Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« E' una cazzo di situazione del cazzo! »
- Loic Navar -
 
Kailah Morstan
diario di viaggio
Kailah Morstan
 
creato il: 13/01/2012   messaggi totali: 75   commenti totali: 85
107181 visite dal 13/01/2012 (ultima visita il 21/09/2019, 03:45)
8 settembre 516
Domenica 20 Ottobre 2013

E' quasi magia...

Se mai arriverò a sentirmi brontolare lo stomaco davanti a un Kreepar, significa che sto a digiuno da troppi giorni.
Sono creature grottesche, simili a gamberi o a insetti, solo molto più grossi. Commestibili, pare, anche se la loro dieta a base di carogne e carcasse di Risvegliati fa sorgere il sospetto che non siano molto salutari.
Ho avuto un incontro ravvicinato con uno di loro qualche giorno fa, all'alba della nostra spedizione sul crinale di Osterch. Si è avvicinato al mio cavallo e l'ha fatto imbizzarrire, e io sono volata schiena a terra. Un gran capitombolo, e per di più quell'essere mi si è avvicinato al viso, mentre ancora ero senza fiato per la botta, e quasi mi toccava con le sue zampette.
Le rune di Luger mi sono salite alle labbra da sole, quasi d'istinto.
Jek-Ak!
Ed ha funzionato! Il Kreepar si è illuminato di un chiarore violaceo, forse si è spaventato, fatto sta che si è allontanato da me per andare a rintanarsi in qualche buco nel terreno.
Non c'ero mai riuscita, non così bene. Ancora l'effetto dura pochi istanti, appena mi distraggo svanisce, ma sono contenta di vedere che il miglioramento prospettato da Mastro Luger è reale, esiste.

Qualche giorno prima Sven, vedendo che mi esercitavo senza grossi risultati sulla lama del mio pugnale, mi ha chiesto a cosa servisse questo incantesimo.
Certamente non è utile per farti crollare addosso una collina, o per creare dal nulla nubi fetide e urticanti in grado di soffocare i nemici. Ma questa è una scienza che si acquisisce per gradi, richiede pazienza e dedizione, e nessuno può sapere in anticipo quali usi e quali sviluppi una certa disciplina potrà portare in futuro.
Ci vuole molto esercizio.

Una volta tornata ad Alma Mater, appena mi sono potuta alzare dal letto, ho chiesto al Tenente Vonner una cavia su cui esercitarmi, uno dei prigionieri di Ghaan.
E' stata una richiesta troppo cinica?
Me l'hanno portato già sfondato, coi segni evidenti delle torture, un fantoccio insanguinato e tumefatto che solo a vederlo smuoveva lo stomaco. Per un momento ho esitato. In fondo, mi sono detta, è pur sempre una persona.
Ma se in guerra inizi a ragionare così è finita.

Soldato di Ghaan. Il tuo commilitone Mago ci ha fatto franare una collina in testa, ci ha intossicati, e chissà quante colline ha fatto franare, prima di diventare così bravo. Chissà quanta gente ha dovuto intossicare, prima di padroneggiare così bene un simile incantesimo.
Soldato di Ghaan. Io ti faccio soltanto risplendere di una luce innaturale. Sei condannato a morte, stai per morire comunque.
Per un attimo brillerai a causa mia. Ed io, grazie a te, farò un piccolo passo in avanti. Devo sentirmi in colpa?
No, Soldato di Ghaan. Anzi, ti sto dando uno scopo, una ragion d'essere, prima dell'inevitabile fine.

Con me, ad esercitarsi, è venuto anche un certo William, un soldato originario di Greyhaven che sembra sia anche lui capace di fare qualche incantesimo.
Non si può dire che abbia brillato, al contrario ho sentito provenire da lui solamente uno sbuffettino di Potere Magico, senza che si sia visto alcun effetto. Probabilmente si è imbarazzato ad esercitarsi davanti al Tenente Vonner e al Caporale Kar-Man-Dur.
Anche io per la verità ero infastidita da tutto quel pubblico, ma capisco che i nostri superiori vogliano sincerarsi di quel che sappiamo fare: i nemici hanno maghi capaci di tirare giù le colline. Noi sappiamo far luccicare appena qualche bersaglio legato e immobile.
La nostra... è quasi magia, William.
Abbiamo ampi margini di miglioramento, questa è la verità.

