Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Ancora le so fare le pire, va come tira 'sto fuoco! »
- Deben Bonne -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
135654 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 17/09/2019, 22:46)
24 agosto 517
Domenica 17 Febbraio 2008

Sete

Sir Enrique Grognard, sir Brian Vowest, sir Philip Mayo, sir Angus Keener, Alfred Rosemberg, Lord Wilhelm Keitel, sir Kilian, Bob DelMontesque e i loro soldati. Non mi avevate preparata a tutto questo, Padre Quart: forse non ce n'è stato il tempo, o forse avete pensato che non sarebbe stato necessario. I fatti vi hanno dato ragione: ho approvato le loro morti e non mi pento di averlo fatto, perché credo di aver agito secondo giustizia. Prima di entrare in questo luogo sapevo di aver sposato la causa dei miei compagni, ma ora so che mi unisce a loro qualcosa di molto diverso: sento il loro punto di vista dentro di me, la loro vendetta, la loro sete. Sento il mio cuore sanguinare dopo aver guardato negli occhi gli Sperduti, dopo aver letto gli scritti di quell'uomo malvagio che mai avrebbe dovuto ricevere il titolo di Signore e sento una fiamma che arde dentro di me, nuova e terribile, alimentata da quello stesso sangue. Quella fiamma oggi ha vinto, saziandosi del sangue dei suoi più acerrimi nemici: ed ha ancora sete.

Ma non le permetterò di consumarmi, questo no: saprò tenerla a bada. Farò del mio meglio per mantenerla in vita, senza per questo deviare dal cammino che gli Dei hanno tracciato per me. Continuerò a svolgere il mio compito nel pieno rispetto della regola di Pyros: porterò queste persone lontano da qui, in un luogo dove potranno ricominciare, mentre i miei compagni porteranno il loro aiuto a Lord Anthony, a sir Steven e a sir Leon...

Sir Leon... sir Steven... riuscirete a farcela? Mi sembra ieri di avervi visto combattere a Beid, ma in quella circostanza non avete dovuto affrontare otto avversari tutti in una volta...

Mi chiedo se... non ricordo più a cosa stavo pensando. La fiamma, la sete... l'acqua del lago. Mi inginocchio a berla a mani giunte, come per pregare: la sento nella bocca... è salata. No, non è il lago... è il mare. Sento i suoi flutti, insieme alla musica melodiosa degli uccelli colorati... Dov'è Pyros, adesso? Pyros è con me, ovunque io vada... Abituati a questa risposta, Maestro Sconosciuto, perché stanotte sarà l'unica che sentirai.

...Zzz...
scritto da Solice , 13:29 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
23 Agosto 517
Domenica 10 Febbraio 2008

Preghiera

A te rendo grazie, Dio della Verità, per aver protetto Eric e Loic nel duro scontro che hanno affrontato contro Lord Wilhelm e il suo campione; a te rendo grazie per aver protetto Nicolas, e con lui gli uomini e le donne che hanno messo la propria vita al servizio di questa battaglia, dalla furia distruttrice scatenata dai loro oscuri e malvagi poteri. E' nel tuo nome che combattiamo e versiamo il nostro sangue, è nella tua fiamma che troviamo la forza di opporci al dominio degli oscuri signori di questa terra flagellata dal male.

A te rivolgo le mie preghiere, Dio del Coraggio, affinché tu possa preservare la vita di un bambino che non ha alcuna colpa, se non quella di essere l'unico strumento rimasto nelle mani di un cavaliere che ha scelto di privarsi del suo stesso onore: per questo ti imploro, ove mai fosse rimasta nel suo cuore una briciola del giuramento che un tempo lo legò a questa terra e alla difesa dei suoi abitanti, di restituirgliene quel tanto che basta per affrontare il suo destino senza farsi scudo di una vita innocente.

Tu più di chiunque altro conosci i miei limiti e le mie debolezze, tu più di chiunque altro sai quanto la mia forza e il mio coraggio siano incomparabilmente inferiori alla santa che qui riposa. Non sono in grado di comprendere i segni che mi stai inviando e che legano il mio arrivo al suo, e so di non essere degna neppure di pronunciare il suo nome: soltanto in una cosa posso eguagliarla, ed è nell'offrirti la mia vita per la salvezza delle persone che vivono grazie al suo sacrificio. Per questo attendo un tuo segno, pronta a eseguire ogni tuo volere: la tua luce potrà guidarmi nelle visioni che turbano le mie notti, la tua voce potrà parlarmi più forte delle voci che risuonano dentro la mia testa.
scritto da Solice , 06:33 | permalink | markup wiki | commenti (0)