Cerca nel Sito

NomeKeywordsDescrizioneSezioniVoci correlate

Forum di Myst

 
« Ho la mia stanzetta con Kailah... »
- Dust -
 
Solice Kenson
Cronache della Campagna di Caen
Solice Kenson
"Voi avete coraggio e siete molto convincente: ma non appena sarete chiamata a combattere, al primo combattimento che possa realmente definirsi tale, voi morirete. E non parlo di scontri confusi o ingarbugliati, dove nessuno capisce fino in fondo quello che sta facendo o magari ha meno voglia di uccidervi che di portare la pelle a casa. Parlo di uno scontro vero, in cui affronterete una persona con le vostre sole forze. Beh, è giunto il momento che qualcuno che vi vuole bene vi dica che queste forze non basteranno proprio contro nessuno".
creato il: 20/05/2005   messaggi totali: 91   commenti totali: 32
135647 visite dal 31/07/2007 (ultima visita il 17/09/2019, 22:05)
15 ottobre 517
Mercoledì 9 Luglio 2008

Casa

Le estremità dei miei capelli, vinte dalle forbici di Julie, si allontanano seguendo il movimento ondulatorio dei flutti del Dymiras come una lenta processione di fedeli. Il mio sguardo riesce a seguirli solo per i primi passi del lungo cammino che li attende, salutandoli con una preghiera inusuale: che possano vedere per l'ultima volta la città di Achenar, trasportati da uno dei molti torrenti che si insinuano al di sotto delle alte e spesse mura della città dalle mille e una lama, per poi dissolversi nella spuma del mare.

La prima volta che mia sorella mi tagliò i capelli ebbi qualche problema a riconoscermi. Ricordo distintamente l'impressione che mi fece vedere la mia faccia privata della cornice alla quale ero da sempre abituata: "sembro quasi un ragazzo", mormorai incredula. "beh, spero proprio che ti piaccia, questo ragazzo" commentò mia sorella osservando il suo lavoro, "perché adesso non c'è modo di tornare indietro". A distanza di anni, il suono di quelle parole risuona spesso nella mia testa.

''non c'è modo di tornare indietro''.

A mio padre l'idea di Rosalie non andò particolarmente a genio: quella fu la prima e l'ultima volta che mia sorella mi tagliò i capelli... fino a quando non ci trovammo a condividere la stanza nel monastero di Foucault.

''non c'è modo di tornare indietro''.

Guelfo e Julie sono certi che io abbia preso la decisione giusta, come lo ero io stessa al momento di agire: allora non potevo sapere l'entità di quel peso, certa com'ero che le mie spalle fossero allenate a sufficienza per sostenerlo. Ma ora li sento entrambi, Menzogna e Assassinio: posso avvertire il loro fiato dietro di me, le loro mani che premono con forza contro la mia schiena, penetrandola a fondo fino a sfiorare i polmoni: e se quel contatto non è ancora stato in grado di soffocarmi è soltanto merito del coraggio e dell'impegno dei miei compagni, che hanno saputo comprendere le mie difficoltà, proteggere le mie debolezze, perdonare i miei errori. Ogni giorno ringrazio gli Dei di averli accanto, e ogni giorno prego che possano presto raggiungere quella giustizia che da tanto, troppo tempo rincorrono, la cui sete fa ormai ardere anche me.

Prego per loro, così come prego per tutti coloro che non hanno esitato a mettere in gioco quanto di più importante avevano pur di aiutarci a compiere questo miracolo: la mia mente rincorre i loro volti, così diversi eppure così vicini: Padre Gabriel, il capitano Ratel, Benton Hare, Omar Pacifico, Peoh Blood; sir Karl Anderson, sir Paul Harvesham e la sua consorte, Lady Lucille; e ancora, con maggior forza, sir André Navon... e sir Steven deRavin; e infine, non paga di quanti sono stati disposti a mettere a rischio la propria vita, rincorre i volti di quanti l'hanno perduta: nomi che la mia mano non è in condizione di fare, non senza aumentare a dismisura il tremolio che già la pervade dal giorno in cui ho preso con me la vita di Lord John Payne... e che forse mai l'abbandonerà.

Un miracolo: non c'è altro termine che possa descrivere la libertà di quella bambina, il suo trionfo sui carcerieri che fin dalla nascita avevano incatenato la sua vita ai loro fini. E se l'immensità del significato di questa parola ci rende immeritevoli di poterci fregiare di tale risultato, dobbiamo comunque ringraziare gli Dei per averci concesso di esserne testimoni. Ogni volta che la guardo ripenso a quella lettera, che mi costringe a immaginare il dolore e la solitudine che deve aver passato: e subito i miei pensieri prendono il volo, e ignorando ogni mio tentativo di fermarli corrono a ricordare un altro volto, diverso eppure più grande soltanto di pochi anni... Non farlo Solice, non commettere due volte lo stesso errore: non ce l'hai fatta quando non avevi due demoni alle tue spalle, di certo non puoi riuscirci ora: pensa piuttosto a scappare, il meglio che puoi fare è portarli lontano.

