Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Terenz, veramente noi dovevamo parlare con Alman... »
- Colin Tarr -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
138768 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 21/11/2019, 09:37)
23 Agosto 517
Venerdì 11 Gennaio 2008

Speranza

Dispersi in questa valle di nebbia biancastra e innaturale, messi a stretto contatto con un orrore che ha del disumano, costretti a volgere le armi contro coloro che dobbiamo salvare prima ancora che contro i nemici che siamo qui per punire: mai come questa volta la prova che gli Dei hanno scelto per noi appare troppo grande, mai come questa volta è forte il desiderio di scappare altrove, rimpiangendo tanto la mia terra natale quanto le scelte che mi hanno portato qui. La paura mi attanaglia, forte e gelida come il morso ancora assetato del mio sangue: lo guardo attraverso lo specchio e vedo il riflesso dei denti di quell'uomo, e ripenso alla sensazione provata in quel momento. La conoscevo già, l'avevo sognata prima che avvenisse. E forse qualcosa di lontanamente simile a quello che provò Rosalie, quando l'essere che chiamava Amon si macchiò dell'empietà bere il suo sangue?

No: questa gente non è responsabile delle proprie azioni, né ha scelto la dannazione asservendo la propria coscienza all'egoismo e al male. Se siamo qui è per salvarli, liberandoli da una condizione che non appartiene loro. Per questo non posso cedere, non adesso: nessuno di noi può.

"Liberami": un'unica parola è riuscita a sfuggire a quella condizione miserabile imposta dai carcerieri di questa valle in cui è colpevolmente assente la luce degli Dei. Ma non è forse sufficiente una piccola fiammella a rischiarare l'oscurità di una notte così buia? Lo sforzo di questa ragazza che giace di fronte a me, il suo desiderio di tornare libera sarà la mia luce, la nostra luce: sia pure nel profondo delle tenebre di questi cunicoli turniani essa splende, forte e vivida: è la fiamma di Pyros, che brucia alimentata da una speranza che riscalda il mio cuore, quantomai vivida e reale.

Ti libererò, sventurata ragazza: troverò il modo di comunicare con te, poiché la tua battaglia è la nostra battaglia: per questo la tua forza sarà la nostra forza, il tuo esempio sarà il nostro esempio: per questo non ti abbandoneremo.

Dama in nero
scritto da Solice , 15:58 | permalink | markup wiki | commenti (0)