Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Mi difendono gli Dei, quello che non fanno con te! »
- Loic Navar -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
131819 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 16/06/2019, 14:22)
Scritto il 28/11/2010 · 87 di 91 (mostra altri)
« Precedente · Successivo »
20 ottobre 518
Domenica 28 Novembre 2010

Certezze e Paure

Micol Semeyr, Roland, Marc Sand: questi i tre nomi che ci separano dal compimento della nostra impresa. Nei prossimi giorni andremo a cercarli, forti delle informazioni che l'Heresioptis ha estorto a Gad Gronegin; con l'aiuto degli Dei li sconfiggeremo, liberando Arlyn Farrell e mantenendo così la promessa fatta a Eugene. La cattura di Micol Semeyr le impedirà di portare avanti qualsiasi patto stipulato con il Demone che la sta ingannando, costringendo quest'ultimo a tornare nel regno dei morti. Questo è ciò che siamo chiamati a fare, e questo è quello che faremo. Il Metropolita crede nelle nostre forze, e parlerà di questa battaglia al Patriarca di Turn in persona. Non posso immaginare un onore più grande, una manifestazione più concreta della benevolenza divina. Per questo, quando scenderemo in battaglia, non saremo soli: per questo, alla fine, noi prevarremo.

La lettera di Lady Beart giunge a trenta giorni di distanza dalla mia risposta, ricordandomi la lunga strada che ci separa da Greyhaven. L'inchiostro che la descrive disegna sulla pergamena il volto dell'assassino di Ludmilla: Lady Carmen Navon, la sorella del suo promesso sposo, infettata nel cuore e nell'animo dal veleno che scorre nelle vene di Imielle l'ancella... Imielle Klein.

La luce della verità emanata dagli atroci resoconti di Emanuelle Beart splende, pallida e fredda, pagina dopo pagina. Oh Dei, quanto avrei voluto che vi fossero altre spiegazioni! Non c'è frase che non confermi le paure peggiori, non c'è parola che non faccia scorrere un brivido lungo la schiena. Imielle Klein... nata dal più atroce e sacrilego degli atti, vissuta nel peccato, cresciuta come una serpe velenosa in seno alla famiglia che ha avuto la sventura di prenderla con se: questo è dunque il volto che ha oggi la Dama Azzurra, questo è il tumore che da anni affligge Laon e che ora minaccia Luceen. Ora abbiamo l'occasione di fermarla, se Lady Beart è disposta ad aiutarci: mi chiedo se davvero avrà il coraggio di ripetere tutto quanto al cospetto dell'austero tribunale dell'inquisizione: ''Amica, maestra, amante e corruttrice''. Prima sua, poi di Lady Carmen Navon... tradendo la sua fiducia.

Ma c'è un'altra cosa che non posso fare a meno di chiedermi, alla quale non riesco a non pensare: è davvero il pentimento che la spinge a parlare contro Imielle? E se fosse invece il rancore, la rabbia... la gelosia?

Sto facendo la cosa giusta a fidarmi di te, Emanuelle? Posso davvero sperare di poterti recuperare, o confermerai ancora una volta le mie peggiori paure?

Solice Kenson - Immagine 12
scritto da Solice Kenson , 06:13 | permalink | markup wiki | commenti (0)
Scritto il 28/11/2010 · 87 di 91 (mostra altri)
« Precedente · Successivo »