Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Non vi preoccupate... »
- Kain Werber -
 
Voci di Tramontana
Le cronache degli eroi che salveranno il mondo
Stern Rock
Il soldato che sa scrivere è pregato di aiutare quello che non sa scrivere. Si prega di non riempire la bacheca di messaggi personali o che non siano di pubblica utilità. Non scrivete sugli altri nulla che non vorreste leggere su di voi.
creato il: 23/06/2014   messaggi totali: 17   commenti totali: 65
33474 visite dal 23/06/2014 (ultima visita il 18/01/2020, 08:02)
Scritto il 24/08/2017 · 13 di 17 (mostra altri)
« Precedente · Successivo »
27 agosto 517
Giovedì 24 Agosto 2017

Funesta Fioritura



27 Agosto 517

Il paziente ha cominciato a rispondere alla terapia questa mattina, dopo circa 18 ore trascorse in stato comatoso. Le incisioni che ho praticato sugli ascessi hanno drenato gran parte del sangue guasto, tuttavia vi sono forti possibilità che l'infezione abbia provocato danni a muscoli, tendini e nervi. Il fatto che non sia ancora morto di setticemia mi rende ottimista, così come il battito leggermente accelerato e il respiro regolare: se tutto andrà bene, nessuna di queste cose avrà particolare importanza.

La clessidra mi avverte che è quasi ora di somministrare il prossimo decotto: quando mi toccherà girarla saranno passate 32 ore dalla mia ultima notte di sonno. Ero certo che non avrei sentito la stanchezza, ma non pensavo di poter provare ancora un tale livello di apprensione: quello che accadrà nelle prossime ore sarà determinante. Molte cose da fare, poco tempo e nessuno che possa sostituirmi o darmi il cambio: devo farcela da solo, senza sbagliare nulla. No... non da solo: osservo il giovane soldato di fronte a me e cerco di immaginare la sua silenziosa ordalìa. Ripenso alle leggende che parlano di Oropo, l'Ultima delle Cinque, e alle esperienze maturate in una vita di esperimenti legati al ciclo che unisce la nascita e la morte. O dovrei dire fallimenti? Mi tornano alla mente le giovani donne dell'Est che al momento di partorire si recavano sulle rive dell'Alcor nella speranza che i sapienti della Torre del Silenzio potessero salvare il loro bambino dal ''Medgui Garmaa'' che sentivano di avere: il ricordo di quei feti deformi e mostruosi, sufficiente a far ricredere anche più scettico dei ricercatori, è ancora ben impresso nella mia memoria.

Ripenso a chi, prima di voltarmi le spalle per sempre, mi disse che le mie ossessioni erano dovute al fatto che non potevo avere figli. Probabilmente aveva ragione: fatto sta che per questa nascita avrei davvero preferito una femmina. Invece a quanto pare rischiamo di avere un fiocco azzurro, per giunta dotato di Yoki: non so proprio come farò a spiegare a Barun quello che è successo e a convincerlo a non provocare un aborto ben poco spontaneo. Per non parlare dell'Angelo Nero, che conosce i rischi e le conseguenze almeno quanto me: ''funesta fioritura'', così la chiamavano i Popoli Antichi. Eppure la situazione di urgenza in cui ci troviamo, unita alla mancanza pressoché assoluta di studi e letteratura, è tale da imporci la sofferta e sanguinosa strada delle iterazioni progressive. Sfortunatamente per William non capita spesso di vedere la luce al primo tentativo. Staremo a vedere: comunque vada, vedremo di fare tesoro dell'esperienza.

Se son rose fioriranno... altrimenti fioriranno comunque.

Luger - Immagine



1 Settembre 517

Sono vivo. Ho la testa che sembra in fiamme, un braccio bloccato e l'occhio sinistro che non vuole saperne di aprirsi, ma sono vivo. Luger mi ha detto che ho dormito per quasi cinque giorni senza mangiare un boccone: non stento a crederlo, visto che il solo pensiero di dover trattenere qualcosa è sufficiente a farmi venire da vomitare. A dire il vero, succede di frequente anche senza quel pensiero: un liquido verde scuro di cui non riesco a sentire l'odore, ma qualcosa mi dice che fa parecchio schifo.

