Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« La prossima volta io e te andiamo al Castello di Seta e ci lavoriamo qualche settimana, magari tra tutti e due qualcosa la alziamo »
- Kailah a Engelhaft -
 
Il Valvassore
Guelfo da Flavigny
 
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 60   commenti totali: 79
83046 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 20/10/2019, 01:29)
5 Agosto 517
Sabato 1 Settembre 2007

Jarel

Che spreco. Quanta scienza, quanta determinazione, quanto talento andranno perduti. Non ho avuto un briciolo di compassione per Bellamy, e neppure per la sua sventurata compagna: ho salutato la loro fine con crudele soddisfazione, certo che i loro supplizi avrebbero placato per un po' la mia sete di giustizia nei confronti di Albert Keitel e dei suoi scherani. Ora, ad un anno di distanza, questa donna sta andando incontro allo stesso destino, e... provo una grande pena. E' stato l' amore cieco e intransigente per la conoscenza a condurla fin qui? E' stata la vanità, il desiderio di elevare se stessa oltre i confini della propria natura, a dispetto di ogni ragionevolezza? Qualcosa mi dice che non è così, non solo. Mi chiedo chi o cosa abbia fatto nascere in lei un tale disprezzo per questo mondo e per coloro che lo abitano: possibile che qui non abbia trovato nulla che valesse la pena di essere preservato, possibile che gli affetti che germogliano perfino nel più arido dei cuori non abbiano per lei alcun significato? Questa Realtà non è una prigione, Jarel, non più di quanto lo siano i mondi lontani in cui tu contavi di trovare la libertà. Questa Realtà è la nostra Casa, la tua Casa, e tu l'hai ripudiata.
scritto da Guelfo da Flavigny , 20:00 | permalink | markup wiki | commenti (0)