Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Vedi, questa è diplomazia abbinata all'arte militare »
- Engelhaft Todenehmer -
 
Il Valvassore
Guelfo da Flavigny
 
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 60   commenti totali: 79
81742 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 15/09/2019, 13:47)
20 Maggio 518
Giovedì 22 Ottobre 2009

Stregoni

Il primo fu Bellamy Collorotto. Seguirono il negromante Toran, il Monaco con la sua adepta Jarel, la Dama di Fiori e il Dieci di Picche, Albert Speer, Wilhelm Keitel e il suo mentore Rosemberg, John Payne...e adesso Parrot Shaft. Uomini e donne indegni di praticare l'Arte Magica, giunti per nostra mano al cospetto di Kayah a render conto di come volsero al male il Dono che Ella aveva fatto loro. Ogni volta che ho vedo uno di questi sciagurati cadere vinto dinanzi a me, non posso non rammaricarmi dell'immane spreco che questi fece del suo prodigioso intelletto, della miserabile fine a cui scelse di giungere per debolezza, superbia, avidità. Guardo la carcassa mutilata di Shaft, rammento le infamie di cui questo maestro dei sortilegi si è macchiato, e capisco che la cupa leggenda che lo circondava non era che un'altra illusione, probabilmente la più effimera di cui è stato capace. Un maiale che ha grufolava nel fango fino a che non è stato sgozzato, ecco chi era Parrot Shaft. Spero che la sua morte dia un po' di pace all'anima della povera Nickel.

Abbiamo preso viva la sua velenosa pupilla, Dora Burrows. Loic non ha mancato di bearsi alla vista di lei inerme e sconfitta, eccitato come un mastino all'odore del sangue. E' così simile, il Navar, a certi nostri nemici, che nell'ascoltare per l'ennesima volta le sue maramalderie ho avvertito un fremito di disgusto. Possibile che gli Dei abbiano scelto una bestia del genere per fare la loro volontà? Dispero ormai di vedere in lui qualche segno di pietà umana, e cerco di convincermi che egli possa essere di ausilio alla Causa malgrado la brutale idiozia che lo anima. Anche un cane rabbioso può essere aizzato contro i lupi, del resto.

Dora Burrows. Una bellezza allo stesso tempo schiva e sfrontata che tradisce l'ambiguità del suo spirito. Con scellerato orgoglio rivendica le turpitudini a cui ha preso parte...ma è pur sempre capace di un moto di vergogna, quando ci implora di non rivelare all'ignaro padre putativo la sua segreta carriera di malfattrice. Saprà trovare il coraggio di guardare in faccia il mostro in cui si è trasformata, e di rinnegarlo prima dell'incontro con la Dea? Qualunque sarà il destino che l'attende a Chalard, spero che ci riesca.
scritto da Guelfo da Flavigny , 02:03 | permalink | markup wiki | commenti (1)