Nonostante tutti questi acciacchi, comincio a sentirmi meglio: le gambe sono a posto, sento che potrei camminare senza stancarmi per chissà quante miglia... o meglio potrei, visto che mi hanno messo in cella con una serie di accuse che non finisce più: pratica di attività magiche, atti contro il feudo, pratiche oscure e chissà che altro. Il sergente Rudd, subito dopo avermi pestato e rinchiuso qui, mi ha assicurato che chiederà a Barun di decapitarmi personalmente. E dire che Luger era stato possibilista... mi era sembrato di capire che, dopotutto, avrebbe persino cercato di intercedere in mio favore. Si vede che non conta poi molto, a differenza di quello che crede.

Poche ore dopo il mio arrivo in questa cella ho ricevuto la visita di Navél, l'Angelo Nero. E' stato in quel momento, quando ha varcato la porta, che ho capito di avercela fatta. "Hey, abbiamo due occhi in due!" ho esclamato, sperando di rompere il ghiaccio. Niente da fare: è rimasto a osservarmi in silenzio, puntandomi addosso quella singola orbita nera e inespressiva. Uno sguardo che tradiva il profondo disprezzo per me e per quello che avevo fatto, unito alla delusione di vedermi vivo e al rancore di sapermi ormai simile a lui. Poi ha parlato: una sola frase scandita a bassa voce, con il solo e unico intento di intimidirmi. Un chiaro segno che non nutre alcuna fiducia in me e in come potrò gestire questa cosa. Un modo creativo per non pronunciare la solita vecchia frase da vecchietta claudicante: riga dritto, altrimenti... E va bene, Angelo Nero: mettiti pure in fila dietro al sergente Ruud, ho idea che finirete per essere in tanti. Sfortunatamente per voi, non c'è molto che può spaventarmi ora come ora: non ho mai sentito la morte vicina come in questo momento. E' come se il mio corpo si trovasse al centro di una tempesta inaudita, nell'unico punto in cui tutte le spaventose forze che ne fanno parte si bilanciano tra loro e si annullano a vicenda... con la particolarità ulteriore che molte di quelle forze, se non tutte, fuoriescono da me.

E' così che ti sentivi all'inizio, Annie? Un vulcano pronto ad eruttare, un'onda gigantesca sul punto di infrangersi contro una muraglia di scogli. Se guardo dentro me stesso mi sembra di rivedere te e il modo che avevi di affrontare la tua esistenza: il tuo distacco, la tua forza, la tua indomabile energia che tenevi nascosta sotto un mantello di apparente apatia e rassegnazione. A tutti gli altri, forse, ma non a me: io ho sempre potuto vedere sotto alle tue vesti, ho sempre saputo quello che nascondevi: quando vomitavi, quando non dormivi per ore, quando sanguinavi e piangevi maledicendo te stessa e il mondo intero... ero lì con te. E' grazie a te che adesso sono qui, che ho potuto cogliere questa incredibile opportunità: e se riuscirò a domare questa bestia che mi ruggisce dentro sarà soltanto grazie a quello che ho appreso osservando le tue interminabili notti solitarie.

A proposito... adesso dovrebbe essere notte fonda, eppure il mio occhio ci vede ancora piuttosto bene. Se lo chiudo, posso ancora avvertire qualche frammento di quello che mi circonda sfruttando le deboli emanazioni del mio stesso Yoki: è incredibile come stia cambiando la percezione che ho del mio stesso potere. Prima era qualcosa di esterno che mi portavo dietro, come una riserva di acqua all'interno di un otre. Adesso, giorno dopo giorno, sta diventando qualcosa di simile a un polmone: posso sentirlo, posso respirarlo. Posso distinguere il suo odore e quello di chiunque altro lo possieda intorno a me.

