Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Sven ha tutta una sua teologia popolare... »
- Engelhaft Todenehmer -
 
Also starring...
Il blog dove anche i PNG hanno spazio per dire la loro!
Nickel
 
creato il: 03/08/2007   messaggi totali: 73   commenti totali: 80
167076 visite dal 03/08/2007 (ultima visita il 23/11/2019, 03:17)
12 agosto 517
Martedì 16 Agosto 2016

Un giorno prima dell'Apocalisse



Da questo lato del Traunne non mi riesce proprio di dormire. Non appena chiudo gli occhi rivivo l'ansia e l'orrore di quella notte trascorsa nella cripta, un ricordo da incubo di cui probabilmente non mi libererò mai.

Accadde l'anno scorso, all'inizio di maggio, subito dopo la missione al cimitero di Cantor. Il plotone che mi accompagnava fu intercettato da un gruppo di soldati, che poi si rivelarono essere degli alleati: in quel momento non potevamo saperlo, però.

Ricorda, Alyster: questa è una guerra degli uomini. E' da loro che dovrai guardarti più di ogni altra cosa.

Le parole di padre Valon non mi lasciavano scelta: non potevo rischiare che le prove raccolte nella cripta ci venissero sottratte da una pattuglia di soldati di Acab o di Ghaan, così presi la decisione di sparire. Ricordo il rumore dei miei passi sull'erba, il buio assoluto di quella notte priva di luna. Correvo nell'oscurità, avvolto dalle tenebre, il coltello e la pergamena staccati dal muro di quella cripta maledetta stretti nelle mani. Quel luogo era pieno di Risvegliati: ne avevamo incontrati diversi, al cimitero. Si erano palesati all'inizio del rituale, per poi inseguirci fuori.

All'epoca non ne sapevamo ancora molto: non io, almeno. Non avevo idea del ruolo delle creature note come Res Informia che trovammo in quella cripta, né di come poter definire quell'abietto simulacro di resurrezione della carne: una maledizione oppure una malattia? Ricordo però che di due cose ero assolutamente certo: che la notte fosse il loro elemento, e che di lì a poco mi avrebbero raggiunto. Mi sembrava di sentirli, mentre correvo: lenti ma inesorabili, pronti ad attendere il momento in cui sarei crollato a terra, esausto e incapace di muovere un altro muscolo.

La guerra degli uomini. Non sono in grado di comprenderla oggi, quella frase, figuriamoci allora. Quando caddi tra le foglie, consapevole di essere circondato, ricordo di aver dubitato di quelle parole. Come poteva Padre Valon affermare una cosa del genere, se la terra che dovevamo riconquistare brulicava di creature immonde? Che senso poteva avere incrociare le armi tra stendardi diversi, fino a quando fossero esistiti quegli esseri rabbiosi? In quel momento mi sentivo spacciato, eppure non volevo che quelli fossero i miei ultimi pensieri. Con la forza della disperazione riuscii a rialzarmi, rimettermi in piedi e ricominciare a correre.

Percorsi cento, forse duecento passi prima che il terreno venisse nuovamente a mancarmi sotto i piedi: stavolta però non era una radice, ma una vera e propria buca nel terreno. Ricordo la sensazione di terrore assoluto durante la caduta, l'attesa interminabile dell'impatto, la paura di rompermi le gambe, lo spettro di una morte lenta nelle profondità del suolo. Il dolore forte e improvviso in conseguenza della caduta, quindi la sensazione di annegare in una pozza di fango dall'odore nauseabondo. Ricordo, più di ogni altra cosa, la tentazione fortissima di restare con la testa sotto, nella disperata ricerca di un destino migliore di quello che mi sarebbe toccato di lì a poco: assistere impotente al risveglio dei mucchi di ossa secolari che con tutta probabilità mi circondavano, per poi diventare il primo pasto della loro nuova non-vita.

Buca nel terreno - Immagine

Ancora una volta fu la forza della disperazione ad avere la meglio sulle mie paure. Il buio pesto che mi aveva inghiottito era circondato da pareti di pietra che, al tatto, sembravano di chiara fattura umana. La cripta c'era, i cadaveri no. O forse si, ma il morbo non era ancora giunto ad infettarli. Rimasi lì per molte ore, nella speranza che il fango che mi ricopriva riuscisse in qualche modo a nascondere il mio odore. Potevo sentire i loro rantoli, sopra di me: instancabili predatori alla ricerca di una preda fuggita chissà dove.

Se ne andarono soltanto dopo molte ore, poco prima dell'alba. Non so come, trovai le forze per emergere da quella tomba e trascinarmi fino al molo. Fu lì che, dopo una attesa interminabile, venni soccorso da Jebediah e dalla sua barca a remi. Ero salvo. La missione era salva. Pyros aveva protetto la mia prima notte al di là del fiume.

"Alyster, il tenente vuole vederti".

La voce di Robyn mi riporta al presente. Sono di nuovo qui, a non molta distanza dal luogo di quell'incubo e in procinto di scendere in un'altra tomba. Mancano poche ore all'inizio dell'ultima fase dell'operazione. La mia giovane attendente mi guarda, i suoi occhi azzurri risplendono alla luce della lanterna. Preferirei che non dormisse così vicina alla mia tenda: un atteggiamento più formale aiuterebbe a tenere le distanze, semplificando un pò le cose. Ma le cose non sono mai semplici, da queste parti. Nel ringraziarla, le suggerisco di dormire un pò: queste ultime ore saranno le peggiori. La saluto ed esco dalla tenda, dove mi attende il soldato scelto che è venuto a condurmi verso la tenda di Ramsey. La tempesta sembra essersi chetata, lasciando dietro di sé un'aria irrespirabile e carica di umidità.

Robyn Macht - Immagine 2

Non fidarti di lei, Alyster. Per quanto ne sappiamo potrebbe essere una spia di Ghaan o di qualche pezzo grosso di Greyhaven interessato a capire bene cosa sta succedendo qui. Falla sentire a casa, ma ricorda a te stesso che è un ospite. Lascia che si avvicini a te, ma non avanzare di un passo verso di lei: studia ogni sua mossa, guarda dentro il suo fuoco e fai tesoro di quello che vedi.

Le parole di Padre Valon tradiscono l'esperienza del soldato veterano, uno che di guerre degli uomini ne ha combattute parecchie. Se questa ragazza è davvero una volpe, ha scelto il pollaio sbagliato. Io non devo far altro che mettere in pratica le istruzioni del prevosto e dar seguito alle sue strategie, fino a quando le indagini che sta facendo fare sul suo conto non porteranno qualche certezza. Spero che si sbagli, lo confesso: in questo momento non abbiamo certo bisogno di altri nemici o traditori. No, non è solo questo. Robyn è la prima veste bianca che mi è stata assegnata, una delle poche ad aver risposto al grido di dolore di queste terre martoriate: è una ragazza intelligente ed una buona osservatrice... è troppo sperare che possa essere davvero dalla nostra parte?

Ramsey è in piedi di fronte al tavolo, affiancato dal soldato a comando del plotone 12. Di fronte a loro c'è una grande mappa della collina ricoperta da chicchi di grano disposti in maniera regolare. Una grande X marca uno dei punti d'accesso aperti negli ultimi giorni.

Ramsey la indica, poi mi guarda. "Ci caleremo da qui. Obiezioni?"

Nessuna: è perfetta. Se la struttura del cimitero è la stessa di Cantor, è una delle entrate più vicine al nostro obiettivo tra quelle a disposizione. Osservo le altre, cercando di capire quale sarà quella che utilizzeremo per uscire. Ramsey segue il mio sguardo, poi sposta il dito al centro della collina. "Noi non usciremo: stando a quello che dice Joden, quando avremo finito sarà più sicuro restare dentro". Joden annuisce, con l'aria di chi non ha dubbi. Sapere che "dentro" ci sarà anche lui mi tranquillizza: al tempo stesso, l'idea di restare nuovamente intrappolato all'interno di una cripta sotterranea mi fa gelare il sangue nelle vene.

"La pioggia non ci aiuterà, vero?" E' una domanda stupida, ma ho bisogno di cambiare discorso. Ramsey scuote la testa: "Se piove siamo disarmati, quindi non se ne fa nulla". Poi mi guarda. "Ora non metterti a pregare che ricominci, però", aggiunge con un mezzo sorriso. Annuisco, ricambiando il sorriso. E' così evidente la mia paura? Per uno come Ramsey immagino di si. Non preoccupatevi, tenente: non ho intenzione di rinunciare a questo obiettivo, né potrei immaginare un giorno migliore di domani.

Altri soldati ci raggiungono di lì a poco, per discutere dei vari aspetti di quella parte del piano che ci compete: la maggior parte sono di Uryen, qualcuno fa parte dello squadrone di Greyhaven. Il caporale Jaeger mi batte la sua poderosa mano sulla schiena: "come sono andati i lavori, reverendo? E' pronta a cantare, questa campana?"

