Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Le chiavi nere di Rigel le ha vinte il 10 di Picche. »
- Justin -
 
Myst Cyclopedia

Yera OcchiVerdi

[personaggio]
personaggio
Razza:
Umano
Sesso:
femmina
Nato/a il:
26 dicembre 494
Altezza:
170 cm
Peso:
60 kg
Ruolo:
amico
Tipo:
PNG
Giocatore:
sconosciuto
Immagine di Yera OcchiVerdi.Ancella alle dipendenze di Lord Elias Kenson, marchese di Beid. Nata nel 494, è l'unica figlia rimasta in vita di Teresa OcchiVerdi, domestica di vecchia data della famiglia Kenson che, tra le altre cose, assistette alla nascita di tutti i figli del marchese con la sola eccezione di Karl (morì nel 506). Yera conosce tutti coloro che vivono, operano e lavorano nel palazzo del marchese e nei dintorni di esso: ha un animo curioso e vivace, lega molto con chiunque ed è di indole affettuosa e leale.

La vita a palazzo

Avendo vissuto nel palazzo del marchese fin dalla sua nascita, Yera ha avuto la possibilità di imparare a leggere e a scrivere: da sempre appassionata di storie e ballate romantiche, l'ancella ha potuto mettere a frutto la sua indole poetica realizzando nel corso degli anni numerose filastrocche che hanno allietato rispettivamente l'infanzia dei due figli più giovani del marchese, Solice e Karl: la maggior parte di esse sono state musicate da Solice durante la sua permanenza al monastero di Foucault e nei mesi successivi (vedicampagna di Caen): sono in tutto una trentina, e vengono solitamente tramandate per via orale.

Le filastrocche di Yera

Tutte le filastrocche sono composte da quattro ottenari in rima baciata: ciascuna di esse nasconde una parola, che non può essere assolutamente pronunciata nè prima, nè durante nè dopo la lettura. In alcuni casi viene chiesto all'astante o ad uno degli astanti, solitamente un bambino, di indicare o mimare l'oggetto, concetto o organo a cui la filastrocca si riferisce.

Il cuore

  • cento passi in un minuto - ma se corre è già perduto - senti tutte le sue pene - anche se non t'appartiene.

Il sangue

  • è il vassallo del dolore - è del fuoco il suo colore - reca vita al nostro cuore - in sua assenza il corpo muore.

Il fuoco

  • è il nemico della neve - ma con l'acqua ha vita breve - nella notte la sua danza - tinge d'ombra la tua stanza.

La spada

  • non si mangia e non si beve - e indossare non si deve - alla cintola riposa - della mano è fida sposa.

La morte

  • è il respiro che si arresta - è la fine di una festa - è un rintocco di campane - sono lacrime ormai vane.

La promessa

  • nella buona e mala sorte - nella vita e nella morte - una volta pronunciata - dovrà essere onorata.

Il gatto

  • occhi vispi e sguardo mite - quattro zampe e nove vite - entra ed esce senza scopo - mangia il pesce e caccia il topo.

La paura

  • è nel cuore che si annida - tra i lamenti, tra le grida - ti conquista lentamente - prima il corpo e poi la mente.

L'amicizia

  • è il più forte dei legami - non la odi e non la ami - è l'intreccio di due vite - e risorge da ogni lite.

Il tempo

  • è il sentiero senza uscita - che percorre la tua vita - non puoi opporti ai suoi dettami - più lo perdi e più lo ami.

La musica

  • è una ladra di emozioni - di pensieri e sensazioni - è profana ed è sacrale - la sua lingua è universale.

La sorte

  • Come un'onda capricciosa - ti trascina senza posa - verso il largo o verso riva - senza alcuna alternativa.

La menzogna

  • Si diffonde tra la gente - è crudele e convincente - i pensieri ti divora - e di dubbi li colora.

Curiosità

  • Yera assume le mansioni di ancella di Solice in occasione del suo ritorno a Beid per il matrimonio di Ryan.
Creata il 15/04/2007 da DarkAngel (1190 voci inserite). Ultima modifica il 05/05/2011.
2439 visite dal 15/04/2007, 21:16 (ultima visita il 18/11/2018, 20:53) - ID univoco: 324 [copia negli appunti]
[Genera PDF]