Parole d'Oro: cose da fare

Forum dedicato agli eventi della Campagna di Caen, ambientata nel Continente di Sarakon (Ducato di Amer).

Moderatori: Testimonial, PNG

Avatar utente
DarkAngel
Generale
Messaggi: 1597
Iscritto il: 14/04/2003, 20:51
Località: Roma
Contatta:

Parole d'Oro: cose da fare

Messaggioda DarkAngel » 28/01/2008, 22:35

Scrivo cosa ha intenzione di fare Solice durante la giornata al villaggio delle Parole d'Oro, in modo che tutti possiate leggere e commentare le sue idee e, eventualmente, aggiungerne di vostre.

COSE DA FARE AL VILLAGGIO
--------------------------------------------------------------------------------------------------
Solice intende:
- far visita al sepolcro di Santa Chiara (o alla tomba, o nel luogo dove è stata sepolta) e pregare sulla sua salma.
- parlare con la ragazza "sperduta" tenuta nascosta dalla gente del villaggio, nella speranza che sia ancora recuperabile.
- parlare ancora con i contadini e con il capovillaggio con l'intento di farsi dare ulteriori informazioni (ad es. su dove i maestri del vento tengono i cavalli, sul tipo di sorveglianza che eventualmente adottano, etc.)

STRATEGIA & TATTICA
--------------------------------------------------------------------------------------------------
Le idee che mi sono venute sono le seguenti: su tutte queste cose Solice chiederà lumi a Eric e Loic, che giudica molto piu' esperti di lei in questo tipo di approccio. Ricordo che le seguenti strategie valgono per il combattimento che auspicabilmente si farà ALL'INTERNO DEL VILLAGGIO o nei pressi di esso, nello specifico contro i soldati/maestri del vento che verranno inviati a vedere come mai sir Brian e sir Enrique non hanno fatto ritorno. Alcune di queste potranno magari essere utilizzate anche per la torre, che probabilmente conviene attaccare immediatamente dopo aver vinto il primo scontro per tagliare qualsiasi possibile via di fuga.

- Equipaggiamento: Tutte le armi e armature prese ai Maestri del Vento e ai soldati vari verranno distribuite ai contadini, privilegiando ovviamente chi darà prova di saperle utilizzare: dovremo inoltre preparare altre armi piu' facili (come rastrelli, pale, bastoni, mazze etc.) per tutti coloro che non ne hanno mai impugnata una, che in tal modo potranno utilizzare corpo a corpo + arma di fortuna in luogo di un gruppo di armi che avranno probabilmente a zero.

- Armature di maglia: E' necessario rivedere l'equipaggiamento di tutti alla luce delle armature indossate dai maestri del vento: se hanno la maglia, tanto ai contadini quanto a noi stessi (in particolare a Solice e Guelfo, che non hanno il talento e usano spada) è necessario fornire armi da impatto o da penetrazione: mazze, pale e bastoni fanno molto piu' male di una spada contro un'armatura di maglia: ricordiamocene.

- Reti da pesca: secondo me un'utensile come la rete, manovrato da due persone o più a seconda delle dimensioni, presenta notevoli vantaggi: la rete da pesca è robusta e dovrebbero servire numerose spadate per disfarsene, inoltre le maglie sono molto strette e una volta avvolta la vittima non dovrebbe avere possibilità di poter combattere. Inoltre si suppone che le persone del villaggio (perlomeno i pescatori) le sappiano utilizzare, a differenza di spade e scudi. L'idea comunque non è quella di tirarle "da lontano" ma proprio di caricare i cavalieri con le reti e avvolgerli direttamente al loro interno: potremmo allenare rapidamente tre o quattro coppie di "pescatori", presumibilmente scelti tra coloro che mostrano meno confidenza con le armi, in modo da ottimizzare le nostre forze. Ciascuna "coppia" andrebbe insieme a uno di noi, e avrebbe proprio il compito di immobilizzare un "pesce grosso" per consentirci di immobilizzarlo rapidamente, senza dargli il tempo di mettere a rischio la vita di qualcuno.

- Fossati: a quanto sembra il territorio intorno al lago non è sempre pianeggiante: tempo per scavare delle buche serie probabilmente non ce n'è, ma magari possiamo utilizzare qualcosa di già presente e coprirlo alla bell'e meglio...

- Terreno superiore: La priorità numero uno resta sempre garantire la sopravvivenza dei contadini, o quantomeno evitare il loro massacro: per questo motivo Solice pensava alla possibilità di far salire alcuni di loro sui tetti delle case e/o alture e/o zone non immediatamente raggiungibili dai cavalieri, da cui poter scagliare qualcosa (frecce, dardi, ma anche pietre, pali, reti o altro) senza essere colpiti. E' quindi necessario stabilire molto bene il luogo in cui affrontare i maestri del vento, possibilmente andrebbe scelto un luogo che consenta almeno in minima parte questa possibilità.