Ho una gran voglia di uscire e di scoprire cosa altro posso fare. Vorrei poter parlare con Barun e spiegargli le mie ragioni, fargli capire che ho fatto tutto questo per diventare un'arma... la nostra arma. Come Annie e forse - mi auguro - persino più forte, oltre che del tutto indipendente dai nostri nemici. Sapevo che ero l'unico a potercela fare e ce l'ho fatta, rischiando la vita, nell'unico modo che avevo a disposizione. Vorrei dirgli che adesso sta a lui scegliere se condannarmi a morte e vanificare tutto, continuando ad adeguare questa "guerra degli uomini" ai tempi valànici del Prevosto e alle titubanze di Luger, o darmi la possibilità di diventare quello che voglio: l'Angelo Nero di Uryen, colui che può ribaltare le sorti dello scontro. Il soldato perfetto. Il super predatore. Il... Chi se ne importa del nome, basta che mi facciano uscire da qui.

William Deed - Immagine





5 settembre 517

"E' uno scherzo, vero?"

La faccia di Ramsey, quando scherza, la conosco: e non è certamente quella. Specialmente quando mi risponde senza dire un cazzo, guardandomi negli occhi e scuotendo la testa.

"Col cazzo, Ram: io non ci sto, non me lo accollo!"

"E' un'ordine del Tenente Comandante Scherer".

"Me ne sbatto i coglioni del Tenente Comandante Scherer! E' una stronzata, e lo sai pure tu. Andiamo a parlare con Barun e chiariamo questa storia".

"Barun è d'accordo".

"Che cazzo dici?"

"Barun è d'accordo. Lui e pure il Burgravio. A quanto pare lo stregone li ha convinti tutti".

"Serio?"

"Serio".

Adesso sono io a scuotere la testa. Lo faccio mentre Ram continua a guardarmi, impassibile. Ali e Vasq non dicono nulla: se ne stanno lì, in silenzio, seduti sul muretto come se questa di cui parliamo fosse la cosa più normale del mondo.

"E a te sta bene? Che FacciaDiCulo diventi uno di noi? Così, perché lo dice Gadman Scherer. Io dovrei farmi guardare le spalle da FacciaDiCulo, che appena mi giro mi svuota le tasche... o peggio, perché lo dice Gadman StiGranCazzi Scherer".

Ali scoppia a ridere, Vasq si gratta la testa.

Ram sospira: "Non diventerà uno di noi, Garr... dobbiamo tenerlo d'occhio, ecco tutto. L'unico modo per farlo è portarcelo dietro".

"Come un maiale da tartufo", gli fa eco Ali.

Scuoto la testa. "I maiali da tartufo sono femmine: scambiano il tartufo per l'odore del maschio".

Ali annuisce. "Appunto! E non ti fa ridere la cosa?" Ah, questa ragazza... Che Ilmatar la benedica: riesce sempre a mettermi di buon umore, anche quando arrivano queste brutte notizie del cazzo.

Torno a guardare Ram: "il dodici che dice"?

"Il dodici dice quello che dico io. E io dico che va bene. E pure il terzo. E pure tu".

"Non capisco...ma veramente vi sta bene a tutti? Davvero questa cosa fa incazzare solo me?"

Ali mi guarda severa: "Come no, non aspettavamo altro! Dopo 20 giorni passati a letto non sai che gioia tornare e sentire questa notiziona: è pure il mio tipo, guarda! In questo momento abbiamo due occhi buoni in due, pensa che gran coppia che farem...".

Vasq la interrompe: "Gli è ricresciuto: due giorni fa".

Ali aggrotta l'unico sopracciglio visibile: "Veramente? E' guarito prima di me? Che razza di cafone! Se è così non se ne fa niente!"

Ramsey riprende a parlare: "Garr, è chiaro che questa cosa non piace a nessuno. Lo sai quello che Barun pensa dei ladri, no? Mettici sopra quello che io penso dei maghi e quanto mi fa piacere averli tra le palle quando lavoro. Ma quel tizio, FacciaDiCulo come lo chiami tu, fa cose grosse. E lo stregone dice è dei nostri, che lo possiamo controllare. Come Annie, come l'uomo di Greyhaven".

"E tu ci credi?"

"No".

"Ah, mi pareva...".

"Non ci credo affatto. Ed è per questo che voglio essere pronto, quando mi toccherà tirarlo giù. Visto che a quanto pare la testa non gliela tagliano, almeno per ora..."

Cose da pazzi. Sputo per terra due volte; sono così incazzato che col secondo mi prendo la punta dello stivale. Fanculo. "Ma poi che sarebbero queste cose grosse? Che cos'è che fa, per aver convinto il Burgravio e Scherer? Caga forse grappoli di pepite d'oro?"

"Dicono che non caga", esclama Ali: "fa solo pipì".

"Che cazzo dici?"

"Eh..."

"Vero?"

"Eh. E spesso piscia sangue."

"Pure! Ma tu come lo sai, scusa? L'hai visto pisciare?"

Ali indica Vasq. "Lui sa tutto. Voleva che mi offrissi volontaria, ricordi? Per fortuna che non gli ho dato retta, altrimenti lo facevo diventare roscio..." Vasq alza le mani, in segno di resa.

"Mi state sul cazzo quando fate i pagliacci..."

"Ridiamo per non piangere, Gar: questa cosa non piace neanche a noi e lo sai bene". Ha ragione, lo so: FacciaDiCulo sta molto più sul cazzo a lei che non a me... anzi, quel poco che so di quella nullità me lo ha raccontato lei... Fino a quando il fenomeno non ha pensato bene di intrufolarsi nel ripostiglio dello stregone, nudo come un cazzo di verme. Roba da prenderlo a calci nel culo, ovvero in faccia, da qui a Benson. Invece che facciamo? Gli diamo una stretta di mano e ce lo portiamo dietro: ''ben fatto, FacciaDiCulo: benvenuto a bordo''! Già che c'eravamo potevamo anche dargli una medaglia... Magari lo scudo dell'ultimo, visto che ci siamo: ''l'ultimo degli stronzi!''

"Va bene: adesso, seriamente, mi dite cosa fa?"

Ram e Ali guardano Vasq, che si schiarisce la voce: a quanto pare ne sa davvero più di noi.

"Pare che i Risvegliati non lo attacchino, proprio come Annie. Inoltre, dice di sentirli arrivare: come se fosse in grado di percepirli nell'aria intorno a lui".

"A quanti metri?".

"Parecchi. E' una delle cose che ci hanno chiesto di approfondire".

"Le altre quali sono?"

Vasq si conta le dita: "Ha una vista molto sviluppata... specie da un paio di giorni, quando gli è ricresciuto l'occhio che aveva perso. Ci vede piuttosto bene anche di notte... guarisce molto bene dalle ferite... diventa invisibile... sposta gli oggetti col pensiero... vola..."

"... E chi cazzo è, Dytros?"

"Dytros non vola mica!", esclama Ali. "Al massimo Ilmatar, lei sì che vola..." e poi si tocca l'orecchio, facendomi scoppiare a ridere di nuovo.

"... Poi", continua Vasq, "pare che sia anche più forte e veloce di come era prima".

"Pure!" Scuoto la testa: "più forte di una donnetta è sempre poco forte".

"No", esclama Ram, serio: "è forte, te lo garantisco".

"Insomma me state a dì che improvvisamente è diventato utile...".

"... Se non sbarella", aggiunge Ali. "Tocca vedere se è diventato sveglio, visto che prima era un fantacoglione".

Annuisco. Per qualche istante, cala il silenzio.

"... Almeno lo posso insultare, vero?"

Ram annuisce: "non deludermi".

"... Soprannome? Posso, vero?"

Ram fa un altro segno di assenso. Ali ridacchia: "ma non ne ha già uno?"

"Quale?"

"FacciaDiCulo?"

Scuoto la testa, sogghignando: "Ti sbagli... quello è il nome".

Forse, dopo tutto, un lato positivo ci sarà.

Garruk Jagger - Immagine





8 settembre 517

Lo spettacolo offerto da quel che resta di Holov è così desolante da toglierci ogni voglia di parlare. Persino William tace, mentre i suoi occhi scandagliano i ruderi alla ricerca di movimenti. Ricordo quando ci venivo con mio padre, all'epoca lui era una guardia di carovana e io ero soltanto un moccioso che avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di impugnare un martello come il suo. Se soltanto avessi saputo quante altre volte ci sarei tornato, per giunta proprio con il suo, non avrei avuto tutta quella fretta. Nella mia mente è ancora vivido il ricordo di quel giorno di due anni fa: faceva un caldo innaturale, proprio come ora. Lo sguardo corre a fissare il punto esatto dove accatastammo tutti quei morti, per poi trascinarli verso il Traunne e seppellirli intorno alla collina, dove la terra era più morbida. Quando alla fine ce ne andammo, lo spettacolo non doveva essere poi molto migliore di così. Eppure...

D'un tratto William si ferma, lo sguardo puntato sul muro semidistrutto di un edificio. "C'è qualcosa, William?"

La risposta non si fa attendere: "tre brocchi dietro quel muro e altrettanti corridori che aspettano nascosti in quella macchia di alberi".

Garruk sghignazza, brandendo l'ascia: "Ci volevano fare una sopresa, eh? Mica lo sanno che abbiamo Deedos!"

I minuti successivi sono ordinaria amministrazione: non siamo rimasti vivi fino ad oggi per farci mettere in difficoltà da questo agguato. Alla fine dello scontro William non manca di protestare con Garruk per il soprannome assegnatogli, il quale si difende indicandomi: "Ringrazia che Ramsey mi ha costretto a cambiare il primo, Deedos, altrimenti eri ancora Nerchiopiteco!".

Incredibilmente, Deed... ahem, William sta svolgendo degnamente i compiti che gli sono stati assegnati, rendendosi utile in molte occasioni. Mi rifiuto di pensare a lui come "paziente zero", come lo chiama Luger: chi viene con me è un soldato e come tale mi viene da trattarlo. Certo, nessuno di noi si fida ancora di lui e il suo atteggiamento strafottente lo renderebbe antipatico persino a un santo... Ma non posso negare l'evidenza, alcune delle cose che può fare ci stanno facendo risparmiare un sacco di tempo. Lo stregone è fiducioso, dice che può durare settimane, mesi o persino anni... Non mi sento di essere così ottimista, ma visto che me l'hanno affibbiato tanto vale usarlo finché ho modo.

"Vasq, vedi ancora quelle tracce?"

Vasq annuisce, indicando la stessa direzione di due settimane fa. Verso il cimitero di Holov.

Garruk sbuffa sonoramente: "Poi qualcuno mi dovrà spiegare perché Roy dovrebbe essere andato lì anziché tornare verso il fiume...".

"Dipende da come e dove è caduto dopo l'esplosione: ti ricordo che c'era un incendio al posto della collina alle nostre spalle...".

"Stiamo parlando di Roy, mica di un cazzone qualsiasi: sarebbe andato a est, non a nord-ovest, a meno che un pezzo del tortino sparato dal Fannullone non lo abbia preso in testa".

"Quella notte era un bordello, non sappiamo com'era qui: magari era pieno di risvegliati. Inoltre Vasq dice che probabilmente non era solo, quindi è possibile che ci sia qualcun altro dei nostri con lui. Che c'è, ti pesano le gambe?".

