Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Pare che da stasera a scacchi ci giocherai da solo »
- il Guardiano dei Corvi -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
138745 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 21/11/2019, 01:14)
11 Agosto 517
Giovedì 25 Ottobre 2007

Fiducia

Mentre lavo via dalle mie mani il sangue del nostro avversario ferito non posso fare a meno di interrogarmi sulle motivazioni che hanno portato a questa sconcertante e imprevista conclusione. E' vero, conosco Loic meno di Guelfo e degli altri, ma so per certo che non è un violento o un sanguinario: non conosco i motivi che lo abbiano spinto a colpire quest'uomo così duramente e a quanto pare lui stesso sembra restio a volerne parlare, preferendo lasciar pensare a tutti che si sia trattato di un gesto irrazionale, dettato dalla volontà rabbiosa di voler punire un prigioniero fuggiasco; ma non posso accettare una spiegazione simile, che tanto poco si sposa con l'immagine che ho di lui.

L'efferatezza di quella scena, il lago di sangue in cui quel mercenario di origini nordiche giaceva ha avuto l'effetto di togliermi il fiato: cercando di respirare aria, la prima cosa che ho fatto è stata raggiungere con la mano la benda nera che copriva il mio volto, togliendomi la maschera che le circostanze mi avevano costretta ad indossare, tornando ad essere me stessa. Credo di essere stata l'unica, oltre a Nicolas, ad aver sofferto così tanto per aver dovuto indossare quella striscia di stoffa color notte, ma questo non significa che io e lui siamo stati gli unici a compiere un sacrificio: Loic ed Eric, insieme a molti altri, hanno da mesi accettato di seppellire il rancore e la rabbia nei confronti dei nemici colpevoli di aver massacrato i loro cari, anteponendo agli immediati propositi di vendetta la giustizia a lungo termine della Rosa Bianca e, per esteso, della Chiesa.

E' una scelta coraggiosa, il cui valore talvolta è difficile da comprendere per chi, come me, ha ricevuto una formazione consacrata alla ricerca e allo studio dei valori della Fede. Eric e Loic hanno fatto del loro meglio per soffocare il loro rancore per Pedro Larsac, e prima di lui per Rochefort, per il Monaco e i suoi seguaci, per Ethan Mayer e tutti gli avversari che abbiamo affrontato a Laon: nemici che per loro meritavano e meritano di morire, diretti o indiretti colpevoli di azioni efferate contro Abel e contro altri loro compagni, parenti o amici; ma soprattutto responsabili, con le loro azioni, della prigionia e della tortura di Erwin, uno dei migliori esempi della bontà e dell'impegno della Chiesa. I fratelli Navar hanno deciso di prendere il difficile impegno di lottare non soltanto per la Luce, ma anche e soprattutto seguendo le regole della Luce.

Ma come per tutte le cose difficili, il rischio di commettere errori è altissimo: la vista di Pedro Larsac deve aver provocato qualcosa di terribile in Eric e Loic... e di certo trovarsi nel mezzo di un agguato con l'arma in pugno e il volto bendato non è la condizione migliore per resistere al senso di frustrazione e al riflusso di sentimenti negativi che il dover risparmiare un criminale necessariamente comporta. A modo loro, entrambi hanno tentato di resistere a tale impulso: ho visto Eric volgere il martello per colpire con il manico, assicurandosi che un colpo vibrato dal rancore non potesse comunque essere mortale; quanto a Loic, è possibile che abbia fatto in modo di spostare la sua rabbia sul mercenario, colpevole di aver vanificato con il suo tentativo di fuga tutti i suoi tentativi di sopprimere i sentimenti forti.

Se il compito di Padre Quart è quello di guidarci e mostrarci la differenza tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, è possibile che il mio sia quello di comprendere le motivazioni dietro agli inevitabili errori che un simile cammino comporta, nella speranza che questo ci consenta di commetterne sempre meno; il successo della liberazione di Erwin e i nostri traguardi futuri dipenderanno non soltanto dalla forza della Fede ma anche e soprattutto dalla capacità di ritrovarla sempre, qualsiasi cosa accada, nell'animo dei compagni in difficoltà.

