Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Alcuni hanno concesso le loro virtù in rapporti illeciti e sodomitici. »
- Engelhaft Todenehmer -
 
Also starring...
Il blog dove anche i PNG hanno spazio per dire la loro!
Benton Hare
 
creato il: 03/08/2007   messaggi totali: 74   commenti totali: 80
177980 visite dal 03/08/2007 (ultima visita il 29/03/2020, 00:41)
25 dicembre 517
Mercoledì 12 Febbraio 2020

Sai chi ti saluta tantissimo?

(data nei pressi di Klarheit il 25 dicembre 517, con preghiera di consegna a Weizenfeld il giorno cazzo)



E insomma, finisce qui. Se non altro, possiamo dire di esserci davvero divertiti. Chi lo avrebbe mai detto? Pensavamo che questa lunga svernata a Feidelm ci avrebbe annoiati, ma per fortuna abbiamo incontrato voi.

Il primo che ci teniamo a ringraziare è Adrien Herzschmerz, che si è letteralmente sacrificato per farci stare bene. "Chi vi manda? Avete una sola possibilità per rispondere!" Così ci accolse, sperticandosi dal ballatoio come un attore consumato. Che fosse bravo con gli effetti speciali si sapeva, ma non avevamo idea che fosse anche un rematore eccezionale.

Anche di Heywood conserveremo senz'altro un buon ricordo: qualche incertezza nell'improvvisazione, compensata però da un umorismo fulminante: "io non sono della Loggia, lo faccio solo per denaro". Che se ci pensi un attimo, detto da uno scagnozzo dei seguaci del dio dei soldi, è un pò come dire "non sono mica cliente del bordello, vengo qui solo per scopare"! Un vulcano.

Chi c'era poi? Ah si, Oskar Tales. Appena ha iniziato a parlare abbiamo capito che era uno dei più fidati dell'intera compagnia: pur di restare vivo ha vuotato il sacco sull'omicidio di Theo, ci ha detto chi era Darkenblot, ha sputtanato Elden Page e ci ha persino proposto di portarci da Dorne; praticamente una tomba. Sarebbe certamente diventato il capo della Loggia, se fosse ancora vivo. Fu proprio lui a parlarci di te per la prima volta: "un attorucolo da 4 soldi che raccoglie informazioni compromettenti su gente famosa per poi ricattarli". Capimmo subito che ci eravamo messi contro un temibile avversario.

Dobbiamo ringraziarti anche per averci presentato sir Klemens Sitt, un veterano della guerra delle Lande che non ha visto l'ora di dimostrare il suo valore reclutando una dozzina di madri, contadini e senzatetto per assaltare insieme a loro una chiesa difesa da due preti disarmati e un vecchio portiere. Un soldato talmente ligio al suo codice d'onore militare che, messo di fronte alla possibilità di redimersi impugnando la spada contro i risvegliati anziché contro i prelati, ha preferito farsi condannare a morte sostenendo che "questo è un processo farsa!". Per un curioso insieme di circostanze al momento è ancora vivo, ma non preoccuparti: il tempo di finire di scriverti e corriamo a rimediare, affinché il suo nobile spirito possa raggiungere il Valhalla a brindare con l'idromele assieme ai Kraighar.

Non mi dilungherò su Tonio, Marcel, Tibul e gli altri aspiranti attori che avete reclutato tra il pubblico: il loro talento, a differenza del vostro, non è stato sufficiente a farci divertire, che poi è anche il motivo per cui sono ancora tutti in vita... Beh, quasi tutti: come sai, Alec non ce l'ha fatta. Un peccato che tu non abbia potuto vedere la scena di persona, purtroppo ti eri già squagliato col cavallo, ma di certo te l'avranno raccontata: un tripudio di effetti speciali da fare invidia al compianto Adrien. Magari se avesse scelto di imbracciare uno scudo anziché una bambina di 2 anni le cose sarebbero andate diversamente, d'altronde da un discepolo del prode sir Klemens non potevamo aspettarci altro. La buona notizia è che presto l'allievo avrà modo di riabbracciare il maestro nelle sale dorate di Asgard.

Di Theo e Cobel invece è probabile che tu non sappia granché, visto che è successo in quel periodo che eri diventato irreperibile: ti lascio immaginare come è andata. Certo che almeno il trucco più vecchio del mondo potevate insegnarglielo: "Oh Theo, c'è uno qui fuori che deve dirti una cosa importantizzima!" Ma non eravate i seguaci del dio più furbo di tutti? Ok l'innocenza, ma così è da minorati...

... E parlando di minorati, il pensiero non può che correre (lui che può: ah ah, l'hai capita?) a Marv Fedai e al suo diario da piagnone, grazie al quale abbiamo potuto farci un'idea di come sarebbe dovuto essere lo spettacolo che avevate preparato; eppure, anche in quella occasione avete fatto un casino e siete rimasti con una sedia vuota. Vedi che succede quando ti imboschi alle prove? Almeno la prossima volta non dimenticatevi il copione in sala, altrimenti è logico che ci facciamo tutti i cazzi vostri.

Poi vabbé, c'è Overdeen che è morto male, condannato per grave vilipendio alla fede e alla morale, ma soprattutto ai coglioni: quando è partito col discorso in sua difesa abbiamo capito tutti che non era un bravo attore, alla fine il boia era così infastidito che non voleva più ucciderlo: "gli facciamo soltanto un favore", diceva scuotendo la testa. Per fortuna avevamo il tiracollo di riserva.

A proposito di Overdeen, forse ti starai chiedendo il perché di tutto quello sbattito del processo al monastero, invece di togliercelo dai piedi come abbiamo fatto con gli altri. Magari ti sei persino esaltato pensando che, se non altro, tutti questi schiaffi li avete presi da un avversario degno di voi seguaci del dio delle panzane: la dea Kayah, incarnata nel braccio secolare della Santa Inquisizione e nello spirito guerriero della madre badessa che scaglia le sue lame argentee sui nemici della fede....

... E invece no, il motivo è un altro. Semplicemente, a differenza di voialtri pezzenti, Overdeen aveva il grano: se lo avessimo ammazzato come uno scemo qualsiasi, di certo voi ladroni avreste trovato il modo di falsificare qualche testamento e impadronirvene, così da poter continuare a mettere in scena i vostri spettacoli di merda... E questo, lo capirai bene, non potevamo proprio permetterlo. Ci serviva dunque un espediente per potergli pignorare i soldi e il modo più rapido per farlo era riempire alcune scartoffie dando retta a uno dei nostri che per fortuna era del mestiere, quindi l'abbiamo fatto (un pò di malavoglia, devo dire): questo è quanto.

Se quindi, mentre leggi queste righe, ti stai fregando orgogliosamente le mani pensando di essere l'unico sopravvissuto a chissà quale guerra santa, ti fermo subito: alla maggior parte di noi di Kayah frega poco e niente, volevamo solo togliervi tutti i soldi e cacarvi il cazzo. A dire il vero non avevamo neanche intenzione di uccidervi: se ripensi bene a tutto quello che è successo ti accorgerai che siete stati voi a gettarvi uno dopo l'altro sulle nostre spade, da bravi adoratori del dio dell'astuzia, o a tagliarvi la gola da soli nel disperato tentativo di chiudervi la bocca a vicenda, da cui si evince la vostra capacità di mantenere i segreti che tanto venerate.

Che poi, alla luce di tutte le sfighe che vi sono capitate... Sei davvero sicuro che esista?

Non è che v'hanno raccontato una cazzata, come poi s'è scoperto con Eymerich Dorne? Sulle spiagge di Nuova Lagos ci sono dei quarzi verdi bellissimi; qui non li ho mai visti, ma se vai lì te li tirano dietro. E se il vostro Smeraldo fosse in realtà uno di quelli? E se quella ragnatela sul paravento altro non fosse che una pisciata di cavallo? Dovresti controllare, perché sarebbe davvero un peccato scoprire di aver perso tutto questo tempo dietro a roba che in realtà non vale un cazzo.

Un pò come quelli che si mettono i vestiti coi lustrini addosso pensando che bastino quelli per poter brillare come l'oro. Hai presente, no?

A proposito, non preoccuparti: non abbiamo nessuna intenzione di venirti a cercare, almeno per il momento. Al contrario, ti invitiamo a mettere in piedi un'altra compagnia e a proporci un nuovo spettacolo, possibilmente ancora migliore del precedente: non disturbarti a mettere in giro i cartelloni, ti troviamo noi.

Alla prossima!


scritto da Cacacazzi Random , 01:46 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
16 dicembre 517
Venerdì 21 Novembre 2008

"Maledetta! Esci da questa casa e non farvi più ritorno".
Ecco cosa dovrei trovare il coraggio di dirti. "Vattene, sparisci, tu e quella maledetta collana che ti ha dato alla testa, che ti ha fatto sporcare il cuore di sangue, che ti ha trasformata in una donna che non riconosco più, che non è più mia figlia".

Non ce la faccio... Che gli Dei mi perdonino, non ce la faccio!
Lynn, figlia mia, che cosa ti è successo!
Quale perversa soddisfazione trovi nel seminare discordia, nello spingere l'uno contro l'altro uomini d'arme? Nel concederti a loro, ahimè ne sono certo, come l'ultima delle cortigiane? Perchè, perchè tutto questo?

Ai tempi in cui Alan Lee ti ingannò, quando passavi le ore a piangere nella tua stanza col cuore spezzato, ero io quello animato dall'odio. Io e tuo fratello avremmo dato qualunque cosa pur di ottenere vendetta.
Che questa sia la crudele risposta alle nostre preghiere? Che sia "tu", ciò che più abbiamo di caro, di prezioso, quel che abbiamo dovuto sacrificare per vedere il giovane Lee giacere in una pozza di sangue, senza vita?

Mio nonno Bert lo diceva sempre: "state attenti a quello che chiedete nelle vostre preghiere, perchè non è detto che vi piacerà vederle esaudite. State attenti, perchè gli Dei ascoltano... e puniscono".

Lynn, figlia mia, perchè, perchè!
Prima hai iniziato ad accompagnarti a quel giovane Broderik, quel cadetto. Lo hai spinto a sfidare Alan Lee, che lo ha sconfitto e ucciso. Poi è stato il turno di Hector, e anche lui ha incrociato la lama con Alan Lee, stavolta con successo. E Lee è morto.
Adesso è Sir Kleek l'uomo a cui ti accompagni. Domani chi sarà?

Vergognati, vergognati! Dov'è finito il tuo onore? Credi che sia un vanto sfoggiare i gioielli che ti regalano questi sporchi ricconi in cambio delle tue grazie?
E quella collana maledetta, quella collana da cui è iniziato tutto... toglitela, per gli Dei! Levatela da quel collo, una volta tanto!
Te la strapperei, se potessi, te la strapperei. Te la strapperei e la butterei nel Dymiras.
A volte, mentre ti guardo nei tuoi scandalosi andirivieni, scorgo un sinistro bagliore nella sua pietra più lucente. Lo stesso bagliore che trovo nei tuoi occhi un tempo così innocenti e adesso tanto freddi, crudeli.

Lynn, figlia mia, pentiti finchè sei in tempo.
Sfila dal collo quel gioiello, restituisci i doni che ti hanno fatto quei cavalieri, torna la ragazza che eri una volta. Se pensi che ormai sia troppo compromesso il tuo nome non importa, cambieremo città, abbandoneremo Achenar. Tutto quello che desideri.
Sei ancora giovane, puoi tornare in te, farti una famiglia, vivere nell'onore e nella grazia degli Dei.

Ti prego, Lynn... ti prego.


Diamante insanguinato (blog)
scritto da Mastro Luke , 10:35 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
3 dicembre 517
Martedì 11 Novembre 2008

Il vento cambierà ancora.

E' a te che rivolgo le mie preghiere, Maestro del Vento. Tu che mi hai insegnato a volare e mi hai condotta tra le nuvole, mostrando il coraggio, l'onore, la fede.

Oggi è nato tuo figlio.

Non sei più tra noi ad accoglierlo, la morte ti ha preso molti mesi fa. Eppure mai come adesso ti sento insieme a me, nei sogni, nel tepore di questo bambino, nel freddo che spinge contro le mie finestre.
Non ho mai pensato che sposare un Cavaliere fosse una scelta saggia. Sapevo che gli onori che ci erano riservati sarebbero stati caduchi, che presto o tardi il vento sarebbe cambiato e che chi prima si inchinava al mio passaggio chiamandomi Lady avrebbe avuto il suo turno per guardarmi sprezzante, per umiliarmi.

Il vento è cambiato, e molti hanno infangato il tuo nome, adesso che non sei più qui a difenderlo con il tuo sguardo e la tua spada. Ho dovuto abbandonare Anthien, cercare riparo nella casa paterna, dove mi ha accolta un coro di "te l'avevo detto", le lacrime di mia madre, il disprezzo dei miei fratelli.
Tanto in passato erano orgogliosi della mia scelta, tanto più in fretta mi hanno adesso voltato le spalle, e trasformato quell'orgoglio in vergogna.
Ma non li detesto per questo, li compatisco.
Perchè loro non possono capire.
Loro non sanno leggere il tuo sguardo negli occhi di nostro figlio. Non sanno vedere nelle sue manine sottili la presa salda che un giorno sosterrà la spada che fu tua, e che il Barone ha avuto l'onestà di restituirmi.
Sei stato chiamato "traditore", la tua compagnia annientata. Tutto ciò per cui hai lottato in questi anni, le missioni che ti tenevano così spesso lontano da me, la fede nel tuo incarico... tutto è stato disconosciuto. Ma il vento cambierà ancora.

Kilian, amore mio.

Niente è brutto come sembra. E anche questa ingiustizia finirà. Il tuo nome sarà lavato da ogni infamia, e il coraggio che hai sempre mostrato, fino all'ultimo, fino al momento in cui hai scelto di darti la morte, sarà sostegno per il nostro bambino, lo guiderà nella vita a testa alta. La sua strada inizia là dove un'altra termina.
Mi dicevi che un Maestro del Vento deve saper vivere tante vite diverse. In questo bambino che stringo a me c'è la tua vita. Nei sogni che faccio ogni notte, e ogni giorno, c'è la tua vita. Nella spada che ti è stata accanto in tante battaglie, e che combatterà ancora, c'è la tua vita.
Sei con me in ogni alito di vento, in ogni brivido, in ogni odore. Sei con me sempre, in questo bambino che porta il tuo nome, nel ricordo e nella fantasia.

Non rimpiango nulla, e so che sei orgoglioso di me.

Addio Maestri del Vento (blog)
scritto da Elianne Cross , 11:31 | permalink | markup wiki | commenti (0)