Margravio e Burgravio

Discussioni sull'Ambientazione relativa al Continente di Sarakon.

Moderatori: Testimonial, PNG

Avatar utente
DarkAngel
Generale
Messaggi: 1597
Iscritto il: 14/04/2003, 20:51
Località: Roma
Contatta:

Margravio e Burgravio

Messaggioda DarkAngel » 13/03/2014, 14:54

Anna mi faceva notare che in Cyclopedia non esistono le tipologie "Burgraviato" e "Margraviato" tra quelle disponibili al momento di creare una voce, così come non esistono Burgravio e Margravio negli attuali titoli nobiliari.

Prima di inserirli vorrei sentire il vostro parere (soprattutto quello di Matteo) per vedere se ha senso inserirli oppure no. Probabilmente se n'è già parlato (almeno a voce) ma non ho ritrovato un topic scritto e quindi ripeterò cose probabilmente già note ai più, giusto per avere conferma.

Margravio / Margraviato: se non ho capito male Matteo li ha scelti come sinonimi rispetttivamente di Marchese e Marca, e ad essi dl tutto equivalenti in linea con la definizione storica (da Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Margravio) che li vede appunto dei semplici sinonimi. Va da sé che crearli come tipologia autonoma sarebbe quindi un errore, si tratta di un sinonimo di Marca e di Marchese che esistono già e quindi non bisogna toccare nulla (salvo eventualmente rinominare le due tipologie o creare una voce volta a dirimere la sinonimia). In poche parole, Margravio = Marchese e Margraviato = Marca.

Burgravio / Burgraviato: qui la questione è più complessa, se non ho capito male Matteo li ha introdotti nell'accezione "Polacco-Lituana" (et. al.) del termine (cfr. Wiki: http://it.wikipedia.org/wiki/Burgravio), ovvero non-nobiliare: carica "pubblica" di stampo amministrativo/burocratico, da non confondere quindi con Baroni, Visconti o Conti, tutti aventi una connotazione nobiliare e quindi militare (a Greyhaven) non indifferente. In poche parole, Burgravio = carica amministrativa non nobiliare da non confondere con Barone et. al. e Burgraviato = entità territoriale amministrativa da non confondere con altri termini (Baronia, Signoria etc.) relativi a possedimenti feudali e/o dinastici.

In sintesi: NON inserirei Margravio e Margraviato, in quanto sinonimi di Marchese e Marca, e inserirei invece Burgravio e Burgraviato in quanto entità autonome e non riconducibili a null'altro.

Che ne pensate?
DarkAngel
Avatar utente
Starless
Maggiore
Messaggi: 316
Iscritto il: 09/10/2003, 21:25

Re: Margravio e Burgravio

Messaggioda Starless » 13/03/2014, 20:49

Confermo che Margravio è in tutto e per tutto sinonimo di Marchese, così come Langravio lo è di Conte. Per quanto riguarda i Burgravi invece, vi riporto quanto scritto nella voce di Surok:

Burggraaf in lingua Khan era quel signore tribale che aveva il controllo di una fortificazione, tipicamente si trattava di esponenti della famiglia del Graaf esclusi dalla successione dinastica (figli cadetti, fratelli, nipoti). L'attuale assetto di Surok prevede che il Duca e i Langravi possano nominare dei funzionari pro tempore con l'incarico di amministrare piccole porzioni di territorio con caratteristiche geografiche, politiche e militari tali da rendere assai difficoltoso per l'autorità comitale esercitare su di esse un controllo effettivo. Fatti salvi i limiti temporali del mandato il potere dei Burgravi sulle terre a loro assegnate è assoluto, e nel sistema feudale surokita soggetto solo all'autorità ducale; in questo senso qualora un Conte costituisse un Burgraviato all'interno del proprio demanio, questa sarebbe una totale menomazione della propria potestà (a differenza di quanto accadrebbe altrove, ad esempio, con la costituzione di una Baronia) che andrebbe a sanarsi soltanto al termine del mandato stesso o per intervento diretto del Duca. L'istituto, piuttosto diffuso in epoca khan, fu recuperato nel trentennio successivo alla fondazione del Granducato di Greyhaven: durante gli oltre venti anni di guerre intestine che sconvolsero il neonato Ducato di Surok vi fu una vera e propria proliferazione di Burgravi, nominati dai Langravi e dal Duca sia per ragioni strategiche (costituzione e rafforzamento di enclavi fedeli circondate da territori ostili o ribelli), sia per mera opportunità politica e diplomatica (l'accesso ad un rango para-comitale veniva talvolta concesso a Baroni riottosi per assicurarsene la fedeltà, il più delle volte in concomitanza di matrimoni che li legassero alla dinastia regnante.). Con la riforma di Grunwald e in particolare dopo la fine della Rivolta dei Baroni la pratica fu temporaneamente abbandonata; tanto il Duca quanto i Langravi si trovavano ad esercitare un potere assoluto sui rispettivi demani, potere a cui non sarebbero più stati disposti a rinunciare.
In sole altre due occasioni, e sempre per decisione Ducale, furono costituiti dei Burgraviati: nel 327, al termine della Prima Campagna di Elsenore, ne fu posto uno a presidio di Kempen; nel 516, in seguito al Grande Tributo, diversi esponenti dell'aristocrazia mercantile surokita furono insigniti del titolo di Burgravio su altrettanti insediamenti dell'Heirlig e dell'Anterlig, affinchè coadiuvassero il Margravio di Feidelm nella difficile opera di pacificazione e ricostruzione del Corno del Tramonto.


In sostanza si tratta di un titolo nobiliare pro-tempore e non trasmissibile per via dinastica, con prerogative tuttosommato analoghe a quelle del Marchese/Margravio, e che però riguarda un territorio estremamente circoscritto (tipicamente una città e il suo contado). Il Burgravio in questo senso ha poteri sia amministrativi che militari assoluti, ed è da considerarsi a tutti gli effetti un vassallo diretto del Duca (con i limiti alle modalità di partecipazione alla Dieta Ducale sopra accennati).
"...and bible black."
Avatar utente
DarkAngel
Generale
Messaggi: 1597
Iscritto il: 14/04/2003, 20:51
Località: Roma
Contatta:

Re: Margravio e Burgravio

Messaggioda DarkAngel » 14/03/2014, 0:58

Starless ha scritto:
In sostanza si tratta di un titolo nobiliare pro-tempore e non trasmissibile per via dinastica, con prerogative tuttosommato analoghe a quelle del Marchese/Margravio, e che però riguarda un territorio estremamente circoscritto (tipicamente una città e il suo contado).

Ok quindi confermi che il Burgraviato necessita di uno slot suo e non riconducibile ad altri già presenti, non essendo un sinonimo di altra cosa (come Margraviato e Langraviato)?
DarkAngel
Avatar utente
Starless
Maggiore
Messaggi: 316
Iscritto il: 09/10/2003, 21:25

Re: Margravio e Burgravio

Messaggioda Starless » 14/03/2014, 5:36

Sì confermo,
"...and bible black."

Torna a “Il Continente di Sarakon”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite