Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Se pensi a una quercia, quello non sono io. »
- Peoh Blood -
 
Kailah Morstan
diario di viaggio
Kailah Morstan
 
creato il: 13/01/2012   messaggi totali: 85   commenti totali: 91
291180 visite dal 13/01/2012 (ultima visita il 23/07/2024, 01:13)
4 aprile 518
Mercoledì 14 Settembre 2022

Purificazione

Il fuoco scorre attraverso di me.
L'energia di Dust si fonde alla mia, in un'unica spettacolare fiamma che avvolge questo ammasso di cadaveri, mentre barcolla veloce e sgangherato verso di noi. Brandisce innumerevoli armi, che si agitano scomposte e velocissime, riflettendo lo scintillio dell'incendio che lo divora.
Brucia, maledetto! Brucia!

Bohemond si fa avanti per arrestare la sua carica. Impugna Jagerin dei Tumuli, la spada che fu a lui donata dallo spirito di Cantor. Lo vedo di spalle, concentrato, pronto, forte del suo proprio smisurato e pazzo coraggio, e ammantato della sacra potenza di Dytros.

Non possiamo fallire.

Siamo nel giusto, non possiamo fallire.

Credevo che questo essere spaventoso e ripugnante fosse soltanto uno dei tanti mostri che vagano in una terra troppo sfortunata, ma non è così.

Abbiamo visto a Nord di qui la cicatrice dell'incantesimo di Aghvan, da cui spurga una contaminazione proveniente da piani di esistenza che dovrebbero restare sigillati: acqua velenosa, spore velenose, piante avvelenate e mutate, soffocate da escrescenze funginee innaturali...
E' questo il mondo che Aghvan vuole? Un mondo marcio, fetido e disgustoso, popolato soltanto da abominii.

La creatura che occupa la torre, quale che sia, sostiene di avere un credito con Aghvan, di averlo aiutato. Un demone, e Dust dice che Aghvan ci va a braccetto, coi demoni. E' un demone e ha pure la spada Frost Bite, il bacio del freddo. Eh, ma adesso lo manderemo arrosto, altro che bacio del freddo.

L'odore di cadavere bruciato è disgustosa, ricorda pire funerarie di amici perduti, un tanfo impossibile da dimenticare. E se penso che questo mostro così orrendo non è altro che un ammasso di poveri corpi profanati, i corpi dei soldati uccisi in battaglia, l'odio che provo per Agvhan e per il suo ospite demoniaco cresce a dismisura. A brandire una di quelle armi, in mezzo a quel defunto carnaio ambulante, potrei esserci io, o i miei amici. Uniti in un abbraccio innaturale ai nostri nemici, perchè nell'orrore del Risveglio siamo tutti uguali, persone di Uryen, di Angvard, di Ghaan.

Come Dytros fortifica la spada di Bohemond, così invoco Pyros, che col suo fuoco purificatore spazzi via dalla terra questo abominio, e prego Kayah, Dea dell'eterno riposo, che ci aiuti a ridare pace e dignità a questi poveri cadaveri rianimati.

Dobbiamo dimostrare ad Anghvan che il suo soprannome, l'Invitto, è soltanto una fanfaronata. Anche lui può essere sconfitto e saremo noi a farlo. E a spedirlo all'inferno insieme a tutti i suoi mostri, una volta per tutte.
scritto da Kailah , 09:44 | permalink | markup wiki | commenti (1)