- Tagliare la fuga: E' molto probabile che non riusciremo a impedire che la torre "scopra" molto presto cosa sta succedendo: qualora questo accada, lord Wilhelm o qualcuno dei suoi ospiti potrebbe pensare di fuggire per non correre rischi. E' quindi necessario capire dove tengono i cavalli ed eventualmente fare qualcosa per rendere impossibile qualsivoglia fuga. Uno di noi, magari Guelfo (troppo ferito per combattere materialmente) potrebbe farlo in contemporanea con il primo scontro insieme a un paio di contadini che conoscono il territorio, e non è escluso che persino il soldato "innocente" possa esserci d'aiuto per questa cosa.

Per ora non ho pensato ad altro: se mi vengono altre idee le aggiungerò modificando il post, nel frattempo fatevi avanti voi :)
DarkAngel
Avatar utente
Annika
Colonnello
Messaggi: 1714
Iscritto il: 08/10/2003, 15:36
Località: Roma
Contatta:

Messaggioda Annika » 29/01/2008, 14:02

Un po' di informazioni che potete recuperare facilmente al villaggio delle Parole d'Oro, e che vi possa servire per escogitare le strategie di attacco.

- i Maestri del Vento non alloggiano nella torre, ma insieme agli altri soldati hanno un accampamento con tende e padiglioni ai piedi della torre di Lord Wilhelm. Non distante c'è il recinto coi cavalli e delle stalle di legno collegate.
I padiglioni sono circondati da una staccionata e leggermente rialzati, alle spalle della torre rispetto al lago.

- La sorveglianza dei padiglioni è svolta dai soldati, che a turno tengono d'occhio la zona. Ma è comunque una sorveglianza "tranquilla". Fino a poco tempo fa nemmeno era continua, anzi spesso l'accampamento era lasciato a sè stesso. Dopo l'attacco ricevuto (Sebino, probabilmente) si è un po' intensificata, specialmente di notte.

- Per ora avete visto armature di maglia per i maestri del vento (è possibile che qualche capo abbia pure una brigantina, ma per ora sono tutte maglie semplici), mentre cuoio rinforzato per i soldati semplici.

- Effettivamente qualche rete da pesca c'è. Il lago pare sia molto molto pescoso e i villici ne attingono abbondantemente. Anzi, a pranzo vi offriranno da mangiare, oggi 23 agosto, e c'è proprio pesce arrostito con patate.
Di reti "adatte" a quel che avete in mente ne recuperate un paio, non di più: le altre o sono piccole, o sono malridotte, oppure dalla forma troppo irregolare e poco maneggevole. Ma due reti vanno bene e possono essere usate.

- Non c'è tempo per scavare buche o fossati, ma il costone rialzato che circonda il lago arriva fino all'altezza del villaggio ed è pieno di aperture che accedono alla rete sotterranea di stanze create in epoca turniana come locali di controllo della diga. Molte aperture sono state murate, ma quasi tutte dopo parecchi metri dall'ingresso, e vengono quindi utilizzate come magazzini.
Il terreno è parecchio sconnesso e c'è pieno di punti sopraelevati non distanti dalla strada, anche abbastanza buoni come nascondigli.

- Vie di fuga fondamentalmente ce ne sono 2: la via che passa dal villaggio e quella che prosegue alle spalle della torre, che è anche più praticabile a cavallo. Oltre a queste vie ci sono molte possibilità di andare "per fratte", ma il territorio circostante è sconnesso e poco adatto per i cavalli.
Poi c'è la via di fuga via lago, che naturalmente è possibile con una barca.

- Il molo si trova nei pressi di un edificio circolare mezzo allagato e mezzo a riva, quasi sempre chiuso. I villici lo chiamano "la cappella", ma non è una cappella. Solo che sembra che ci vengano svolte funzioni religiose, di tanto in tanto, a cui partecipano solo i maestri del vento e gli occupanti della torre.

- Il sepolcro di Santa Chiara non si trova al villaggio delle Parole d'Oro ma in una zona a est della torre, sulle sponde del lago. Qui sorgeva un altro villaggio, che è stato distrutto da un maremoto... (lagomoto?) un paio di secoli fa. La tomba sorge in una cappella scoperchiata, è un semplice sepolcro di pietra. E' possibile visitarlo ma ci vuole un po' di tempo, tocca fare un giro un po' largo per evitare di passare proprio davanti alla torre di Lord Wilhelm: quindi tocca preventivare un paio d'ore tra andata e ritorno.


Se volete sapere altro chiedete pure! :)

anna
*/\|\|\|/\*

Torna a “Campagna di Caen”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite