Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Mi fate venire fame... »
- Vodan Thorn -
 
Voci di Tramontana
Le cronache degli eroi che salveranno il mondo
Aidrich Ramsey
Il soldato che sa scrivere è pregato di aiutare quello che non sa scrivere. Si prega di non riempire la bacheca di messaggi personali o che non siano di pubblica utilità. Non scrivete sugli altri nulla che non vorreste leggere su di voi.
creato il: 23/06/2014   messaggi totali: 21   commenti totali: 69
69551 visite dal 23/06/2014 (ultima visita il 28/05/2022, 15:01)
27 agosto 517
Domenica 12 Febbraio 2017

Convalescenza



Nessuno in vista: è il momento di alzarsi. Tredici interminabili giorni a scaldare il letto sono un pò troppi, specie quando i tuoi compagni gozzovigliano a uno sputo di metri dentro la Capasanta, ubriacandosi e cantando a squarciagola. Non è passato un giorno in cui non li abbia sentiti... e invidiati. Beati loro, questo ho pensato per tutto il tempo. Mai avrei pensato di avere tanta voglia di quel piscio di gatto che Milo si ostina a chiamare sidro. Ma le tre guardiane che si sono alternate al mio capezzale sono state inflessibili: niente passeggiate, niente cibarie o bevande diverse dai loro decotti. Dovrei dar loro retta, in fondo è grazie a loro se ho ancora una faccia.

Lo so, sono una pessima paziente. Il fatto è che se resto ferma impazzisco: ho bisogno di prendere un pò d'aria, di volgere lo sguardo in direzione di quel che resta della collina, di respirare a pieni polmoni questo odore di bruciato che ancora si sente e in cui ancora aleggia il profumo della nostra vittoria. La mia vittoria.

Ti credevi invincibile, eh King? Pensavi di mettere radici, di costringerci a vivere con le chiappe incollate al muro per chissà quanto tempo... invece sei durato meno di uno dei miei fidanzati. Pensavi che saresti venuto a comandare, invece hai fatto la stessa fine dei Nordri e degli Elsenoriti che ci hanno provato prima di te. Pensavi di essere immortale, invece sei crepato come tutti gli altri. E non pensare che sarai l'unico, né l'ultimo a cadere: più grossi siete, più casino farete quando vi sbatteremo a terra.

Uno dopo l'altro, dopo l'altro, dopo l'altro. Imparerete che da queste parti i sovrani non durano molto, se alzano troppo la cresta.

Uno dopo l'altro, dopo l'altro, dopo l'altro. Avanti il prossimo, vediamo chi ha il coraggio di prendere quella corona: faremo in modo di renderla pesante anche al tuo successore.

"Dove credi di andare, zia?"

La sagoma massiccia di Garruk mi blocca la strada. Il suo sguardo severo mi scruta il volto, poi incontra l'occhio che spunta dalle bende. "Non mi risulta che tu possa andartene a spasso...".

"Non respiro, Garr. Ho bisogno di fare due passi. Se resto là dentro..."

"... Guarisci prima?"

"... No. Impazzisco e le ammazzo tutte."

Garruk ci pensa. "Sarebbero... quasi cinquanta punti in meno per il prossimo concorso! O sbaglio?"

Scuoto la testa. "Oltre settanta, con me. Mi impiccherebbero subito dopo, penso... per la paladina."

Garruk annuisce. "Ma per Kalina c'è chi ti darebbe una medaglia... non certo io, però!"

"Non farmi ridere, stronzo. E fatti da parte."

"E' vero che t'hanno dato il letto di Giada?"

"Non ne ho idea. Sei tu l'esperto di letti, qui..."

Mi guarda in silenzio, poi sorride. "Tornerai meglio di prima, zia: stai tranquilla, quelle sanno il fatto loro... sei in buone mani."

"Ma se neanche sai chi mi sta curando e come..."

"E' vero! Tu però non dirmelo, preferisco immaginarlo io!"

"Fanculo, la pianti di farmi ridere? Mi fa malissimo..." Dèi, quanto mi mancavano questi scambi, penso mentre tento di tenere fermi i muscoli delle guance.