E' pronta, si. Montarla a quel modo non è stato facile, ma avevamo il migliore carpentiere del Corno del Tramonto a darci una mano. Parlare con Garruk mi dà forza, mi aiuta a sentirmi parte del gruppo... ma soprattuto rende meno insopportabile l'attesa: lui lo capisce e mi fa altre domande, fino al momento in cui veniamo tutti congedati. Uscendo dalla tenda, mi allunga una fiasca: "vuoi un sorso? E' roba buona, vino degli elfi: ne ho due botti piene nascoste al porto, non fare complimenti". Declino garbatamente l'offerta, spiegandogli in due parole la Regola di Kayah. "Cazzo, che inculat... voglio dire, che fregatura: v'ha tirato un pacco mica da niente, questa Kayah". Alzo le spalle.

"Ma quindi, manco con..." e indica in direzione della mia tenda. Scuoto la testa: macché. Anzi, con lei vale doppio, gli dico. Mi guarda con aria delusa, poi mi butta quasi a terra con un'altra pacca sulla spalla. "Bella lì, reverendo: dai, che tra poco li facciamo neri". Poi si allontana, trangugiando quel che resta nella fiasca.

Torno alla mia tenda, immerso nei pensieri. Quando sento le prime gocce di pioggia vengo invaso a tradimento da una sensazione di sollievo che mi fa vergognare profondamente. Robyn è lì ad aspettarmi, con la veste bianca imperlata delle prime gocce.

"Non dovevi aspettare qui", le dico con espressione seria.

"Tanto non sarei riuscita a prendere sonno". I suoi occhi brillano alla luce della lanterna, indecifrabili. Fa per aggiungere qualcos'altro, ma si ferma subito.

Per un attimo scende il silenzio, mentre la pioggia continua a farsi beffe di noi.

"Vai a dormire, Robyn: è un ordine". Lei abbassa il capo e si congeda. Con lei vale doppio, ripeto a me stesso mentre mi passa di fianco.

Queste ultime ore saranno le peggiori.

Robert Forge - Immagine 2
scritto da Alyster Frear , 01:52 | permalink | markup wiki | commenti (3)
 
11 agosto 517
Venerdì 12 Agosto 2016

Due giorni prima dell'Apocalisse



Il vento si sta alzando, portando con sé il rumore indistinto di un tuono lontano. Se continua così, tra non molto sentirò le prime gocce. Mio padre lo aveva detto che oggi avrebbe piovuto, quando ancora c'era un sole che spaccava le pietre: su queste cose non sbaglia mai.

I giorni pari mi viene da chiedermi perché l'ho fatto. Al porto di Lagos le cose stavano filando alla grande: nessuno sospettava nulla, neppure Marino. Ancora poche settimane e avrebbero fatto il colpo, dopodiché me ne sarei andata con la cassa e tanti saluti. Non sarebbe neanche stato un vero crimine, in fondo: rubare ai ladri che rubano ai ladri che hanno rubato ai ladri. Una catena talmente lunga da far dimenticare a tutti di chi fossero, quei soldi. Avevo anche deciso cosa farci, con quel gruzzolo: metà a mia sorella, il resto per un lasciapassare e un posto su una carovana diretta ad Amer. Dicono che sia pieno di nani, da quelle parti... tanto meglio. Mi stanno simpatici, quei covoni di barba: mi fanno sentire alta.

Invece, come sempre, ho lasciato tutto a metà. Chissà se lo hanno fatto lo stesso, il colpo: ne dubito, ma non si sa mai. La roba che avevo rimediato non si trova facilmente, con la morìa di erbaioli che c'è stata... di certo non possono comprarla alla bottega di Meera. Conoscendo Marino e i suoi compari, sarà andato tutto a puttane: letteralmente.

I giorni pari ci ripenso e a tratti mi sembra persino che fosse un buon piano. O forse no, non lo era, ma sempre meglio che aspettare la morte a Lagos, a Uryen... o qui, ai piedi di questa collina al di là del Traunne. Mi chiedo perché ho scelto di restare, come i tanti che mi circondano e che ogni giorno si fanno il mazzo intorno a me, insieme a me. Padre Valon e Padre Alyster dicono che lo stiamo facendo per una causa più grande di noi tutti, ma in fondo lo so che è una cazzata: il vento della fede non soffia granché, da queste parti... E' a malapena sufficiente per alimentare le due fiammelle di Pyros che mi stanno venendo incontro: premurose come sono, vorranno di certo chiedermi se ho bisogno di qualcosa.

