Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Se volete denunciarmi denunciatemi pure, tanto non abbiamo speranza »
- Stefen Mahl -
 
Il Valvassore
Guelfo da Flavigny
 
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 60   commenti totali: 79
83903 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 21/11/2019, 17:08)
Gennaio 517
Domenica 23 Aprile 2006

Gli studi presso Luran

Finalmente un po' di tranquillità, dopo tanto girovagare! La tenuta di Luran si trova a poche miglia da Amer , una collocazione ideale: possiamo lavorare con la massima discrezione e al tempo stesso goderci gli svaghi della capitale. O piuttosto, posso godermi...questo Negromante è letteralmente ossessionato dalle sue ricerche e non è incline a concedersi distrazioni.

Per certi aspetti mi ricorda Lord Dillon, e sul suo volto di uomo di mezza età riconosco gli stessi segni, senza dubbio tracciati da anni di dolorose preoccupazioni, che solcavano la fronte del mio defunto padre putatitvo.

Sospetto che il vecchio Graham non approverebbe l'orientamento dei miei nuovi studi. Avrebbe di certo preferito un ritorno alla ricerca ortodossa, un approfondimento delle dottrine della Magia Naturale a cui per talento e inclinazione mi sono sempre sottratto, e che lui non volle impormi. Ed eccomi qui, a trascorrere le fredde notti invernali discettando di Universali, quelle leggi di Principio e Termine a cui ogni mondo è soggiogato e che i Negromanti possono impugnare come certi azzeccagarbugli fanno con gli editti ducali.

C'è da perdere la ragione... ho enorme difficoltà a cogliere il senso dei ragionamenti che Luran mi propone, così irti di inconcepibili sottigliezze, di costruzioni che mi appaiono irrimediabilmente contraddittorie, e che lui snocciola con sinistra disinvoltura. Credo che mi ritenga un imbecille.

Ah, ma è consolante vedere quanto è goffo e ingenuo, il Negromante, quando tenta di figurarsi le Porte dell'Oltremondo, e come si affanna! Non riesce a cogliere la fondamentale verità dell'Evocazione, ovvero che non v'è corpo in questo mondo che non sia una Porta pronta a dischiudere le meraviglie del Ciò-che-qui-non-è. Eppure è evidente, ero poco più che un infante quando l'ho capito, ascoltando i sussurri della fiamma crepitante nella casupola di Caen e intravedendo l'oceano di Possibilità che si agitava inquieto oltre la sua danza incessante. Luran invece sembra sordo e cieco, perduto com'è nella prigione dei suoi sillogismi.

Uomo Vitruviano - Immagine 1
scritto da Guelfo da Flavigny , 14:31 | permalink | markup wiki | commenti (1)