Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Non c'era neanche un prete, oltre che una ragazza carina. »
- Padre Engelhaft -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
138712 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 20/11/2019, 06:17)
15 novembre 517
Venerdì 12 Settembre 2008

Soldato della Fede

Le ore passate a guardare i miei fratelli e i cavalieri di mio padre, il lungo e faticoso addestramento al monastero di Foucault e i primi scontri "veri" combattuti al fianco di Abel; le interminabili mattine passate ad evitare gli affondi di Diana, i pochi e incredibilmente fortunati scambi di colpi con i Maestri del Vento, la costanza con cui sir Paul Harvesham e sir Karl Anderson hanno saputo allenarmi giorno e notte; ma soprattutto il lungo e difficile combattimento con Bellamy Collorotto, in cui la Santa a cui ora appartengono la mia vita e la mia anima ha deciso di prendere il mio braccio, infondendo in esso la sua forza.

"Torna dalla mamma, ragazzina!"

Una frase che suona come una condanna, ineluttabile verdetto sull'esito ultimo dei miei sforzi per rendere questa spada qualcosa di più che un peso; un unico e secco strattone in grado di sciogliere in un istante tutti i nodi che avevo faticosamente realizzato sulla corda del mio orgoglio: non sono riuscita a fermare quell'uomo, colpevole di aver sottratto uno scrigno dal contenuto così prezioso da non poter essere neppure rivelato, così importante da valere più di sessanta vite. Ho letto il rammarico negli occhi di messer Balthasar Toppler, e non sono riuscita a non pensare al furto che io stessa ho subito oggi: anche io avevo uno scrigno e anche io ora non l'ho più, svanito come l'ultimo respiro del mio cavallo, fragile come i sogni e le speranze dell'unica vita che vale: la mia.

Eppure, devo riuscirci: come Soldato della Fede di Pyros, come figlia di Elias Kenson, sento e so di avere la responsabilità di rialzarmi e continuare. Lo devo a Padre Lorenzo che ha creduto in me, lo devo a mio padre, lo devo ai miei amici... ma soprattutto lo devo a Santa Chiara: per Lei costruirò un nuovo scrigno e a Lei chiederò di riempirlo vivendo e operando per Lei, nella speranza che possa aiutarmi a proteggerlo nel migliore dei modi.

Solice Kenson - 15 Novembre 517
scritto da Solice , 03:08 | permalink | markup wiki | commenti (0)