"Lady Astor, avete bisogno di qualcosa?"

Lady Astor suona proprio bene, non penso che mi stancherò mai di sentirlo. Scuoto la testa, mentre continuo a preparare il cataplasma. "No May, ti ringrazio". Annuiscono entrambe, poi restano in piedi ad osservarmi. Sono due tipe molto diverse, ma hanno entrambe un gran bel viso: chissà se le scelgono fighe apposta, per far venire voglia di entrare in chiesa.

No, non c'è nessuna grande causa a spingerci a restare. Se siamo ancora qui, se lottiamo per restare ancora qui, è perché queste lande, queste colline, queste montagne coperte di nebbia sono la nostra casa. Il che è buffo, perché siamo in pochi ad essere nati qui: la maggior parte dei soldati di Uryen viene da sud o da est, per non parlare di quelli di Dossler o di Greyhaven. Veniamo da mondi diversi, ciascuno con le sue regole, credenze e tradizioni: e anche se bene o male parliamo la stessa lingua, a volte facciamo fatica a capirci. Eppure, l'assurdità di quello che sta accadendo è talmente distante da ciascuna delle nostre realtà da renderci tutti vicini, fratelli, alleati: no, più che semplici alleati... compagni d'armi, disposti a tutto pur di difendere quello che è nostro.

Finisco il lavoro, poi passo al prossimo. Mio padre mi ha detto di farne parecchi, a quanto pare si aspetta diverse decine di gambe rotte, storte e lussazioni. Le paladine mi guardano prepararne un altro paio, poi tornano a lavorare ai loro preparati. Anche loro, a quanto pare, sono più brave con il mortaio e il pestello che con la spada. Soprattutto June, quella più silenziosa, mi sembra avere un certo talento con gli unguenti, gli infusi e le erbe in generale.

June Vogel - Immagine 2

E' probabile che entrambe abbiano visto e toccato più piante di me: a Greyhaven gliele portano col carro, qui ce le dobbiamo andare a cercare una foglia per volta sotto chili di neve o sopra quintali di letame. Chissà come se la caveranno quando toccherà usare tutto questo ben di dio sulla pelle dei malcapitati che ne avranno bisogno: suppongo che quello sia un paio di maniche che non capita di indossare spesso nella Contea capitale. Eppure sono qui, pronte a dare il loro contributo. Il loro mantello risplende dei colori di Pyros, il dio del coraggio e del sole: se la pioggia dà fastidio a me, figuriamoci a loro.

Il maestro paladino che le accompagna mi sembra un tipo in gamba: non le perde mai di vista, di certo ha il compito di proteggerle. Parla poco, ma riesce comunque a dare una sensazione rassicurante. Chissà se si conoscevano da prima o si sono incontrati per la prima volta da queste parti.

Chissà quanti funerali dovranno celebrare.

Sollevo gli occhi in direzione della collina: mi chiedo quanti di quei soldati moriranno. Sono lì da prima che arrivassimo e lavorano senza sosta. Cosa staranno facendo? Da questa distanza non si vede molto, solo qualche bandiera di Uryen e Greyhaven che sventola al soffiare del vento del Nord.

Nessuno sa bene quale sia il piano, ogni unità conosce solo lo stretto necessario per fare la sua parte. La nostra, guidata da mio padre, si occuperà di assistere i feriti, avere pietà dei morti e recuperare i dispersi: la prima attività mi è congeniale, le altre due molto meno. Ma i dubbi che mi attanagliano sono altri: se a un terzo delle nostre forze è stato dato il compito di svolgere queste mansioni, cosa attende gli altri due? Non lo so. Ho un cattivo presentimento. I giorni pari, quei giorni a volte vorrei davvero essere altrove. Ma oggi è un giorno dispari, ed è qui che voglio stare: insieme ai miei compagni d'armi, per una casa più grande di noi tutti. La nostra casa.

I nembi grigi si addensano all'orizzonte, implacabili. Mio padre l'aveva detto, che stanotte avrebbe piovuto.

Vedrai che funzionerà, Astor. Deve funzionare.

Speriamo che vada tutto bene.


Astor Wake - Immagine 3
scritto da Astor Wake , 03:33 | permalink | markup wiki | commenti (3)