Nel frattempo, visto che non bisogna mai combattere magicamente maghi più forti di noi - ovvero praticamente tutti - è necessario esercitarsi molto con le armi tradizionali. Perchè lo stregone di Ghaan, bisogna dirlo, oltre che saper fare quei prodigi picchiava anche tantissimo, e se non avessi avuto Boar al mio fianco me la sarei vista brutta.
Ma è il bello di combattere in un esercito, avere qualcuno su cui contare.
scritto da Kailah , 22:48 | permalink | markup wiki | commenti (2)
 
24 agosto 516
Lunedì 7 Ottobre 2013

Codice 47

"Problemi di che genere?"
"Speriamo bene... parlavano di un.. codice 47"
"Cioè?"
"Risvegliati"

Strano come in certi momenti i miei pensieri seguano una logica tutta loro, autonoma e priva di ogni umanità.
Mentre Boar, con gli occhi sbarrati e la paura in volto, mi parlava del "codice 47", il mio primo pensiero è stato chiedermi a cosa possano corrispondere gli altri 46 "codici".
Almeno altri 46, se i Risvegliati sono il numero 47.
Quanto può essere sventurata questa terra, se i Risvegliati arrivano al quarantasettesimo posto?

Holov è perduta.
Annie, molto probabilmente, è morta. Come sono morti il piccolo Petah e sua sorella Tora, in un piccolo sbuffo di Magia che si disperde nel nulla, insieme ai sogni e alle visioni. Il capo del villaggio, Braun, anche lui è morto.
Mirai... chissà.
Non bisogna saltare a facili conclusioni, è bene resistere alla tentazione di riportare tutto alle nostre poche esperienze dirette. A Holov c'erano tante persone, quasi tutta gente con cui non abbiamo mai scambiato una parola: è possibile che qualcuno tra loro abbia tradito, per qualche motivo estraneo alle nostre indagini.
Qualcuno ha manomesso i cancelli, permettendo l'ingresso a sorpresa dei Risvegliati. Qualcuno: non abbiamo prove che si sia trattato di Mirai. Eppure.

La Magia è un dono pericoloso, mi mette un po' di ansia pensare che io stessa, anni fa, abbia avuto le stesse visioni di Petah, di Mirai e chissà di chi altri. I ricordi sono vaghi perchè fortunatamente non è più successo da quando ero bambina, ma non è bello ripensarci.

La Magia è come una porta socchiusa ai confini dell'anima, da cui a volte si sente filtrare un vento strano.
Un vento che viene dal mare, in questo caso, carico di pericoli. Il vento che abbiamo sentito durante il viaggio, il vento di cui mi ha parlato Braun.

E' bastato un momento di debolezza, forse, a permettere che le difese di Mirai cedessero e che la sua porta nascosta venisse aperta da qualcosa di maligno. Il Signore di Gahan adopera forze davvero terribili nella sua guerra, schiavo dei suoi stessi mostruosi alleati. In agguato, pronto a sfruttare ogni spiraglio.

Quanto vorrei poter parlare oggi con Franziska, chiederle di mio nonno e di quel che sapeva su quelle creature. Ma ai bambini non si dice mai tutta la verità, purtroppo. E le poche cose che mi disse allora sono adesso di ben poco aiuto. Yshtav... Vihamel... di tante menzogne che ha detto Mirai, ho l'impressione che questa sia una briciola di verità. I loro nomi mi sembrano ragionevoli, quasi familiari, anche se non li ho mai uditi prima d'ora.

Ma basta suggestionarsi, la situazione fa già abbastanza paura.

Alma Mater, la fortezza di Uryen al di qua del Traunne, è orgogliosa e forte, sfida il nemico con la sua stessa presenza. Si respira aria di guerra, di guerra vera, di scontro all'ultimo sangue.

Ho fatto una domanda a Mikhail. Gli ho chiesto se avremmo fatto la differenza, a Holov, qualora non fossimo dovuti venire via. Lui mi ha dato una risposta che sulle prime ho trovato irritante, ma che poi ho capito.
Può fare la differenza il fatto che siamo ancora vivi.
Possiamo fare la differenza in questa guerra, possiamo cambiare qualcosa, essere utili, difendere la nostra civiltà davanti all'avanzare del caos.
Inutile perdersi in rimpianti, piangere, abbattersi. Per rispetto dei nostri compagni caduti, per rispetto di Annie, di tutte le brave persone di Holov e di tantissimi altri innocenti, dobbiamo restare concentrati su quel che c'è da fare.

Codice 47. E' soltanto un numero. Ma forse non è così disumano il fatto che mi distragga dai pensieri tristi, dalla paura e dal dispiacere. Forse l'approccio giusto è proprio questo, a qualsiasi costo.

Spero solo di avere abbastanza coraggio.

Kailah disegno 02 (blog)
scritto da Kailah , 22:15 | permalink | markup wiki | commenti (0)