Lo stronzo per tutta risposta ride lui, poi si fa serio e mi guarda in cagnesco. "Non starai pensando di... andare dallo stregone, vero?"

Scuoto la testa. Non preoccuparti. Ci ho pensato, in effetti, quando Vasq è venuto a trovarmi e mi ha accennato la storia: i dettagli non li sa nessuno, forse soltanto Ramsey, ma si capisce che è una cosa grossa... sempre che non sia l'ennesima cantonata che prende lo stregone. Confesso che in quel momento, tra la rabbia per quanto è accaduto a Roy, le costole fratturate, il braccio rotto e questo bel regalino sul viso, mi sembrava davvero la cosa giusta da fare. Del resto, c'è forse differenza rispetto a quello che facciamo ora? Se davvero dobbiamo spendere la nostra vita a combattere mostri per proteggere questo inferno che chiamiamo casa, tanto vale farlo come si deve. Ma è stato un momento di debolezza, un istante infinitesimale in cui ho spento il cervello: subito dopo l'ho riacceso e ho pensato a te, Garruk, e poi a Roy, a Vasq, a Ramsey, al capitano Barun... A Dunc. E mi sono ricordata che io, questa guerra, voglio vincerla restando me stessa: beh, magari non la faccia, ma tutto il resto sì. Umana. Umana e incazzata, predatrice in uno squadrone di Predatori, non certo pecora o debole preda in balia di questi cadaveri ambulanti color merda.

Uno dopo l'altro, dopo l'altro, dopo l'altro. Vi scaglieremo addosso tutto ciò che abbiamo: dalle catapulte alle fionde, dalle frecce spuntate alle nostre stesse ossa rotte.

Uno dopo l'altro, dopo l'altro, dopo l'altro. Trasformeremo casa nostra in un inferno: il nostro fuoco vi brucerà da vivi e da morti fino a ridurvi in cenere, anche a costo di ardere insieme a voi.

Garruk si allontana scuotendo la testa, lasciandomi immersa nei miei gloriosi pensieri di epica rivalsa: ha capito che oggi non è il caso di fermarmi.

Mi allontano a passo svelto dalle Case della Gioia, approfittando dell'assenza delle mie tre guardiane: ha ragione, sono il meglio che potevo sperare di avere. Da Kalina e da Astor me lo aspettavo, dalla paladina no: non so cosa bene perché lo stia facendo... Forse le sono simpatica, o magari ha semplicemente pietà di me. Fatto sta che ha passato tutte le sue giornate a mettermi e togliermi i suoi impacchi, recandosi qui dall'alba al tramonto: incurante tanto della nomea di questo posto, così poco congeniale alla sua cappa, quanto degli sguardi di chiunque l'abbia vista qui. Alla fine è stata quella con cui ho parlato di più, in questi giorni. Pur non essendo una chiacchierona, è molto brava ad ascoltare. Mi sembra una persona molto valida, di animo nobile e sani principi. La presenza di Kalina la mette molto a disagio, così come tutto il circondario... ma pur di aiutarmi ha scelto di ingoiare il rospo. L'ennesimo debito che dovrò ripagare, prima o poi...

Non oggi, però: oggi ho voglia di bere, di cantare con i miei compagni, di...

Poi lo vedo, intento a parlare coi suoi, e in un attimo mi passa tutta la voglia di entrare. Maledizione a voi, proprio alla Capasanta dovete venire? Torno rapidamente sui miei passi, mordendo forte la garza che mi tormenta la bocca. La succhio e sento il sapore del sangue, lo stesso che mi torna violentemente a ribollire nelle vene.

Fanculo.

Fanculo a te, a me e a questi demoni del cazzo. Dovete bruciare tutti, dal primo all'ultimo. Vi bruceremo fino a ridurvi in cenere. E poi bruceremo anche quella. Vi faremo rimpiangere di essere venuti, vi faremo pentire di essere scesi in questo inferno che ci ostiniamo a chiamare casa.

Fanculo. Ho davvero voglia di una birra.

Ali Shark - Immagine 7

scritto da Ali Shark , 03:49 | permalink | markup wiki | commenti (4)