Presto parlerò nuovamente con padre Quart: devo farmi coraggio e dirgli tutto, pregandolo di donare a questo gruppo una figura che possa dare ciò che io non sarò mai in grado di offrire, riempiendo al tempo stesso il vuoto lasciato da Abel e la forza combattiva orfana di Quixote. Un uomo che sono pronta ad assistere e proteggere con tutte le mie forze se così dovrà essere, o di fronte al quale sarò disposta a cedere il passo se il destino sarà duro al punto da volermi separare ancora una volta da ciò che ho imparato a chiamare "casa".
scritto da Solice Kenson , 01:08 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
8 ottobre 517
Lunedì 23 Giugno 2008

Scelte

La decisione di indossare nuovamente le mie vesti ha sciolto le mie paure, ma ora rischia di compromettere la missione affidataci da sir Bruno Malade e la necessità di segretezza da lui più volte sottolineata. Guelfo ha ragione, i nostri nemici sono potenti e non possiamo permetterci di sottovalutarli: nessuno che possa avere contatti con i nostri nemici dovrà vedermi con queste vesti o sapere che una paladina di Pyros sta svolgendo indagini nella città di Achenar.

Ho forse frainteso le parole di Padre Francesco, prendendole in modo troppo letterale? Sento la necessità di parlargli nuovamente, di spiegargli che la scelta di indossare o meno questo abito coinvolge necessariamente le persone che viaggiano con me e quelle che ci hanno offerto il loro aiuto. Accettando di prendere parte a questa missione mi sono impegnata a rispettare le sue regole, sommandole a quelle previste dal mio giuramento da paladina: se davvero non esiste alcun modo per rispettarle entrambe, il rispetto verso i miei compagni mi impone di congedarmi da questo incarico senza che la mia presenza o le mie scelte possano in alcun modo comprometterne l'esito. Ma la conversazione con Padre Francesco dovrà attendere fino a domattina: altre e più urgenti confessioni mi attendono questa notte stessa.

La prima la devo a lady Lucille e alla generosità con cui ha deciso di accogliermi nella sua dimora fidandosi unicamente della parola di sir Karl: farò del mio meglio per ripagarla della sua fiducia, e per dimostrarle che non è stata malriposta.

La seconda è con Eileen Brent: è strano... non abbiamo scambiato che poche parole, eppure le sono bastati un istante e uno sguardo per assumere il ruolo più importante di tutti. I suoi occhi mi hanno vista per quello che sono, e la sua espressione di fronte al mio sconcerto tradiva la volontà di non restare a lungo l'unica testimone. Questa notte, dopo aver parlato con Lucille, mi recherò a parlare con lei nella speranza che vorrà ascoltarmi: poche ore fa le ho detto che la mia vita è nelle sue mani, ora devo fare del mio meglio per convincerla a farne buon uso.

Solice e Eileen
scritto da Solice , 02:34 | permalink | markup wiki | commenti (0)
 
8 ottobre 517
Giovedì 19 Giugno 2008

Roccia vuota

Varcando i cancelli della città delle mille e una lama non posso fare a meno di pensare a quel giorno di dodici mesi fa: allora non feci quasi caso alle tinte con cui l'autunno e i suoi fiori decoravano le abitazioni, intenta com'ero a non perdere il passo di Abel e di Giovanni, che di lì a poco ci avrebbe introdotti a Padre Francesco. Ripenso a me stessa, goffa e inesperta, e all'imbarazzo provato di fronte all'impossibilità di rispondere in modo soddisfacente alle spietate domande che il mio padre spirituale era solito porre a se stesso. Abel non aveva paura di mettersi alla prova di fronte agli Dei, e non si è mai stancato di cercare ogni giorno la conferma terrena delle loro promesse: questo lo portò a non accontentarsi delle risposte fornite dall'anziano sacerdote e a spingere la sua ricerca verso direzioni difficili quanto il compito che sentiva gravare sulle sue spalle.

"Stacci attenta a quel ragazzo... è un bravo ragazzo!"

Ricordo come mi affrettai ad annuire, ignorando le difficoltà di un compito i cui termini avrei di lì a poco deluso. Presto confesserò il mio fallimento al cospetto di Padre Francesco e della Dea, nella speranza che mi sia data un'altra possibilità. Una speranza che non è mai realmente morta, e che l'arrivo di Nicolas contribuì a tenere in vita: così diverso da Abel eppure così simile, forte e fragile al tempo stesso. Grande fu la mia gioia quando mi illusi che avrebbe potuto prendere il posto di Abel, fino a quando non seppi che padre Lorenzo Quart aveva deciso di richiamarlo a Chalard per destinarlo a un altro incarico.

C'era una cosa in comune tra Abel e Nicolas, piccola e insignificante ma che resterà sempre impressa nella mia mente: ogni volta che ci fermavamo a riposare entrambi erano soliti cercare una roccia su cui sedersi, grande e spesso scomoda, almeno a giudicare dall'aspetto. Quando capitava io facevo il possibile per trovarmene un'altra, più piccola, che si trovava nei pressi; mi piaceva osservarli da lì, spesso da un lato o di spalle, mentre si interrogavano sul da farsi. In quei momenti, anche le volte in cui non avevo idea di cosa ci stesse succedendo, potevo "sentire" che ce l'avremmo fatta a portare a termine la nostra missione.

Chissà, forse non ero l'unica a guardare in direzione di quella roccia: e forse è proprio questo orizzonte che si nega alla vista a consumare lentamente la nostra lucidità, a farci cadere preda di errori e distrazioni. Sento il bisogno di parlare con Padre Francesco, ma più di ogni altra cosa sento il bisogno di tornare da Lorenzo Quart: per il mio bene, e per quello dei miei compagni, ho bisogno di sapere se e quando verrà qualcun altro a sedersi su quella roccia e se mai riusciremo a riempire quel vuoto.

Trono di Pietra
scritto da Solice , 02:07 | permalink | markup wiki | commenti (0)