Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Lorenzo, non fare cazzate »
- Frate Erwin -
 
Il blog dei fratelli Navar
Loic Navar
 
creato il: 11/10/2005   messaggi totali: 48   commenti totali: 80
78396 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 10/07/2020, 07:00)
30 dicembre 518
Venerdì 15 Aprile 2011

Sotterranei e vittoria....

Julie sta tentando di scassinare questa porta. Molto bene. Deve tenersi impegnata. Parliamoci chiaro: è una follia che stia qui con noi. E' indifesa e rischia la vita ogni giorno, ogni ora. Però bisogna dirlo: è capace di trarsi d'impaccio, lo è sempre stata. Che ricordi, non ci ha mai causato un ritardo nello scontro armato. Anzi.....Adesso ha paura. Si vede lontano un miglio. Comprensibile. E' bene che si tenga impegnata. Chissà che cosa ci aspetta di là da questa porta: probabilmente, se non un pericolo, un altro orribile spettacolo o qualche disgustosa rivelazione. Che stomaco a trattare con questi nemici. Che bestie!
Però. Anche noi abbiamo la nostra ferocia. Ogni tanto ripenso a quel Ragno che diceva che eravamo noti ai nostri nemici. Temuti. Mi piace. Mi piace molto. Siamo pochi ma guardateci, guardiamoci. Guelfo...non so se diventerà un mostro come quelli che abbiamo affrontato. Quel morso gli ha fatto paura, non c'è dubbio. Però. Eh. Per l'Ordine Nero non è già un mostro così? Nulla lo ferma, più lo avvicini alla morte, più lo rendi inesorabile. Il suo sangue lo eccita come un'orsa ferita, come un cinghiale. Ti insegue, ti bracca, ti azzanna. Eh. Mio fratello. Mio fratello qualche volta fa paura persino a me. Freddo. Senza sguardo. Un tempo mi rimproverava per il mio "cattivo gusto" nella gestione del prigioniero e del nemico. Diceva che c'era un principio a cui adeguarsi. Che bisognava essere un po' come i cavalieri nobili. Si voleva un po' innalzare dalla nostra condizione così plebea. Io no, sempre rude, da boia che sono, orgoglioso di esserlo. Ma ora che lo guardo con il martello lungo in mano. Freddo, senza sguardo. Dov'è quell'Eric? Sì, lo so che c'è. Gli basta un buon boccale di vino e tornerà a fare il "signore", a darsi un contegno, ad essere in fondo la brava persona che è. Ma ora? Possono sperarlo i suoi nemici? Questi bastardi? Molte volte mi sembra ormai che scelga di non uccidere, perché....non conviene. Pietà pericolosa questa, nemico mio caro. Più pericolosa della mia furia, se ci pensi. Ed io? Più "tecnico", direbbero i Nani. Più preciso di prima, mi pare. Più pericoloso anche io.
Ci stiamo avvicinando. Come cani da caccia. Pesci piccoli troviamo. E le tracce dell'abominio. Ma fiutiamo la preda. No, non come cani. Come lupi feriti. E affamati. Crudeli. Loro lo sanno e, lo so, un poco hanno paura. Sentono i nostri ululati da lontano. E i ringhi.
Solice non è con noi. La nostra parte graziosa. Pietosa e giusta. Composta. Forse è un destino? Un destino che la Rosa oggi non mandi profumo, ma abbia spiccato la sua spina.....
Arriviamo Vypern. Vedrai che all'ultimo il tuo Amon ti abbandonerà. Arriviamo. Per vincere o morire. Con questa disperazione che tu devi imparare a temere. Lo so che alla fine ce lo lascerai il nostro Albert. Perché sei un vigliacco in fondo. Mi ti ricordo. E ci temi. La tua bianca pedina ce la lascerai da sbranare. Per guadagnarti un'altra ora di fuga......

Vai che si apre questa porta. Manca poco.....
scritto da Loic Navar , 13:33 | permalink | markup wiki | commenti (1)