Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Vieni qui Carcassa »
- Rak Jim -
 
Voci di Tramontana
Le cronache degli eroi che salveranno il mondo
Ali Shark
Il soldato che sa scrivere è pregato di aiutare quello che non sa scrivere. Si prega di non riempire la bacheca di messaggi personali o che non siano di pubblica utilità. Non scrivete sugli altri nulla che non vorreste leggere su di voi.
creato il: 23/06/2014   messaggi totali: 21   commenti totali: 69
69542 visite dal 23/06/2014 (ultima visita il 28/05/2022, 14:24)
10 settembre 517
Giovedì 11 Maggio 2017

Nebbia



Come ti senti, Annie?

Non molto bene, suppongo. Potrai ingannare gli altri, forse, ma non me. Anzi, a ben vedere non riesci a ingannare nessuno, visto che chiunque ti vede ti dà per malata, moribonda, infetta, maledetta e così via.

Come ci si sente a non avere più né fame né sete? Quando è stata l’ultima volta che sei riuscita a dormire? Scommetto che hai perso il conto: quando i punti di riferimento vengono meno i giorni si legano l’uno all’altro in un lungo percorso confuso senza inizio né fine.

Quali bisogni primari ti restano? Se la risposta ti mette a disagio puoi anche non rispondere: non sono pensieri che dovresti avere in testa. Chissà se è una reazione a quello che ti sta accadendo o se fa parte del processo di trasformazione: la risposta è irrilevante, visto che rientra ampiamente in ciò che ti è precluso.

Le frasi di Logan, Colin e Bohemond ti hanno colpita molto: in modo diverso, come diverse sono queste persone e diverso è il modo in cui si comportano con te.

Logan non ti ha colpita solo a parole, ma non hai sentito granché. Il dolore arriva ovattato, come se i calci colpissero da un’altra parte. Un bel cambiamento, rispetto ai crampi, ai bruciori e agli spasmi insopportabili che lambivano ogni parte del tuo corpo fino a qualche settimana fa. E’ una sensazione strana, quasi appagante: avresti voglia di vedere fino a dove puoi spingerti, quanto puoi sopportare prima che quel prurito indistinto torni a fare il male che deve. Avresti voluto che ti desse molti altri calci, dì la verità: anche perché te li meritavi. Ricordi quell’unica volta in cui tuo padre ti prese a calci? Non è passato molto tempo, anche se ormai sembra un’eternità. Lo fece perché ti aveva colta con le mani nel sacco. Le persone per bene non rubano, mai: il furto è il peggiore dei crimini. A quel tempo lo sentivi eccome, il dolore: i lividi ti fecero piangere per settimane, eppure di certo fecero più male a lui. Era un brav’uomo, ti voleva bene. Hai più rubato, da quel giorno? No. In compenso però ti è stato rubato praticamente tutto. La dignità e la carriera dal Sergente Maggiore Varchmann, la famiglia dai Nordri di Ilsanora, quindi tutto il resto da Mirai Raaken. Qualcuno, non ricordi chi, ti ha detto che Mirai significa “futuro”: non certo il tuo, a quanto pare. Non sai che fartene di questa vita di alterne sofferenze e continua frustrazione a cui sei stata condannata. Vorresti risolvere tutto con una fine gloriosa, gettando alle ortiche gli sforzi che tutti stanno facendo per tenerti in vita. Pensieri indegni di una ragazza per bene e inaccettabili per un soldato: Logan lo ha capito benissimo, per questo i suoi calci non saranno mai abbastanza.

Colin continua a spendersi giorno e notte per cercare di salvarti: è uno dei pochi a pensare che tu non sia una causa completamente persa. Guardarlo negli occhi ti è ogni giorno più difficile: ti vergogni perché lo hai lasciato solo, visto che ormai hai smesso di crederci persino tu. A tratti il suo ottimismo incondizionato ti dà sui nervi, eppure hai bisogno di lui più di chiunque altro: avresti voglia di abbracciarlo e piangere a lungo, ma sei troppo orgogliosa e comunque va bene così, in fondo meno tocchi le altre persone e meglio è. Intanto continui a trangugiare quel bibitone preparato dalle sue mani, quelle due volte al giorno in cui te lo porta sono diventate il momento più bello della giornata. Al tempo stesso sai bene che continuerai a deluderlo: non sei in grado di rispettare i livelli di lucidità che lui si aspetta. Lui pensa che tu possa ancora migliorare, non ha idea di quanto tu stia lottando per non precipitare.

Le parole di Bohemond non te le aspettavi: ti hanno colpita molto. Anche lui ha ragione da vendere e riesce a guardare le cose da una prospettiva diversa e più sensata della tua. L’unico modo che hai per sfuggire a questa sensazione di inutilità è metterti al lavoro, fino a quando avrai un braccio in grado di sollevare una spada. Metti in pratica quello che sai fare, sfrutta i vantaggi posizionali, tieni a freno la... cosa? Furia? Frenesia? Sete di sangue? Non lo sai neanche tu come definire quel velo rosso che a tratti ti scende davanti agli occhi. Non è una cosa buona, poco ma sicuro. Per il momento non sembri avere problemi a rivolgerla verso gli avversari, ma sarà così anche in futuro?

Le propaggini della bruma bianca si avvicinano ad ogni passo: per i tuoi compagni è una trappola mortale ma a te non sembra fare alcun effetto, proprio come per i Risvegliati. Un’altra freccia al tuo arco che potrà essere di grande aiuto, se solo riuscirai a usare la testa.

Afferra la spada, stringi i denti e fai del tuo meglio: se non riesci a combattere in modo efficace, diventa un faro per i tuoi compagni. Questa coltre pallida non può fermarti, così come gli avversari che si nascondono al suo interno.

Ancora uno sforzo, Annie: cerca almeno di arrivare a Skogen.

Annie Volvert -  Immagine 4
scritto da Annie Volvert , 18:46 | permalink | markup wiki | commenti (1)