Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Hai bisogno di qualche aiutino? »
- Colin Tarr -
 
Myst Cyclopedia

Mantello di Pietra - Elenco versioni

Tramite questa pagina è possibile consultare l'archivio delle varie versioni di questa voce a partire dal giorno della sua prima stesura. L'archivio delle versioni è reso disponibile in sola lettura, non sarà quindi possibile modificare o eliminare una versione precedente; non sarà inoltre possibile riferirsi alle versioni di una voce tramite link univoco o mediante un riferimento al nome visualizzato.

Per visualizzare una versione della voce antecedente a quella attualmente pubblicata è sufficiente selezionarla nella casella a discesa sottostante e cliccare sul pulsante seleziona.
Non è presente alcuna versione di questa voce oltre a quella attualmente in linea.
 
Myst Cyclopedia

Mantello di Pietra - versione del 10/09/2019, 13:16

[edificio]
Il Mantello di Pietra è un edificio a picco sul mare a poca distanza dalla città di Feidelm, riconoscibile perchè affiancato da una grossa statua in pietra, antica e danneggiata, raffigurante un gigante che emerge dalle rocce, con qualcosa sulle spalle simile ad un mantello.

Il Gigante della Falesia

La grande statua in pietra, ormai severamente danneggiata da secoli di salsedine e di incuria, raffigurava un tempo il Gigante della Falesia, protettore dei pescatori del villaggio abbandonato di Mahar-El-Don, di epoca Khan, che sorgeva proprio ai suoi piedi. Il Gigante sosteneva sulle possenti spalle un colossale macigno, come a proteggere i suoi servitori umani dalle frequenti frane della parete rocciosa.
Ironia della sorte, proprio a causa di uno smottamento il macigno sorretto dal Gigante rotolò a valle, schiacciando alcune casette di Mahar-El-Don, che da allora fu ritenuto maledetto, sfortunato, e venne abbandonato. Tutto questo accadeva intorno al 120 p.f.
Da allora Mahar-El-Don cadde nell'oblio, divorato da frane e mareggiate. Il Gigante, benchè danneggiato, rimase al suo posto. Alle sue spalle vennero edificate negli anni diverse costruzioni, le une sulle rovine delle precedenti: prima una torretta di osservazione, quindi una cappella dedicata a remote divinità marine, dopodichè un faro, ed un castelletto, appartenuto alla morente dinastia degli El-Don.
Infine, intorno al 450 p.f., i resti del castelletto furono riadattati a fattoria, e le due esili cerchie murarie degradanti verso il mare divennero terrazzamenti per la coltivazione di patate e altri ortaggi.
Qui vive ormai sola Kaloo El-Don, ultima erede degli El-Don, fanciulla dalla mente fragile.
Creata il 10/09/2019 da Annika (2242 voci inserite). Ultima modifica il 13/09/2019.
2147 visite dal 10/09/2019, 13:16 (ultima visita il 28/02/2024, 17:06) - ID univoco: 4357 [copia negli appunti]