Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Io vado. »
- Kar Dun -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
135576 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 16/09/2019, 17:26)
2 dicembre 516
Martedì 19 Luglio 2005

Resisti!

Cara Solice, tieni duro!
Prego tanto il Santo Aiosapipos che ti protegga e ti salvi dal pericolo così come ha fatto con me. E' stato tanto buono da mettermi in guardia mentre quella strega di Estel mi attaccava alle spalle, e solo grazie a lui sono qui a raccontarlo.
Ora vedrai che aiuterà anche te e guarirai da questa brutta polmonite.
Non vedi? Il mare è calmo e la nave sta filando bene verso casa. Quando arriveremo al porto di Zarak starai alla grande!
... Eric mi ha raccontato quel che è successo quella notte, al Monastero. Di quando tu da sola hai combattuto contro tre enormi Nordi, e hai protetto Abel che era svenuto lì a terra, e hai tenuto duro tantissimo tempo, senza lasciarti mettere paura. Come fai a dire che non sei coraggiosa? Come fai a dire che non sei forte?
Sei stata grande Solice e sono sicura che Santo Aiosapipos, con te, stia molto meglio che con tutti gli altri, persino meglio che con i monaci barbuti di Delos... ops... forse ora fare la spiritosa è un po' blasfemo... ma so che Santo Aiosapipos non è un tipo permaloso, e capirà quello che voglio dire!
E quello che voglio dire è: coraggio Solice, tieni duro!
Con affetto,
Julie
scritto da Julie , 08:41 | permalink | markup wiki | commenti (4)
 
1 Dicembre 516
Martedì 19 Luglio 2005

Polmonite

Non mi sono mai sentita così debole... così... stanca... Non riesco a parlare, non riesco neppure a dire la preghiera dell'alba. Non riesco a sentire la mia stessa voce...

E' così che ti sentivi, mamma? Se penso che forse potrò rivederti... riesco ad avere un pò meno paura. Ed anche il freddo diminuisce un pò.

Non voglio che Julie debba pentirsi della fiducia che ha riposto in me... quando mi ha affidato la reliquia. Non voglio deluderla... Non voglio deludere nessuno.

Se non dovessi farcela, una cosa ti chiedo, una sola: assisti i miei compagni... e rendili in grado di mantenere la promessa che ho fatto a quel sacerdote. Comunque vada, io sono contenta perché so che mi vuoi bene.
scritto da Solice , 01:47 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
26 Novembre 516
Martedì 19 Luglio 2005

Convalescenza

Ancora una volta devo la vita a Desiree e alle sue amorevoli cure. Ma anche se le ferite sono state trattate, e il mio corpo lentamente riprende colore, sento dentro di me un dolore fortissimo, che mi squarcia e lacera più di qualsiasi lama.

Ho provato a combattere, a tradurre in fatti ciò che a parole ho giurato di difendere e proteggere a costo della mia vita: non ce l'ho fatta. Ho perso goffamente il mio scudo, sono stata derisa da quegli uomini malvagi... Hanno giocato con me, per poi schiacciarmi come un insetto fastidioso. E poi, mentre io giacevo priva di sensi, hanno compiuto il loro efferato crimine, massacrando i sacerdoti indifesi.

Pyros, ti prego, aiutami: dove ho sbagliato? Ti imploro, tirami fuori da questa angoscia che mi strangola il cuore e che mi lascia senza respiro. Come posso accettare di essere ancora viva, quando il suolo è cosparso del sangue di tanti tuoi servi che ho giurato di proteggere? Ti supplico, perdonami per ciò che sto pensando... Per non essere capace di comprendere il tuo disegno.
scritto da Solice , 01:34 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
23 Novembre 516
Martedì 19 Luglio 2005

Dove mi trovo? Non riesco... a muovermi. L'ultima cosa che ricordo... I ghigni, le risate... ridevano di me? Lo scudo, ho perso lo scudo... Poi le gambe, non riuscivo a stare in piedi. E il monastero, che... girava... intorno a me.