Povero Garruk, so fin troppo bene come ti senti: nessuno di noi ha voglia di trovare il cadavere di Roy. Le speranze che sia vivo sono praticamente nulle, eppure dobbiamo sforzarci di credere che ce l'abbia fatta fino a quando non lo vedremo avanzare barcollando verso di noi. Barun non mi ha permesso di tornare a prendere Dunc ma non ha potuto dirmi nulla rispetto a questa missione, non dopo che ho acconsentito a portarmi dietro William: del resto, se davvero lo scopo è mettere alla prova le sue abilità non c'è posto migliore di un bel cimitero.

La strada che va verso ovest è completamente deserta: i soldati di Greyhaven hanno fatto un buon lavoro, le loro indicazioni consentono a Vasq di cercare un buon riparo per la notte evitando i punti più esposti verso Nord: il pericolo più grosso da queste parti non sono i Kreepar né i Risvegliati, quanto piuttosto...

"Fermi!" esclama William improvvisamente. "Abbiamo visite".

"Ci risiamo", gli fa eco Garruk sollevando l'ascia: "ancora una volta mi fate lavorare dopo il calar del sole: quando spaccavo pietre mi pagavano dopp...".

"Zitto!" lo interrompe William, osservando il deserto di fronte a noi. "Sono tanti".

Per una volta, persino lui sembra preoccupato: "Tanti quanti?"

"Non lo so, ma... sento zoccoli. Tanti".

Poi, improvvisamente, li vediamo. Le ombre della sera non mi impediscono certo di distinguere il simbolo bianco che campeggia su quello stendardo rosso che ho visto fin troppe volte su questa sponda del Traunne. In men che non si dica stiamo già correndo verso sud, diretti verso la macchia d'alberi che si sviluppa lungo il corso del fiume.

"Ci ha detto bene", dice Vasq. "Non è uno squadrone speciale..."

"Già, che culo... per lo squadrone speciale!" Replica Garruk. "Quanti sono? Sei?"

"Sette, se non ho contato male", precisa William.

"... E' arrivato il pallottoliere!"

Sette cavalieri di Ghaan non sono troppi: tutto sta ad arrivare agli alberi in tempo. Chiedo a William e a Vasq di fare attenzione alla zona, ci manca solo di finire in bocca a un paio di Risvegliati. Sfortunatamente, nessuno dei due ha modo di anticipare la brutta sorpresa che ci si para davanti di lì a poco: un secondo plotone che esce dalla macchia e si schiera a difesa degli alberi.

"Oh cazzo", esclama Garruk: "ma questi sono stati lì per tutto il tempo?"

Vasq conta quattro fanti e due arcieri, William conferma.

"Sette più sei fa troppi, giusto?" Domanda Ali, sguainando la spada.

"Tranquilla, se tagliamo tutte le teste non si risvegliano. Deedos, sei caldo? Voglio vederti danzare".

William guarda Garruk, quindi sguaina la spada e allarga le braccia facendo un sorriso strano: "sissignore".

Ormai siamo in ballo: vediamo come ne usciamo.


Aidrich Ramsey - Immagine





12 settembre 517

"Vuoi ancora vino, Charlie?"

Rifiuto cortesemente l'offerta: ho già bevuto troppo, lo capisco dalle luci che cominciano a fare la scia. Questa notte sembra davvero non finire mai: sarà che non mi sembra vero di essere qui, a brindare e a festeggiare con lo squadrone dei Predatori. Il Tenente Ramsey è stato così gentile da estendere l'invito a tutti i soldati che non sono in servizio, tra cui me... Per colpa del piede ancora malandato, che a questo punto mi tocca persino ringraziare. Seduti insieme a noi ci sono anche alcuni soldati del contingente di Greyhaven: è stato bellissimo mangiare, bere e cantare tutti insieme sulle note delle ballate tradizionali del Continente, come se fossimo un'unico esercito.