Fiducia
scritto da Solice Kenson , 17:00 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
10 agosto 517
Domenica 14 Ottobre 2007

Pensieri

Una volta mio padre mi disse che sir Arthur Lambert veniva chiamato "l'uomo che rende possibile l'impossibile": la frase si riferisce alla capacità innata che aveva per ridare fiducia ai suoi uomini, spronandoli a compiere azioni che sembrano insormontabili. Non ho avuto modo di conoscere il padre di Rosalie nell'esercizio del suo ruolo, ma gli Dei hanno deciso di farmi incontrare un comandante dalle capacità non meno eccezionali: Lorenzo Quart.
E' sorprendente come padre Lorenzo riesca a dare sempre l'impressione di avere tutto sotto controllo anche in situazioni a prima vista disperate e senza via d'uscita: è riuscito nell'impresa di parlare con Erwin partendo da una condizione di svantaggio assoluto, ottenendo in tal modo informazioni cruciali e oltrepassando la rigida sorveglianza allestita da Lord Wilhelm. Sebbene non ci abbia riferito nei dettagli cosa sia successo in quella torre, posso immaginare il sangue freddo e i nervi d'acciaio necessari per non far trapelare alcuna emozione neppure alla vista di un amico fraterno ferito e torturato fin quasi a morte.

(... Ultimamente mi capita di pensare molto a alla conversazione avuta con sir Steven. Non posso negarlo, la sua scelta mi ha spiazzata: non credevo che un cavaliere come lui sarebbe stato disposto a correre un rischio tanto grande, mettendo in pericolo i suoi privilegi e la sua stessa famiglia, per un ideale spiegato per enigmi e frasi incompiute. L'altruismo da lui mostrato nei nostri confronti non ha prezzo, ma se lo avesse sarebbe molto difficile da ripagare; sono felice che padre Quart lo abbia messo al corrente dele notizie raccolte)

Eppure padre Lorenzo non è una persona fredda: lo dimostra il modo che ha di parlare con me e con Nicolas, l'interesse e la partecipazione con cui affronta le discussioni con noi e con i suoi altri compagni: ma sopra ogni altra cosa lo dimostra il sentimento con cui affronta i pericoli e le avversità, il dolore che si legge nei suoi occhi quando le circostanze lo costringono a fare una scelta tanto sofferta quando vitale per la causa in cui crede e a cui è devoto.

(Ogni tanto ripenso anche a Marc deRavin, il fratello minore di sir Steven: cosa farà lui adesso? Temo che verrà inetrrogato dagli uomini di Wilhelm o di uno dei suoi luogotenenti sul campo, come probabilmente quel Vincent Weber di cui ci ha parlato il prigioniero. Spero che sir Steven ci abbia pensato, altrimenti bisognerà avvertirlo al più presto)

Credo che a questo punto Loic mi direbbe che non lo conosco poi così bene, a Lorenzo Quart. E avrebbe ragione: nonostante il mio servizio presso la Torre del Tramonto sia cominciato quasi un anno fa, questa è la mia prima missione con lui; e non ho intenzione di deluderlo, né lui né le persone che ho giurato di proteggere. Il suo esempio, come un forte vento a favore, mi ha spinto ad alzare la voce contro quei tre cavalieri poco fa, a mantenere la calma di fronte al pericolo, ad aspettare il momento giusto per contrattaccare senza farmi prendere dal panico. Questa volta, forse per la prima volta, ho completato un combattimento senza chiudere gli occhi...

... ma in compenso ho pensato bene di chiudere le orecchie.

Paura? Emozione? Non so dirlo con certezza: quello che so per certo è che d'un tratto mi sono trovata nel posto sbagliato, in mezzo alla strada, a rischiare di ostacolarli. Forse il mio cuore batteva talmente forte per l'emozione da coprire il rumore degli zoccoli? Non posso crederlo: eppure, ero lì; né padre Quart né sir Steven mi hanno detto nulla riguardo l'accaduto ma questo rende merito a loro, non certo a me.

(certo che a volte il destino è davvero dispettoso...)

Una cosa è certa, finché padre Quart deciderà di restare con noi non potrò più permettermi simili errori. E quanto alle mie idee o convinzioni in merito alle nostre possibili azioni future, devo sforzarmi di pensare meno alle regole di Foucault e più alla strada indicata dal mio maestro: in fondo nessuno conosce la situazione attuale meglio di padre Quart, e se c'è una persona in grado di rendere possibile l'impossibile quello è lui.
scritto da Solice , 05:21 | permalink | markup wiki | commenti (0)