Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Questo Bert cresce un altro po' e finisce sulla mappa del problema »
- Bohemond D'Arlac -
 
Myst Cyclopedia

Alchimia

Immagine che raffigura il Labirinto Ermetico, simbolo dell'Alchimia.Scienza esoterica che si pone come fine ultimo quello di trasformare una o più sostanze comuni o terrene in un composto avente proprietà non comuni o ultraterrene mediante la ricerca, lo studio, l'applicazione e l'abilità dei suoi praticanti, che prendono il nome di alchimisti. Sebbene si tratti di una disciplina estremamente pratica l'alchimia assume spesso una forte connotazione filosofica, trattandosi di uno dei tanti percorsi di ricerca che consentono all'uomo di superare i propri limiti: tra questi i più simili sono senza dubbio la Magia (con particolare riguardo alla Necromanzia) e le antiche tradizioni spagiriche diffuse presso i popoli antichi e originarie dei territori Nomadi, da molti considerate alla base dei culti di divinità come Shub-Niggurath, Morgoblath, Reyks e Harkel.

Premessa

Questa voce ha il compito di descrivere il corpus di tradizioni e pratiche alchemiche da un punto di vista narrativo. A corredo del comparto narrativo vi sono poi tre ulteriori voci che spiegano il funzionamento dell'alchimia in termini di gioco.
  • Alchimia: Regolamento, che spiega le regole di base dell'alchimia, i Tiri da effettuare e una serie di altre informazioni utili per il Master.
  • Alchimia: Ingredienti, che fornisce un elenco degli ingredienti alchemici (piante, minerali, estratti animali et. al.) con le relative informazioni su reperibilità, costi, effetti et. al.
  • Alchimia: Preparati, che descrive un elenco dei preparati alchemici (composti, impiastri, pozioni, infusi et. al.) con le relative informazioni sulla difficoltà di preparazione, effetti, controindicazioni et. al.
Tanto le informazioni narrative quanto quelle relative a ingredienti e composti sono pensate prendendo a riferimento il Continente di Sarakon ma possono essere facilmente adattate a qualsiasi ambientazione di stampo low-fantasy.

Storia

Le origini dell'alchimia sono da ricondurre a epoche remote e non sempre mettono d'accordo gli storici e gli studiosi. L'ipotesi più accreditata vede la scienza alchemica praticata sul Continente negli ultimi secoli come il punto di unione di tre diverse tradizioni:
  • la cosiddetta Ars Spagirica, termine generico di matrice turniana con cui si fa riferimento a una pluralità di tradizioni medico/terapeutiche diffuse su Sarakon nell'età ancestrale anche molto diverse tra loro (Lankbow, Ilsanora, Delos, Zedghast, Nomadi). Queste pratiche, tramandate prevalentemente per via orale e non abbastanza strutturate per poter essere classificate come discipline vere e proprie, costituiscono senza ombra di dubbio l'impalcatura embrionale della scienza alchemica diffusa oggi sul Continente.
  • la ricerca magica propriamente detta, con particolare riguardo alle pratiche legate alla scuola della Necromanzia: lo studio della vita e del suo rapporto con l'ambiente circostante, con il tempo e con la morte non può prescindere da una conoscenza approfondita delle piante, dei minerali e degli animali, nonché delle particolarità di ciascuno di essi. Inoltre, il Necromante ha spesso l'esigenza di studiare le basi dell'alchimia così da potersi dotare di sonniferi, calmanti, veleni e altri preparati funzionali alle sue ricerche. Il rapporto tra Alchimia e Magia è ulteriormente rafforzato dall'esistenza stessa dei reagenti, nonché dalla capacità del mago di utilizzare lo Yoki per alterare in modo significativo uno o più reagenti.
  • la concezione religiosa e/o filosofica di alcuni culti ancestrali diffusi nel continente che condividono l'esaltazione dell'individualità umana e la sua capacità di ergersi a entità creatrice ovvero di alterare la realtà circostante piegandola ai propri fini. L'alchimia è non di rado la disciplina più diffusa, pur se con modalità e finalità profondamente diverse, presso i seguaci dei culti di Morgoblath, Shub-Niggurath, Reyks e Harkel.

Tipologie di Alchimista

L'esistenza di tre tradizioni alla base dell'alchimia ha favorito la nascita di tre diversi approcci, ciascuno dei quali tende a considerare un aspetto predominante rispetto agli altri, che corrispondono ad altrettante tipologie di alchimista ad oggi diffuse nel Continente.

Lo Spagirico

E' senza dubbio la tipologia prevalente, composta dalla maggior parte dei farmacisti, medici e speziali. Lo spagirico è in buona sostanza un alchimista laico, ovvero uno studioso che, partendo dallo studio dei libri e delle formule, persegue un approccio orientato soprattutto al raggiungimento di risultati pratici. Il termine laico è riferito esclusivamente al modo di intendere la pratica alchemica: lo spagirico può essere anche un sacerdote o paladino dotato di una concezione neutra e funzionale dell'alchimia.

Il Teurgo

Il termine descrive l'alchimista che opera in nome e per conto della Divinità, infondendo quest'ultima nei suoi preparati. E' l'approccio seguito dalla maggior parte dei sacerdoti (o sekhmet) che utilizzano l'alchimia come mezzo per compiere le loro opere (Doni, Invocazioni et. al.).

Il Demiurgo

Viene definito in questo modo l'alchimista che sfrutta le proprie capacità sovrannaturali per raggiungere risultati ultraterreni. E' l'approccio seguito dalla maggior parte dei ricercatori di magia e dai druidi, ovvero basato sull'utilizzo dello Yoki e/o di altre forze sovrannaturali di matrice non religiosa in congiunzione con gli ingredienti e/o per potenziare l'effetto degli stessi.

La differenza tra queste tipologie si esaurisce nelle premesse filosofiche alla base dell'esercizio della pratica alchemica: ciascuna di esse tende infatti ad agire e operare allo stesso modo, anche se le ultime due hanno la possibilità di alterare la preparazione di alcuni composti facendo uso delle rispettive capacità. Questa strada è in ogni caso percorribile anche dallo Spagirico, il quale può dotarsi del supporto strumentale di uno o più assistenti in grado di apportare le alterazioni del caso. Nella maggior parte dei casi lo Spagirico raggiunge solitamente una preparazione più versatile, mentre il Teurgo e il Demiurgo tendono a specializzarsi nella preparazione di un numero limitato di composti e/o preparati molto complessi.
Creata il 10/09/2015 da DarkAngel (1195 voci inserite). Ultima modifica il 09/07/2016.
579 visite dal 08/07/2016, 02:28 (ultima visita il 19/04/2019, 19:29) - ID univoco: 4039 [copia negli appunti]
[Genera PDF]