Finalmente ho avuto l'occasione per poter scambiare qualche parola con Ali, Garruk, Roy e Vasq, forse i tre soldati di truppa più decorati dell'intero esercito... Tutti gli altri sono stati promossi, oppure sono morti. A quanto ho capito nessuno di loro ha intenzione di diventare Sergente, almeno per il momento: preferiscono restare sul campo, tenendo alto lo stendardo del Terzo plotone insieme al loro comandante di sempre, il Tenente Ramsey. Trovo davvero ecomiabile la loro dedizione all’esercito di Uryen: spero un giorno, magari non troppo lontano, di poter sentire lo stesso attaccamento, lo stesso spirito di corpo. Sono davvero una famiglia, proprio come il plotone di Kailah e Annie.

La festa di stasera è in onore del Caporale scelto Roy Black, tornato vivo e vegeto alla Rocca di Tramontana ventotto giorni dopo la sua scomparsa, avvenuta durante la Notte dell’Apocalisse... quando fu sconfitto King. La storia che ci ha raccontato ha dell’incredibile: sbattuto chissà dove a seguito dell'esplosione è riuscito a rimettersi in piedi nonostante una serie di ferite molto gravi, trascinandosi con la forza della disperazione lontano dalle fiamme e dai risvegliati che circondavano la collina. E’ stato quindi trovato e catturato da un gruppo di guerrieri di Ilsanora, i quali lo hanno curato salvandogli la vita. Ha quindi passato quasi un mese in compagnia di persone che non parlavano la sua lingua, ignaro di cosa volessero fare di lui. Fortunatamente, tutto si è risolto per il meglio: il Terzo plotone è riuscito a seguire le tracce lasciate dai pirati fino al loro nascondiglio, un approdo nascosto tra le colline a ovest del cimitero di Holov e raggiungibile soltanto dal mare o passando per alcune gallerie sotterranee semi allagate, prive di luce e piene di Risvegliati... La cosa più incredibile è che il merito di questo recupero è in gran parte di William Deed! A quanto pare è stato determinante in almeno due occasioni, prima uccidendo un bel pò di soldati di Ghaan in uno scontro nei pressi di Holov, quindi per evitare o eliminare gran parte dei risvegliati che circondavano l'approdo.

Come Ramsey abbia convinto gli Elsenoriti a riconsegnare Roy resta un mistero... Non hanno potuto dirci niente: forse non vogliono che si sappia che li hanno uccisi, o magari le voci su un patto di non aggressione che circolavano qualche tempo fa erano vere. Fatto sta che Roy è tornato a Uryen e il merito è anche di William. Poco fa ci ho parlato, dopo settimane in cui non ci incontravamo più. Forse dovrei ricredermi sul suo conto: mi ha sempre fatto una brutta impressione, ma a quanto mi sembra di aver capito ha compiuto un enorme sacrificio per l'esercito che sta cominciando a dare buoni frutti. Persino Garruk, che sembrava non poterlo sopportare, lo sta trattando in modo quasi decente. E' incredibile come i ragazzi riescano a...

Neanche a farlo apposta, sta tornando a parlarmi. Mi si siede accanto e mi chiede come sto, se va tutto bene... se ho sentito ancora Kailah o Annie. Certo che no, gli rispondo... come potrei? Sono via da mesi, oltre il Traunne... Ma forse lui non lo sa. Mi dice che non gli raccontano niente, che gran parte delle attività dell'esercito non gli vengono comunicate. Gli faccio presente che forse se non gli dicono le cose vuol dire che c'è una buona ragione e lui si mette a ridere. E' davvero simpatico, non c'è che dire: comincia a raccontarmi le ragioni che lo hanno portato qui ad Uryen, una strana storia di mentori e di false accuse che lo costringono a fuggire per evitare il carcere... Chissà se erano davvero false, oppure se ho di fronte un vero criminale. Un criminale simpatico, se non altro. Del resto, la maggior parte dei soldati si arruola per uscire di galera o per evitarla... E' così in tutte le zone di frontiera.



A un certo punto, non so come mai, mi viene da fargli una domanda strana: gli chiedo se è ancora innamorato di Annie. Lui sorride, quasi imbarazzato, poi mi risponde di si. Mi dice che ci pensa spesso, in questi giorni, perché sta seguendo un percorso... che lo porta a sentire cose molto simili a quelle che...

"Allora, Deedos? La piantiamo?"

La voce di Ali mi scuote, riportandomi alla realtà: è ancora bellissima, nonostante il fazzolettone che le copre la parte bassa del viso. Il sergente Ruud dice che sembra una guerriera delle tribù nomadi, che sono solite coprirsi la bocca per... non ricordo il perché.

"Che c'è, Ali? Sto solo parlando..."

"Non sono Ali, sono il caporal maggiore Shark, quello che ti farà un culo così se non voli in branda seduta stante". William annuisce, e di lì a poco estrae dalla tasca una chiave con un portachiavi in ferro, che brilla per un attimo alla luce dei falò. Mi sembra di... ma si, la riconosco! E la chiave della casetta dove avevano alloggiato Annie! Possibile che...

"E tu, soldato Zwein: che hai da vegetare? Non ti sei ingozzata abbastanza per questa notte? In clausura con le altre monachelle... subito!"

Sorrido e annuisco: ubbidire agli ordini di Ali ha un che di appagante, specialmente in questo momento così particolare. William mi saluta con un cenno, poi si allontana in direzione opposta a quella di Ali: va proprio verso la casetta di Annie... a un certo punto si gira nuovamente: da questa distanza riesco a distinguere bene soltanto i suoi occhi, che brillano nell'oscurità alla luce dei falò.

"Seguimi", sussurra. Non so come, ma riesco a sentirlo.

"...Io?" Non capisco. "Ma dici a me?" Sbatto gli occhi, e improvvisamente lui non c'è più.

Mi guardo intorno: la festa volge al termine, i soldati stanno incominciando a portare via i tavoli e le sedie. I profumi di vino e carne arrostita si diradano lentamente nell'aria. Lo sguardo vaga nel buio della notte senza riuscire ad afferrare nulla di concreto, quindi si posa lentamente sui fuochi dei falò, ormai prossimi a diventare braci.

Che mi prende?

Lentamente, incomincio a camminare. I piedi si muovono uno davanti all'altro, seguendo una scia invisibile diretta verso il buio che si sviluppa di fronte a me.

Che sto facendo?

Fermati, Charlie... Fermati: assicurati di avere il controllo. Mi fermo. A quanto pare ce l'ho: sto camminando io, di mia spontanea volontà. Non sono ubriaca, non sono... Forse è il sonno, si. Forse dovrei... andare a dormire. Ecco, da brava. Peccato che il convento delle monachelle, così come lo ha chiamato Ali, sia esattamente dall'altr...

Dove sto andando?

Ok, così non va. Non so cosa tu ti sia messa in testa, Charlotte Zwein, ma non ci si comporta così: tu non ti comporti così. Sei un soldato, ricordatelo sempre. Adesso, da brava, raggiungi un barile d'acqua fredda, datti una bella rinfrescata e poi vattene a dormire. Mannaggia a me e a quando alzo il gomito: se non lo reggo non lo reggo, perché insistere? Finisco solo per rendermi ridicola, e...

e...

Basta! Mi costringo a fare due passi, quindi faccio violenza a me stessa e tuffo la testa nell'abbeveratoio dei cavalli: fa un pò schifo, ma ne ho bisogno. Aah, ci voleva proprio. E ora fila a nanna, accidenti a te: domani è un altro giorno.

Charlie Zwein - Immagine






scritto da AA. VV. , 12:05 | permalink | markup wiki | commenti (3)
Scritto il 24/08/2017 · 13 di 17 (mostra altri)
« Precedente · Successivo »