Freddo... ho tanto freddo...
scritto da Solice , 01:19 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
22 Novembre 516
Martedì 19 Luglio 2005

Riflessioni sparse

Ho fatto ancora lo stesso sogno. Perché, in questo luogo così sacro e spirituale, continuo a vedermi indossare gli abiti della battaglia? Puo' davvero un luogo del genere essere oggetto di un pericolo imminente? Esiste davvero qualcuno capace di rompere la pace e profanare la sacralità di queste mura?

Non voglio pensare che sia così. Eppure, non posso ignorare ciò che Pyros mi mette davanti agli occhi: più tardi, nel pomeriggio, andrò nuovamente a perlustrare le vie d'accesso, per assicurarmi che nulla minacci questo santo luogo.

E se i miei timori fossero infondati? Forse il Dio vuole vedermi vestita dei suoi colori, vuole vedermi portare il suo scudo... Se così fosse, non ci sarebbe nessuna minaccia incombente per i miei compagni e per i sacerdoti. Spero tanto che sia così... Più tardi ne parlerò con Abel, magari insieme riusciremo a interpretare meglio il disegno divino.
scritto da Solice , 01:12 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
22 Novembre 516
Martedì 19 Luglio 2005

Caro Abel,

Ti ringrazio molto per le tue parole, non hai nulla di cui farti perdonare: la tua fede nella preghiera è stata per me di grande esempio, più di qualsiasi parola. Spero tanto che questi sogni non si rivelino profeti di cattivi auspici, tuttavia confido in Pyros e nel suo essere saggio arbitro del nostro destino.

Sono onorata che il santo eremita mi consideri custode dell'amore e dell'amicizia, spero soltanto di rivelarmi degna delle sue gentili parole: ti prometto che farò il possibile per stare vicina a Guelfo, e per instaurare con lui un rapporto di reciproca fiducia.

Mi hai chiesto se ho domande o osservazioni da fare: ti confesso che sono rimasta molto colpita dalla religiosità dei sacerdoti delioti e dalla costanza con cui officiano i riti. La sacralità del monastero e dei suoi predicatori è diversa e per certi aspetti più intensa da quella a cui sono abituata, ed è una dimensione che mi riempie il cuore di pace: tuttavia, i sogni che ho fatto mi spingono a non rilassarmi, e mi animano di sentimenti diversi dall'amore e dall'amicizia di cui il santo Efrem mi vede portatrice.

Spero di riuscire a interpretare nel migliore dei modi il disegno divino, fino ad allora resterò assorta in preghiera nella speranza che Pyros illumini il mio cuore.
scritto da Solice , 00:55 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
21 Novembre 516
Sabato 2 Luglio 2005

al Monastero

Cara Solice, perdonami per essermi occupato poco di te in questi ultimi giorni, ma sono stati ricchi di eventi molto difficili da gestire. Ora che il più del mio lavoro sembra essere fatto ti trovo un po' turbata. Mi pare molto saggia la decissione di riprendere a vestire gli abiti da paladino, che servono a sostenerci e a ricordarci il nostro compito. Dimmi un po': come vanno le cose? Come hai vissuto gli eventi? Hai qualche domaanda o osservazione?

Tu, che dal santo eremita sei stata indicata come custode dell'amore e dell'amicizia, stai vicina a Guelfo. Gli eventi lo hanno molto stravolto e più volte mi è sembrato tentato dalla brama di conoscenze ... anche se forse con intenti nobili. Io sono costretto ad essere duro e forse lo dovrei essere di più, ma tu almeno cerca di avvicinare il suo lato umano e di aiutarlo a non cedere alle tentazioni del sapere senza limiti.

Mi raccomando, confido in te.
scritto da Abel , 20:11 | permalink | markup wiki | commenti (0)