenza di quanto accade nei risvegliati dove l'organismo parassitoide uccide l'ospite prima di assumere il controllo delle sue funzioni: in altre parole, le vittime del risveglio funesto possono essere considerate come una mutazione della precedente forma di vita, mentre i risvegliati sono a tutti gli effetti cadaveri controllati da parassiti che hanno assunto il controllo di parte delle funzioni fisiche e/o mnemoniche dell'organismo ospite sopravvissute alla morte celebrale.
Le differenze di cui sopra restano valide anche nei casi più evoluti di risvegliati (Antar, Armiger, Loquens, Scopulus, Colossus, etc), dove l'istinto predatorio del parassita può contare sulla presenza di notevoli capacità fisiche, motorie e/o mentali pregresse, che in talune circostanze (e a seconda dell'ambiente circostante) possono provocare mutazioni evolutive estremamente efficienti; anche in quei casi, tuttavia, le nuove forme di vita non sembrano in grado di riprodurre in modo efficace le capacità intellettive (osservazione, memoria e ragionamento logico) del defunto organismo ospite o di produrne di nuove.

Voci correlate

Creata il 06/05/2018 da DarkAngel (1314 voci inserite). Ultima modifica il 03/11/2021.
2116 visite dal 06/05/2018, 02:45 (ultima visita il 02/02/2023, 00:36) - ID univoco: 4219 [copia negli appunti]
[Genera PDF]